BLONDET STA IN SILENZIO PER UN PO'

Cari lettori, Blondet va in vacanza per un po’. Almeno due settimane, forse più. Non porto computer né risponderò alle mail, perché ho bisogno di disintossicarmi (la fame di comunicare notizie  – e sparare opinioni e idee –   è diventata dipendenza), perché praticare il giornalismo non fa’ avanzare nel Regno di Dio, e disperde l’anima. Ho disperso la mia più di quanto convenga alla mia età  e alla prossimità dell’aldilà (la meditazione della morte è forte come l’orma dell’elefante, disse

Leggi tutto

Prese di coscienza  in Europa (dopo il No italiano)

Horst Seehofer, il ministro  dell’Interno bavarese, ha “offerto”le sue dimissioni…al suo partito. E  dal governo Merkel per insanabile divergenza sulla  questione immigrati secondari.  Ciò non significa  affatto la caduta di Mutti dalle nove vite: i sondaggi dicono pur sempre che il 54% dei tedeschi la preferisce come cancelliera, e da quel che si è capito della politica bavarese, Seehofer è forse stato messo in minoranza dl suo stesso partito; da una parte gli soffia sul collo il suo compagno di

Leggi tutto

DOV'E' LA VITTORIA? (Ci ha porto la chioma)

Conte è stato sconfitto? È  stato raggirato  da Merkel e Macron, come dice la Meloni? Non ha ottenuto niente, anzi meno di quel che ottenevano Gentiloni e Renzi, secondo Minniti?

La vittoria, se la vogliamo guardare in faccia, c’è. Evidente e  chiara. Consiste nel prendere coscienza che  non esiste “soluzione europea”  al problema dei migranti. E nemmeno a nessun altro problema che  ci riguardi. Che l’”Europa”non è che una accolta di furbastri che,  mentre tu tratti duramente ma lealmente,

Leggi tutto

SANCHEZ, CARICATURA DELLA "SINISTRA PER SOROS"

La notizia è che il 27 giugno,  il capo del governo spagnolo, il socialista Pedro Sanchez, ha incontrato il noto Georges Soros.  Alla Moncloa,  il palazzo del governo. In segreto, e tentando di negare l’incontro, dato che il portavoce del governo, ai giornalisti che chiedevano conferma, ha  diramato di “non poter confermare con chi si vede il presidente se non è previsto dall’agenda ufficiale”. Sui motivi dell’incontro si fanno ipotesi.

http://ilsapereepotere2.blogspot.com/2018/06/il-primo-ministro-spagnolo-incontra-in.html

D’altra parte, anche quando Gentiloni, allora primo ministro in

Leggi tutto

L'ultraricca  Casta tedesca che ruba i salari ai suoi operai

E’ duro a 74 anni, dopo una vita di anticomunismo, riconoscere che aveva ragione Marx. Aveva ragione nell’aspettarsi la rivoluzione comunista non nella  Russia contadina e devota, ma nella Germania industriale, fra la sua base operaia capace e mal pagata.

E’ così anche oggi, in modo sorprendente. “Gli stipendi in Germania sono in stagnazione da più di dieci anni”,  mi scrive un lettore,  uno dei 250 mila  emigrati “di qualità” che ogni anno regaliamo al sistema  produttivo tedesco (“Premetto

Leggi tutto

GRANDE  CONFUSIONE SOTTO TRUMP. DUNQUE LA SITUAZIONE CI AVVANTAGGIA.

Certo che vedere John Bolton addomesticato  mentre, sulla via per Mosca dove porta un invito di Trump a Putin, fa tappa a Roma per invitare il nostro premier Conte alla Casa Bianca, fa una certa impressione: molto è cambiato in poche settimane, e il cambiamento viene da Trump. Quello stesso che in pochi giorni ha voltato pagina con a Corea del Nord e fatto amicizia con  Kim, rovesciato il verbo globalista vigente in Occidente  portando l’America su posizioni protezioniste e

Leggi tutto

La "carità" di Bergoglio, ovvero il Regno della Quantità

 

Gli italiani sono tornati a emigrare come nel dopoguerra, ci informava un articolo  di qualche giorno  fa –  subito dimenticato. 250 mila, anzi più probabilmente 285 mila l’anno. E sono  per lo più laureati e diplomati, il 64 per cento.

Dunque, mentre noi  accogliamo ogni anno centinaia di migliaia di africani senza istruzione  (491 mila gli irregolari, 280 mila i “richiedenti asilo”), buoni nel caso migliore a raccogliere pomodori, e nel peggiore a finire mantenuti a spese pubbliche,

Leggi tutto

Ministro, salvi la Scuola dalla "Buona Scuola"

(Un intervento essenziale di Elisabetta Frezza, madre di 5 figli,   dottore in giurisprudenza, autrice del saggio “La Mala Scuola” –  già apparso su Riscossa Cristiana. Lo metto in posizione centrale perhé sia letto dal maggior numero di persone possibile)

Lettera aperta al neo Ministro dell’Istruzione

Egregio Ministro Bussetti,

sono madre di cinque “utenti” della scuola italiana – attualmente sparsi tra università, liceo, scuola media e scuola elementare – e, per quanto ciò possa significare in concreto (poco), partecipo ad “organi

Leggi tutto