Erdogan contro USA e contro Mosca

Secondo l’agenzia iraniana IRNA news che cita media turchi, i caccia dell’esercito turco avrebbero attaccato il quartier generale delle truppe statunitensi ad Hasaka. Le forze statunitensi sono responsabili dell’addestramento delle truppe del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) ad Hasaka.

Erdogan a Biden: state mettendo in difficoltà la nostra alleanza con voi. Voi finanziate il terrorismo contro di noi! 

Dopo e come  risposta all’attentato islamista a Istanbul, Erdogan prende di mira di nuovo gli USA di Biden per il finanziamento ai gruppi terroristi che usano la copertura kurda.  Attacca anche  la Russia ( il bizantinismo di “un colpo al cerchio e uno alla botte”) per non aver fermato i terroristi. Dopo gli attacchi aerei, la Turkish si prepara a un’operazione militare sul terreno contro le bande paramilitari usate dagli USA in Siria e Iraq.

https://www.yenisafak.com/en/news/operation-in-northern-iraq-syria-not-limited-to-air-campaign-erdogan-3655867

Durante i colloqui con Biden in Indonesia, Erdogan ha dichiarato: “Gli ho detto: ‘Siamo insieme a voi nella NATO, siamo due importanti alleati. Dal momento che una tale minaccia è arrivata a noi da sud, ci state mettendo in difficoltà dando il vostro sostegno alle organizzazioni terroristiche qui. Naturalmente, non possiamo vivere con questi problemi. Quando sarà necessario, dovremo dare loro la risposta necessaria”. Naturalmente, non possono dire nulla. Abbiamo fatto ciò che è necessario a questo punto, lo stiamo facendo e continueremo a farlo”.

La Turchia ha condotto un’operazione aerea in Siria e Iraq a causa del rifiuto della Russia di mantenere le promesse di limitare le formazioni curde al confine con la Turchia.

Nonostante i nostri ripetuti avvertimenti alla Russia, che è responsabile dell’eliminazione dei terroristi dal nord dell’Iraq e della Siria in conformità con il nostro accordo di Sochi del 2019, Mosca non ha adempiuto e si rifiuta di adempiere al proprio dovere, come Turchia, abbiamo dichiarato che non rimarremo in silenzio contro il terrorismo e che agiremo anche se nessuno lo fa, quindi abbiamo colpito ed eliminato 12 nidi di terroristi nella città siriana a maggioranza curda di Kobani, la Turchia non si farà dissuadere, questa operazione antiterroristica sia dal cielo che da terra continuerà – ha riportato l’agenzia filo-governativa Daily Sabah, citando Erdogan.

Telegram (https://t.me/IntelRepublic/8946)

Intel Republic

⚡️🗣 Turkey conducted an air operation in Syria and Iraq because of Russia’s refusal to fulfill promises to withdraw Kurdish formations from Turkey’s border

Despite our repeated warnings to Russia, which is responsible for clearing Northern Iraq and Syria of terrorists in accordance with our Sochi Agreement of 2019, Moscow has NOT fulfilled and refuses to fulfill its duty, as Turkey, we have stated that we will not be silent against terrorism and that we will take action even if no one does, so we struck and eliminated 12 terrorist nests in Syrian Kurdish-majority city of Kobani, Turkey will not be deterred, this anti-terrorist operation both from the air and from the ground will continue – Turkish government-affiliated Daily Sabah media company citing Erdogan.

L’articolo di Yeni Safak:

Operazione nel nord Iraq  e Siria non limitata a quella  aerea: Erdogan

Se qualcuno tocca la terra turca, Ankara gli farà pagare il prezzo, dice Erdogan dopo la recente operazione aerea nel nord dell’Iraq, in Siria

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha segnalato un’operazione di terra nel nord dell’Iraq e nel nord della Siria per eliminare la minaccia terroristica.

“Prima di tutto, questa operazione nel nord dell’Iraq e nel nord della Siria non è stata condotta a caso dicendo ‘chi direbbe cosa?’ o ‘come sarebbe successo?’

“Come abbiamo detto prima, se qualcuno disturba il nostro paese e le nostre terre, gliene faremo pagare il prezzo. Quindi, ci sono organizzazioni terroristiche nel nostro sud che stanno pianificando molti attacchi o che effettuano tali attacchi e rappresentano una minaccia (a Türkiye )”, ha detto domenica Erdogan ai giornalisti sull’aereo presidenziale di ritorno dal suo viaggio in Qatar.

Le osservazioni di Erdogan sono arrivate dopo che Türkiye ha lanciato all’inizio di domenica l’operazione Claw-Sword, una campagna aerea transfrontaliera contro il gruppo terroristico YPG/PKK che ha nascondigli illegali oltre i confini iracheno e siriano dove pianificano attacchi sul suolo turco.

“Questo non si limita solo a un’operazione aerea”, ha sottolineato Erdogan, aggiungendo che le unità competenti faranno le loro consultazioni e prenderanno provvedimenti di conseguenza.

