Pompeo toglie le restrizioni sulle armi USA a Taiwan

A pochi giorni dalla sua decadenza come segretario di Stato, Mike Pompeo ha messo fine alla politica “One China”,  revocando immediatamente le “restrizioni auto-imposte tra gli Stati Uniti e Taiwan”.

“One China” è una direttiva politica imposta dagli Stati Uniti dagli anni ’90 secondo cui Taiwan non è uno stato indipendente, parte di una “Unica Cina”. Ricordiamo: Taiwan è l’isola in cui riparò nel 1945 l’armata anticomunista del generale Chang Kai Shek sconfitto da Mao. Gli americani, allora, lo sostenevano: il Kuomintang era il “parito americani”, e il suo ideologo Sun Yatssen (pensatore notevole) imbevuto di cultura anglo-americana, cristiano congregazionalista.

Chiang Kai-shek e Sun Yat-sen negli anni venti (Wikipedia)

Dal 1978 (dal presidente Carter) cominciarono a cambiare: Taiwan è parte dell’unico stato sovrano, la cui capitale è Pechino. Il motivo: benché sviluppatissima, Taiwan è un mercato piccolo e trascurabile (credevano gi americani) rispetto al colossale mercato della Cina continentale, che ancora non esisteva ma che , col suo miliardo di uomini, prometteva ai globalisti di diventare. Ovviamente gli americani chiusero l’ambasciata a Taipei e cessarono di armarla.

Taiwan fu obbligata nel ’92 a firmare il “1992 Consensus” che riconosceva quella di Pechino come legittima sovranità.

Il rovesciamento della politica è un ovvio atto di ostilità contro la Cina, come del resto si legge nella dichiarazione di Pompeo:

“Taiwan è una vivace democrazia e un partner affidabile degli Stati Uniti, eppure per diversi decenni il Dipartimento di Stato ha creato complesse restrizioni interne per regolare le interazioni dei nostri diplomatici, membri di servizio e altri funzionari con le loro controparti taiwanesi. Il governo degli Stati Uniti ha intrapreso queste azioni unilateralmente, nel tentativo di placare il regime comunista di Pechino. Non piu.!”

Fra le restrizioni cancellate è ovviamente la fornitura di armamenti pesanti a Taiwan; essi saranno ripresi (anzi sono ripresi già). Taiwan del resto si sente minacciata, non senza ragione, dall’espansionismo del regime di Pechino diventato superpotenza.

Scrive l’analista Hanke Rudolf:

La Cina ha assemblato unità forti nel Mar Cinese Meridionale, per una serie di manovre. Da giovedì, parti delle forze armate taiwanesi sono state in modalità di combattimento, presumibilmente anche per scopi di manovra. E proprio adesso gli USA, l’alleato più importante del Paese con 24 milioni di abitanti, è completamente centrato su di sé, anche se non è nemmeno chiaro se il presidente in carica sia effettivamente ancora al comando delle forze armate statunitensi ( e se no, chi allora?). C’è la possibilità che la Cina, che vede Taiwan non come uno stato sovrano ma come una provincia separatista, coglierà l’occasione per reintegrare lo stato insulare, che dista circa 130 chilometri dalla Cina continentale.

“la Cina sta attualmente effettuando tre manovre nel Mar Cinese Meridionale (DWN ne ha pubblicato un’analisi dettagliata la scorsa settimana ). L’Esercito popolare di liberazione (VBA) utilizza anche il gigantesco velivolo da trasporto Y20, in grado di trasportare enormi masse di persone e materiale bellico. Anche il missile ipersonico DF-17, come il South China Morning Postsegnalato oggi. Con un raggio di circa 2.500 chilometri, può raggiungere Taiwan e le truppe statunitensi in Giappone e Corea del Sud. Inoltre, la 72a armata dell’EPL – che, secondo gli esperti militari taiwanesi, sarebbe l’attore principale di un attacco all’isola – ha tenuto una manovra importante nella città di Hangzhou, che conta 6 milioni di abitanti, sulla costa orientale della Cina a metà dicembre . La pratica principale erano i combattimenti di strada e in casa, che le truppe cinesi avrebbero quasi certamente affrontato se Taiwan avesse invaso Taiwan.

Va anche notato che, secondo il governo di Taipei, gli aerei da combattimento cinesi sono penetrati nello spazio aereo taiwanese più spesso che mai nel 2020 , vale a dire 380 volte, cioè circa una volta al giorno.

Benché Taiwan abbia capacità militari ben al di sopra della media, ovviamente la repubblica insulare non potrebbe resistere a un attacco della seconda potenza militare più forte del mondo. Così qualche tempo fa ha iniziato a sviluppare un concetto di guerra asimmetrica . L’obiettivo: infliggere perdite di tale portata alle truppe cinesi attaccanti che Pechino si astiene dall’invasione.

Washington si è impegnata, tra le altre cose, a sostenere Taiwan con le armi – cosa che fa regolarmente, il valore delle forniture nel corso degli anni è stato di decine di miliardi di dollari. È stato solo nell’ottobre 2020 che l’amministrazione Trump si è impegnata a fornire varie armi – inclusi missili e pezzi di artiglieria – per un valore di 1,8 miliardi di dollari ai suoi alleati. Ciò che non esiste è una dichiarazione di impegno gli Stati Uniti a venire in aiuto della repubblica insulare in caso di attacco cinese”.

Ora Pompeo ha fatto quella dichiarazione.

Print Friendly, PDF & Email