NELL’ARKANSAS DEI CLINTON, SENATRICE UCCISA – indagava su affidi pedofili

Si chiamava Linda Collins-Smith, aveva 57 anni, era stata fino al 2016  senatrice del Senato dello Stato dell’Arkansas.  E’ stata uccisa con diversi colpi di pistola  il 4 giugno, fuori da casa sua, nei pressi di Little Rock.  Quando il corpo è stato trovato, era in avanzato stato di decomposizione.  Dell’assassinio è stata formalmente accusata una conoscente della senatrice, Rebecca Lynn O’Donnell di 48 anni. Il movente dell’omicida non è stato  reso noto.

Ma ecco la bomba: mentre il magistrato inquirente ha imposto il più rigoroso segreto istruttorio, l’FBI  ha avocato a sé il caso perché  – stando a “fonti della polizia federale”  – la senatrice stava indagando di persona su casi di pornografia infantile  in un giro criminale dell’Arkansas che comprendeva anche un traffico di affidi di bambini,  con gravi responsabilità dei servizi sociali dello Stato.

FBI Reveals Murdered Arkansas Senator Planned to Expose Child Pornography, Child Sex Trafficking Syndicate: FEDS PROBE

La Collins-Smith  aveva esplicitamente  sollevato la questione della corruzione del  Dipartimento Servizi Umani (sic) dello Stato, e specificamente della sua unità di servizi di protezione dell’infanzia:  denunciando un ammanco di 40-50 milioni di dollari in quel settore, ma soprattutto un sistema criminale di  affidi a genitori che pagavano per questo.  E’ possibile che  conducesse le sue indagini in collaborazione informale col l’FBI, perché subito dopo la scoperta del corpo i federali hanno cominciato a condurre interrogatori con una sistematicità che indica che sapevano già dove e chi cercare. Si dice anche che l’uccisa “stava per rendere pubblico lo scandalo”. E si apprestava ad accusare direttamente Hillary Clinton:

https://www.snopes.com/fact-check/linda-collins-smith-clintons/

Che l’evento possa avere sviluppi impensabili e arrivare al cuore del Sistema, lo suggerisce che il teatro dell’omicidio, l’Arkansas, è lo stato dove i coniugi Clinton (gli abituali clienti di J. Epstein)  hanno costruito le loro iniziali fortune, in modi discutibili; per esempio l’aeroporto di Mena in Arkansas, mentre  Bill Clinton era governatore, è  stato al centro di traffici sporchi della Cia con contrabbando di armi ai Contras del Nicaragua, e droga e riciclaggio.  Tutta una serie di storie  circondano l’ente creato dal governatore Clinton, in teoria per lo sviluppo dell’Arkansas, che è una zona depressa, lo ADFA (Authority Development and Finance Authority), ma in realtà usato come la cassaforte dei loro affari.  Attorno agli anni di Clinton governatore c’è un tale numero di morti sospette,sempre catalogate come “suicidi” anche quando il suiciida si sarebbe sparato due volte alla nuca, da far parlare di Arkancide (Da Arkansas e Omicide)  , http://www.arkancide.com/ 

detta anche

 “Sindrome di morte improvvisa dell’Akansas”.

Si va da Vincent  Foster, socio di Hillary nello studio legale di lei (e forse suo amante), “suicida” nel 1993 a 48 anni, a Russel  Welch,  investigatore dello stato dell’Arkansas,  avvelenato  …con l’antrace  mentre stava indagando sugli affari sporchi dei Clinton. La lista (almeno 49 morti sospette) è troppo lunga per raccontarla. Basti dire che di essa si occupò Ambrose Evans-Pritchard, il prestigioso giornalista del Telegraph , che ci ha fatto un’inchiesta, che si può leggere qui:

http://www.geocities.ws/incindiary1999/jerryparks.html

Chi vuole informarsi  della lista di suicidi e omicidi, può farlo alla voce  “Clinton Body Count”

https://www.conservapedia.com/Clinton_body_count

Dove troverà anche il servizio che Hillary aveva organizzato “per localizzare, perseguitare, molestare e intimidire le donne legate sessualmente a Bill Clinton”.

L’omicidio a revolverate di Seth Rich,  l’attivista sospettato  di aver soffiato le  e-mail compromettenti della Clinton Wikileaks, nel 2016,  ha aperto una seconda fase di “conteggio dei cadaveri”. Del resto, la disponibilità ad assassinare, Hillary l’ha mostrata pubblicamente quando propose al gabinetto  di Obama  (in cui sedeva come segretaria di Stato) di “Drone Assange“, cioè’ uccidere  il fondatore di Wikileaks, rifugiato nell’ambasciata, con un drone. E  tutti ricordano l’agghiacciante sorrisetto con cui si vantò dell’assassinio di  Gheddafi  in un’intervista televisiva :  “We came, We Saw, he died”. Vedi https://www.youtube.com/watch?v=Fgcd1ghag5Y

