NON ADORANO I NOSTRI VALORI (chi poteva immaginarlo?)

 

Da Zero Hedge

 

“Non possiamo e non saremo mai in grado di fermare la migrazione”, ha scritto di recente il commissario europeo per la migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, Dimitris Avramopoulos. “Alla fine della giornata, tutti dobbiamo essere pronti ad accettare migrazione, mobilità e diversità come la nuova norma e adattare di conseguenza le nostre politiche”.

Dato che tali persone vorrebbe farci credere che la migrazione sia diventata una politica categorica e apparentemente incontestabile dell’UE – “La migrazione è profondamente intrecciata con le nostre politiche in materia di economia, commercio, istruzione e occupazione”, ha scritto Avramapolous – è fondamentale analizzare quale tipo di “diversità” l’UE inviti a fare la sua casa nel continente europeo.

Il professor Ednan Aslan, professore di Educazione religiosa islamica presso l’Università di Vienna, ha recentemente intervistato un campione di 288 dei circa 4.000 richiedenti asilo prevalentemente afghani nella città austriaca di Graz, a nome del dipartimento per l’integrazione della città. I membri del dipartimento volevano comprensibilmente sapere le opinioni dei nuovi arrivati ​​musulmani lì. I risultati sono stati pubblicati in uno studio “Religiöse und Ethische Orientierungen von Muslimischen Flüchtlingen a Graz” (“Orientamenti religiosi ed etici dei rifugiati musulmani a Graz”).

Secondo lo studio, i due terzi dei richiedenti asilo sono uomini, per lo più sotto i 30 anni. Sono tutti a favore del mantenimento dei loro valori tradizionali, conservatori e islamici. I migranti sono estremamente religiosi; Il 70% va alla moschea ogni venerdì per pregare.

Le donne sono altrettanto religiose, se non di più: il 62,6% prega cinque volte al giorno, in particolare più degli uomini (39,7%). Inoltre, il 66,3% delle donne indossa il velo in pubblico e il 44,3% si rifiuta di stringere la mano a un uomo.

La metà dei migranti (49,8%), riferisce che la religione svolge ora un ruolo più importante nella loro vita quotidiana in Europa, rispetto a quella del loro paese d’origine. Il 47,2% è convinto che ebrei e cristiani si siano allontanati dalla “retta via”, e il 47,8% pensa che il futuro dell’Islam sarebbe in pericolo se l’Islam venisse interpretato in modo moderno e contemporaneo.

Per il 51,6% degli intervistati, la supremazia dell’Islam rispetto alle altre religioni è indiscussa. Il 55% crede all’inferno per i non credenti.

L’antisemitismo è profondamente radicato: il 46% crede che gli ebrei abbiano “troppa influenza negli affari mondiali”, e il 44% crede che il giudaismo sia dannoso. Il 43% ritiene che gli stessi ebrei siano colpevoli di essere perseguitati, mentre il 54,5% pensa che gli ebrei si preoccupino solo di se stessi.

I migranti non sono solo intolleranti verso le altre religioni: il 50% ritiene che l’omosessualità sia un peccato punibile. Il 44% degli intervistati ha dichiarato che avrebbe appoggiato la violenza contro una donna se avesse tradito suo marito. Il 43% ha anche affermato che i padri hanno il diritto di usare la violenza sui bambini, se necessario.

Lo studio austriaco non è il primo del suo genere a dimostrare che i migranti musulmani in Europa hanno idee suprematiste, antisemite e misogine. Nel 2016, uno studio di circa 800 migranti dalla Siria, Iraq, Afghanistan ed Eritrea nello stato tedesco della Baviera è stato condotto da un think tank tedesco, la Hanns Seidel Foundation. Questo studio ha dimostrato che le convinzioni patriarcali erano diffuse tra i migranti intervistati, in particolare tra i migranti dall’Afghanistan e i migranti principalmente non musulmani provenienti dall’Eritrea, più del 60% dei quali riteneva che le donne dovessero rimanere a casa. L’antisemitismo è stato un altro risultato importante dello studio, che ha dimostrato che, indipendentemente dall’età e dal background educativo, la maggioranza dei migranti possedeva credenze antisemite. Ben oltre il 50% di siriani, iracheni e afgani ha affermato che “gli ebrei nel mondo hanno troppa influenza”.

L’antisemitismo in Germania è effettivamente diventato così diffuso che la Germania ha recentemente deciso di nominare un commissario speciale per combatterlo. La Germania sta preparando una legislazione che potrebbe vedere i migranti che esprimono opinioni antisemite espulse dal paese. “Ebreo!” è apparentemente diventato un insulto comune tra gli alunni musulmani nelle scuole di Berlino.

