PERCHE’ A SINISTRA NESSUNO LO FA?

 

 

Quel che è giusto è giusto. Non solo Salvini  s’è rifiutato alla menzogna, ma anche quest’altro  politico di primo piano, Paolo Romani, un berlusconiano e un giornalista.

A questo punto si pone una domanda: perché “a  sinistra” non c’è un esponente politico che li abbia imitati? Gentiloni   con tutto il governo hanno abbracciato la menzogna assassina e calunniosa che l’autore dell’attacco al gas  sia Assad, giustificando il crimine internazionale Usa – l’aggressione di uno stato legittimo, rappresentato all’Onu, senza mandato internazionale.  Mogherini, Merkel, Hollande hanno fatto lo stesso.  Né Boldrini né Botteri hanno espresso un dubbio.

Perché i “grandi giornali”  progressisti,  organi della borghesia illuminata, hanno sposato la menzogna? Perché non hanno capito che era il momento indicato dal Solgenicyn: “ IL RIFIUTO DI PARTECIPARE PERSONALMENTE ALLA MENZOGNA. Anche se la menzogna ricopre ogni cosa, anche se domina dappertutto, su un punto siamo inflessibili: che non domini PER OPERA MIA”.

Io ritengo che non sia un caso. La sinistra non ha mai sentito la verità come un tema morale personale, di coscienza. Di fronte a una notizia, non si pongono la domanda: “E’ vera?”, ma la domanda: “Ci conviene?”.  Questo   risale al tempo in cui erano marxisti-leninisti: allora chiamavano la menzogna “verità rivoluzionaria”.  Adesso è diventata “Per stare al potere, attacchiamo l’asino dove vuole  il Padrone”. Huius mundi, ovviamente.

 

 

 

 

15 commenti


  1. Si dicono di sinistra , in realtà sono “sinistri” verso la Verità.
    A questa gente manca il senso della morale . Manca lo spirito cristiano. Riesce molto difficile da capire com fanno numerosi”cattolici ” ad abbracciare la sinistra come istanza politica di governo.


  2. Tolto l’ultimo capoverso, condivido in pieno il resto dell’articolo. In quell’ultimo capoverso non mi riconosco perchè di sinistra e perchè senza volere la verità mi vergognerei di ritenermi di sinistra!

    1. Pascal9000

      Infatti credo che Lei non sia in fondo realmente di sinistra. Altrimenti non si troverebbe qui. Forse non lo sa ancora. Le manca forse solo l’ultima presa di coscienza finale e cadrà l’infatuazione. Lo prenda come un complimento. La sinistra è il principale sistema organizzato di inganno dei popoli per istigarli alla sovversione contro l’autorità e l’ordine anche sapendo di stare poi peggio di prima. E’ una fede, una religione, basata sull’odio verso chi sta sopra. Tra i sinistrati non ci sono amici ma solo compagni. Sono gli esseri più tristi del mondo. La verità a sinistra si scrive con la minuscola. Il buon ladrone è quello di destra. Buona Pasqua.

      1. Alessandro

        L’odio verso chi NON sta sopra ,direi…o,almeno, non e’servile come loro 😉
        Una delle piu’grandi bufale dell’umanita’e ‘la presunta natura antiborghese eanticapitalista del comunismo :-))!!!

  3. Nico-

    La sinistra non è mai stata dalla parte dei più deboli.
    é colpa della sinistra se l’italia ha perso la prorpia sovranità monetaria e politica(euro ,unione europea)
    é stato prodi a venderci alla germania e ai burocrati di bruxelles
    La sinistra ha sempre odiato poi ogni identità nazionale ,religiosa ,come ha scritto bene lei blondet in numerosi articoli.
    La maggior parte di chi vota a sinistra(anche i vari cattocomunisti) vuole vedere gli italiani rimpiazzati da africani o asiatici.

    1. David Herzog

      Credo sia piuttosto comprensibile il loro attivismo a favore della sostituzione/genocidio delle popolazioni autoctone tenendo conto che si considerano essi stessi rappresentanti di queste popolazioni in via di sterminio . Se si parla con loro , individualmente , e li si mette alle corde , alla fine immancabilmente emerge il loro desiderio di darsi la morte .
      Mi ricordo che in occasione del referendum sulle trivelle ebbi una discussione via facebook con una sostenitrice dell’ambientalismo . Parti’ argomentando sulla moria dei pesci legata all’estrazione del petrolio , passando a sostenere l’inutilita’ dell’autosufficienza energetica e quindi dei costi di produzione piu’ bassi e quindi di piu’ lavoro e quindi di piu’ crescita economica e quindi di piu’ crescita demografica per finire a confessare che non aveva figli , non ne voleva . A questo punto , fattole presente che gli altri invece li avevano , cascava affermando che erano fatti loro facendo esplodere la contraddizione tra l’estremo e fanatico – senza se e senza ma – attivismo dirittoumanitario filoittico da una parte e la totale spietatezza omicida nei confronti degli esseri umani ! Imputandole un’ egoismo che mal si accordava col suo buonismo cedeva nuovamente ed emergeva il suo odio per la vita stessa compresa la sua . Questo che pare il punto finale dell’argomentazione costituiva il punto di partenza invece del suo approccio alla politica . E questo deriva dalla consapevolezza della mostruosita’ del proprio ego , del proprio io . Si sentono dei mostri quelli di sinistra . Capiscono di esserlo . Si odiano . E per cancellarsi non hanno il coraggio del gesto estremo , no . Imputano agli altri , proiettano sull’essere umano in generale ( e nel caso specifico , la popolazione autoctna di riferimento ) le loro proprie nefandezze che cercano di eliminare o cancellare o nascondere eliminando , sostituendo quelli che ritengono essere i propri simili .

