MI UNISCO ALLA DENUNCIA PAPALE – MI HANNO COLONIZZATO

Rapito da tanta bontà, atterrato dalla carità assoluta che esprime, riporto le parole di “Francesco”:

“Quando senza amore e senza rispetto si divorano popoli e culture, non è il fuoco di Dio, ma del mondo”.

“Quante volte il dono di Dio non è stato offerto ma imposto, quante volte c’è stata colonizzazione anziché evangelizzazione. Dio ci preservi dall’avidità dei nuovi colonialismi.

“Il fuoco di Dio è calore che attira e raccoglie in unità. Si alimenta con la condivisione, non coi guadagni. Il fuoco divoratore, invece, divampa quando si vogliono portare avanti solo le proprie idee, fare il proprio gruppo, bruciare le diversità per omologare tutti e tutto”.

 

Conquistato da queste parole di El  Papa, e nello spirito profetico indicato dai parafernalia itifallici amazzonici offerti dagli sciamani alla venerazione di vescovi, Papa e fedeli rapiti, voglio qui denunciare l’ odioso caso di colonizzazione anziché evangelizzazione  che noi abbiamo subito.  Ecco la prova a carico:

 

Qui una pregevole statua di Priapo, risalente al secondo secolo a. C., è stata mutilata orrendamente del suo attributo.

L’hanno fatto  – senza alcun dubbio  – cristiani che invece di evangelizzare, hanno colonizzato. Cristiani brutalmente ignari della necessità d’inculturare la fede nelle tradizioni locali.  Cristiani che hanno portato il fuoco “del mondo”  e non di Dio.

Cristiani che – si ha  orrore a ricordarlo –  hanno “voluto portare avanti solo le proprie idee”;  fare il proprio  gruppo; bruciare le diversità per omologare tutto e tutti.

 

Tutto questo va condannato senza se e senza ma. Perché  – bisogna ammetterlo  – è con questi metodi,   che quei cristiani insensibili e  prevaricatori delle altrui culture  hanno diffuso la fede  nel Cristo Eucaristico.  Per fortuna questo è finito:  da  tempo, ma  adesso in modo definitivo per  disposizione di “Francesco”.

L’avessero capito 2 mila anni fa, quegli ebrei che finirono crocifissi, decapitati, stirati  in graticola o  nell’olio bollente per  “portare avanti soltanto le proprie idee”, pensate  quante ci saremmo  risparmiati:  cattedrali e vetrate, gregoriano e barocco, apparizioni della Vergine a pastorelli e suorine,  fra cui quella  – assurda della  Virgen  Morena de Guadalupe al misero azteco,  apparizione che indebitamente  fu interpretata come benedizione dal Cielo dello sradicamento della bellissima tradizione azteca di strappare i cuori, e  autorizzò   la colonizzazione come evangelizzazione;  ci saremmo risparmiati santi noiosissimi,  stigmatizzati, intercessori, miracoli; Lepanto, i Rosari,  la vittoria sotto Vienna, Riforma e Controriforma,  non avremmo né  Don Bosco e né la Cappella Sistina –   però nemmeno  “papa Francesco”,   il che sarebbe non ultimo beneficio della non-colonizzazione.

El Papa europeista che non ha  mai detto una parola per il  popolo greco schiacciato, El Papa che tace sulle migliaia di cristiani che vengono  massacrati in Africa, che non dà alcuna solidarietà alle vittime siriane cristiane, ci indica la via:  l’UE, la BCE, l’ONU, le ONG che ci scaricano migliaia di immigrati, le leggi per i diritti umani LGBT, hanno superato in bontà il Cristo e i suoi santi. Non ce n’è più bisogno. Il cristianesimo  è  superato: non era tollerante e accogliente come la Rakete, era inquinante e non credeva a  Greta.

Non è  stata mai evocata  in nessun documento del Sinodo dell’Amazzonia.  Ne fa a meno.

Dunque  i sudamericani stacchino il quadro della Virgen de Guadalupe e  tornino alle tradizioni e culture itifalliche, nonché ai riti con cui i sacerdoti aztechi preoccupati  che il Sole on sorgesse, lo facevano sorgere ogni mattina:  antesignani indubbi di Greta,  ansiosissimi per il Clima che cambia per colpa nostra.

E noi torniamo alle nostre, di tradizioni.. Sia restituito a Priapo l’ammenicolo che gli fu tolto da cristiani che volevano portare avanti solo le proprie idee.

