Gli eredi Rothschild chiamano in giudizio Vienna per riavere il trust che fu sequestrato dai nazisti

Dal Financial Times

Una delle più grandi richieste di restituzione mai contestate dai discendenti delle vittime dell’Olocausto

” Gli eredi della succursale austriaca della dinastia bancaria dei Rothschild hanno accusato la città di Vienna di “perpetuare” le leggi sull’arianizzazione nazista saccheggiando un trust filantropico  dimenticata da tempo, istituito nel 1905 per dotare la capitale austriaca di pionieristici ospedali psichiatrici.

La causa , che verte su   110 milioni di euro,  è una delle più grandi richieste di restituzione mai contestate dai discendenti delle vittime del regime nazista, sebbene sia del tutto insolito in quanto si tratta di una disputa su beni di beneficenza.  Essa  accusa il comune di aver cospirato negli ultimi anni per vendere beni di valore della Fondazione Nathaniel Freiherr von Rothschild per i malati di mente a se stesso,  a prezzi gravemente sottovalutati – incluso un palazzo tardo barocco che è stato uno dei primi centri al mondo di cure per la salute mentale – e modificando gli atti di beneficenza per rendere la città il solo beneficiario dei suoi beni.

La città “sta completando ciò che è stato fatto nel 1938”, ha affermato Wulf Gordian Hauser, l’ avvocato che rappresenta gli eredi, riferendosi alla confisca nazista dei beni e dei lasciti dei Rothschild austriaci in seguito all’annessione dell’Austria da parte della Germania.

L’Austria non è nuova alle rivendicazioni legali delle famiglie della sua fiorente comunità ebraica, sebbene finora siano stati inestimabili manufatti culturali – come il ritratto di Adele Bloch Bauer di Klimt  – che sono stati oggetto di una resa dei conti spesso profondamente scomoda con il passato del paese.  L’affermazione delle famiglie Rothschild cerca di riportare il controllo della fiducia nella sua forma originale e di sostituire i suoi beni “al popolo austriaco” per sempre.

l caso riguarda “l’annichilimento dell’eredità di [Nathaniel Rothschild]”, hanno affermato gli eredi in una dichiarazione congiunta al Financial Times. “Siamo determinati a sfidare legalmente e moralmente qualsiasi tentativo di mancare di rispetto alle intenzioni e alla memoria del nostro prozio e bisnonno”.

Hannes Jarolim, l’avvocato che rappresenta la città di Vienna, ha dichiarato che una completa confutazione delle pretese verrà data in tribunale.  “È straordinario quali argomenti si stanno discutendo sugli accordi con la Fondazione Rothschild presi decenni fa e con il massimo rispetto e comprensione delle intenzioni originali della fondazione”, ha aggiunto Jarolim.  Il caso è stato portato da Geoffrey Hoguet, pronipote di Albert von Rothschild, capo della banca Rothschild a Vienna negli anni crepuscolari dell’impero asburgico. Hoguet, che vive a Manhattan, è un importante investitore e sostenitore finanziario del candidato alla presidenza del Partito Democratico Pete Buttigieg.

Nel 1938, i nazisti si impadronirono della fiduciaria, intascarono buona parte dei suoi beni e diedero il resto al governo viennese.   Mentre il Trust fu ristabilito nel 1956 come parte dell’espiazione dell’Austria per la sua adesione  al nazismo, fondamentalmente, gli eredi sparsi dei Rothschild austriaci non furono informati – le autorità cittadine giudicarono troppo difficile trovarli – e le trusteeships passarono a nominati la città stessa invece.

(E’ uno scoop dato dal Financial Times – Va capito nel quadro della Nuove Disposizioni cui abbiamo informato  qualche giorno fa)

Va messo in relazione con  il grande pellegrinaggio di 47 capi di stato goy a Yad Vashem – e le accuse alla Polonia di complicità con i  nazisti:

La Polonia nega il suo ruolo nell’Olocausto: è stata sia vittima che colpevole

https://www.independent.co.uk/voices/poland-holocaust-denial-antisemitism-ambassador-arkady-rzegocki-a9297106.html

e la durissima accusa a Putin:

Gli storici definiscono il discorso di Putin alla commemorazione globale di Auschwitz “completamente falso” e “ridicolo”

“…Parlando a Yad Vashem, il memoriale e il museo nazionale israeliano sull’Olocausto, Putin ha affermato che il 40% degli ebrei che sono morti nell’Olocausto erano cittadini dell’Unione Sovietica. Gli storici hanno definito l’assurda affermazione.  “È completamente falso”, ha dichiarato Jan Grabowski, storico dell’Università di Ottawa, in un’intervista all’agenzia telegrafica ebraica.

Jelena Subotic, professore di scienze politiche alla Georgia State University e autrice di “Stella gialla, stella rossa: ricordo dell’Olocausto dopo il comunismo”, ha definito l’affermazione di Putin “ridicola e non basata su fatti storici”, osservando che il “consenso” tra gli storici dicono che circa 1 milione dei 6 milioni di ebrei assassinati provenivano dall’Unione Sovietica.

….

Rivolgendosi ai leader mondiali riuniti, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha espresso gratitudine per la guerra degli Alleati per sconfiggere la Germania nazista, anche se ha affermato che il mondo aveva “largamente” abbandonato gli ebrei durante l’Olocausto. Notando che la lezione di Auschwitz era “sempre prendere sul serio le minacce di coloro che cercano la nostra distruzione”, Netanyahu ha sottolineato una preoccupazione politica attuale che ritiene che il mondo non riesca ad affrontare.

“Sono preoccupato che non abbiamo ancora visto una posizione unitaria e risoluta contro il regime più antisemita del pianeta – un regime che cerca apertamente di sviluppare armi nucleari e annientare l’unico e solo stato ebraico”, ha detto Netanyahu, riferendosi all’Iran .

Historians call Putin’s speech at global Auschwitz commemoration ‘completely false’ and ‘ridiculous’

Print Friendly, PDF & Email