• Pazzesco direttore…ho appena finito di guardare qusta intervista sulla rai a Giulietto Chiesa che volevo condividere che trovo sul suo blog un articolo sulla Russia!
    http://giuliettochiesa.globalist.it/Detail_News_Display?ID=125868&typeb=0&pandora-tv–giulietto-chiesa-interviene-a-uno-mattina-

  • Maggio 2017 guerra probabile…cento anni precisi dall’apparizione della Madonna di Fatima.

    • Giulio

      Avevo pensato la stessa cosa…

  • complimenti per l’articolo! D’accordo su tutto!

  • C.Fidelium Terni

    “sanno di avere poco tempo”

  • Asterix

    Certo che i migliori alleati dei neocon possono essere i nazionalisti. Peccato che questi ultimi pensino che Putin non si stia preparando…
    E Putin ci castigherà, prima che finalmente un papa si deciderà a consacrare la Russia.

  • Per chi conosce la lingua tedesca consiglio di cercare in Youtube il discorso di Hitler riguardante la famosa problematica del corridoio di Danzica, i tentativi di scongiurare un conflitto che – anche solo per capacita’ di uomini e materiale – era ben sconveniente per la Germania, ma soprattutto, a proposito delle continue invasioni territoriali, avvenute fin dal 1921 da parte di: Francia (2 volte), Belgio (2 volte), Polonia (1 volta)… Ebbene, il modo di provocare e’ esattamente lo stesso di oggi con la Russia, nonche’ quello di tutte guerre scatenate dagli americani negli ultimi 200 anni. Ma il popolino continua a non capire, sbeffeggiando Putin, odiando il “mostro Assad” e applaudendo davanti all’obelisco di Piazza San Pietro le parole de El Papa…

    • Il Navigante

      L’America è nata con una invasione territoriale: ha invaso con mercenari e gente senza scrupoli, il territorio dei nativi Pellerossa, e con la violenza, l’assassinio e l’imbroglio, (accordi fatti con i nativi ma mai rispettati) ne ha preso possesso relegando i pochi superstiti in ghetti e utilizzati oggi come attrazione per i turisti.

      E’ nel loro dna: invadere i territori altrui, rubarne le risorse, ammazzare chi non è d’accordo, e creare stati vassalli che dipendono in toto dalle loro decisioni.

  • Abramo Giuseppe Levi

    Carissimo direttore, seguo sempre i suoi articoli che trovo straordinari. Mi farebbe piacere conoscere la sua opinione in merito alla questione che vado a sottoporle.
    Sono molto preoccupato per il destino del’Italia. In qualità di paracadutista in congedo ho postato un commento sulla pagina facebook della Brigata Paracadutisti Folgore per cercare di dare un allarme a persone che suppongo possano pensarla come me, ma dopo pochi likes il post è sparito. Mi permetto di inviarle la lettera che avevo scritto ai miei camerati. Sarei lieto di conoscere la sua opinione in merito alla mia iniziativa. Il mio vero nome è Roberto Marchionni. Grazie per l’attenzione e scusi per il disturbo.

    Non so se ve ne siete accorti, ma la plutocrazia mondialista ha deciso che è arrivato il momento di smetterla di traccheggiare e di conquistare tutto il mondo. Oddio, non che per i poveri italioti cambi gran ché, è 71 anni che siamo schiavi cornuti e contenti dell’Impero Yankee. Ma a guastare i piani dei Savi Anziani di Sion si è presentato un piccolissimo problema…: la Russia. Che nazione impertinente la Russia, oltre settantanni di giudeo bolscevismo e ci sono più Cristiani oggi che nel 17. Sarà forse perché Mosca è la III Roma?

    – “Ma si dovrà piegare anche lei.., per tutte le sinagoghe.., siamo o non siamo USAraele, l’ultima superpotenza rimasta.”

    E così miei cari camerati preparatevi.., perché ci sarà la guerra. È solo questione di tempo (poco), e l’ultrafinanza turbocapitalista scatenerà i suoi golem, USA-NATO, contro Mosca, ultimo baluardo del Cristianesimo.

    Anche in questo caso però si presenta un altro piccolissimo problema.., l’esercito Russo è molto più forte di quello USA-NATO, e l’Impero del Caos verrà messo a mal partito nelle prime due settimane di guerra.

    – “Cooooosa? Frena, frena, frena. Ma che K@@@o stai dicendo? Nessuno è più forte dell’ultima superpotenza rimasta, la somma e suprema USAraele (+ gli scodinzolanti cagnetti europei).”

    Mi sembra di sentirli i soliti fifoni che non contrastano il Male perché, siccome è troppo forte, c’è il rischio di buscarle e allora, per giustificare la propria codardia, cercano di scoraggiare la vandea facendo da cassa di risonanza della stessa propaganda dell’occupante. Ma le cose d’altra parte stanno proprio così, la Russia è più forte e ve lo dimostro.

