METTONO LA RUSSIA CON LE SPALLE AL MURO

(e noi crediamo di sapere, da Irlmaier, come finirà). Da DWN, titolo originale:

L’Occidente potrebbe investire in Russia: invece investe in nuove armi

di Ronald Barazon

Mosca vuole salvare il trattato sul disarmo di START. Ma gli Stati Uniti dicono “no”.

Il mondo è pieno di armi costose e potenti, e in questo ambiente l’ex seconda potenza mondiale, dopo gli Stati Uniti, la Russia, si ritrova alle spalle. Il paese soffre di una crisi economica in corso, ma vuole mantenere la sua posizione internazionale. Il fatto è che il 90 percento delle armi nucleari del mondo sono di proprietà di due ex rivali della Guerra Fredda. Le statistiche mostrano persino la Russia con 6.375 testate nucleari, davanti agli Stati Uniti con 5.800 bombe.

L’anno scorso gli Stati Uniti hanno rotto il trattato INF con la Russia: il trattato prevedeva l’eliminazione delle “Forze nucleari a raggio intermedio” (armi nucleari a corto e medio raggio) e riguardava missili nucleari terrestri con gamme comprese tra 500 e 1.000 e tra 1.000 e 5.500 chilometri. Il secondo importante accordo di disarmo tra Stati Uniti e Russia, START (Trattato sulla riduzione delle armi strategiche) termina nel febbraio 2021. La Russia sta ora cercando di salvare almeno questo trattato; un breve ciclo di negoziati ha avuto luogo a Vienna la scorsa settimana Gli Stati Uniti sono pronti a negoziare una continuazione di START se la Cina partecipa all’accordo, ma Pechino  [che ha  meno di 300 testate e ancor meno vettori per lanciarle] respinge categoricamente questa richiesta.

Una sfilata per nascondere i punti deboli e celebrare Putin

Quindi la Russia si sente costretta a tenere il passo con la corsa agli armamenti, ma con un budget militare stimato di $ 60 miliardi nel 2019 è solo il quarto dietro gli Stati Uniti, la Cina e persino l’India. Per nascondere la posizione debole, mercoledì 24 giugno si è tenuta a Mosca una parata militare su larga scala per mostrare la forza attuale e commemorare la vittoria sulla Germania nazista. La fine della seconda guerra mondiale viene solitamente celebrata a maggio, ma ciò non è stato possibile a causa della crisi di Corona. Anche il voto sulla nuova costituzione russa fu rinviato, il che diede a Vladimir Putin l’opportunità di prolungare il suo regno, che era durato venti anni, di altri dodici.

Quindi la parata non era solo uno spettacolo del potere militare russo. Con un discorso fiammeggiante, Putin si è presentato come il leader necessario in tempi difficili, come lo “zar di tutti i russi”, e ha messo a dura prova l’orgoglio nazionale che era saldamente ancorato alla popolazione. Il voto sulla costituzione ha luogo ufficialmente il 1 ° luglio (mercoledì prossimo), ma puoi votare dal 25 giugno, cioè dal giorno successivo alla sfilata, se l’emozione sta ancora producendo un effetto. In generale, è prevista un’alta approvazione della riforma costituzionale di Putin.

Le critiche sono comunque forti: secondo l’attuale costituzione, Putin dovrebbe dimettersi nel 2024. Anche la messa in scena ha incontrato proteste; Il paese ha oltre 614.000 persone infette da Covid, di cui 240.000 non stanno ancora bene, e il numero di morti è 8.600. È probabile che il numero di casi non segnalati sia elevato; il numero di test è relativamente piccolo. In queste circostanze, il grande evento della parata con migliaia di spettatori è irresponsabile, sottolineano gli avversari di Putin.

I guadagni medi hanno avuto un reddito reale in calo da anni

Anche se i russi tradizionalmente agiscono in modo piuttosto emotivo e sono molto ricettivi agli appelli all’orgoglio nazionale, in definitiva la realtà economica della vita quotidiana è decisiva. E questo non sembra particolarmente roseo alla stragrande maggioranza.

  • Il problema principale è il fatto che i redditi reali sono in costante calo dal 2014, dopo lo scoppio della crisi ucraina, e nel 2018 erano dell’8% inferiori al livello del 2013.
  • Nel 2019 c’è stata una leggera ripresa, ma ciò è stato compensato da un aumento dell’IVA.
  • Va anche notato che i redditi non sono generalmente molto alti e si aggirano intorno ai 700 euro al mese, ma i prezzi non sono significativamente inferiori rispetto all’Europa occidentale, ad esempio. In Russia, in media, è stato possibile andare in giro ragionevolmente bene per molto tempo con grande abilità e attingendo a fonti economiche.
  • La crisi economica che si è verificata in tutto il mondo a seguito dei blocchi della corona e anche in Russia ha drammaticamente aggravato la situazione.

In queste circostanze, l’entusiasmo per l’aspetto – piuttosto costoso [i russi di Wagner  hanno subito un rovescio in Libia, di fatto contro la Turchia di Erdogan –  ndr.] – di  potenza mondiale non è naturalmente molto grande, anche se alla popolazione piace fondamentalmente vedere la Russia come un paese importante e potente. Tuttavia, non solo la vita quotidiana è noiosa, ma anche le grandi questioni economiche non mostrano un quadro positivo.

I bassi prezzi del petrolio e del gas sono un disastro per la Russia

La Russia dipende principalmente dalle esportazioni di petrolio e gas e i prezzi di questi due prodotti sono stati sotto pressione per anni e ad un livello estremamente basso nell’attuale crisi della corona.

