ONG / TUTTI GLI SQUALI NEI MARI DELLA “SOLIDARIETA'” – DA GATES A SOROS

Volete sapere tutto sul mondo delle ONG, ossia le Organizzazioni Non Governative? Volete leggere quello che gli altri non scrivono sugli affari, le cifre, i protagonisti, le connection di quell’universo in gran parte sconosciuto e che macina milioni di euro e di dollari sulla pelle dei cittadini, soprattutto dei migranti? Di coloro i quali issano bandiere di solidarietà, pietà umana e fratellanza, ed invece sguazzano nei più luridi traffici, tra scrosci d’appalusi di tutti coloro che “non sanno” o fanno finta di non sapere? Ebbene alcuni mesi fa – giugno 2018 – è uscito un libro edito da Zambon, “ONG, il cavallo di Troia del capitalismo globale” che tutti dovrebbero leggere, per farsi un’idea di quel mondo spesso sommerso, popolato da montagne di soldi, incredibili interessi, ragnatele societarie, personaggi  spesso border line e tutto quello che fa ONG. Un libro ovviamente oscurato dai media, sempre genuflessi di fronte ai colossi, da Big Pharma (tra l’altro nel volume si parla non poco dei business con i vaccini) ai giganti bancari fino alle ONG, nei cui mari dorati nuotano a loro piacimento squali della specie più famelica, un nome su tutti George Soros a bordo della sua corazzata, la Open Society Foundation.Un vero pugno nello stomaco, un j’accuse in piena regola, zeppo di documenti che stanno a sostegno di tutta l’impalcatura giornalistica. A scriverlo è Sonia Savioli, milanese  di nascita e toscana di adozione, un tempo dimafonista dell’Unità e poi fotografa per la Cgil. Al suo attivo romanzi (Campovento, Il viaggio di Bucurie, Il possente coro, Marea nera); e saggi (Alla città nemica, Slow life, Scemi di guerra). Collabora con il giornale on line Il Cambiamento e con Il Centro di Iniziative per la Verità e la Giustizia (Civg).

Seguiamo il filo dell’inchiesta partendo da alcune cifre base.

Circa 50.000 organizzazioni non governative svolgono attività a livello internazionale. L’ammontare del denaro che utilizzano si misura in migliaia di miliardi di dollari. Nel 2012 si calcolava che superasse i 1.100 miliardi. Nel 2014 erano 4.186 le ONG consulenti dell’Onu“.”Le ONG sono uno degli attori e dei mezzi per sostituire il pubblico con il privato, persino nei rapporti istituzionali. Le ONG ‘affiancano gli Stati’, le ONG svolgono ruoli politici a livello ‘sistemico’. Le ONG, associazioni private che nessuno ha mai eletto. Che non sono soggette ad alcun controllo popolare. Delle quali i popoli non conoscono i dirigenti, i programmi, le politiche e spesso nemmeno i bilanci, sono diventate gli interlocutori delle istituzioni internazionali e gli agenti di politiche decise a livello globale. Altro che embrioni di democrazia internazionale!”.Più chiari di così…