    Molti di voi sanno che gli USA da soli spendono circa un terzo di tutta la spesa annuale mondiale in armamenti, mentre la Russia circa solo il 5%.
    -“Beh.., ma allora non c’è partita.” Direte voi.
    Calma.., calma.., vediamo l’efficienza di come vengono spesi questi soldi. Lo sapete quanto guadagna un pilota americano? Circa 10.000 dollari al mese. E uno russo? Circa 500 al mese. In pratica un pilota russo costa 20 volte meno di uno americano. Vi rendete conto che se prendiamo questo rapporto come paradigmatico di tutte le forze armate in realtà sarebbe come se la Russia spendesse un terzo in più di quanto spende l’America.

    E ancora.., ma come vengono spesi i soldi? Gli USA hanno 10 portaerei, ottime per tenere a bada schiavi e vassalli. Ma quanto costano? Beh.., non è facilissimo dirlo, ma grossomodo fra i 5 e i 10 miliardi di dollari l’una. Mentre un Kalibr, un missile russo quasi fatto apposta per bucare le portaerei, è molto probabile che costi meno di un milione di dollari. E gli esempi potrebbero continuare, ma veniamo al nocciolo della questione.

    Dal punto di vista degli armamenti la Russia è più forte perché è il classico stato nazionalista. Pur con tutta la corruzione che ci sarà anche là, quando spende dei soldi in armamenti quello che ricerca è di spendere il meno possibile per avere le armi migliori possibili, perché il suo obbiettivo è la difesa della patria. In occidente invece, dove vige l’ideologia del capitalismo finanziario globalizzato, quello che conta è spendere il più possibile (tanto i soldi vengono dalle tasse dei goim), per comprare armi costosissime e mirabolanti (spesso prodotte da ditte che appartengono a simpatici miliardari giudei), che non di rado si rivelano fantozzianamente farlocche (leggi il leggendario e fallimentare F35).

    La nota ancor più dolente però, è nella motivazione delle truppe. I Russi credono fermamente in Dio-Patria-Famiglia. Noi italioti in cosa crediamo (ma il discorso vale per tutti gli occidentali)? Dio ce l’hanno tolto i comunisti e quegli scemi di centro-destra, e l’hanno sostituito con gli smartphone, la pornografia e lo Yad Vashem. La Patria ce l’hanno scippata i partigiani e la generazione erasmus, e c’hanno dato in cambio l’euro e l’invasione dei migranti islamici (Kalergi docet). La famiglia l’ha ammazzata Nyky Vendola e Maria de Filippi, e per contropartita abbiamo i matrimoni fra sodomiti e l’isola dei famosi. I soldati di mestiere (soprattutto gli ufficiali) occidentali guadagnano bene certo, ma cosa te ne fai dei soldi se sei morto? Pensate che siano in molti pronti a morire per il soldo? Oh.., a uccidere non ci sono problemi.., con i droni magari.., ma morire..? Per cosa dovrebbe morire un soldato NATO..? Per la fede olocaustica..? Per la Massoneria europoide..? O per l’ideologia gender..? Io ne dubito.

    Fare la guerra alla Russia insomma non è la stessa cosa che ammazzare qualche citrullo talebano in Afganistan. Ecco perché penso che la NATO la perde in 15 giorni.., quella convenzionale s’intende! È si perché la brutta notizia non è che la NATO le busca, ma che Sion non ci sta alla sconfitta, salterebbe tutto il lavoro di secoli che ha fatto fin’ora. Ed allora scatta il vecchio riflesso talmudico del muoia Sansone con tutti i Filistei e cominciano a levarsi qua e là tanti simpatici funghetti atomici.

    Indovinate quale nazione europea ha più basi NATO..?
    Indovinato..!
    Avete vinto un pupazzo di Matteo Renzi (fosforescente, utilissimo da tenersi sul comodino per favorire gli incubi notturni). L’Italia è lo scudo di Sion, il puntaspilli nucleare su cui dovranno cadere la maggior parte dei missili russi distraendoli per quanto possibile da Israele e dal nord Europa (sede delle grandi monarchie massoniche). In questo modo si prendono due piccioni con una fava, si limita i danni sul popolo eletto e sui sudditi dei Windsor, e si cancella l’Italia dalla carta geografica. È si.., perché i Savi Anziani non gliel’hanno mai perdonata a Roma di essere la luce della civiltà del mondo e la sede della Chiesa di Cristo (anche se oggi c’è un Papa massone). E pazienza se tocca sacrificare la più antica comunità ebraica dell’occidente, anche perché in fondo forse agli Askenaziti, discendenti dai Kazari di origine turca, non è che gliene importi troppo di questi Romani con la kippah, ultimi Israeliti rimasti al mondo con un po’ di DNA di Abramo.