  4. Nico-

    è sempre triste notare come la maggior parte dei comunisti/sinistroidi non si renda neanche conto di essere stata ingannata o di essere semplice pedina dei soliti noti .
    Discutere con femministe ,ambientalisti ideologici è solo una perdita di tempo.
    Alla fine vedranno con i loro occhi i risultati dei loro falsi valori che stanno a trasformando l’italia in un paese del terzo mondo.


  5. Ricordo un aneddoto risalente ai tempi del liceo.
    Avevamo un professore di religione cui chiedemmo: “secondo lei, perché le regioni dell’Italia centrale sono tipicamente “regioni rosse”? Ovvero, perché votano prevalentemente a sinistra”?
    Allora c’era ancora il PCI.
    Lui rispose: “penso perché le persone di quelle zone siano poco religiose, ma hanno comunque bisogno di credere in qualcosa”.
    Penso che avesse centrato il punto.


  6. Vede, caro Blondet: anch’io, pur non essendo un fan di Salvini, ho riconosciuto in pubblico questo suo cambio di rotta. Però, conoscendo la limitatezza fisiologica del personaggio, ragionavo con cautela. E infatti pochi giorni dopo le mie seppur limitate lodi il personaggio ha pensato bene di non smentirmi\si. Infatti, in un video che faceva circolare uno dei suoi estimatori, più noto per via delle “traversine aeree” che comunque e’ argomento serio del quale scriveva già nel 2005 il Col Giuliacci, in quel video, come dicevo, il Matteo, dandosi del giornalista, raccontava con aria seria di quel tale che costituisce ONG siriana ma che in realtà sta in Inghilterra e da la’ non si muove. Orbene: dopo aver precisato che il Salvini rivelava un fatto già datato, ho dovuto aggiungere che bene avrebbe fatto ad informarsi e quindi aggiungere, nel video, che di armi chimico – batteriologiche, Assad non ne poteva avere già dal 2013, avendole dovute consegnare. infine, disgrazia nella disgrazia, alcuni giorni e’ successa la presunta strage chimica di cui si parla in questi giorni e che ha inoltre portato allo sciupio di Tomahawk in scadenza che ben Lei ha descritto. Ecco, il dispiacere che porto avanti dall’inizio e’ proprio questo: il vedere una potenza come la Russia che si deve abbassare ad alleanze con siffatta limitatezza. Rimane, come interlocutore coi russi, il Movimento che, se non altro, si e’ dilungato con vari e seri ragionamenti, e qualcosa fa sperare, con in più la non infelice idea di incontrare il Gen Haftar a maggio in Italia. rimane la felice sortita da parte di Romani, il quale si e’ ricordato cosa prevede l’arte del giornalismo e il rispetto della calpestata deontologia, con la speranza che la sua non sia solo una fugace sortita.


  7. 1) ” allora chiamavano la menzogna “verità rivoluzionaria” ”
    Senza stare a ripetere i tanti altri assiomi che riguardano i “sinistri”, mi limito solo ad una affermazione di antropologia medica: “chi ne ha conosciuto anche solo uno, ha imparato che la loro specie va trattata come si trattano i vettori e i serbatoi della peste “!
    2) “Però, conoscendo la limitatezza fisiologica del personaggio, ragionavo con cautela.
    A chi insiste a pretendere la perfezione qui ed ora dell’uomo Salvini, avendone già discusso, mi limito a riportare il commento del nostro esimio ospite: “come tutti quelli “che non la bevono”, noi italioti aspettiamo il politico perfetto, sennò non ci impegnamo. Se scende l’Arcangelo Michele dal cielo a guidarci, senza alcun difetto, saremo sicuramente al suo fianco. Ma chi pretende di comandarci essendo meno dell’Arcangelo, non ci avrà.
    Così siete comandati da Boldrini, Gentiloni, D’Alema, Alfano…”


  8. Perche’ in fatto di coscienza ragionano al plurale, non al singolare.Non dicono “Io”,dicono “Noi”.Sono storicisti,non credono a una coscienza intesa come categoria a priori.Nella realta’ vedono la risultante di molte forze, un equilibrio dinamico.Possono andare d’accordo coi luterani e con i talmudici camuffati proprio perche’ non credono la propria coscienza veramente sovrana,bensi’ .Cosi’, mentre il luterano cancella l’idea di Purgatorio (e relativa condizione terrena di peccato veniale),il talmudico deforma a comodo suo e di gruppo la Torah,dandone interpretazioni assurde e cervellotiche e creando una “giurisprudenza” che vive di se’ stessa e morira’ con se’ stessa.Entrambi scadono in un messianismo anestetizzante la coscienza(che siccome esiste vorrebbe farsi davvero sentire)e il mito del progresso sociale diventa l’idolo che sostituisce il vro dialogo tra la coscienza ,che e’ la sede di Dio,e l’individuo.Alla faccia del libero esame e delle millantate battaglie per i diritti umani,che nel migliore dei casi sono proiezioni temporali,esterne superficiali e terrene di istanze metafisiche sopite.Proprio perche’ non credono alla coscienza come categoria a priori,si sentono in diritto e in dovere di impararla e insegnarla,e quindi si considerano “impegnati” e “belle persone”.Alcune possono esserlo davvero, ma nonostante tutto questo che ho scritto,e non certo come conseguenza.

Lascia un commento