DA AMNESTY SAVE THE CHILDREN

Comincia la rassegna delle ‘stars’. Scrive Savioli: “Amnesty International è finanziata dalla Commissione Europea, dal governo britannico, dalla Open Society Georgia Foundation del famigerato benefattore internazionale George Soros, solo per citarne alcuni. Irene Kahn, direttrice di Amnesty, suscitò lo sdegno degli stessi attivisti andandosene con una liquidazione di 500 mila sterline nel 2009. Suzanne Nossel, altra direttrice di Amnesty nel 2012-2013, aveva prima lavorato per multinazionali Usa della comunicazione, per il Wall Steet Journal, per il Dipartimento di Stato Usa dove si era distinta per le sue posizioni filoisraeliane e a favore dell’intervento militare in Afghanistan. L’attuale direttore di AmnestySalil Shetty, prende uno stipendio annuale di 210 mila sterline”.Passiamo a Save the Children. “Cacciata da Pakistan e Siria con l’accusa di lavorare per la Cia, prende soldi da Chevron, Exxon, Mobil, Merck Foundation, Bank of America e molti altri potentati economici citati sul suo sito ufficiale come sponsor, oltre che dall’immancabile Soros e dai due benefattori mondiali Bill Melinda Gates, dall’Unione europea e dal governo britannico. Uno dei suoi passati direttori, Justin Forsyth, nel 2013 prendeva un salario di 185 mila sterline per salvare i bambini. Era stato prima direttore di Oxfam, poi consigliere di Tony Blair, quindi direttore delle ‘campagne strategiche di informazione’ di Gordon Brown; adesso è direttore Unicef”.Eccoci a Medici Senza Frontiere. “Nel 2010 aveva un bilancio da 1 miliardo e 100 milioni di dollari. Nel 2014 il direttore Usa (Doctors Without Borders) prendeva uno stipendio di 164 mila dollari l’anno, però per risparmiare viaggiava in aereo in ‘economic class’. E di questo si vantava. Tra i finanziatori di MSF ci sono Goldman Sachs, Citigroup, BloombergRichard Rockfeller, padrone e dirigente di svariate multinazionali, per 21 anni presidente della filiale Usa di questa organizzazione caritatevole, che si è trovata spesso in situazioni ambigue sui teatri di guerra, accusata di essere di parte e non necessariamente la parte giusta. Accusata di lanciare falsi allarmi per false epidemie, che però richiedevano vere campagne di vaccinazione. Naturalmente anche qui non mancano Soros e Bill Gates”.Primo commento: “Il lato ‘umoristico’ di tutta la faccenda, e rilevatore in modo inequivocabile e incontestabile, è che se i 1.100 miliardi annui delle ONG e quelli spesi ogni anno dalle ‘fondazioni benefiche’ fossero semplicemente redistribuiti ai poveri, la povertà sarebbe solo un ricordo. Rivela quindi che queste montagne di denaro sono in realtà investimenti per fare altro denaro”.Ancora. “Il capitalismo globale ha intrecciato una rete sinergica tra le proprie grandi industrie, le istituzioni sovranazionali, le grandi fondazioni che ne sono del resto un’emanazione diretta, i centri di studio e di ricerca, le ONG. Che in alcuni casi sono anch’esse un’emanazione diretta e una delle facce del grande capitale”.

A BORDO DELLA CORAZZATA GRIFFATA SOROS

Come nel caso, emblematico su tutti, della Open Society dello squalo di tutti i mari, Soros, il Mangia-Paesi, come cercò di fare addirittura con l’Inghiterra un quarto di secolo fa, provocando il crollo della sterlina, ma anche gravissimi contraccolpi alla nostra lira, quando il governo Amato varò una politica lacrime & sangue.

Una Open, ironizza l’autrice citando alcune parole autocebratative della Fondazione, che “lavora per costruire democrazie vivaci e tolleranti i cui governi siano responsabili e aperti alla partecipazione di tutto il popolo”. Incredibile ma vero.Vediamo i principali dirigenti a livello internazionale. Partendo dalla nostra Emma Bonino, che fa parte del suo international board: “questa signora che ben conosciamo tra il 1994 e il 1999 era commissaria europea per gli aiuti umanitari, la pesca, i consumi, la salute dei consumatori, la sicurezza del cibo. E’ dirigente del partito Radicale Transnazionale”.Passiamo a Maria Cattaui: “Segretaria generale della Camera di Commercio Internazionale dal 1996 al 2005. Dal 1977 al 1996 ha diretto il Forum Economico Mondiale (World Economic Forum) a Ginevra. Dirigente dell’Internationl Crisis Group (ICG), dell’East West Institute, dell’Istituto Internazionale per l’Educazione, tra gli altri. Tanto per avere un’idea, l’ICG è una ONG internazionale diretta da politici di professione e globalisti neoliberisti imperialisti per vocazione, che dice di voler prevenire le guerre e, a questo scopo, cerca di far pressione sui governi di tutto il mondo che l’Occidente giudica scomodi, affinchè si sottomettano o levino le tende. Tra questi pacifisti troviamo Javier Solana e il famoso pacifista Wesley Clark, ex comandante supremo della Nato“.

Eccoci quindi ad altri pezzi da novanta nella task force delle truppe targate Soros.

