IMMINENTE OFFENSIVA CONTRO IL DONBAS

I difensori del Donbass secessionista hanno osservato importanti rotazioni di truppe di Kiev dall’altra parte del fronte: dovunque, i soldati del (cosiddetto) esercito regolare, poco motivati e ancor meno equipaggiati, sono stati arretrati in seconda linea, mentre in prima linea sono stati posizionati i battaglioni speciali neo-nazisti:  Aidar, Azov, Pravi Sektor (Settore Destro),  “Donbass”, “le mitragliatrici di Maidan”.   Per i secessionisti (Repubblica Popolare del Donbas, RPD) è la conferma di un’imminente offensiva;   come l’escalation in corso in Siria (100 russi uccisi  e le altre provocazioni  americane)https://www.maurizioblondet.it/attacco-aereo-usa-siria-uccide-100-combattenti-russi/

I corpi speciali posizionati

il Pentagono o il Deep State vogliono infiammare anche il fronte europeo della loro  guerra mondiale  alla Russia. Già ai primi di febbraio  la RPD aveva segnalato che, in violazione degli accordi  di Minsk, i  comandi militari di Kiev avevano fatto convergere sulla linea del fronte  armamento pesante,  autocarri di munizioni di grosso calibro, autobotti di carburante.  Confermato  dagli osservatori OSCE a modo loro: hanno elencato le “ attrezzature mancanti nelle aree di stoccaggio” fra il 27 gennaio e il 2 febbraio 2018:

27 gennaio: sei obici da 152 mm D-20, due cannoni anticarro da 100 mm Rapira e 16 carri armati T-64 e T-72;

28-29 gennaio: quattro cannoni semoventi Gvozdika da 122 mm, due cannoni rimorchiati Ghiatsint-B da 152 mm e 33 carri armati;

31 gennaio: sette carri armati, sei cannoni semoventi Gvozdika da 122 mm e cinque mortai da 82 mm;

1 febbraio: sei cannoni semoventi Akatsia da 152 mm, quattro cannoni semoventi Gvozdika da 122 mm e otto carri armati;

2 febbraio: un  semovente Gvozdika da 122 mm; quattro sistemi lanciarazzi multipli BM-21 Grad da 122 mm e un serbatoio.

Contemporaneamente i ribelli hanno segnalato un  forte aumento dei sorvoli di droni sulle loro posizioni e sulle infrastrutture civili vitali; la loro intelligence segnala che ordini operativi preparatori di un’offensiva sono stati dati a precise unità militari stazionate sulla linea; fondi in denaro supplementari sono stati assegnati alla 57ma brigata di fanteria meccanizzata e alle 30ma;   una brigata regolare, la 128ma di montagna, s’è rifiutata di partecipare (segnalando appunto la demotivazione delle truppe normali), ed è stata immediatamente ritirata dalla zona di conflitto.

https://dnipress.com/en/posts/donetsk-states-kievs-preparation-for-spring-donbass-blitzkrieg/

In simultanea, il 12 febbraio,  Poroshenko ha dichiarato al tedesco Bild  che “Putin può scatenare l’attacco in Donbass in ogni momento”; in perfetta consonanza con l’accusa di nuovo elevata al governo siriano di aver usato i gas contro il suo popolo, tradizionale pretesto per un’invasione Usa. Un’accusa elevata, poi trattenuta, oggi di nuovo elevata da Macron (il cui parlamento ha ricevuto  con tutti gli onori i Caschi Bianchi siriani, fonti elle notizie sulle gassificazioni passate e future)

https://fr.sputniknews.com/international/201802131035132573-casques-blancs/

In  questo contesto è significativo  il fatto che Poroshenko  ha fatto espellere verso la Polonia  il georgiano Mikhail Saakashvili, la pedina del gioco americano  di  “controllo” di Poroshenko, di cui hanno fatto l’oppositore e il pretendente alla poltrona.  Ciò viene interpretato in due modi:

  • O Saakashvili non serve più per far pressione su Poroshenko, perché ormai Poroshenko ha aderito alle pressioni dei  neocon USA e dei suoi neonazi interni, accettando di lanciare l’attacco  al Donbas; 2) o ha addirittura scavalcato gli ordini americani, almeno quelli ufficiali, perché le iniziative belliche Usa, nel teatro siriano come in quello ucraino, sembrano più essere dettate da schegge del Deep State che dalla Casa Bianca.

D’altra parte l’avventura e il salto nel buio  è il solo modo con cui la junta di Kiev possa sperare di salvarsi dalla destabilizzazione interna crescente, economico e  sociale, affidandosi all’ultra-nazionalismo”.

