Verso la dittatura totale delle “libertà” – “diritti” agli animali e non agli uomini

 

Il Comune di  Madrid ha multato (45 mila  euro)  un gruppo di sostegno psicologico   che pratica  le tecniche di “conversione” agli omosessuali che vogliono cambiare la loro situazione sessuale, ed anche ai dipendenti dal porno, a cui promette   di ottenere “cambiamento di abitudini e comportamenti”.  Il comune,   socialista,  ha  ritenuto questo una “gravissima infrazione” della legge abbastanza nuova che condanna la “LGBT-fobia”  e  la “discriminazione basata sull’identità sessuale”.  Sostiene,  il comune, che anche la  “promozione di terapie di avversione o conversione con lo scopo d modificare l’orientamento dell’identità di genere”  è   animato da “omofobia”. L’obiezione  della difesa, che questi trattamenti avvengono solo col consenso delle persone che  vi si sottopongono, “non ha alcuna importanza”.

A  pagare la multa è chiamato il vescovado di Alcalà (Madrid),  che promuove la terapia o “allenamento” (coach  para gays).  Il vescovo minaccia una querela per diffamazione. Ma l’associazione pro-gay   Arcopoli vuole anch’essa ricorrere alla giustizia penale, perché – dice il Comune può  sì comminare una multa, ma   solo un giudice può interrompere l’attività del gruppo terapeutico,  vietandola con sentenza.  Ed è questo che gli apostoli dei “diritti” vogliono: la chiusura del centro. Il Comune di Madrid, all’avanguardia della difesa dei diritti gay,  LGBT e porno,  ha già in pochi mesi comminato 14  sanzioni contro cittadini che hanno usato “espressioni vessatorie” o “discriminatorie”  verso “orientamento sessuale e identità di genere”. Multe fra i 200 e i  1500 euro. Quella che ha elevato contro i “coach” di  Alcalà è la più grossa finora.

https://www.larazon.es/local/madrid/sancion-de-hasta-45-000-euros-para-la-coach-que-cura-a-los-gays-CP22692099

Vediamo qui la conferma, in  forma parodistica  se non fosse tragica, di come  il regime di “liberà delle minoranze” si tramuti in illibertà, divieto penale di aderire anche volontariamente a un   trattamento da parte di persone LGBT che vivano  la loro condizione con disagio  e non con la mitica “allegria”  delle sfilate gay pride.  L’uso penale dell’ideologia, i princìpi che devono  essere imposti   sopra la realtà, è la tipica formula del totalitarismo, il dispotismo dittatoriale.

Del resto il comune di Madrid s’era già distinto per aver  sequestrato e  impedito la circolazione  nelle strade del  bus dell’associazione “Fatti Sentire” che portava la vistosa scritta “Los ninos tenen  pene, las ninas tiene vulva”:

La motivazione è istruttiva: “Perché incitante all’odio” contro i transessuali. Dunque  l’affermazione pura e  semplice della realtà  oggettiva  viene repressa e soppressa dai libertari – in  base ad un “processo alle intenzioni” che non ha bisogno di  essere  provato.  Inutile dire che questo è precisamente totalitarismo  alla NKVD.

Bisogna spiegare  in cosa si configuri qui il totalitarismo  distruttore della  libertà? Non ce n’è bisogno, basta  vedere passare il bus che il comune di Barcellona sta  facendo circolare in risposta a quello sopra mostrato::

Qui  sulla fiancata, senza mezzi termini, è l’intero programma neototalitario delle sinistre dei “diritti  delle minoranze”: Antifascismo – Feminismo – Diversitad – Orgullo.    Le quattro cose sono un tutt’uno: una totalità ideologica, tra cui non puoi scegliere. L’antifascismo – comporta tutto il resto e lo corona, come la giustificazione politica legittimante, sacrale.

Per capirci, Barcellona è la giunta  dove la portavoce della sindaca  urina in strada, davanti ai fotografi, dandole il senso di “performance artistica”:

La libertà di Agueda Banon

http://www.affaritaliani.it/esteri/banon-la-portavoce-della-sindaca-di-barcellona-urina-per-strada-foto-495853.html

La “conquista delle libertà” di pisciare in strada è un esempio ideologicamente stringente: quando il potere dichiara “normali” anzi lodevoli  modi di agire anormali,  per forza   deve reprimere  la   normalità come un delitto;  non solo, ma con la propaganda totale che deve assordarvi da ogni tv, da ogni radio, da ogni manifesto:    bisogna che le masse,  rese autistiche ed ipnotiche dalla ripetizione, siano rese incapaci di distinguere il vero dal falso, il bello dal brutto,  il disgustoso al piacevole  – e fondamentalmente,  l’insensato dal ragionevole perché adottino la demenza e la follia  come norma.