Altri studi e sondaggi rivelano anche il grado in cui i musulmani in Europa apprezzano la legge della sharia rispetto alla legge nazionale:

Un sondaggio del Regno Unito del 2016 ha mostrato che il 43% dei musulmani britannici “credeva che parte del sistema legale islamico dovesse sostituire la legge britannica, mentre solo il 22% si opponeva all’idea”. Un sondaggio diverso, anche dal 2016, ha rilevato che quasi un quarto (23%) di tutti i musulmani ha sostenuto l’introduzione della sharia in alcune aree della Gran Bretagna, e il 39% ha convenuto che “le mogli dovrebbero sempre obbedire ai loro mariti”. Quasi un terzo (31%) riteneva accettabile che un musulmano britannico avesse più di una moglie. Secondo lo stesso sondaggio, il 52% di tutti i musulmani britannici ritiene che l’omosessualità dovrebbe essere illegale.

Secondo uno studio del 2014 di musulmani marocchini e turchi in Germania, Francia, Paesi Bassi, Belgio, Austria e Svezia, una media di quasi il 60% dei musulmani intervistati ha convenuto che i musulmani dovrebbero tornare alle radici dell’Islam; Il 75% pensa che sia possibile una sola interpretazione del Corano e il 65% afferma che la Sharia è più importante per loro rispetto alle leggi del paese in cui vivono. I numeri specifici per la Germania erano che il 47% dei musulmani ritiene che la Sharia sia più importante della legge tedesca. In Svezia , il 52% dei musulmani ritiene che la Sharia sia più importante della legge svedese.

Gli studi sono supportati da rapporti di intelligence europei. In Germania, i servizi segreti hanno avvertito all’inizio dell’autunno 2015 che “Stiamo importando l’estremismo islamico, l’antisemitismo arabo, i conflitti nazionali ed etnici di altri popoli, così come una diversa comprensione della società e del diritto”. Quattro importanti agenzie di sicurezza tedesche hanno chiarito che “le agenzie di sicurezza tedesche … non saranno in grado di risolvere questi problemi di sicurezza importati e quindi le reazioni nascenti della popolazione tedesca”.

In Norvegia, il capo del servizio di sicurezza della polizia norvegese (PST), Benedicte Bjørnland, ha affermato , a gennaio 2016, che non si può “ipotizzare che i nuovi arrivi si adatteranno automaticamente alle norme e alle regole della società norvegese”.

“Inoltre, i nuovi arrivati ​​non sono omogenei e possono portare conflitti etnici e religiosi con loro … Se nel lungo periodo emergeranno società parallele, radicalizzazione e ambienti estremisti, avremo delle sfide come servizio di sicurezza”.

Non sorprende quindi che gli europei abbiano iniziato a riferire di non sentirsi più a casa nei loro paesi. Un recente studio belga , nel quale sono stati intervistati 4.734 belgi, ha mostrato che due terzi dei belgi ritengono che la loro nazione sia “sempre più invasa”. Due terzi della popolazione hanno affermato che ci sono “troppi immigrati in Belgio”, mentre il 77% concorda con la dichiarazione: “Oggi non ci sentiamo più a nostro agio come facevamo prima [le migrazioni di massa]”. Secondo il 74% delle persone intervistate, l’Islam è “non una religione tollerante”, mentre il 60% afferma che la presenza di così tanti musulmani nella loro nazione rappresenta una minaccia per la sua identità. Solo il 12% ha affermato di ritenere che la religione sia “una fonte di arricchimento” per il Belgio.

Lo studio ha anche intervistato 400 musulmani belgi: il 33% ha dichiarato di “non gradire la cultura occidentale”, il 29% ha affermato di ritenere che le leggi dell’Islam siano superiori alla legge belga e il 34% ha affermato che “preferirebbe sicuramente un sistema politico ispirato dal Corano “. Lo studio ha anche rilevato che il 59% dei musulmani in Belgio “condannerebbe” il matrimonio se il figlio avesse scelto un partner non musulmano e il 54% condannerebbe il matrimonio se la figlia avesse scelto un partner non musulmano. Significativamente, la risposta dei ricercatori dietro allo studio – l’emittente pubblica RTBF, il quotidiano liberale Le Soir , l’istituto di ricerca sociologica Survey and Action e una fondazione chiamata This is Not a Crisis – è stata quella di affermare di aver “osservato lo sviluppo di un vero paranoia anti-musulmana [tra i belgi], che ha assunto una dimensione patologica “.

Nessuno di questi studi, sondaggi e rapporti di intelligence sembra dare la minima impressione ai leader europei. Nelle parole di Avramapolous con gli occhi tristi, non è sufficiente che i migranti principalmente musulmani venuti in Europa “abbiano trovato sicurezza in Europa”. Secondo lui, “Dobbiamo anche assicurarci che trovino una casa”.

La domanda che rimane senza risposta – mentre i leader europei cercano di rendere grande l’Islam di nuovo nel continente – è dove gli europei dovrebbero costruire le loro case.

tag

 

Print Friendly, PDF & Email