Anatole Kaletsky, dirigente di Gavekal Dragonomics (Hong Kong e Pechino), azienda di investimenti globali; dirigente di JP Morgan per il ramo mercati emergenti. Annette Laborey invece si vantava di sostenere gli intellettuali ‘indipendenti’ in Jugoslavia, Polonia, Ungheria, Cecoslovacchia, Romania, Bulgaria, Germania Est e Repubbliche Baltiche, fino a che non sono crollati i regimi socialisti. Marck Mallock Brown è particolarmente interessante: ex numero due dell’Onu, membro del Foreign Office e della Camera dei Lord, dirigente della Society of Ginecologic Oncology, una società diventata nel 2012 ONG i cui partners sono le più grandi multinazionali farmaceutiche; dirigente di Investec, multinazionale della finanza, e di Seplat, compagnia petrolifera nigeriana; dirigente di Kerogen, multinazionale del petrolio e del gas. Quindi vicesegretario Onu sotto Kofi Annan, docente alla Oxford University e alla Yale University“. Ottimo e abbondante.Tra le sigle nell’arcipelago tanto umanitario partorito da Soros, da rammentare un’altra ONG baciata dalla fortuna, Refugee International, dedita all’aiuto quotidiano dei rifugiati di tutto il mondo. Che però, secondo non pochi addetti ai lavori, recita una grande “sceneggiata” solo per drenare soldi e raccogliere applausi, come è stato nel caso dei Rohingya del Myanmar (l’ex Birmania) nel 2017.Ma chi è il numero uno di Refugee? Si chiama Eric P. Schwartz. “Un pezzo da novanta – dettaglia l’autrice – ha ricoperto l’incarico di assistente Segretario di Stato Usa per il settore Popolazione, Rifugiati, Immigrati; consulente per gli Affari Internazionali e assistente speciale del presidente per gli Affari Multilaterali e Umanitari. Ha giocato un ruolo fondamentale, Schwartz, nel dispiegamento di forze Usa nell’Africa Occidentale e nei rilevanti impegni Usa in Centroamerica e in Kossovo; ha lavorato con la segretario di Stato Hillary Clinton; ha diretto il Connect US Fund, una multifondazione ONG finalizzata a promuovere l’impegno ‘responsabile’ degli Usa oltreoceano”.Un pedigree anche stavolta multistellare.

SIAMO LA COPPIA PIU’ UMANITARIA DEL MONDO 

Siamo ora al cospetto della coppia più bella del mondo sul fronte ‘umanitario’, gli arcimiliardari Bill e Melinda Gates, a bordo di un’altra super corazzata, la Bill & Melinda Gates Foundation (BMGF), la più ricca al mondo. Un tandem che ha molto a cuore la salute dell’umanità, i destini dei poveri, l’istruzione negata a tanti bimbi del mondo e via di questo passo, con carità & passione.

Vediamo adesso chi è al timone di BMGF, oltre ai due “pupazzetti” Bill e Melinda, come li colorisce Sonia Savioli.

Warren Buffett ne è l’amministratore fiduciario. Un finanziere dalla pelle dura e dallo stomaco impellicciato con un patrimonio stimato nel 2017 da 75 miliardi di dollari (quindi ai vertici della hit internazionale dei Paperoni, ndr). Guadagnato con i fondi d’investimento, cioè con speculazioni perlopiù sulla pelle dei poveri del terzo mondo e dei lavoratori in genere. E’ importante azionista di Coca Cola, Gillette, Mc Donald’s, Kirky Company, Walt Disney. Possiede la terza compagnia di assicurazioni a livello mondiale. Ed è anche uno dei maggiori licantropi, pardòn, filantropi”.Così prosegue la ricostruzione delle mirabolnati imprese di Bill & Melinda. “Abbiamo poi qualcuno che non si occupa direttamente di affari, Susan Desmond Hellman. Questa signora, amministratore delegato di BMGF, è un’oncologa e biotecnologa. Ma chissà se si è mai occupata di un paziente in vita sua. Di fatto il suo mestiere è realizzare prodotti per l’industria farmaceutica, chemioterapici in particolare. In questa veste ha lavorato per le multinazonali chimico-farmaceutiche, sempre in posizioni dirigenziali, e nel comitato esecutivo della Organizzazione delle Industrie Biotecnologiche. (…) C’è poi Christoper Elias, direttore esecutivo di PATH, Program for Appropriate Technology in Health (Programma per la Tecnologia Avanzata Sanitaria). Quindi Mark Suzman, capo dell’Uffico Strategia di BMGF, un tecnico di alto livello della globalizzazione, specializzato negli affari internazionali, corrispondente del Financial Times da Londra, Washington e Joannesburg, e collaboratore dell’Onu“.Commenta Savioli: “La Fondazione Gates, come le altre organizzazioni cosiddette filantropiche (più di 80 mila nei soli Usa), è un ufficio di rappresentanza mascherato delle multinazionali. Uno strozzino che si finge opera pia. Uno dei numerosi tentacoli della piovra capitalista globale”.Stiamo arrivando ad uno dei cuori pulsanti negli affari di BMGF, i fiumi di dollari che corrono nel mondo della sanità.Continua l’inchiesta edita da Zambon. “Nel solo 2106 la BMGF ha speso circa 1 miliardo e 300 milioni di dollari per sovvenzionare progetti nell’ambito della sanità. Una delle loro missioni sanitarie è la contraccezione ‘delle donne povere dei paesi poveri’. Un’altra sono le vaccinazioni. Sempre dei bambini poveri dei paesi poveri. Per dedicarsi a queste missioni la Fondazione Gates ha prodotto a sua volta altri due tentacoli: GAVI e PATH“.

