LA GERMANIA MUNGE L’UE, RAGGIUNGE IL “PUNTO GORBACHEV” e si volge alla Cina

Postato da: Rodney Atkinsonsu: 22 maggio 2020In: Notizie
Stampa e 

Durante la crisi del Coronavirus nell’UE, qualsiasi pretesa di azione coesa e obbedienza alle regole dell’UE è andata fuori dalla finestra. I più deboli, come l’Italia, hanno dovuto provvedere a se stessi e i più forti come la Germania hanno infranto tutte le regole – in particolare le norme sugli aiuti di Stato – per causare un enorme squilibrio di potere nel “mercato unico”.

La Germania rappresenta oltre la metà degli aiuti di Stato approvati dalla Commissione europea dall’inizio della pandemia (anche se rappresenta solo il 20% del PIL dell’UE) e Thierry Breton, il commissario dell’industria francese dell’UE ha notato che la Germania stava spendendo € 100 miliardi per aiutare le sue aziende attraverso il blocco di Covid-19 mentre la Francia sta spendendo 20 miliardi di euro. La Francia troverebbe impossibile competere su tale base, quindi possiamo immaginare quanto sia dannoso per gli altri paesi dell’UE. Come scrisse Ambrose Evans Pritchard nel Telegraph:

“La Germania sta attingendo al suo rating AAA e alle sue profonde tasche fiscali per salvare Deutschland Inc con € 1 trilione di crediti, garanzie e spese di emergenza. Quelli di noi che hanno coperto la crisi dell’austerità dell’Eurozona dal 2010-2016 notano con stanco cinismo quanto rigidamente sia stata applicata la legge di bilancio dell’UE durante quell’episodio (quando si adattava al blocco dei creditori settentrionali) e quanto velocemente la legge sugli aiuti di Stato viene revocata questa volta perché si adatta Berlino.”

Quando l’euro ha devastato le economie di Grecia, Spagna e Italia e i funzionari dell’UE hanno costretto la Grecia a privatizzare i beni statali, le imprese tedesche erano in prima linea per gli acquirenti di tali beni. Ma oggi, mentre i prezzi delle azioni delle aziende tedesche (come tutti gli altri) sono diminuiti drasticamente, la Germania ha cambiato mercoledì 8 aprile la sua legge sugli investimenti esteri per proteggere le loro società da acquisizioni straniere ostili durante la pandemia di coronavirus.

Ursula Von der Leyen, il presidente tedesco dell’UE, si è lamentato per “la riduzione del campo di gioco nel nostro mercato unico”.  “Ciò che iniziamo a osservare ora è un miglioramento del campo di gioco nel nostro mercato unico”.

LA GERMANIA MINA  I MEZZI CHE AIUTANO GLI ALTRI

Mentre la Germania munge l’Unione europea di fondi,  allo stesso tempo  mina i mezzi dell’UE per aiutare gli altri Stati membri. In una grande sentenza della Corte costituzionale tedesca, gli acquisti da parte della Banca centrale europea del debito degli Stati membri dell’UE (obbligazioni per un totale di 2.189 trilioni di euro) sono stati respinti e la Corte tedesca ha avvertito che ciò che stavano facendo era contro la legge tedesca e che la Germania poteva ritirarsi da tali transazioni. Ciò ha portato a una minaccia da parte della Commissione europea per citare in giudizio la Germania per non aver obbedito alla legge europea – avendo trovato il proprio favore su questa questione nel 2018!

Il tribunale tedesco sancisce  nella sua sentenza 7 a 1  che l’approvazione della Corte europea era “incomprensibile” e “ultra vires”. Come (sempre eccellente) Ambrose Evans Pritchard nel Telegraph riassume:

“L’opinione tedesca è che le politiche della BCE sono state progettate per favorire i paesi più deboli dell’Europa meridionale a spese della Germania”

Ovviamente! altrimenti il ​​collasso politico ed economico dell’UE sarebbe arrivato prima. Se la Germania:

  • rifiuta di costituire un’unione fiscale con gli Stati membri dell’UE,
  • rifiuta un’unione di welfare sociale che sposterebbe ingenti somme nelle aree dell’Eurozona con la più alta privazione e disoccupazione (come fa Londra a Sunderland, nel Galles del Sud o in Scozia)
  • rifiuta di costituire un’unione bancaria per sostenere le banche dei paesi poveri e le loro industrie – come farebbe qualsiasi paese normale
  • quindi la BCE non ha avuto altra scelta che utilizzare la politica monetaria (“stampare denaro”) per sostenere le economie di Italia, Grecia e Spagna.

