13 “DIPLOMATICI FRANCESI ARMATI”  ARRESTATI  fra Libia e Tunisia

 

Lo  ha  dichiarato il ministro tunisino della Difesa: precisando che ai tredici “diplomatici armati” erano state sequestrate “delle munizioni”.   I tredici “provenivano dalla Libia”  su un convoglio di sei 4×4,  ed  hanno rifiutato di consegnare le armi.

https://fr.sputniknews.com/afrique/201904171040781837-diplomates-francais-armes-arretes-frontiere-libye-tunisie/

 

  • In precedenza, le autorità tunisine avevano precisato che un primo gruppo “composto di  11 persone munite di passaporto diplomatico e  provenienti dalla Libia” avevano cercato di entrare “per via marittima”  a bordo di due Zodiac. Il gruppo è stato intercettato dalla marina di Tunisi che “ha sequestrato le loro armi”.

Piacerebbe che questo genere di noizie apparisse con rilievo nei tg RAI e nei notiziari radiofonici.  Invece i tg e radio  sono pieni degli strilli dello Stato Maggiore  dell’esercito che è sceso in guerra  (finalmente una guerra!) contro Matteo Salvini perché ha ordinato  la chiusura dei porti; spalleggiato dalla ministra  Trenta (che  ha il suo daffare a organizzare corsi gender alla guardia libica, nobile compito) e sotto sotto da Mattarella, a cui i generali si sono appellati perché punisca Salvini.

https://www.huffingtonpost.it/2019/04/16/lira-dei-vertici-militari-contro-la-circolare-sui-migranti-di-salvini-ingerenza-roba-da-regime-il-retroscena-delladnkronos_a_23712770/

Ora, l’insufficienza culturale di Salvini,  e la sua nullità strategica,   sono più che evidenti. Lo dimostra il fatto stesso  che – al suo solito –  contrasta Macron a parole sulla Libia, come un bauscia milanés da osteria, senza poi poter far seguire alcun fatto. E riesce ad aver torto anche quando ha ragione, come nell’accusa  Macron di fregarci in Libia.

Ma come giudicare questi generali: irresponsabili? Ottosettembristi?  Aspiranti alla Legion d’Honneur?  Mentre “diplomatici armati” francesi  vanno e vengono dalla Libia con gipponi e gommoni, che fanno?  Magari aspettano un cenno dalla NATO?  DaTrump?

Nei giorni sorsi, i nostri  media si sono profusi a sparare sul governo (un governicchio, non lo nego) che con l’apertura alla  Via della Seta  della  Cina  si sarebbe giocato l’appoggio degli USA in Libia.  S’è detto che per “aiutarci contro Haftar” gli Usa  esigono che mandiamo delle truppe in Siria, a rimpolpare i loro commandos che sono lì per sostenere i curdi, dividere la Siria  ed obbedire ad Israele.

Qualcuno potrebbe ricordare ai nostri strepitosi alleati che  – su loro  ordine – noi teniamo 914 soldati nostri in Afghanistan  (Resolute Support), dove nessun interesse nazionale ci dà motivo di  stare?  E ciò da quasi due decenni?  Che altri 1100 uomini li dobbiamo tenere in Irak e Kuwait (Operazione Prima Parthika), sempre per fedeltà alla NATO “out of area”?  Più  582 in Kossovo (Kfor , e persino 157   in  Lettonia  (Baltic Guardian), paese che ci sputa addosso nella UE, e il cui interesse nazionale  – che consiste nel  provocare militarmente  la Russia – diverge assolutamente dal nostro? Perché non chiedere alla Lettonia di   mandare un contingente in Libia, se esiste una qualche reciprocità nella Alleanza? Per non parlare del 1135  che – su  ordine ONU – teniamo in Libia anche quelli da decenni. A giudicare dalla carta che ha pubblicato qualche settimana  fa Carlo Jean su Limes, se radunassimo  le ruppe che abbiamo sgranato nel mondo dove non abbiamo cause da difendere se non quelle americane, israeliane e lettoni, anche i nostri generali avrebbero un numero di “diplomatici armati” da mandare su Zodiac e 4×4 in Libia –    dove, d’accordo, Matteo Renzi e Gentiloni ci hanno inchiodato a  sostenere i Fratelli Musulmani , ossia Sarraj. Ma almeno avrebbero una guerra più seria da condurre, invece che quella di far le scarpe a Salvini e mandare a monte la sola cosa buona che ha fatto  questo governicchio di zeri, stagnare l’alluvione dei profughi.

Come ninimo,  quel tal Foa  (desaparecido? )  messo a capo della RAI di Stato dal governo, potrebbe dare questo tipo di notizie? Ma chiedo troppo.  Il governo adesso dice che non esce dall’euro, ma va a cambiare la  UE dall’interno. Non è stato in grado di cambiare nemmeno i TG,  cambia Berlino.

 

 

Print Friendly, PDF & Email