IL GRANDE BUSINESS DEI VACCINI

Ecco di che si tratta. “GAVI (Global Alliance for Vaccines and Immunization) è un’organizzazione che unisce soggetti pubblici e privati, di cui fanno parte governi dei paesi in via di sviluppo e di paesi donatori, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Unicef, la Banca Mondiale, le industrie dei vaccini…. Una potente alleanza di mercato nella quale ha un ruolo dichiarato la cosiddetta ‘società civile’: nella veste di ONG“.Ma come funziona l’ingranaggio? Vediamo più in dettaglio. “GAVI aggrega la richiesta dei paesi poveri per dare un chiaro segnale ai produttori dell’esistenza di un mercato ampio e praticabile per i vaccini. PATH è invece una ONG che si preoccupa di fornire all’umanità, in particolare alla parte più povera di essa, tecnologie appropriate in campo sanitario. Per esempio, al posto del cibo tradizionale preparato in casa con prodotti locali, cibo industriale magari a base di soia transgenica. (…) Ma il piatto forte di PATH sono, ancora una volta, vaccini e medicinali; benchè ci siano anche strumenti di diagnosi e strumenti digitali, tutti prodotti del mondo ricco che devono essere venduti al mondo povero, che ne abbia bisogno o no. La BMGF, con l’aiuto di PATH e di altre sedicenti organizzazioni umanitarie, è riuscita a dare nuova e prospera vita a medicinali che avevano fallito sul mercato occidentale. Medicinali ‘sottoutilizzati’, dicono apertamente sui loro siti. Ma non dicono mai come. Però lo si può scoprire, e senza fare nemmeno troppa fatica”.Continua la ricerca: “Per esempio si può scoprire che nel 2010, attraverso la Fondazione Gates, fu finanziata la fase II della sperimentazione di un vaccino contro la malaria della GSK, la Glaxo SmithKline (il colosso mondiale sul fronte dei vaccini, ndr): cioè quella fase in cui il farmaco viene prescritto e somministrato a migliaia di pazienti. Anche se non ci sono ‘pazienti’ per un vaccino, dato che il paziente è un malato e i vaccini dovrebbero essere somministrati solo a chi si trova in quel momento in buona salute. (…) Passiamo ad un altro fatto: al fatto che la fase III della sperimentazione prevede il consenso informato di chi si presta a fare da cavia. In questo caso i genitori di migliaia di neonati di sette paesi africani. Glaxo e BMGF parlarono di risultato strepitoso di tale sperimentazone. Il risultato fu talmente strepitoso che su 5.949 neonati 151 morirono e 1.048 furono vittime di gravi effetti collaterali”.Non è finita. “Nel 2010, sette bambine tribali morirono dopo la somministrazione di HPV, almeno 1.200 subirono gravi effetti collaterali o svilupparono patologie autoimmuni. Facevano tutte parte di uno studio su larga scala finanziato dalla BMGF e organizzato da PATHSteve Davis, presidente e amministratore delegato di PATH, che si occupa di ‘innovazione per salvare vite’, prima di dedicarsi a salvare vite di bambine e neonati africani, ha fatto un mucchio di cose in un mucchio di multinazionali del terziario, tra cui la Mc Kinsey and Company, un’azienda multinazionale di ‘consulenza finanziaria’ che si occupa di ‘assistere le aziende leader a conseguire miglioramenti sostanziali, studiando i mercati, localmente e globalmente’. Evidentemente anche PATH, ‘organizzazione umanitaria internazionale’, studia i mercati, e lo fa sul campo, con una grande passione per la salute delle multinazionali farmaceutiche”.

Print Friendly, PDF & Email