Noi possiamo ricordare la furia da belva con cui Killary si scagliò contro Guido Bertolaso, il capo della protezione civile che partecipava ai soccorsi dopo il terremoto di Haiti nel 2010,  e criticò l’aspetto militare dei “soccorritorii americani”. Hillary ottenne subito  dal ministro degli esteri berlusconiano Franco Frattini  (j) prendesse le più  vergognose distanze da Bertolaso. Poco dopo, una decina di “soccorritori” americani  furono accusati di traffico di bambini: stavano portando in Usa 33  “orfanelli”  che invece avevano i genitori.

https://abcnews.go.com/WN/HaitiEarthquake/haiti-earthquake-ten-americans-charged-child-trafficking-haiti/story?id=9712436

“Epstein apparteneva all’intelligence”

Che il Sistema Clinton  sia prossimo a venire smantellato, dopo l’arresto del pedofilo Jeffrey Epstein, lo lascia sperare la frase di Alex Acosta: il procuratore degli Stati Uniti per la Florida del Sud, che nel 2007-2008 ha costruito il congegno legale per cui Epstein è stato praticamente non-perseguito allora, nonostante le accuse documentate dell’FBI. Un trucco legale molto discusso, come minimo. Che metteva in pericolo la carriera del procuratore. Che ora, invece, è ministro del Lavoro nell’Amministrazione Trump.

Alex Acosta, il procuratore che dovette salvare Epstein.

Adesso  il sito The Daily Beast racconta che quando il “transition team”   di   Trump ha intervistato l’ex procuratore,  gli  ha chiesto se “il caso Epstein potrebbe  essere  un problema [per le udienze  senatoriali  di conferma della carica]?”   Acosta aveva spiegato, in modo casuale, che lui Epstein l’aveva  visto una sola volta; e che aveva confezionato l’accordo di non-prosecution con uno degli avvocati di Epstein perché gli era stato “detto” di fare marcia indietro, che Epstein era al di sopra del suo grado di paga“Mi è stato detto che Epstein” apparteneva all’intelligence “e di lasciarlo in pace”. Il transition team di Trump ha ritenuto la risposta sufficiente.

Infatti:  quale servizio d’intelligence non considererebbe un tesoro Epstein, con la sua potente clientela che caricava sul suo Boeing “Lolita Express” a fare sesso con bambine nella sua isola privata?C’è solo da capire quale: CIA? Mossad? Lo sapremo mai?

“Epstein ha  messo in piedi una macchina del ricatto”, ha detto la commentatrice tv conservatrice Ann  Coulter:  risulta infatti dalle  deposizioni delle ragazzine che aveva arruolato, “che  voleva che facessero sesso con uomini potenti, e poi  tornare da lui e riferire, descrivere quello che volevano, quali erano i loro  gusti feticisti;  aveva telecamere in tutta la casa”.  E sicuramente aveva “un protettore a livello di Stato persone piuttosto potenti …

Immediatamente l’ex  presidente Bill Clinton ha tentato di prendere le distanze da Epstein, sostenendo che, lui,  ha volato solo quattro volte sul  jet privato Lolita Express nonostante i registri di volo che mostravano almeno 26 viaggi.

Basterà? Fose no. Perché frattanto è saltato fuori il nome dell’avvocato  di Epstein che ha suggerito al povero procuratore Acosta l’ inghippo legale per salvare il pedofilo: si tratta di Alan Dershowitz, principe del diritto di Harvard, intoccabile e temibile fanatico pro-Israele,  e occasionale passeggero sul Lolita Express.

L‘avvocato di Epstein, Alan Dershowitz, parla ai Lubavitcher .

In una lettera di 23  pagine,  firmata da Dershowitz e dall’altro avvocato  Gerald Lefcourt,    parte dell’offerta definitiva  patteggiamento prima che Epstein potesse essere processato per corruzione  di ragazze minorenni,  i due avvocati e principi del foro,  citano come particolare benemerenza del loro cliente quanto segue:

“Il Sig. Epstein faceva parte del gruppo  iniziale che ha co-fondato  la Clinton Global Initiative”, un organo “ che riunisce una comunità di leader globali per ideare e attuare soluzioni innovative per alcune delle sfide più urgenti del mondo:  povertà, cambiamenti climatici, salute globale e conflitti religiosi ed etnici.

E per meglio intimidire Acosta, gli avvocati sottolineano gli stretti legami fra Epstein e i Clinton citano il fatto che nel 2002 Epstein ha “ospitato” su suo Boeing 727 privato i dirigenti la Clinton Global Initiative che stavano andando in Africa “per una missione anti-AIDS e di sviluppo economico”: sul volo c’erano l’ex presidente Clinton e celebrità filantropiche come Kevin Spacey e il comico Chris Tucker…

Gli Umanitari globali nella loro miglior forma.

Geoffrey Berman, United States Attorney for the Southern District of New York,  ha fatto appello a chiunque abbia conosciuto Epstein: chiamate l’FBI!” . REUTERS/Shannon Stapleton – RC197C513270

 

Print Friendly, PDF & Email