I GUAI DI TRUMP FRA JARED E COHEN

Bisogna recuperare un po’ di notizie

Sui travagli di Donald Trump, messo nei guai dal suo avvocato e “consigliori” mafioso Cohen, e dal bel genero,  Jared Kushner.

Cominciamo dal secondo:

Il complotto di Jared per dare l’Atomica all’amico re saudita e farci dei soldi

L’ha  scoperto la Commissione della Camera (bassa) per la supervisione della spesa pubblica:   un piano per vendere all’Arabia Saudita tecnologia nucleare, aggirando la legge americana che vieta il trasferimento di tecnologie nucleari militari a paesi terzi.

Alla base della trama una ditta-ombra, chiamata  IP3 International.  La quale ha presentato al principe della corona, il ben noto Mohamed Bin Salman, un progetto definito “Il Piano Marshall del 21mo secolo per il Medio Oriente”, detto anche Iron Bridge, Ponte di Ferro.

Impressionante la lista dei   capi della  IP3 International  che hanno firmato l’impegno col saudita:  generale Keith Alexander,  generale Jack Keane,  dal contrammiraglio Michael Hewitt,  e Bud McFarlane nonché dai dirigenti di sei società – Exelon Corporation, Toshiba America Energy Systems, Bechtel Corporation , Centrus Energy Corporation, GE Energy Infra e Siemens USA.

 

Dei Dottor Stranamore  sopra elencati, il più   significativo è Robert “Bud” McFarlane: un nome  del passato quasi leggendario.  Eccolo   qui,  ultraottantenne, (è del 1937) ancora a tramare in armamenti. Fu lui infatti che  ai tempi di Ronald Reagan, come consigliere della sicurezza nazionale,  architettò ed operò il losco e complicatissimo scambio di armi vendute all’Iran  (in violazione dell’embargo in vigore)  e per finanziare i Contras antisandinisti  in Nicaragua,  passato alla storia nera come   lo scandalo Iran-Contra, per cui   “Bud” fu condannato alla galera, ma perdonato dal presidente, che nel frattempo era diventato l’ex capo della CIA George  H. Bush.  Esattamente come Elliott Abrams  anche lui  pardoned, perché da  assistente del segretario di stato reaganiano  si coinvolse nell’Iran Contra e  in genere,   in tutte le trame di intervento armato, palese ed occulto degli Usa in America Latina: anche lui lo si poteva credere morto e invece lo troviamo, nominato da Trump   “special envoy” per il Venezuela, dove sicuramente sta applicando i suoi noti metodi in intervento palese ed occulto.

McFarlane, classe 1937.

Questi personaggi  sono, per così dire, la   prima generazione di neocon, militari o diplomatici  sovversivi dell’ordine mondiale nel presunto interesse degli Stati Uniti –  erano  usciti di  scena dagli anni ’80.  I buoni uffici di Jared  hanno consentito loro di ricomparire a fianco di Trump, dove possono esplicare il loro rinomato know how.

Ma  l’uomo di punta della IP3 è stato, lo credereste? Il generale Michael Flynn, quello che Trump   fece suo primo consigliere della sicurezza nazionale, l’uomo dell’intelligence militare, che poi dovette abbandonare la Casa Bianca perché aveva mentito su suoi incontri con l’ambasciatore di Mosca a Washington.  Orbene, Flynn ha viaggiato in Arabia Saudita per conto della IP3 per organizzare l’insediamento di sei centrali nucleari, formalmente per la produzione di energia elettrica.

Ciò  apre uno spiraglio in un fatto taciuto, ma molto importante  nelle distorsioni della politica estera USA: questi generali in pensione, o caduti in disgrazia, devono pur cercarsi un lavoro e uno stipendio – e lo trovano nelle imprese del settore militare-industriale o nel lobbismo politico-militare,   indifferentemente israeliano o saudita (che paga di più).  I nuovi (o vecchi) datori di lavoro utilizzano volentieri le competenze che hanno acquisito nelle guerre segrete, e conoscenze con i generali ancora in servizio, che questi  sanno contattare amichevolmente, e  che una volta in pensione, anche loro vogliono procurarsi “consulenze”: molte decisioni politiche nascono a questo livello.

Decisioni fatali, come quella di fornire l’Arabia Saudita della bomba  atomica,  in cambio di compensi di “miliardi” di dollari.

La Commissione della Camera ha appurato che il piano è promosso da Jared Kushner,  al quale i congiurati hanno affidato il compito di sedurre il vecchio. Nel rapporto si legge che nel marzo 2017 si è tenuto un incontro: “Era presente anche un agente del National Security Council, il quale ha poi riferito  il signor Harvey stava ancora tentando di promuovere il piano IP 3″ in modo che Jared Kushner possa presentarlo al Presidente per l’approvazione “.

Il signor Harvey è Derek Harvey, Senior Director per gli affari del Medio Oriente e del Nord Africa al Consiglio di sicurezza nazionale; il quale ha assunto il piano di armare con l’atomica i sauditi come parte di quello che hanno fatto passare come  Piano Marshall per il Medio Oriente.