  • Il fatto che il prezzo del petrolio fosse di $ 140 al barile nel 2008  va dimenticato.
  • Molti anni sono seguiti con prezzi intorno ai $ 50, nel 2018 è salito a $ 70, nel 2019 il prezzo si è fissato a $ 60.
  • E quest’anno? A volte il prezzo è persino passato al meno (!!) perché la capacità di archiviazione era insufficiente. Attualmente vengono pagati $ 40, un terzo meno di un anno fa.
  • Quando si parla di gas, gli attori sognano il 2005, quando a dicembre sono stati pagati 15,73 dollari per milione di unità termiche britanniche (MMBtu). Erano abituati a $ 3 per molti anni, a volte interrotti da picchi. Il prezzo è attualmente di $ 1,50.

Questi dati chiariscono perché la Russia ha difficoltà a partecipare alla corsa agli armamenti. Inoltre, il governo di Mosca evita il debito pubblico ove possibile. Di conseguenza, l’onere di una spesa militare stimata di $ 60 miliardi all’anno è sentito violentemente; soprattutto, non c’è spazio per finanziare misure per stimolare l’economia che potrebbero anche avere un impatto positivo sulla popolazione.

Il basso tasso di rublo potrebbe facilitare le esportazioni e portare capitali nel paese. Poteva.

Ma anche la situazione esterna non è buona in settori diversi dal settore energetico. La Russia avrebbe ora una possibilità: quest’anno il tasso di cambio del rublo è diminuito del 25 percento e questo fattore dovrebbe promuovere le esportazioni. Anche il capitale internazionale dovrebbe essere attratto poiché ora sarebbe possibile investire a buon mercato in Russia. Né accade per diversi motivi.

  • La Russia ha solo una piccola scorta di interessanti prodotti di esportazione.
  • Inoltre, le sanzioni imposte dall’UE e dagli USA a seguito della crisi ucraina stanno rallentando il campo di azione dei fornitori russi in Occidente.
  • Le sanzioni impediscono anche il flusso di capitali verso la Russia.
  • Inoltre, la situazione politica, economica e, ultimo ma non meno importante, in Russia è problematica. Molte parti interessate si sono ritirate perché non vogliono più accettare le disabilità dalle agenzie governative e a causa di controversie con società private e altre organizzazioni non ricevono un sostegno sufficiente da parte della polizia e della magistratura.

Pertanto, la caduta del rublo non ha alcun effetto benefico, ma solo svantaggioso: le importazioni sono costose e, di conseguenza, i prezzi dei prodotti domestici continuano a salire.

La cooperazione con l’Europa occidentale sarebbe utile per entrambe le parti

La Russia poteva liberarsi da questo circolo vizioso nel contesto di una cooperazione costruttiva con l’UE. Ma non c’è dubbio sull’atteggiamento degli europei occidentali. Significativo è stato il comportamento dei capi di Stato e di governo qualche giorno fa in occasione del vertice senza successo sulle misure per combattere la crisi economica in Europa a seguito delle misure della Corona. Alla fine dei negoziati, per così dire, è stata decisa un’estensione delle sanzioni contro la Russia. Senza lunghi dibattiti, è stato affermato che gli accordi di Minsk sulla pacificazione della situazione in Ucraina non erano stati rispettati e che le sanzioni dovevano essere prorogate.

Il fatto che le sanzioni non solo abbiano danneggiato la Russia, ma anche le società dell’UE per sei anni, è semplicemente ignorato. Si trascura inoltre che le sanzioni non hanno avuto alcun effetto, che la Crimea rimane russa e che l’Ucraina orientale ha stretti legami con Mosca. Allo stesso modo, il rapporto tra Mosca e Kiev è ora migliorato. E, naturalmente, Bruxelles non riconosce che l’UE e la NATO hanno contribuito in modo significativo alla crisi: dopo tutto, queste due organizzazioni in Ucraina hanno dato l’impressione sbagliata che il paese sarà sostenuto politicamente, militarmente ed economicamente contro la Russia.

Soprattutto, si trascura il fattore cruciale nell’UE: la Russia ha urgente bisogno di una forte crescita economica per uscire dalla situazione descritta, che dovrebbe essere sostenuta dall’Europa occidentale nel suo stesso interesse: dopo tutto, sarebbero soprattutto le società dell’UE a fungere da investitori e gli esportatori trarrebbero beneficio dalla costruzione di una moderna economia russa. Si vincolerebbe anche la Russia all’Europa e si contrasterebbe i crescenti legami con la Cina. Ciò non sarebbe particolarmente difficile, dal momento che la Cina condiscende condiscendentemente alla Russia come un fratello grande e di successo.

Non c’è tempo per una geopolitica costruttiva nell’UE

Non c’è stato tempo per misure così geopoliticamente sensate all’ultimo vertice dell’UE, solo discussioni su miliardi di Corona. E così la Russia rimane isolata e in crisi economica. L’esperienza ha dimostrato che una situazione del genere incoraggia reazioni estreme e che il paese potrebbe rivelarsi una bomba politica che ticchetta. Solo da Parigi il presidente francese Emmanuel Macron parla e chiede una nuova politica sulla Russia. Invano, comunque.

https://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/504967/Der-Westen-koennte-in-Russland-investieren-Stattdessen-investiert-er-in-immer-neue-Waffen

Per far deragliare il negoziato di Vienna appena cominciato,   il Deep State americano ha inventato una fake news maligna:

Un’unità dell’intelligence russa avrebbe “offerto ricompense” ai talebani per gli attacchi compiuti in Afghanistan, inclusi quelli contro obiettivi americani.

Lo spiega Piccole Note, a cui rimandiamo: 

27 giugno 2020

Rivelazioni-bomba sui negoziati Usa-Russia sull’atomica

http://piccolenote.ilgiornale.it/45975/rivelazioni-bomba-sui-negoziati-usa-russia-su-atomica

Print Friendly, PDF & Email