Fino a quali esiti aberranti e oppressivi possa  giungere questo “Libertarismo”   dei “diritti” , non si sa. Non c’è limite

 

 

Il diritto … a  qualsiasi idea fissa

 

Per esempio “Gli ecosessuali credono che fare sesso con la Terra possa salvarlo  – dai masturbatori sotto una cascata fino alle persone che hanno rapporti con la natura, l’ecosessualità è un movimento in crescita che assume un nuovo approccio alla lotta contro il cambiamento climatico.

https://www.vice.com/en_us/article/wdbgyq/ecosexuals-believe-having-sex-with-the-earth-could-save-it

Una nuova tendenza sessuale “in crescita”, che naturalmente si  acompagna con una repressione  in un altro campo:  La Bella Addormentata nel Bosco e Cappuccetto Rosso sono ritirati dalle scuole materne a Barcellona, perché “sessisti”

« La Belle au Bois Dormant » et « Le Petit Chaperon Rouge » doivent être retirés de la bibliothèque solaire

Giorni fa avevo raccontato che un manipolo di animalisti s’era presentato a Milano alla chiesa delle Grazie all’ora della Messa delle 11 per protestare perché i cattolici mangiano l’agnello a Pasqua , probabilmente convinti che li mangiamo in chiesa; i frati hanno dovuto chiamare la polizia, e si sono dileguati.

Ebbene,  ho ricevuto mail così:

Voi cattolici (io sono atea) chiamate Gesù Agnello di Dio come simbolo della bontà, della purezza e dell’ innocenza tradite e assassinate. Allo stesso tempo per Pasqua per tradizione continuate ad assassinare e divorare agnelli e capretti veri, teneri cuccioli innocenti, quasi a voler perpetrare e celebrare L’ingiustizia e la cattiveria. Questa vostra visione distorta e schizofrenica del bene e del male non vi fa certo onore. Lasciate in pace gli animali che sono pur sempre creature di Dio e vergognatevi. Giulia Ratti

E  un’altra mail:

Lei scrive da un ignorante in fatto di biologia evoluzionistica. L’organismo umano è quello di un erbivoro. Lo diceva già Rousseau. Vada a leggersi le note V e VIII del “Discorso sull’origine e i fondamenti della diseguaglianza tra gli uomini”. Io ho quasi 80 anni e ho smesso di mangiare carne da quando ne avevo 10. I vigliacchi che mangiano carne sono i mandanti dei macellatori. I carnivori credono di non sporcarsi le mani di sangue mentre le hanno sporche come quelle dei macellatori. I predatori non allevano le prede e non ne cuociono le carni. Che differenza materiale esiste tra l’infilare un coltello nella gola di un uomo e l’infilarlo nella gola di un agnello? Supponiamo che la gola umana sia quella di un feroce assassino. Lei malato inguaribile di antropocentrismo (malattia mortale della Terra) preferisce salvare l’assassino invece di un innocente agnello. Lei mi fa moralmente schifo. E si istruisca. pietromelis.blogspot.com

La stessa persona ha anche scritto ai domenicani della Chiesa di Santa Maria delle Grazie (le maiuscole sono sue)

Prof.Pietro Melis

A:  domenicaninorditalia@gmail.com

E PENSARE CHE LEONARDO ERA VEGETARIANO. SIETE STATI IN PASSATO I
TORTURATORI DEL TRIBUNALE DELL’INQUISIZIONE. A ME FRANCESCO D’ASSISI FA
SCHIFO. NON SI NOMINA MAI FRANCESCO DA PAOLA CHE ERA VEGANO ED È
PROTETTORE DEI VEGANI. VISSE 91 ANNI MENTRE IL CARNIVORO DI ASSISI VISSE
SOLO 44 ANNI. UN GIORNO DI NATALE A FRA GINEPRO CHE OSSERVAVA CHE
QUELL’ANNO IL NATALE CADEVA DI VENERDÌ E NON SI POTEVA MANGIARE CARNE
RISPOSE: “NEL GIORNO IN CUI NACQUE IL BAMBINELLO ANCHE I MURI DEBBONO
MANGIARE CARNE” (BIOGRAFIA SCRITTA DA TOMASO DA CELANO). ALMENO
BENEDETTO XVI DISSE NELL’UDIENZA GENERALE DEL 7 GENNAIO 2009 CHE DOPO IL
SACRIFICIO DELLA CROCE NON ERA PIÙ NECESSARIO IDENTIFICARE IL CRISTO
CON L’AGNELLO SACRIFICALE. “QUESTO RITO, QUELLO EBRAICO DEL SACRIFICIO
DEGLI ANIMALI, ERA ESPRESSIONE DEL DESIDERIO CHE SI POTESSERO REALMENTE
METTERE LE NOSTRE COLPE NELL’ABISSO DELLA MISERICORDA DIVINA E COSÌ
FARLE SCOMPARIRE. MA COL SANGUE DI ANIMALI NON SI REALIZZA QUESTO
PROCESSO…CON LA CROCE DI CRISTO IL VECCHIO CULTO CON I SACRIFICI DEGLI
ANIMALI NEL TEMPIO DI GERUSALEMME È FINITO”.  MALEDETTO PAPA FRANCESCO DEL SILENZIO COMPLICE DELLA STRAGE DI AGNELLI

