NEL 2021 “CARESTIE DI PROPORZIONI BIBLICHE”

(Traduzione automatica)

NAZIONI UNITE – Il capo del World Food Programme, vincitore del Premio Nobel per la Pace, ha consegnato all’agenzia delle Nazioni Unite  un megafono per avvertire i leader mondiali che il prossimo anno sarà peggio di quest’anno e senza miliardi di dollari “avremo carestie di proporzioni bibliche nel 2021 “. persone affamate – ma anche per inviare “un messaggio al mondo che le cose stanno peggiorando laggiù … (e) che il nostro lavoro più duro deve ancora venire”.

Beasley ha ricordato il suo avvertimento al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in aprile che, mentre il mondo stava affrontando la pandemia di coronavirus, era anche “sull’orlo di una pandemia di fame” che avrebbe potuto portare a “carestie multiple di proporzioni bibliche” entro pochi mesi se non  viene intrapresa un’azione immediata.

“Siamo stati in grado di evitarlo nel 2020 … perché i leader mondiali hanno risposto con denaro, pacchetti di stimolo, differimento del debito”, ha detto.

Ora, ha detto Beasley, COVID-19 è di nuovo in aumento, le economie continuano a deteriorarsi, specialmente nei paesi a reddito medio e basso, e c’è un’altra ondata di blocchi e chiusure.

Ma ha detto che i soldi disponibili nel 2020 non saranno disponibili nel 2021, quindi ha usato il Nobel per incontrare i leader virtualmente e di persona, parlare ai parlamenti e fare discorsi per sensibilizzare chi è al potere sulla tragedia che stiamo affrontando – crisi che saranno davvero straordinarie nei prossimi 12-18 mesi, chissà. ”

“Tutti ora   accettano di incontrare il premio Nobel per la pace”, ha detto Beasley, spiegando che ora ha 45 minuti invece di 15 minuti con i leader ed è in grado di scavare sempre più a fondo per spiegare come andranno le cose brutte il prossimo anno e come i leader dovranno dare la priorità ai programmi. ”

Beasley ha detto che il WFP ha bisogno di 15 miliardi di dollari l’anno prossimo – 5 miliardi di dollari solo per scongiurare la carestia e 10 miliardi di dollari per portare avanti i programmi globali dell’agenzia, anche per i bambini che soffrono. malnutrizione e pasti scolastici, che spesso sono gli unici pasti ricevuti dai giovani.

“Se potessi abbinare questo con i nostri soldi normali, allora stiamo prevenendo la carestia nel mondo” e riducendo al minimo la destabilizzazione e la migrazione. Egli ha detto.

Oltre a raccogliere fondi aggiuntivi dai governi, ha detto Beasley, la sua altra “grande speranza” è che i miliardari che hanno guadagnato miliardi durante la pandemia COVID-19 si intensificheranno una volta sola. Ha intenzione di iniziare a trasmettere questo messaggio probabilmente a dicembre o gennaio.

Ad aprile, Beasley ha detto che 135 milioni di persone stavano affrontando “livelli di crisi della fame o peggio”. Un’analisi del WFP ha poi mostrato che COVID = 19 potrebbe spingere 130 milioni di persone in più “sull’orlo della carestia entro la fine del 2020”.

Ha detto nell’intervista virtuale di mercoledì da Roma, dove ha sede il WFP, che se la carestia è stata scongiurata quest’anno, il numero di persone che affrontano i livelli di crisi della fame salirà a 270 milioni.

“Ci sono circa tre dozzine di paesi che potrebbero potenzialmente andare in condizioni di carestia se non abbiamo i soldi di cui abbiamo bisogno”, ha detto Beasley.

Secondo un’analisi congiunta del WFP e dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura a ottobre, 20 paesi “rischiano di affrontare potenziali picchi di insicurezza alimentare acuta” nei prossimi tre-sei mesi, “e richiedono un’attenzione urgente”.

Di questi, Yemen, Sud Sudan, Nigeria nord-orientale e Burkina Faso hanno regioni che “hanno raggiunto la fame critica dopo anni di conflitti o altri shock”, hanno detto le agenzie delle Nazioni Unite, e qualsiasi ulteriore deterioramento nei prossimi mesi “potrebbe portare a un rischio di carestia. . ” ”

Altri paesi che richiedono “attenzione urgente” sono Afghanistan, Camerun, Repubblica Centrafricana, Congo, Etiopia, Haiti, Libano, Mali, Mozambico, Niger, Sierra Leone, Somalia, Sudan, Siria, Venezuela, Zimbabwe, hanno detto.

Beasley ha detto che un vaccino COVID-19 “creerà un po ‘di ottimismo che, si spera, aiuterà a rilanciare le economie di tutto il mondo, in particolare le economie occidentali. Ma il direttore esecutivo del WFP ha detto che quest’anno c’erano già 17 miliardi di dollari di stimolo economico “e non lo avremo a livello globale”.

Print Friendly, PDF & Email