Secondo l’oligarchia dell’UE “il diritto dell’UE è supremo”. A cui la corte costituzionale tedesca risponde “solo se il diritto di sovvenzionare i paesi poveri attraverso pagamenti fiscali diretti era nei trattati” – che non lo è. Naturalmente la Germania ha sempre trovato il modo (almeno per la propria soddisfazione) di esentarsi dalle misure dell’UE sostenendo che contraddicevano i diritti dei tedeschi come stabilito dalla costituzione TEDESCA. Questo è sempre stato spazzatura – per quelle competenze dell’UE a cui avevano aderito. Ma come tutti i tribunali dotati del potere supremo, la Corte di giustizia europea ha progressivamente ampliato il suo potere per gradi nel corso dei decenni fino a quando i suoi giudizi e la pratica dell’UE hanno formato una “costituzione” efficace propria.

Da oltre 60 anni il sistema dell’UE si adatta  economicamente e politicamente alla Germania. Ma poi le crisi hanno cominciato a aumentare. L’UE ha perso il suo sostegno democratico, l’euro ha distrutto le finanze dei suoi membri e le sue crisi hanno richiesto (soprattutto dopo la crisi finanziaria del 2008) forme più inventive di creazione monetaria per “salvare l’euro”.

La sentenza Bundesverfassungsgericht (BVG) ha enormi implicazioni ora perché gli anni della stampa e dell’acquisto del debito della BCE da parte degli Stati membri (obbligazioni) e decenni di avanzi commerciali tedeschi (che hanno accumulato crediti non pagati contro altri Stati membri – chiamato “obiettivo 2” – di circa un trilione di euro) significa che le passività tedesche (cioè ciò che sono dovute da altri) sono aumentate a livelli insostenibili e i fondi vengono trasferiti nei paesi più poveri a dispetto dell’opinione pubblica tedesca e della lettera della legge – anche se è tedesca Euro-politiche che hanno portato a questo!

Nel 2001 ho scritto un libro (“Fascist Europe Rising” – https://www.amazon.co.uk/s?k=Rodney+Atkinson+%22Fascist+Europe+Rising%22&i=stripbooks&ref=nb_sb_noss

che anche allora, due anni dopo la fondazione dell’euro, ha mostrato una forte divergenza tra le economie all’interno dell’euro e ho predetto ciò che è accaduto da allora.

FINANZIAMENTO DELLA CRISI COVIDA

La crisi COVID19 e i suoi effetti spaventosi in Italia (che è stato crudelmente ignorato dagli stati dell’UE nell’ora di necessità medica) hanno portato l’Unione europea a raccogliere 750 miliardi di euro di “obbligazioni pandemiche”, di cui il 40% è stato speso per acquistare debito italiano. Questa non era tanta generosità nei confronti dell’Italia (nient’altro che rifinanziare le obbligazioni greche era aiutare la Grecia) ma fermare una massiccia crisi finanziaria a partire dall’Italia che avrebbe distrutto l’Euro controllato dalla Germania!

COVID19 significa nei paesi più poveri dell’UE lo stesso che altrove: un’enorme emissione di debito pubblico. L’acquisto da parte della BCE di obbligazioni italiane è stato progettato per renderlo possibile. Senza quel supporto, l’Italia fallirebbe – o piuttosto fallire apertamente ! – abbattere l’intero edificio dell’UE.

La legge costituzionale tedesca vieta alle potenze straniere di raccogliere fondi generali dalla Germania per spese altrove. E infatti – al di fuori delle competenze specifiche stabilite nei trattati dell’UE – hanno ragione.

Ma la combinazione della crisi finanziaria del 2008 e la continua e vasta (nuova) stampa monetaria dell’era dell ‘”allentamento quantitativo” della Banca centrale unita alla crisi COVID19 (che sta spingendo l’UE a considerare la raccolta di altri 500 milioni di euro) possiamo non è più in grado di distinguere facilmente tra il sostegno “fiscale” agli Stati dell’UE (che la Germania respinge totalmente) e il sostegno “monetario” (che esiste da anni).

LA GERMANIA  ha raggiunto IL “PUNTO GORBACHEV”

Quindi è arrivata la crisi. La Germania ha raggiunto il “Gorbachev Point” e – come la Russia nel 1989 – deve decidere se vuole davvero sostenere l’intero costo del suo nuovo impero dell’UE o vederlo crollare con debiti irrecuperabili, tornare  a un marchio tedesco di valore elevato e un commercio molto più basso eccedere e considerare l’intero edificio politico dell’UE un “costo sommerso”.

È come Boris Johnson e il progetto del treno HS2. Può la Merkel abbandonare ciò che è costato così tanto e spendere tempo e denaro in attività più redditizie (come la democrazia domestica!) O decidere di versare più soldi guadagnati duramente nella fogna, frustrare la democrazia costituzionale in patria e andare avanti con il ” grande progetto ” corporativo di un superstato europeo?