L’operazione aerea di Türkiye ha fatto seguito all’attacco terroristico di domenica scorsa contro l’affollato viale Istiklal di Istanbul, che ha ucciso almeno sei persone e provocato 81 feriti.

Il ministero della Difesa nazionale turco ha affermato che l’operazione è stata condotta in linea con il diritto all’autodifesa ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite.

Erdogan ha affermato che quasi 70 velivoli, inclusi droni armati, hanno preso parte all’operazione e ha aggiunto che sono stati distrutti un totale di 89 obiettivi terroristici, inclusi rifugi, bunker, grotte, tunnel e depositi di munizioni.

“A questo punto, sono stati colpiti 45 obiettivi terroristici a una profondità di circa 140 km (87 miglia) nel nord dell’Iraq e 44 obiettivi a una profondità di circa 20 km (12 miglia) in Siria”, ha aggiunto.

Alla domanda se Türkiye abbia parlato di questa operazione con la Russia e gli Stati Uniti, Erdogan ha dichiarato: “Non abbiamo avuto alcuna conversazione con (il presidente degli Stati Uniti Joe) Biden o (il presidente russo Vladimir) Putin in merito a questa operazione. Tuttavia, sia Biden che Putin lo sanno già possiamo fare cose del genere in questa regione in qualsiasi momento”.

Erdogan ha ricordato l’accordo di Sochi tra Türkiye e Russia per rimuovere i terroristi YPG/PKK dalla Siria nord-orientale al confine con Türkiye.

“Avevano la responsabilità di allontanare i terroristi dall’area. Sfortunatamente, anche se glielo abbiamo ricordato molte volte, non l’hanno fatto.

“Abbiamo detto che non saremmo rimasti in silenzio contro questo, e che avremmo preso provvedimenti contro i terroristi se non fossero stati in grado di farlo”, ha detto.

In questo contesto, Türchia domenica scorsa ha colpito 12 obiettivi terroristici ad Ayn al-Arab, nel nord della Siria.

Türkiye è con gli Stati Uniti nella NATO, ha detto anche Erdogan, osservando, tuttavia, che Washington ha purtroppo inviato migliaia di equipaggiamenti, munizioni e armi nelle zone terroristiche in Siria.

Durante i suoi colloqui con Biden in Indonesia, Erdogan ha detto: “Gli ho detto: ‘Siamo insieme a te nella Nato, siamo due alleati importanti. Dal momento che una tale minaccia ci è arrivata dal sud, ci stai mettendo in difficoltà dando il sostegno alle organizzazioni terroristiche qui. Naturalmente, non possiamo convivere con questi problemi. Quando necessario, dovremo dare loro la risposta necessaria.’ Certo, non possono dire nulla. Abbiamo fatto ciò che è necessario a questo punto, lo stiamo facendo e continueremo a farlo”.

Nella sua campagna di terrore di oltre 35 anni contro Türkiye, il PKK – indicato come organizzazione terroristica da Türkiye, Stati Uniti e UE – è stato responsabile della morte di oltre 40.000 persone, tra cui donne, bambini e neonati. L’YPG è il ramo siriano del gruppo terroristico.

Processo di normalizzazione con l’Egitto

Erdogan ha incontrato brevemente il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi a margine della Coppa del Mondo FIFA in Qatar che ha attirato grande attenzione poiché i rapporti sono tesi dal 2013.

“Abbiamo detto che un processo può iniziare. Qui è stato fatto un passo per avviare un tale processo e abbiamo avuto i colloqui. Spero che vogliamo portare il processo – che è iniziato con i nostri ministri – a un buon punto più tardi, si spera agli incontri ad alto livello”, ha detto Erdogan.

L’unità della nazione turca e del popolo egiziano in passato è molto importante per Türkiye, ha detto Erdogan, aggiungendo: “Perché non ricominciare, perché non ricominciare? Abbiamo dato un segnale”.

Agenzia AP:

Il segnale del presidente Erdogan di un’importante operazione militare che include forze di terra è arrivato dopo che i militanti curdi delle forze democratiche siriane, le YPG, hanno organizzato un altro attacco missilistico su Gaziantep, nel sud della Turchia.

“Secondo le prime informazioni, tre dei nostri cittadini hanno perso la vita tra cui un cittadino, un insegnante e un bambino a causa di colpi di mortaio che hanno colpito una zona residenziale”, ha detto in parlamento il ministro dell’Interno Suleyman Soylu.

L’YPG è stata la principale forza militare che ha combattuto lo Stato islamico, IS, nel nord della Siria ed è stata sostenuta dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali, ma la Turchia afferma che è solo un ramo siriano del fuorilegge Partito dei lavoratori del Kurdistan, PKK.

Sia l’YPG che il PKK hanno negato il coinvolgimento, ma il governo turco ha affermato che dietro l’attentato dinamitardo di Istanbul che ha ucciso sei persone e dozzine di feriti il ​​13 novembre c’erano il PKK fuorilegge e l’YPG.

Aspettiamo sviluppi…