L’ULTIMA PAROLA DI ALICE

di Barbara Tampieri

Ricordate una nota statista? “Ci offrono uno stile di vita che sarà presto quello di moltissimi di noi”. Noi abbiamo creduto di doverci solo adattare alle usanze esotiche degli ospiti ai quali si riferiva ma il vero messaggio era che lo stile di vita, qualunque esso fosse, il nostro o quello del foresto, sarebbe stato sostituito con uno stile di morte che sarebbe valso, come la sbobba della soldataglia, uguale per tutti. Tutto ciò che è vita, Eros, benessere, gioia, amore, ottimismo, sarà sostituito dalla Norma, dal Dovere e dal Senso di Colpa che condurranno alla depressione generalizzata. Irrorano depressione, scrivevo tempo fa. Confermo, la depressione indotta in chi potrebbe resistere alla cura è l’arma che hanno scelto per giocarsi la suprema hybris, la sfida lanciata dal Distruttore al Creatore. Una hybris che disvela la sua origine diabolica nella inesauribile invidia e sete di vendetta contro tutto ciò che è bellezza e creato e nell’ansia di distruggerlo il più in fretta possibile, nel tentativo di fare del mondo una landa di sterile disperazione. Sappiamo già come finirà per loro ma intanto la sofferenza ci tocca subirla.

La sfida finale alla Vita, quindi. Poco prima di questo coprifuoco mascherato che, come tutte le imposizioni dittatoriali già viste: dal divieto di sorridere, di vestire colorato, di possedere uccelli canterini, di poter educare e curare i propri figli da noi perché nostri e non dello stato, insomma di essere liberi, obbedisce alla legge dell’assoluto obbligo di ridicolaggine, è stata modificata la legge sull’aborto. Le donne possono ora provare il brivido di gettare il proprio figlio di 9 settimane nel gabinetto o nell’umido, nella comodità delle quattro mura domestiche dove già erano state rinchiuse ai domiciliari la scorsa primavera e che diventerà sempre più un luogo di oppressione e disagio psicologico, visto che non tutti hanno belle case grandi a disposizione e la tentazione della carcerazione come metodo di medicina preventiva tornerà ad essere presa in considerazione
dai volonterosi dissolutori.

Rendere psicologicamente la propria casa una prigione, una gabbia: ma ci pensate che livello di orrore avremmo provato solo qualche anno fa, se ce l’avessero previsto mostrandoci il futuro in un oscuro palàntir? Avete idea del livello di destrutturazione che stanno imponendo alla nostra psiche?

Ricordate come ci terrorizzarono all’inizio? “E’ una malattia orribile, si muore soffocati!” Ora ci impongono proprio di soffocare, di non poter più respirare liberamente. Ci impongono il mal di testa da CO2, mediante una comoda mascherina-camerina a gas portatile, per giunta dovendo lottare contro chi dei nostri simili – e comincio a pensare che non siano umani, inspiegabilmente non se ne lamenta, anzi, ti crocifigge se non condividi la sua paranoia iatrogenica di stato e non dimostri “rispetto”. Soprattutto le vere protagoniste di questo Kali Yuga terminale, le donne.

Credetemi, far ragionare gli uomini su questa storia è ancora possibile, gli uomini sono infinitamente più disponibili, le donne consegneranno i figli allo stato senza rimorsi da Scelta di Sophie. Lo faranno perché non hanno capito niente. Sono imbarazzanti. Paurose, così fiere di essere state finalmente investite del poteruccio da kapo di imporre il “rispetto”. Non fare più figli le ha fatte diventare delle femminucce. Il Sars-Cov2 ha riattivato la proverbiale ma occultata dal politicamente corretto stupidità femminile, consentendo al raffreddore di sconfiggere il femminismo. La storia di questo periodo verrà intitolata: “Quando le donne, per vanità ed eterna combutta con il Demonio, riuscirono quasi a distruggere il mondo.”

Perché tornare ad imporre la mascherina all’aperto anche a chi passeggia e perfino a chi sta correndo, come nella Francia del noto abusato? Dopo le 18.00 potresti uscire a prendere un po’ di fresco, andare a camminare o a correre perché fa bene, perché tonifica, perché prendi quell’ultimo sole che ti fa sentire vivo e rafforza il sistema immunitario. No, devi mettere la mascherina e allora non lo fai, resti a casa. Chi soffre di rinite o sinusite cronica sa che questa della mascherina è una vera forma di tortura. Perché sono dei torturatori.
E’ tipico del sadismo spiegarti in dettaglio cosa ti verrà fatto a breve, così ti sale l’adrenalina e sei ancora più terrorizzato. Ormai le pratiche sperimentate sulle loro vittime le stanno generalizzando su larga scala su interi popoli come forma di governo.