…. e di corsa!

Senso del ridicolo ultima difesa?

Ma perché, mi sono detto, gli atti  e le parole  di Bergoglio a me  suscitano più  il riso che l’indignazione?   Piaccia o no,   René Guénon già  invitava a non lasciarsi sfuggire, nella società odierna,  “tutto quel che presenta carattere di “contraffazione” o di “parodia”, “carattere” che “costituisce in se stesso un marchio molto  espressivo dell’origine di tutta la deviazione moderna,  e della quale mette in luce la natura veramente “satanica”.

Questo nome  indica “lo spirito che nega”.

E di fatto, “è forse il mondo moderno diverso dalla pura e semplice negazione di ogni verità tradizionale? Senonché  questo spirito di negazione è anche allo stesso tempo, e in qualche  modo per necessità, uno spirito di menzogna: esso si nasconde sotto ogni forma di travestimenti”  perché “imita a modo suo, alterandole e falsificandole, le cose stesse a cui vuole opporsi”, affinché  “il disordine assuma le apparenze di un falso ordine, dissimuli la negazione di ogni principio sotto l’affermazione dei principi falsi e così via”, “nient’altro che simulacro e caricatura”: eppure “quanto facilmente le soperchierie, anche le più grossolane, riescono ad imporsi alla folla, e com’è difficile riuscire a disingannarla”.

E  non aveva ancora visto, Guénon, le sfilate  grottesche e beffarde dl Gay Pride, non poteva immaginare ancora una società che dichiarasse “diritti umani” aborto e  suicidio assistito, l’utero in affitto per ricchi finocchi, o i “venerdì” gretini,  l’influsso  onnipresente di tv e pop e rap, e  il conformismo totalitario imperante nell’opinione pubblica, che si fa poliziotta dei dissidenti ed  esige  leggi penali contro ogni critica, ridefinita “crimine d’odio”.  Si  limita a citare “gli pseudo-riti ‘civili’ e ‘laici’ tanto diffusi in questi anni, che mirano a fornire alle  “masse” un surrogato dei veri riti religiosi, o “le stravaganze del sedicente naturismo, il cui scopo è di far credere che lo “stato di natura” si confonde con l’animalità”: e già trova incredibile che “che coloro che ne sentono non diciamo il pericolo, ma il ridicolo, siano così rari da rappresentare vere e proprie eccezioni”.

Questo istupidimento generale così  massiccio e invincibile  – vera apostasia dalla ragione  che  precede, e  ha reso possibile,  l’apostasia dalla fede –   pone un tema capitale.  Influenzati da Benson e Solov’ev,   siamo indotti ad aspettarci un Anticristo intelligentissimo, geniale, fascinoso e carismatico, umanamente super-dotato. Ma un “padrone  del mondo” così sarebbe immediatamente antipatico alle masse.  Guénon ricorda giustamente che le tradizioni  canoniche  lo indicano invece come deforme,  “insistono sulle dissimmetrie corporee”,  metafora delle intellettuali e spirituali.  E a  proposito del  “cosiddetto Regno dell’Anticristo:   qualunque  idea si possa  averne, è comunque colui che concentrerà e sintetizzerà in se stesso tutte le potenze  della contro-tradizione, sia che lo si concepisca come un individuo che come una collettività, e in certo senso potrà  essere l’uno e l’altra  […]  per esprimere il falso a livello così estremo egli dovrà essere, per così dire, completamente ‘falsato’ da tutti i punti di vista,  l’incarnazione stessa della falsità […] L’Anticristo non puo’ non essere difforme, una caricatura della tradizione; e chi dice caricatura dice difformità”, “artificiale, meccanico”.

Più avanti, si pone il  problema:   “in quale misura coloro che rappresentano  più completamente la contro-tradizione [nei tempi ultimi]   sono  effettivamente  coscienti  della  funzione svolta e in quale misura, al contrario, essi non sono che strumenti di una volontà che li supera e che di conseguenza ignorano”:  e si risponde che “da questo punto di vista l’Anticristo sarà  certamente il più illuso di tutti gli esseri”.

Naturalmente, Guénon non è il Vangelo; ma non lo sono nemmeno Solo’vev e Benson,  e  le loro sono narrative  di fantasia cristiane. Terrei almeno presente l’ipotesi inversa: che l’Anticristo sia stupido. E ridicolo.

Print Friendly, PDF & Email