Perché a lui “San Francesco fa schifo” si ricava a una lettera aperta (ma anche inviata con ricevuta di ritorno)  a Bergoglio l’8 gennaio 2017:

…”Lei ha scelto come nome Francesco dando ad intendere di voler riprendere il nome di quel di Assisi elogiando il suo Cantico delle creature, ma nascondendo la verità su questo tanto declamato, quanto immeritatamente, santo. Il suo Cantico è un tremendo inno alla concezione antropocentrica della natura, dove le creature sono concepite biblicamente (Genesi) al servizio dell’uomo. Racconta infatti il suo biografo Tomaso da Celano che quel di Assisi era un carnivoro incallito. Un giorno a fra Ginepro che aveva osservato che il Natale cadeva di venerdì e dunque non si poteva mangiare carne il “poverello”  rispose che quel giorno, per  festeggiare la nascita del bambinello,  anche i muri dovevano mangiare carne. […]  Un frate che aveva tagliato una zampa ad un maiale per soddisfare la fame di un mendicante si prese un aspro rimprovero dal “poverello”, ma solo perché aveva danneggiato il proprietario del maiale. Incredibile ma vero. Insomma, amava tanto le creature  il “poverello” che se le mangiava con gusto. E lei giustamente ha preso il nome da questo individuo, che mi fa moralmente schifo. Infatti in una intervista ha dichiarato che il suo film preferito è Il pranzo di Babette. E che cosa si mangia in questo pranzo? Brodo di tartaruga e quaglie arrosto.
D’altronde, che cosa vi era da aspettarsi da chi, come lei, ha reso ufficiale la posizione della Chiesa sugli animali non umani?

Questo significa che anche la vita del peggiore criminale vale sempre più di quella di un innocente agnello.  E ciò che per lo Stato (almeno sulla carta) è reato (il maltrattamento degli animali) per la Chiesa non è nemmeno peccato di cui sia necessario confessarsi.  Ha capito che anche per questo io sono migliore di lei e che lei nulla ha da insegnarmi?
Perché non ha aggiunto che quel di Assisi approvò il programma di sterminio dei Catari (o Albigesi) del papa Innocenzo III? Perché non ha aggiunto che i francescani e i domenicani furono al servizio del tribunale dell’Inquisizione per bruciare al rogo eretici e asserite streghe? Lei non ha mai pensato, né ha mai detto, che vi fu un altro santo di nome Francesco che fu di tutt’altra stoffa, ben lontano dal carnivoro di Assisi: Francesco da Paola (1416-1507) che visse 91 anni e fu sempre vegano e ritenuto protettore (per chi ci crede) dei vegani. Con dignitoso disprezzo.

pietromelis.blogspot.com/2014/07/ultima-lettera-racc-ar-inviata-al-papa.html

Qui  sotto  alcune delle esternazioni del professore, caratterizzate da un odio frenetico e insaziabile per tutto ciò che è cristiano:

 

 

Si resta senza parole. Si vorrebbe attribuire queste uscite ad una fissazione ossessiva individuale. Ma il professor Melis ha decine di lettori che commentano le sue uscite così:

“Sono stato letteralmente attaccato su un sito(non faccio nomi per carità)che ho esternato la morte di quasi tutta l’umanitâ perchè alla vista di un cane impiccato da trogloditi mi è partito l’embolo. Mah. intanto questi metaesseri continuano nella loro carneficina planetaria. IO NON MI TIRO INDIETRO!

O come questo:

“Oggi inizia il massacro degli innocenti. Perdonateci angioletti, non siamo riusciti a salvarvi dall’ingordigia dell’uomo”.

Un terzo:

Ci vorrebbe un “Partito” degli Atei, Vegani, Lao-Tzuiani [non competitivi], Autarchici…saprei per chi votare alle Ue, anche se so che di farsa trattasi. Ma facciamo finta che sia un Nostro Diritto. Del resto ancora lo temono FORMALMENTE…non è poco. Che si strozzino coi Cadaverini che si sgargarozzano.