Una guerra nei Balcani? Per salvare il Deep State

Anche perché  il Deep State di prima,  quello di Obama e Hillary Clinton, si sente in pericolo. Adesso per esempio sta per andarsene Dan Coats, nominalmente il direttore della National Intelligence (DNI) ossia l’uomo che coordina  tutte le decine di agenzie di spionaggio e ne riferisce, unico, al presidente. “E’ l’ultimo rimasto della vecchia guardia dei mafiosi”, spiega Umberto Pascali: “Brennan (CIA) è andato, Comey (FBI) è andato; ed ora l’intero apparato mediatico  sta difendendo l’ultimo, Dan Coates appunto, che è in scadenza. Senatori democratici e repubblicani insieme, perfettamente bipartisan, ingiungono a Trump di non mandare via  Coates”  –  con   un fuoco di sbarramento troppo anticipato, tanto da sorprendere lo stesso  Donald. Il quale s’è sentito chiedere  dai giornalisti come mai voleva liberarsi del direttore del DNI, e lui: “Non ci ho nemmeno pensato”.

Dan Coats

Il punto è che Coates è impegnatissimo in queste settimane a cercare di provocare un conflitto nei Balcani – e far diventare la mai guarita piaga del Kossovo una vera guerra dei serbi  contro gli albanesi.  Il Deep State  ha bisogno di  una guerra subito.  Del conflitto serbo-albanese  daranno la colpa a Putin.  Anzi Coates s’è portati avanti e lo ha già fatto: in un rapporto al presidenet ha “previsto” che i Balcani sono a rischio di conflitti a bassa intensita, fino a sfociare in un conflitto aperto nel 2019, perché “la Russia cercherà di sfruttare le tensioni inter-etniche e gli alti livelli di corruzione per impedire ai paesi della regione di spostarsi verso la UE e   la NATO”. Ovviamente, invelenire le tensioni interetniche è proprio la specialità  del Deep State, come abbiamo visto in Irak e Siria, Libia e Ucraina. Aspettiamoci le fiamme nell’ex Jugoslavia.

https://srbin.info/2019/02/01/americka-tajna-sluzba-upozorava-rat-na-balkanu-izbice-ove-godine/

Anche perché la limitata capacità di attenzione di Donald Trump è concentrata sulle “rivelazioni” che fa al Congresso il suo avvocato delle faccende sporche Daniel Cohen. Il quale, confessatosi colpevole  di molteplici porcherie, per ridurre la sua pena sta facendo il possibile per rafforzare il teorema dell’inquisitore Mueller: il Russiagate,   il fatto che Trump sarebbe una pedina di Putin. Un teorema  già per conto suo scaduto,  che non riesce a tenere in piedi. “Non posso fornire alcun esermpio concreto di collusione coi russi”, ha dovuto ammettere. Ma in compenso ha spiegato per filo e per segno tutti i lavori sporchi che ha fatto per Donald, fra cui il pagamento (già noto) della escort di lusso…

Cohen contro Trump ha detto due verità

Della testimonianza di Cohen – uno  che mente come respira: è  il suo mestiere – val la pena di ritenere tre cose.

La  foga con cui si guadagna  il pubblico progressista, insultando Trump: “Voi non lo conoscete, io sì! E’ un razzista. E’ un truffatore, Un imbroglione. “Lo scopo di tutto nell’organizzazione Trmp è di proteggere Trump, e di mentire per questo.  Ogni giorno, andando al lavoro, sapevamo che ci andavamo per mentire su qualcosa, su qualunque cosa, e  lo avremmo fatto per lui. E questo è diventato la norma,  questo è quello che avviene attualmente in questo paese ….Questa distruzione della nostra civiltà nei nostri rapporti è diventata incontrollabile”.

L’onesto avvocato Cohen

Una sacrosante verità (da quella bocca!):  che vale per qualunque staff di qualunque miliardario che ha fatto fortuna nel capitalismo terminale. Mentire e mentire su qualunque cosa. Infatti anche Marc Zuckerberg  ha comprovatamente mentito al Congresso,  ovviamente con il suo staff, cosa che però non lo ha fatto incriminare.

https://edition.cnn.com/2018/12/21/opinions/mark-zuckerberg-misled-congress-privacy-nyt-alaimo/index.html

Le  altre cose interessanti  che  ha detto Cohen sono:

che Trump ha continuato a farei suoi affari (alberghieri) in Russia anche durante la campagna elettorale, perché “nemmeno per un secondo ha mai creduto di poter vincere le elezioni”, “lui di politica s’è sempre infischiato”, quindi  pensava che sarebbe tornato al business  dopo la campagna.  E’ la tesi sostenuta anche da Michael Moore: The American Berlusca sceso in campo  per difendere le sue aziende, e trovatosi ad intercettare l’incredibile onda di rabbia popolare, la gigantesca marea  che lo ha portato alla Casa Bianca – dove non sa esattamente quello che fa, non controlla gli apparati e  governa per  twitters. E’ una tesi di cui tenere conto.

L’altra cosa che ha detto Cohen e vale la pena di  annotarsi, è: “Io ho davvero paura che non ci sia la possibilità di una transizione pacifica se Trump è sconfitto nelle elezioni del 2020”.  Probabilmente, Cohen intende che Trump, con un twitter sia in grado di accendere  la marea di rabbia popolare  che l’ha elevato alla presidenza , e provocare  o un colpo di stato, o una guerra civile  – o comunque tremendi disordini  in un paese lacerato e immiserito dalle guerre e dalle iniquità del capitalismo terminale.

 

Print Friendly, PDF & Email