Le azioni dell’attacco previste.

Ciò avviene mentre la presunta potenza egemone dell’Unione Europea, è senza testa, fra quella della Merkel che si aggrappa al potere e quella di Schulz, che  ha aderito ad una “grande coalizione” non solo usurata, ma contestata dalla stessa base socialista.  Un governo occupato a rappezzare le sue fratture interne, che non avrà tempo per l’Ucraina – il che può essere persino una buona scusa per non decidere  niente.

Print Friendly, PDF & Email
  • Danilo Fabbroni

    IL CANNIBALISMO SU SCALA GLOBALISTA

  • alfredo monti

    E Trump che dice? Non si capisce se ha qualche potere o è solo un burattino.

    • Danilo Fabbroni

      TRUMP è IL VERO DON ABBONDIO DEI NOSTRI TEMPI!

    • Agos Man

      Trump non conta quasi più niente, è continuamente sotto pressione, tallonato dai grandi media interni e internazionali, vilipeso continuamente da rumorose frange della popolazione pseudo-sinistroide plagiata da un establishment seriamente depresso e che non accetta di aver perso le elezioni e non vuole Trump alla Casa Bianca, minacciato da una inchiesta ridicola che vuole la Russia come presunta responsabile, (ma è solo un diabolico pretesto), accerchiato e detestato dagli stessi notabili Repubblicani, oltre che dai Democratici, inviso ai governanti e ai poteri forti europei venduti alla finanza e alle stesse forze occulte che controllano il denaro mondiale ed hanno pianificato da tempo una strategia per governare il mondo. Non facciamoci illusioni questa strategia la porteranno avanti con o senza Trump il qual,e allo stato, è sicuramente d’impaccio per questa gente, è la pietra d’inciampo che prima o poi verrà rimossa. Come cattolico autentico non bergogliano, devotissimo alla Vergine di Fatima e alla Tradizione sono convinto che Suor Lucia parlasse con cognizione di causa quando diceva che Dio si servirà della Russia per punire il mondo. Non so se sarà la Russia di Putin o quella di un suo successore ma so che sarà così e quel che è peggio è che l’accelerazione degli eventi in atto fa pensare che possa essere persino imminente. E l’Europa pagherebbe un prezzo altissimo in termini di sangue e distruzioni neanche lontanamente paragonabile con la sciagurata ultima guerra mondiale. E senza scomodare Irmaier.

    • Gianni Bi

      Si comporterà come il Berlusca quando aveva tradito la Libia di Gheddaffi ?

  • farouq a

    Come in una partita a scacchi, Putin ha appena finito di pulire la scacchiera da un bel po’ di pedoni neri dell’isis, ora tocca ai neri, il re nero sionista ha da poco ricevuto diverse minacce dagli alfieri di Putin ed ora manda avanti la regina americana su due fronti supportata da pedoni curdi ed ucraini, l’arrocco di Putin tiene, vedremo

  • Nabir oBar

    E non ci dimentichiamo che la false flag potrebbe essere già bella e pronta, i famosi attori russi per le esercitazioni nato
    https://www.maurizioblondet.it/la-nato-si-sta-preparando-guerra-alla-russia-maniera-allarmante/
    https://sputniknews.com/europe/201703301052122828-german-russian-speaking-actors/

    • Danilo Fabbroni

      LA “SINFONIA DEGLI IMPOSTORI” è ORMAI ALL’OPERA!

  • learco

    Dietro a tutta la faccenda c’è il solito premier israeliano che alterna un colpo in Siria e uno in Ucraina per spingere Putin ad allontanare i pasdaran iraniani dal confine con la Galilea.
    Trump può solo obbedire perché il finanziamento della sua campagna elettorale proviene in buona parte dal re di Las Vegas, Adelson e dai fratelli Koch, tutti amici di Nethanyahu, a sua volta avversario del clan Obama-Clinton che fa riferimento ad un altro gruppo di miliardari ebrei, quello liberal-globalista dei Rothschild-Soros.
    Gli ucraini hanno già provato diverse volte a sfondare il fronte del Donbass con scarsi risultati.
    Se questa volta dovessero farcela, Putin sarebbe costretto ad intervenire in modo scoperto per puntellare gli alleati e i media occidentali verrebbero immediatamente attivati per una campagna mondiale di accuse a Putin.
    È la trappola mediatica quelle che il leader russo teme di più e che lo costringe ad agire con la massima prudenza.

    • Backward

      Ma Putin è demonizzato a prescindere. Non ha occupato la Crimea, ma viene accusato di averla occupata. Non è certo la paura della stampa a dettare le sue decisioni.

