CARDINAL SARAH: “Come vescovo, è mio dovere avvertire l’Occidente

l’uomo civilizzato è fondamentalmente un erede:  ha ricevuto una  storia, una cultura, una lingua, un nome, una famiglia. Questo è ciò che lo distingue dal barbaro.

 

Il cardinale cattolico Robert Sarah non usa mezzi termini in un’intervista sul suo nuovo libro.

Nella prima parte del  suo libro,   lei  parla di  “collasso spirituale e religioso”. Come si manifesta questo collasso?  Si manifesta solo Occidente o sono anche  altre regioni del mondo, come l’Africa, ad  essere colpite?

La crisi spirituale coinvolge il mondo intero;  ma la sua fonte è in Europa. La gente in Occidente è colpevole di aver rifiutato Dio. Non hanno solo rifiutato Dio. Friedrich Nietzsche, che può essere considerato il portavoce dell’Occidente, ha affermato: “Dio è morto! Dio rimane morto! E lo abbiamo ucciso … “Abbiamo ucciso Dio. In vista della morte di Dio tra gli uomini, Nietzsche lo sostituirà con un profetico “Superuomo”

Il collasso spirituale ha quindi un carattere molto occidentale. In particolare, vorrei sottolineare il rifiuto della paternità. I nostri contemporanei sono convinti che, per essere liberi, non si debba dipendere da nessuno. C’è un tragico errore in questo. Gli occidentali sono convinti che ricevere sia contrario alla dignità delle persone umane. Ma l’uomo civile è fondamentalmente un erede, riceve una storia, una cultura, una lingua, un nome, una famiglia. E’ questo che   lo distingue dal barbaro. Rifiutare di essere inseriti in una rete di dipendenza, eredità e filiazione ci condanna a tornare nudi nella giungla di un’economia competitiva abbandonata a se stessa. Perché si rifiuta di riconoscere se stesso come un erede.

Ma in questo libro  voglio   far pensare agli occidentali qual è  la vera causa di questo rifiuto di rivendicare la loro eredità;  è il  rifiuto della paternità  – che  è il rifiuto di Dio. Da Lui riceviamo la nostra natura –  anche come  uomo e donna. Questo è intollerabile per le menti moderne. L’ideologia di genere è un rifiuto luciferino di ricevere una natura sessuale da Dio. Così alcuni si ribellano a Dio e si mutilano insensatamente  per cambiare il loro sesso. Ma in realtà non cambiano radicalmente nulla della loro struttura come uomo o donna. L’Occidente si rifiuta di “ricevere” e accetta solo ciò che costruisce per sé. Il transumanesimo è l’ultima  espressione  di questo movimento. Poiché è un dono di Dio, la natura umana stessa diventa insopportabile per l’uomo occidentale.

Questa rivolta è spirituale alla radice. È la rivolta di Satana contro il dono della grazia. Fondamentalmente, credo che l’uomo occidentale si rifiuti di essere salvato dalla misericordia di Dio. Rifiuta di ricevere la salvezza, volendo costruirla per sé. I “valori fondamentali” promossi dall’ONU si basano su un rifiuto di Dio che io paragono al giovane ricco del Vangelo. Dio ha guardato l’Occidente e l’ha amato perché ha fatto cose meravigliose. Lo invitò ad andare oltre, ma l’Occidente tornò indietro. Ha preferito  il tipo di ricchezza che doveva solo a se stesso.

Di Più:

Nella conclusione del mio libro, parlo di un veleno da cui proviene tutta la sofferenza: un ateismo virulento. Permea tutto, persino il nostro discorso ecclesiastico. [Enfasi mia – RD] Consiste nel permettere a modi di vita o pensiero   radicalmente pagani e mondani di convivere fianco a fianco con la fede. E siamo  anche soddisfatti  di questa convivenza innaturale! Questo dimostra che  abbiamo diluito la nostra fede, l’abbiamo resa incoerente! La prima riforma di cui abbiamo bisogno è nei nostri cuori. Non dobbiamo più scendere a compromessi con le  menzogne. La Fede è sia il tesoro che dobbiamo difendere, sia la forza che ci permetterà di difenderlo.

Continua:

Un Occidente che rinnega la sua fede, la sua storia, le sue radici e la sua identità è destinato al disprezzo, alla morte e all’estinzione.

Ma vorrei sottolineare che tutto è pronto per un rinnovamento. Vedo famiglie, monasteri e parrocchie che sono come oasi nel mezzo di un deserto. È da queste oasi di fede, liturgia, bellezza e silenzio che l’Occidente rinascerà.

Concludete questo bellissimo libro con un capitolo intitolato “Riscoprire la speranza: la pratica delle virtù cristiane”. Cosa intende? In che modo la pratica di queste virtù può essere un rimedio alla multiforme crisi di cui abbiamo parlato in questa intervista?

Non   è da  immaginare un programma speciale che possa fornire un rimedio all’attuale crisi   dalle molte facce. Dobbiamo semplicemente vivere la nostra fede, completamente e radicalmente. Le virtù cristiane sono la fede che sboccia in tutte le facoltà umane. Segnano la via per una vita felice in armonia con Dio. Dobbiamo creare luoghi in cui possano prosperare. Invito i cristiani ad aprire oasi di libertà in mezzo al deserto creato dal dilagante affarismo. Dobbiamo creare luoghi in cui l’aria è respirabile o semplicemente dove è possibile la vita cristiana. Le nostre comunità devono mettere Dio al centro. Tra la valanga di menzogne, dobbiamo essere in grado di trovare luoghi in cui la verità non è solo spiegata ma sperimentata. In una parola, dobbiamo vivere il Vangelo: non semplicemente pensarci come un’utopia, ma vivendolo in modo concreto. La fede è come un fuoco, ma deve essere acceso per essere trasmesso agli altri. Veglia su questo sacro fuoco! Lascia che sia il tuo calore nel cuore di questo inverno d’Occidente. “Se Dio è per noi, chi è contro di noi?” (Rm 8,31). Nel disastro, nella confusione e nelle tenebre del nostro mondo, troviamo “la luce che brilla nelle tenebre” (cfr Gv 1, 5): Colui che ha detto “Io sono la via, la verità e la vita” (Jn 14: 6).

https://catholicherald.co.uk/commentandblogs/2019/04/05/as-a-bishop-it-is-my-duty-to-warn-the-west-an-interview-with-cardinal-sarah/

 

 

Dreher

Print Friendly, PDF & Email