Per il sovranista democratico britannico (per anni una specie rara) era sempre evidente che l’UE e l’Eurozona erano, rispettivamente, impossibilità democratiche ed economiche. I tedeschi si stanno ora svegliando alla stessa realizzazione? Potrebbero essere:

Il professor Heinrich August Winkler, 81 anni, professore emerito di storia moderna all’Università Humboldt di Berlino, in un’intervista sul futuro della Germania in Europa, ha dichiarato:

HAW: “Nella cosiddetta crisi dei rifugiati del 2015 e del 2016 si è potuto sentire più volte che noi tedeschi ora siamo qualcosa di simile ai campioni del mondo di disponibilità e filantropia. La sensazione di poter mostrare agli altri la strada adottando un atteggiamento fortemente morale non era libera da tracce di arroganza nazionale. ”

Intervistatore:  poiché i tedeschi hanno avuto esperienze così brutte con il loro stato nazionale, pensano oggi che anche altri popoli dovrebbero superare il loro stato nazionale?

HAW:  I tedeschi hanno rovinato il loro primo stato nazionale, il Reich di Bismarck del 1871. Non c’è nulla da interpretare al riguardo. Ma ciò non dà ancora loro il diritto di negare agli altri il diritto a una nazione e un’identità nazionale. Una maggiore distanza autocritica alla propria storia e meno pretese morali alla leadership sugli altri, sarebbe la giusta conclusione da trarre da questo.

TEDESCO EUROPA OGGI

La Germania ha a lungo rinunciato a ogni pretesa che ciò che l’UE ha creato fosse una Germania europea . È stata a lungo – come ha avvertito Margaret Thatcher – un’efficace Europa tedesca con la Germania ora il fattore decisivo in tutta la politica economica, estera ed economica. Questa era davvero la paura ben espressa degli alleati britannici e americani dopo la seconda guerra mondiale (vedi ad esempio James Stewart Martin “All Honorable Men” )

Ironia della sorte qualcuno mi ha appena inviato un commento del tedesco ” Frankfurter Zeitung ” del 18 maggio 1930 in risposta alla proposta della Francia di “Unione europea”! Pur dicendo che la Germania non deve ignorare una simile proposta:

“… qualsiasi proposta per il miglioramento del mondo può avere una possibilità di successo solo se un potere del primo ordine lo porta avanti e tale potere penserà prima dei propri interessi”

La Francia era quindi più potente della Germania finanziariamente indebolita e politicamente caotica della Repubblica di Weimar, quindi la Germania si trovò di fronte a un ‘”Europa francese” e nella stessa posizione di altri paesi europei oggi di fronte a un’ “Europa tedesca”. E nella citata citazione della FZ vediamo chiaramente riassunto l’intero difetto in uno Stato europeo sovranazionale. Qualsiasi potere abbastanza credibile per creare uno Stato europeo non può essere considerato attendibile per controllarlo.

La forma dell’UE oggi, la rimozione della sovranità democratica dagli stati nazionali, la distruzione di 28 costituzioni democratiche, la regola da una tecnocrazia centralizzata a Bruxelles (ma ampiamente controllata da Berlino), la rottura della Cecoslovacchia e della Jugoslavia (ripristinando la stessi stati meschini che erano così fedeli al nazismo negli anni ’40) all’attacco all’Ucraina (dove le bande apertamente naziste rimossero un governo eletto) – tutti questi elementi dimostrano un ritorno alla struttura europea del nazismo economico e imperiale degli anni ’30 e ’40 – se previsto o no.

Mentre una grande minoranza di tedeschi non è contenta di questa situazione, il loro governo persegue la presa del potere, portando quotidianamente l’Europa alla sua distruzione democratica e finanziaria.

LA GERMANIA PASSA VERSO LA CINA

Il regime equivalente più ovvio al mondo oggi è l’estremo regime nazionalista e socialista della Repubblica popolare cinese – una dittatura totalitaria corporativa ateo, antidemocratica, manipolata dallo Stato, che ruba la tecnologia occidentale, espande il suo potere in tutto il mondo, depredando i paesi poveri (come l’Italia e la Grecia) attraverso la dipendenza dal debito e infrangendo il diritto internazionale nel Mar Cinese Meridionale mentre si impadronisce delle acque territoriali di altri paesi. La minaccia di invadere Taiwan è sempre presente.

Non sorprendentemente una Germania che è espansionista in Europa – e vede il capitalismo corporativo (non diversamente dal Partito Comunista Cinese) preferibile alla democrazia – vede sempre più questo tipo di Cina (il suo principale mercato di esportazione) come un amico!

Un sondaggio di opinione tedesco pubblicato su The Times (20 maggio) mostra che l’ opinione pubblica tedesca  vede sempre più la Cina come un alleato, con il 36% che afferma che è più importante intrattenere  relazioni calorose con la Cina rispetto agli Stati Uniti, mentre il 37% afferma il contrario. Solo un tedesco su dieci ha  visto gli Stati Uniti come il principale alleato della Germania.

Non è un bel ritratto, ma uno che è stato costruito per decenni. È stato un processo descritto su questo sito Web e nei miei libri negli ultimi 30 anni, ma censurato e ignorato dagli stabilimenti politici e giornalistici britannici. Hanno fatto lo stesso negli anni ’30.

Print Friendly, PDF & Email