Berlino: Grecia resti discarica d ‘Europa

“Rivogliamo le nostre isole, rivogliamo le nostre vite!”  Mercoledì hanno cantato i residenti di Lesbo, Leros, Kos, Chios e Samos. I negozi  sono  rimasti   chiusi, la gente viene a protestare nei villaggi delle Isole Egee. “Non siamo razzisti, ma non possiamo più”, ha detto il tenore.

Oltre ai circa 210.000 abitanti delle isole, attualmente vivono oltre 42.000 rifugiati e migranti. Posti letto, servizi igienici e docce sono disponibili solo per 6200 persone.

“Sono state annunciate le proteste e lo sciopero di oggi”, ha detto un portavoce del ministero degli Interni federale su richiesta. Ha fatto riferimento al piano del governo greco di portare circa 20.000 rifugiati che hanno potenzialmente diritto all’asilo sulla terraferma quest’anno per alleviare le isole. Inoltre, dovrebbero essere restituiti circa 10.000 migranti che hanno dovuto lasciare l’isola.

Ciò che il governo tedesco non dice chiaramente: a Berlino si teme che il trasferimento di un gran numero di migranti dalle isole alla terraferma senza possibilità di asilo possa motivare ancora più persone ad andare in Grecia come migranti irregolari. Perché a volte c’è un modo dalla terraferma per arrivare in Germania.

Si applica ancora l’accordo UE-Turchia del marzo 2016. Ma non funziona  perché il governo turco non si sente più legato ad esso. Le procedure di asilo in Grecia richiedono troppo tempo. Da alcuni mesi, un numero significativamente maggiore di imbarcazioni con migranti ha lasciato la costa turca per le isole greche.

Vengono dall’Afghanistan ….

A differenza del 2015 e del 2016, i siriani non sono più il gruppo più numeroso tra i nuovi arrivati ​​sulle isole. Il 40 percento dei rifugiati e dei migranti che sono arrivati ​​in Grecia via mare nel 2019 provengono dall’Afghanistan, il 27 percento dalla Siria.

“Mi vergogno di essere contro i rifugiati”, dice una giovane donna greca che, insieme ad altri, sta manifestando a Lesbo per il sollievo immediato delle isole. “Vedo che stanno andando male.” Ma: gli isolani soffrono da anni. “Quando devo andare all’ospedale dell’isola con mia nonna per gli esami, abbiamo 50 migranti e le loro famiglie in fila davanti a noi. La spazzatura si accumula nei campi completamente sovraffollati. I nostri bambini vedono la sofferenza ogni giorno. Abbiamo paura che si sviluppino malattie. La nostra infrastruttura semplicemente non  basta», afferma.

La protesta degli isolani è diretta principalmente contro il governo greco. Mentre il primo ministro conservatore Kyriakos Mitsotakis ha segnato punti nelle aree dell’economia, degli investimenti e dell’organizzazione da quando è entrato in carica lo scorso luglio, non ha finora gestito la crisi dei rifugiati sulle isole. Anche un piano generale e un nuovo Ministero delle migrazioni non cambiano questo. Mitsotakis ha promesso di inviare tutti i migranti che non hanno alcuna prospettiva di asilo in Turchia come parte del patto di rifugiati turco-UE. Coloro le cui possibilità sono migliori dovrebbero essere portate sulla terraferma.

Ma questo non è ancora successo. E in realtà non sarebbe nello spirito dell’accordo. Il patto sui rifugiati che l’UE ha concluso con la Turchia nel 2016 prevede che tutti i migranti che traducono illegalmente dalla Turchia alla Grecia siano detenuti sulle isole. Solo coloro che non hanno diritto all’asilo possono essere rimandati in Turchia. Ciò esclude chiunque la cui domanda sia respinta sulla terraferma.

Sulle isole, ora è impossibile per i greci gestire le applicazioni. Mancano personale e traduttori. Mitsotakis ha annunciato che chiuderà i magazzini esistenti, in gran parte non organizzati, e costruirà nuovi magazzini chiusi. Ma neanche gli isolani lo vogliono: temono che tali campi rendano per sempre le isole rifugiate delle isole. Il turismo ha sofferto a lungo della situazione e quindi la principale fonte di reddito per molti residenti. Si sentono lasciati soli dal loro governo tanto quanto dall’UE, che non può concordare una quota di distribuzione per i rifugiati.

https://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/501939/Mit-der-Geduld-am-Ende-Zehntausende-Griechen-protestieren-gegen-Migrationskrise-auf-den-Inseln

Italia: un grande ritorno. La Tbc.

Esortazione del Papa sui media:
“Con i proclami di odio si spoglia l’uomo di dignità”.

https://twitter.com/i/status/1220439913084092416

BONAFEDE

“Ogni tanto pensa agli innocenti che finiscono in carcere?”

#Bonafede:”Gli innocenti non finiscono in carcere”.

“Dal ’92 al 2018, 27mila persone sono state risarcite per essere finite in carcere da innocenti”

https://t.co/BC7piieSi3 https://twitter.com/neXtquotidiano/status/1220587878155276293?s=20

Print Friendly, PDF & Email