Si scopre che esistono decine di siti animalisti , dall’associazione Cattolici Vegetariani (http://www.cattolicivegetariani.it/

alla “Giustizia Animalista”  con 160.789 follower),  si parla di un Esercito di Liberazione Animale” che  avrebbe incendiato camion, con questa motivazione:

“Quella che grava sugli animali è un’oppressione paragonabile alla dittatura nazista, allora si tratta di partigiani che compiono doverosi attentati incendiari

…Colpa di quel maledetto versetto della Bibbia che dà all’uomo facoltà di gestire le vite degli altri animali, senza dimenticare tutta quella schiera di schifosi pretacci che hanno colto la palla al balzo e hanno perpetuato nei secoli l’odioso antropocentrismo alla base dell’attuale sentire comune”

Si noti il tono dei discorsi: militante, apodittico,  ultimativo  – e imperativo: “voi  cattolici vergognatevi”;  “Lei mi fa moralmente schifo”,  “Si curi”,  lei è malato inguaribile di antropocentrismo”.

Insomma una schiera insospettabilmente numerosa e  fanaticamente convinta che “La malattia mortale della Terra è l’antropocentrismo”, e pronta a lottare con ogni mezzo (anche violento) per  combattere come un crimine tale “antropocentrismo”. Il che significa, riconoscere agli animali i  diritti  che noi “antropocentrici” riconosciamo all’uomo.  Ossia i diritti assoluti alla vita,  al mantenimento, al benessere e alla pace  –  anzi di più, perché questi militanti, come risulta dai loro commenti, sono disposti ad uccidere gli esseri umani che criminalmente fanno soffrire cani e mangiano capretti, perché gli uomini sono colpevoli, mentre quelli sono “teneri cuccioli innocenti”,  anzi “angioletti” .

Ora, non c’è dubbio che questa tendenza – per quanto sia uno dei “Nuovi modi di essere matti”   che spuntano molto spesso in questa temperie di “liberà” di cui parlai in un precedente articolo (nota)   si inserisca ideologicamente in modo perfetto nella scia del capitalismo terminale e “libertario” che riconosce e impone i diritti delle “minoranze” più abnormi, proprio mentre sottrae diritti ai normali. I “diritti femministi” hanno comportato  a perdita del diritto  alla vita di sei milioni di feti – esseri umani futuri  –  nella sola Italia. La  tutela   della dignità dei LGBT va di pari passo con la sottrazione dei diritti al lavoro e alla dignità salariale, la  lotta a ogni “discriminazione”  (di negri, zingari  eccetera)=  si traduce in una censura assoluta del linguaggio nell’abolizione della libertà di opinione, nella criminalizzazione delle idee contarie ; la cura per i “gender” incerti si accompagna allo smantellamento dello stato sociale eccetera.

Insomma il capitalismo terminale ha già di suo abbandonato il detestato Antropocentrismo – ossia la convinzione che l’uomo sia al centro e titolare di diritti assoluti. Temo non sia lontano il tempo in cui gli animalisti eserciteranno la loro feroce  psico-polizia su  una società dove mangiar carne sarà censurato come un delitto ecologico dal sistema fianziario s sovrannazionale, quello che ha scelto in Greta il suo profeta per ridurre i nostri consumi. Già   la prima hamburgheria di macinato di insetti  ha  aperto in Germania…

Burgerkette bietet erstmals Insektenburger in Deutschland an

Il professor Melis e i suoi seguaci, controlleranno che noi non ci nutriamo d’altro  nel nuovo mondo post-Antropocentrico.

  • Al Melis soltanto una osservazione: l’ignoranza di accettare Rousseau come fonte “scientifica” che proverebbe che l’uomo nasce per essere vegetariano è di una fallacia e idiozia che supera la comicità.   Rousseau (e Melis  più colpevolmente) nulla sanno  del fatto che l’umanità  ha vissuto per centinaia di millenni la condizione di “cacciatore-raccoglitore”; che l’uomo preistorico fosse cacciatore  di selvaggina di grossa taglia è una evidenza della paleontologia, ma anche antropologica (basta pensare agli indiani d’America). Per di più, si è scoperto nelle  caverne de Lazeret, Francia Meridioanle, che persino l’Homo Erectus non solo cacciava  in modo organizzato e quasi industriale,  ma affumicava le carni  della selvaggina a scopo di conservazione. Apposto qui un mio articolo in proposito   : erectus

 

IL GENDER, E I “MODI NUOVI DI DIVENTARE MATTI”

 

Print Friendly, PDF & Email