Deutsche Bank trova “disonesto” il dibattito sul Green Deal

in Germania ed Europa

Sul progetto di Green Deal Europeo, adottato dalla UE a guida Von der Leyen, che impone la “neutralità climatica entro il 2050 (azzeramento delle emissioni di CO2) il “dibattito non è onesto” . Mette in ombra la mega-crisi che porterebbe “una notevole perdita di benessere e posti di lavoro”. E infine il programma ecologista UE “non funzionerà senza una certa dose di eco-dittatura”.

A rendere inaudite queste frasi è il fatto che non le ha scritte un complottista marginale anti-euro, bensì l’ufficio-studi della Deutsche Bank, DB Research, e il suo economista Eric Heymann. L’analista ha chiesto ai politici non solo di parlare in modo astratto di protezione del clima, ma piuttosto di spiegare le conseguenze in modo molto specifico, ad esempio il settore dell’edilizia o dell’auto. Infine, si tratta anche di “libertà di scelta e diritti di proprietà”.

Gli analisti della banca rilevano che è molto discutibile il fatto che i media pubblicizzino il Green Deal come “una nuova strategia di crescita” , attraverso la quale l’UE diverrà una “società giusta e prospera” con una “economia efficiente sotto il profilo delle risorse e competitiva” , che nel 2050 non verranno più rilasciate emissioni nette di gas serra e la favola che “la crescita economica è disaccoppiata dall’uso delle risorse”.

“Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi entro il 2050, il nostro sistema economico – e ciò è molto più importante – dovrebbe essere radicalmente cambiato”, scrive Heymann. Al momento le conseguenze dell’attuale politica climatica per la vita quotidiana delle persone sono “ancora relativamente astratte” e per la maggior parte delle famiglie ancora “sopportabili”

In futuro, tuttavia, il percorso verso la neutralità climatica richiederebbe un intervento massiccio nella scelta dei mezzi di trasporto, nelle dimensioni degli appartamenti e nel modo in cui vengono riscaldati, nel possesso di beni di consumo elettronici, nonché nella frequenza di consumo di carne e frutti tropicali. “Poiché non abbiamo abbastanza tecnologie economiche per mantenere il nostro tenore di vita senza CO2”, i prezzi della CO2 dovrebbero “aumentare in modo massiccio per determinare un cambiamento nel comportamento”.

E Heymann continua: “In alternativa o in aggiunta, sarebbero necessari forti interventi normativi. So che eco-dittatura è una parolaccia. Ma dobbiamo chiederci, nel bene o nel male, quale livello di eco-dittatura (legge penale) consideriamo accettabile per avvicinarci all’obiettivo della neutralità climatica “. Per l’analista, una rigorosa politica climatica significa praticamente inevitabilmente:” Senza un certo livello di eco-dittatura non funzionerà”. Una domanda molto pratica lo illustra, dice Heymann: “Cosa facciamo se i proprietari di casa non vogliono convertire le loro case in case a emissioni zero o non hanno i mezzi finanziari per farlo, o se questo non è tecnicamente possibile, o se non paga per il proprietario?”

Una tale politica climatica farebbe dei perdenti. “Questi perdenti sarebbero famiglie e aziende private. Ci sarebbe un notevole benessere e perdita di posti di lavoro “.

DB Research prevede quindi gravi sconvolgimenti politici dalla politica di protezione del clima, sia all’interno che tra gli Stati membri dell’UE: “Ovviamente” questo si rifletterebbe nel panorama politico, sia a livello nazionale che all’interno dell’UE. “Ci saranno partiti che si oppongono a una rigorosa politica di protezione del clima se ciò porta a un forte aumento dei prezzi dell’energia o ad interferenze con la libertà di scelta e i diritti di proprietà”, ha detto Heymann. “E non illudiamoci: tali partiti troveranno sostegno”.

Anche all’interno dell’UE ci saranno “notevoli conflitti di distribuzione” che potrebbero contribuire a una (ulteriore) divisione dell’UE. “Possiamo resistere a una tale polarizzazione politica? O adegueremo nuovamente le nostre ambizioni di politica climatica al ribasso quando dovremo riconoscere che una politica climatica troppo rigida non è democraticamente sostenuta da una maggioranza?

Presto disordini?

Ai perdenti del progetto, come i ristoratori e negozi che ora vivono dei sussidi per l’emergenza Covid, la cancelliera Angela Merkel non solo ventila di tassare la carne alimentare per scoraggiarne l’uso, ma peggio: ha fatto intendere diplomaticamente, nel novembre 2020, che non ci sarebbero state misure di salvataggio infinite per i rivenditori e le aziende di medie dimensioni. È “chiaro che noi (aiuti di emergenza per la vendita al dettaglio e le medie imprese, ndr) non possiamo continuare fino alla fine del mese”, ha detto. Nessuno poteva contare su aiuti finanziari “fino all’ultimo giorno” della pandemia ( QUI ).

Gli 830 mila dipendenti dell’industria automobilistica sanno benissimo che il passaggio forzato dl motore a scoppio a quello elettrico li falcerà. Ma alcuni “esperti” mediatici chiedono al governo federale “di indicare una data fissa per il divieto di vendita di auto nuove con motore a combustione”, insomma di forzare d’imperio il cambiamento, perchè ” il Giappone, il terzo paese produttore di automobili al mondo – dietro Stati Uniti e Cina e davanti alla Germania – Tokyo ha fissato il 2035 come anno dell’uscita. Già nel 2019, tra gli altri, Gran Bretagna, Francia, Canada, Spagna, Paesi Bassi, Svezia e il più grande stato americano della California con circa 40 milioni di abitanti (dove il numero di auto vendute corrisponde a circa l’85% di quello della Francia) hanno fissato le date di uscita, che tra il 2030 e 2040″.

Commenta DWN: “Siccome il governo federale dovrà aumentare le sue partecipazioni statali in grandi società strategicamente importanti in modo che queste non vengano acquistate da “giganti stranieri” a prezzi di liquidazione, imprenditori e cittadini avranno inevitabilmente l’impressione che il governo federale stia agendo molto rapidamente quando si tratta di salvare le società multimiliardarie, mentre le imprese al dettaglio e di medie dimensioni vengono trascurate. Le proteste potrebbero raggiungere dimensioni da non sottovalutare a partire da maggio 2021. Gli organizzatori dei movimenti di protesta contro il governo federale potrebbero simbolicamente selezionare il 1 maggio 2021 come data di inizio delle principali proteste nei mesi successivi ( QUI e QUI ).

“Fra poco la massiccia ondata di fallimenti porterà a una valanga di crediti inesigibili. Ciò creerà una situazione più esplosiva rispetto alla crisi finanziaria del 2008. Numerose banche dovranno nuovamente essere salvate dallo stato, il che aumenterà la rabbia dei cittadini in Germania e in altri paesi europei. Questa rabbia probabilmente non solo alimenterà le manifestazioni, ma innescherà disordini paneuropei”, prevede DWN.

Queste asserzioni a parte di ambienti ufficiali come DB o gli industriali dell’auto sono in qualche modo l’equivalente del pronunciamento dei militari spagnoli (in pensione).

Quanto al cittadino tedesco, viene rilevata la resistenza attiva all’uso dei pagamenti digitali.

 NPR ” afferma: “Quando sei a Berlino, non puoi fare affidamento su una carta di credito per orientarti. I cartelli “Solo contanti” sono appesi alle porte di negozi e ristoranti in tutta la città.

Print Friendly, PDF & Email