    In ogni caso comunque, io un occhio alla comunità ebraica di Roma glielo darei, se i Rothschild decidono di salvarla quando cominciasse ad emigrare in massa sarebbe segno che i fuochi d’artificio stanno per cominciare.

    Bene.., perché vi ho raccontato tutto questo..? Semplice.., perché ho una malattia grave.., sono un patriota.., amo l’Italia. Sono scemo lo so.., che ci volete fare. Ma in fondo se non ero un po’ scemo non facevo il paracadutista (VI 88, V Btg. El Alamein). Così questa cosa che voglio dire la dico a voi, che siete paracadutisti in servizio o in congedo, perché penso che siate gli ultimi patrioti di questo povero Paese di servi sinistrati che è l’Italia.

    Bisogna uscire dalla NATO! Certo bisogna uscire anche dall’euro e dall’Unione Europea, ma prima ancora della sovranità monetaria bisogna riconquistare l’indipendenza, e per fare ciò è indispensabile far sloggiare gli Yankees dal sacro suolo della Patria.

    Bisogna uscire dalla NATO e dichiararsi neutrali ed evitare la guerra, oh.., fosse per me mi alleerei con Putin ieri, ma le nostre forze armate non sono in grado di sostenere un conflitto serio, prima devono essere purgate dalle ministre comuniste e dai generali massoni, magari se ne riparla fra vent’anni.

    Di una cosa però sono certo, se vogliamo che la nostra Patria l’Italia sopravviva, bisogna uscire dalla NATO!

    Come fare? Non ne ho la più pallida idea. Ma da oggi, in ogni occasione che mi sia possibile, ad amici, parenti e conoscenti, più e più volte, dirò: “Bisogna uscire dalla NATO!”
    Se pensate che quello che vi ho detto abbia un senso fate anche voi così.

    Alcune precisazioni:

    1) Scusate se sono stato un po’ lungo.

    2) Non sono razzista. Settimio Severo era negro ed io l’avrei comunque seguito fino a Thule.
    Non sono antisemita, uno dei miei antenati era un ebreo convertito, convertito sinceramente, come i primi Cristiani, e non un marrano del K@@@o. Il problema comunque non sono gli Ebrei, che razzialmente nemmeno esistono (come nessun’altra razza del resto), ma l’ideologia talmudica, che insegna a chi la segue ad odiare tutto il resto del genere umano (in effetti il razzismo stesso è un’invenzione talmudica veterotestamentaria).
    La Patria è un’ideale, non il colore della pelle, sennò un siciliano non potrebbe essere fratello di un altoatesino.., nella Folgore perlomeno è così.

    3) Siccome leggendo i post ho notato che del gruppo probabilmente fanno parte liberali e badogliani, se non addirittura comunisti, mi aspetto una serie di repliche e contestazioni praticamente su qualsiasi cosa che ho detto. Ebbene non aprirò nessun dibattito e non risponderò a nessuna critica. Ai troll badogliani non interessa approfondire un argomento, ma solo seminare zizzania per servire i banchieri massoni loro padroni, l’unica risposta che meritano è il piombo.

    4) Se mi firmo con uno pseudonimo è solo perché non voglio che Zuckerberg e l’NSA si guadagnino lo stipendio troppo facilmente.

    Salve Dea, dalla celeste chioma.
    Chiamata Esperia, pria del tempo di Roma.
    Salve Madre, di laboriosa prole.
    Alma ridente, prima Sposa del Sole.
    Salve Regina, del tempo occidentale.
    Mia dolce Signora, salve…
    Patria Immortale!!!

    • ora che ti ho letto ho più fiducia nel genere umano. I giudei sono a parte

  • rino

    Caro Abramo Giuseppe Levi, quello che ha scritto è giustissimo (benché prolisso!!) è glielo dice uno che il militare non l’ha fatto perché rincitrullito dall’ideologia imperante massonico usraeliana (potessi tornare indietro lo farei, ma eviterei il servizio militare odierno fatto per servire l’impero). Penso che tanti giovani infarciti di comunismo capiscano ugualmente le ragioni del fascio e questo perché stiamo tutti tornando con i piedi per terra grazie a questa crisi economica che va avanti da 7/8 anni.
    La mia domanda è molto semplice: come si fa a uscire dalla NATO?
    Solo una rivoluzione e il sangue possono permettere che ciò accada. Lei ce li vede gli italiani a fare la rivoluzione e beccarsi il piombo in piazza o dentro casa? A meno che, da bravi italiani, ci sediamo in attesa che qualcuno da fuori ce li tolga dagli zebedei..

  • Si può sostenere la campagna per l’uscita dalla NATO, firmando questa petizione : https://www.change.org/p/la-pace-ha-bisogno-di-te-sostieni-la-campagna-per-l-uscita-dell-italia-dalla-nato-per-un-italia-neutrale