Perché vietare ai giovani in agosto di ballare e divertirsi, con le prevedibili e piacevoli conseguenze che queste attività possono comportare? Per giunta vietarlo durante un’epidemia. Santo Cielo, la lezione del Boccaccio l’avete proprio dimenticata! Eros che si prende la rivincita sulla Morte perché la vita è più forte di qualunque cosa. Forse perché quella del Boccaccio era una pestilenza vera e a nessuno, potente o meno, era allora venuto in mente, grazie al provvidenziale virus, di sconfiggere definitivamente la vita imponendoci un’esistenza da marciatori sul miglio verde.
Barbara Tampieri | Facebook

23/8/2020 L’ULTIMA PAROLA DI ALICE Ricordate una nota… – Barbara Tampieri | Facebook
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10223352069650619&id=1252389505&sfnsn=scwspmo&extid=Zn0heaJ6I6n3o7Ph 2/6
Parlando di Toscana, a questo proposito mi è venuto in mente un paragone che a qualcuno parrà bizzarro.
Ricordate gli anni del Mostro di Firenze? Si, i delitti, l’orrore, tutto. Ricordate quale fu l’effetto psicologico,diremmo oggi terroristico da psyop, sui ragazzi di allora? La paura di appartarsi, di fare l’amore, di lasciarsi andare alla Vita. “Occhio, ragazzi” recitava una locandina affissa dalle autorità inquirenti. Un uomo nero uscito dagli incubi infantili poteva ucciderli in ogni momento. La punizione dei fidanzati, di coloro che formano una coppia, quella uomo-donna, che deve essere distrutta, prima magari che formi una famiglia. Uccidendo non a caso l’uomo per primo, eliminandolo dalla scena come elemento superfluo e insignificante (e pensiamo al ruolo del maschio oggi) e poi accanendosi sugli organi sessuali della donna, quindi anche sulla sua funzione riproduttiva. Il vilipendio della Vita attraverso il sacrificio della femmina. Questo messaggio antibiologico allora
probabilmente non saremmo riusciti a percepirlo, ora sembra quasi diventare “la spiegazione” di quei delitti.

Una rappresentazione della Dissacrata Famiglia a venire, all’insegna dell’arricchiamoci ed estinguetevi. Destrudo è l’energia della pulsione di distruzione espressa da Mortido (definizione dello psicoanalista Paul Federn). Mortido è ritiro, disintegrazione e resistenza alla vita, oltre che desiderio di auto ed eterodistruzione. Entrambe si oppongono ad Eros, la pulsione di vita e a Libido, la sua energia. Gli ultimi decenni hanno visto una spaventosa avanzata del principio distruttivo di morte come fattore di disgregazione della società, a partire dalla sfera dell’Eros. Pensiamo anche agli anni dell’AIDS che, per certi versi, sono stati i primi in cui si è sperimentato il terrorismo medico legato alla shock epidemy. Anche allora un virus misterioso, lo stigma del contagiato, il martirologio di alcune figure chiave della propaganda mentre masse di africani morivano nel disinteresse
generale.
Il retaggio del Novecento libertario e licenzioso che ci ha dato la sbandierata libertà dei costumi, in realtà ha imposto delle devianze come normalità, ha finito per rovesciare il senso della sessualità naturale, relegandola essa stessa, paradossalmente, ai margini della devianza, soprattutto nella sua funzione riproduttiva.
L’intellettualizzazione del sesso a partire dall’introduzione della nefasta sessuologia, ha fatto diventare la più spontanea, naturale e innata tra le attività umane una continua olimpiade delle prestazioni sempre più associata all’ansia di inadeguatezza.

Le conseguenze di questo bombardamento antierotico mascherato da libertà sessuale sono il ritiro nella pornografia e nell’autismo sessuale, l’impotenza (anche indotta iatrogenicamente da
opportuni farmaci antidepressivi) e il disinteresse ultimo verso qualcosa il cui scopo riproduttivo è stato dichiarato socialmente indesiderabile. Non posso più riprodurmi perché altrimenti il pianeta piange e non sono del colore giusto? Allora mi passa anche la voglia di fare l’amore in funzione puramente ricreativa.
In “Eyes Wide Shut” di Kubrick la coppia protagonista vive alcune avventure sessuali ma all’insegna di Mortido.

Il paradosso del titolo è proprio questo: far credere che si tratti di un film erotico quando in realtà è il Kamasutra di Thanatos. Tutto il film è pervaso dall’insostenibile contraddizione dei due istinti in lotta con un senso di prevalenza per quello di morte. Il doloroso tradimento fantasmatico di lei, vera e propria esperienza in regressione in un antico doloroso abbandono, gli incontri di lui con prostitute contagiate di AIDS, quasi uccise dalla droga, sacrificate durante riti orgiastici, con bambine dall’innocenza perduta troppo precocemente. In fuga entrambi, Bill e Alice, da ogni possibilità di ricambiare il desiderio altrui, dalle ragazze dell’arcobaleno, alla paziente innamorata, dal libertino d’altri tempi al portiere d’albergo, senza per questo essere capaci di ritrovarsi come coppia. Tutte esperienze intellettualizzate e non agite, all’insegna dell’impotenza, della negazione di tutto ciò che è normale gioia di copulare e fondersi, e che culminano nel tour contemplativo di Bill durante l’orgia, in realtà probabilmente antipasto di sacrifici umani, interrotto da chi gli ricorda che ormai possono permettersi di scopare solo i membri dell’élite mascherata, voi borghesucci dovete estinguervi nel vostro sterile bozzolo di solitudine.

Solo oggi penso però di aver capito finalmente il senso dell’ultima frase del film. Quel sorprendente “f**k” che Alice suggerisce, come imperativo categorico, al marito. “C’è una cosa che dobbiamo fare il più presto possibile: scopare”. Titoli di coda. Il colpo di scena di Eros che alla fine prevale per la via più semplice di riconciliazione tra chi si ama, e che è in grado di creare l’amore e moltiplicarlo all’infinito. La pulsione più forte, quella di vita, quella della natura. E’ quella la scelta da fare, contro la società di morte.  Un f**k che però è anche un futtitevenne per noi. Possono tentare di distruggerci, di annientarci ma noi abbiamo un imperativo categorico. Vivere.

Print Friendly, PDF & Email