    • Nicola

      A proposito di Nethaniahu ” l’onnipotente ” come vanno iinterpretate le recenti accuse di corruzione ? Possibile che questo grande manovratore di guerre globali venga infastiditio da quisquilie di vil danaro di cui peraltro non creda sia deficitario. Potrebbe essere che venga trombato perchè incapace di mettere in riga Putin?Trovo comunque quantomeno strana la vicenda giudiziaria.

      • Andrea Catalano

        La vicenda dimostra chiaramente come Israele sia piuttosto infiltrato da asset stranieri (europei ?) e che dietro al NWO ci sono agenzie che spesso usano le lobby ebraiche come efficace copertura. Ricordiamoci che la crisi Ucraina è e resta una operazione egemonica tedesca per espandere l’UE a est. Anche nella crisi siriana è facile scorgere la mano germanica visto che la Turchia è il principale cliente militare (e strategico) di Berlino in medio oriente.

        • Eleonora Ferrari

          hai detto bene . ma in quanti si sono accorti che la merkel fa la buonista ma in realtà è una stalinista hitleriana ? certo che si attaccano a improbabli sistemi di corruzione , esattamente come stanno facendo in italia i sinistri contro 5stelle . ma che cavolo interessa all’europa quello che succede al 5 stelle ? una prossima occupzione a nostro danno visto che la genio in gonnella ha detto che i militari in italia non servono ? tutto collegato . macron parla a vanvera , merkel si adagia nella sua ciccia , e putin viene insultato a gogo e sarà l’unico che riuscirà a difenderci dalla egemomia tedesca e ucraina . ho letto bene sia l’articolo che i commenti .

  • sea

    La tensione va indubbiamente aumentando , oggi in ZeroHedge leggevo che il Deputy Prime Minister Arkady Dvorkovich ha detto che la Russia e’ pronta in caso chiudessero lo Swift (transazioni internazionali) , hanno infatti creato il loro proprio Sistema di transazioni.
    Il fatto che una persona importante del governo parli seriamente di questa possibilita’ e’ molto grave, infatti il direttore della piu’ grande banca russa disse che se succedesse sarebbe l’equivalente di una dichiarazione di Guerra e avrebbe conseguenze di una gravita’ mai vista fin’ora, nemmeno durante I peggiori momenti del la Guerra fredda.
    Si vedra’, ma purtroppo non sembra proprio il caso di essere ottimisti poiche’ in occidente ( specialmente USA) sono al potere un gruppo di persone che si possono tranquillamente definire estremisti.

    • Nabir oBar

      e il 26 marzo la Cina immetterà sul mercato i futures sul greggio

      • sea

        Per cui nessuno sa cosa succedera’ nel mar della Cina ( leggasi Nord Korea) dopo le olimpiadi invernali

  • disqus_VKUtLIms5T

    HANNO SCAMBIATO L’EUROPA PER GAZA…traetele voi le conclusioni…

    • Danilo Fabbroni

      ESATTISSIMO! ALTRIMENTI A COSA SERVIREBBE “IMPORTARE” CON DEPORTAZIONI FORZATE MASSE DI MUSULMANI IN STRETTA CONVIVENZA GOMITO A GOMITO CON NOI?

    • farouq a

      Quel che è peggio è che i sionisti hanno scambiato l’intero pianeta per la terra promessa, per soli sionisti ovviamente, esistono molti movimenti ebraici antisionisti che non vogliono partecipare all’avventura sionista, ma i sionisti sono ormai in maggioranza come afferma il loro Shlomo Sand nel suo libro “L’invenzione del popolo ebraico”, con la nuova religione Mosè è diventato una figura secondaria, dove è il suo popolo ora? perché non si ribella alla nuova religione dello sterminio?

  • Vamos a la Muerte

    Ripeto quanto scritto già altre volte: essendo stato il Colpo di Stato in Ucraina pianificato e messo in pratica “stranamente” proprio durante le Olimpiadi Invernali di Sochi 2014 quando il Presidente Russo era in altre faccende affaccendato, non mi stupirei affatto se per l’offensiva nel Donbass i Nazistoidi Ucraini aspettassero l’inizio dei Mondiali di Calcio in Russia previsto per il prossimo 14 Giugno. Sarebbe una riedizione stantia di quanto accaduto 4 anni fa ma non è che gli Imperialisti coi loro scagnozzi al seguito brillino in fantasia.
    Oppure potrebbero attaccare a Maggio per cercare di sabotare i Mondiali…
    Proprio in questi giorni gli Atleti Russi non possono gareggiare per la propria Patria ma sotto le insegne neutre del CIO che, prono ai desiderata di Washington, ha umiliato Mosca facendo così salire ulteriormente il livello di Tensione in vista di una Grande Guerra Mondiale…
    E comunque, Siria e Ucraina sono strettamente interconnesse tra di loro: la Russia non può assolutamente cedere su entrambe le questioni perché, in tal caso, gli Imperialisti USA non avrebbero più remora alcuna ad attaccare la Russia.
    Si prevedono Tempi Nerissimi per il Mondo…

    Gianluca

    • Giuseppe

      Sono d’accordo con te. Io non so cosa esattamente succederà e quando. Ma mi sembra di essere convinto che Siria e Ucraina sono strettamente intrecciate. La Siria per ciò che riguarderà l’Iran e il mondo musulmano, l’Ucraina per ciò che riguarderà l’Europa. Una seguirà l’altra.
      In questo scacchiere l’Europa ha deciso (evidentemente) di fare la parte della non pervenuta. Ne pagherà le conseguenze.

    • Loris Rinaldi

      POSSO copiare e incollare il tuo commento sulla mia pagina fb?

      • Vamos a la Muerte

        Nessun problema.

    • Sidereus

      Il governo ucraino ha il diritto di ricondurre sotto la sua sovranità i territori illegalmente separatisi. La Russia ha perpetrato in Ucraina crimini internazionali per i quali è stata, legittimamente, sanzionata.

    • Sidereus

      Ah, a proposito degli atleti russi: se si drogano come ai tempi del comunismo e anche di più, è normale che vengano estromessi.

  • farouq a

    L’unico posto al mondo in cui potrebbe portare dei vantaggi una rivoluzione colorata è l’Europa occidentale, Soros lo sa, lui usa le rivoluzioni solo per sottomettere quindi in Europa occidentale non serve

    • Giuseppe

      L’Ungheria sta preparando una nuova misura di leggi, assolutamente ragionevoli, volte a contrastare gli assalti di questo criminale che non muore mai e la stampa italiana (oggi Mentana col suo tg) prende le difese apertamente del criminale, dipingendolo come un generoso altruista.
      E la mia gastrite si impenna

      • farouq a

        Ma io intendevo una rivoluzione ben colorata e non alla Soros

        • Giuseppe

          Si, chiaro.
          Solo che avevo appena finito di sentire per sbaglio il servizio di La7 sulla “cattivissima” Ungheria e il filantropo Soros. Dopo aver letto il suo nome qui mi è partito il disgusto
          In Italia ha fatto tanto danno e male. Un Paese serio lo avrebbe incriminato e confiscato i beni. Invece lo premiamo e lo osanniamo.

          • Eleonora Ferrari

            paese serio il nostro ? sei comico e al mattino fa bene alla salute .

          • Giuseppe

            Più che comico sarei semmai amareggiato. Non che abbia scoperto oggi la caratura del nostro Paese, ma sempre male fa averne evidenza o per storie vecchie o per notizie nuove.
            Spiace che questo sentimento venga scambiato per comicità

          • Eleonora Ferrari

            SCUSAMI GIUSEPPE , MA LA MIA ERA UNA BATTUTACCIA . ormai sono 70 anni che non mi amareggio più e solo vedendo il lato comico tragico della vita che riesco ad andare avanti . buona domenica e auguroni

          • Giuseppe

            Si, lo avevo capito dal “mi piace” che mi avevi messo.
            Solo che mi sento così amareggiato, così umiliato. Fiero di essere italiano e una parola che non mi può appartenere più, ma mi manca tantissimo.
            Ad ogni modo, nessun problema e scusami se ho equivocato

          • Eleonora Ferrari

            vedi egregio signore non ti devi scusare almeno con me . ti capisco e comprendo la tua amarezza nella costrizione di non poter dire che siamo italiani . pazienza . un abbraccio e te e famiglia che immagino meravigliosa

      • Massimo

        …Chi?…Mentina?…ma per favore…è solo un’altro della serie “gli incredibili” (…da ascoltare per farsi due risate…). I “filantropi” che vanno offrendo i soliti trenta denari (…stessa strategia di sempre: corrompere, tradire), non hanno portato molta fortuna ai “loro”, nel corso del Tempo…La storia, si ripete. Sempre…Bisogna avere pazienza. E non perdere la Speranza.

      • Gianni Bi

        E’ in busta paga di Soros anche Mentana, non di certo dirà che é un tiranno .

  • Matty Ninty

    Irlmaier :”… Ma la scintilla vera scoppierà nei Balcani: “Vedo ‘uno grosso’ cadere, un pugnale insanguinato giace dietro di lui……”