E’ STATO PROPRIO L’ISIS. LO DICE AMAQ.

Così, siamo  stati informati che il “cervello” delle stragi islamiste  anti-cattoliche è morto anche lui negli  attentati. Come tutti gli altri. Era l’unico di cui  l’ISIS  ci aveva reso nota la faccia, diffondendo foto come  questa  attraverso la sua agenzia, Amaq. Sì, perché – come ricorderete –  l’ISIS ha la sua propria agenzia di stampa, Amaq News International.  Agenzia che non si lascia però facilmente raggiungere da chiunque, essendo clandestina e segreta – com’è logico  per una organizzazione terroristica. Di fatto, solo il SITE  di Rita Katz riesce a trovarne i comunicati nel labirinto (credo) della darknet.

Zahran Hashim, si chiamava. Ma s’è fatto saltare anche lui. senza alcuna necessità, accompagnando l’altro kamikaze.

Anche stavolta il SITE ha fatto il suo egregio lavoro e abbiamo tutte le facce degli attentatori-kamikaze, che sono tutti morti quindi è inutile cercarli.  E’  un vero peccato  che i kamikaze islamisti si siano tutti coperti la faccia con  la stessa kefiah : a  che scopo poi, se tanto sapevano di  morire? Perché non si sono mostrati? Che cosa  avevano da temere, ormai?

Un  malfidente potrebbe insinuare che  sia tutta una sinistra mascherata. Ma  noi no. Anche sotto lo straccio  per asciugare i piatti con cui si sono coperti il volto, vediamo che sono loro, i Terroristi Islamici.  Lo abbiamo capito subito, perché Enrico Mentana ha mostrato questa foto (senza la sovrascritta SITE),   li ha indicati come i kamikaze (sono morti, non cercate oltre) e quindi – può forse Mentana esibire una simile foto senza  aver controllato le fonti? E’ un grande e serio giornalista. Quindi sono proprio loro.  Se guardate bene, vedrete le loro fattezze.  Potete  riconoscere per esempio  il terrorista che in un altro video “ufficiale”, s’incammina verso la chiesa  dove si  farà  esplodere. Beninteso non lo vediamo esplodere, il video finisce prima. Ma è lui, proprio lui. Vedete che  ha lo zaino esplosivo. Tutti i tg  dell’Occidente  hanno mandato questo video: quindi significa che è tutto vero.

E’ lui. Ha anche il cerchietto rosso.

E la polizia e le forze speciali cingalesi? Stanno  arrestando, scoprendo, ammazzando in casa decine di terroristi musulmani e loro affiliati – una rete enorme per una minuscola minoranza  –  con grande successo. Si vede che sono state addestrate dal Mossad  in tutti questi  anni.   Il minuscolo gruppo jihadista ha avuto sostegni internazionali, ma nulla  viene precisato su tali sostegni: del resto che bisogno  c’è? E’  stato l’ISIS,  lo ha rivendicato lo stesso I’ISIS tramite Rita Katz.  Il cervello è morto,  dunque cosa andate a cercare.

Anzi, ci sono buone notizie. Il numero dei cristiani morti ammazzati dall’ISIS sono diminuiti:  cento in meno.   E’ facile sbagliare i conti dei cadaveri nella fretta. Adesso il numero diventa più normale,  l’attentato medio ISIS in Irak per esempio,  o in Siria quando l’ISIS era  armato dalla CIA.

Resta un mistero, uno solo:  l’attentato avvenuto a Batticaloa  contro cristiani sì, ma protestanti.  Batticaloa è lontanissima da Colombo, dalla parte opposta dell’isola. Ai tempi in cui frequentavo Sri Lanka, era zona di guerriglia tamil, era persino  difficile andarci, la polizia ti bloccava sulla strada,  nessun autista cingalese ti ci portava. Per di più, l’attentatore suicida ha colpito una chiesa cristiana sì, ma di una denominazione protestante particolare: si chiama Zion Church, chiesa di Sion.

A Batticaloa hanno sbagliato: volevano una strage di cattolici  e invece ..

Ora, l’inviato del Daily Mirror ha raccolto informazioni sul posto, ed ha appurato che il kamikaze islamico mirava  a fare strage nella chiesa cattolica  ANCHE Lì. “ I residenti hanno detto che un personaggio sospetto si era recato prima alla St. Mary’s Catholic Cathedral sulla stessa strada [….]  alle 8.30 del mattino ed ha fatto domande sulla Messa. Un sacerdote cattolico ha detto che il sospetto era stato visto anche in agguato intorno alla cattedrale  anche  il giorno precedente.  Ragion per cui  “Il sacerdote  ha  anticipato la liturgia  di Pasqua, e ha cominciato alle 7 del mattino anziché alle 7.30. Così alle 8.30 la maggior parte della congregazione se n’era andata “, ha detto. Ha aggiunto che quasi 1000 persone hanno partecipato alla messa cattolica la domenica di Pasqua.

Quando il sospettato apprese che la massa cattolica era finita e che la maggior parte della congregazione si era dispersa, si era diretto verso la più piccola Chiesa di Sion a circa 50 metri lungo la strada.  Lì ha fatto domande al pastore Stanley tali, da indurre il pastore a tenerlo fuori dalla chiesetta: lì si è fatto esplodere, uccidendo gli astanti, fra cui molti bambini.

http://www.dailymirror.lk/news-features/Zion-Church-blast-Batticaloa’s-episode-with-a-‘dangerous-seeker’/131-16582

Cosa è la Chiesa di Sion? Si tratta di  una congregazione che si definisce “carismatica”, un derivazione pentecostale di un  gruppo metodista americano. Il suo fondatore, nel 1972, è un tale “reverendo Impam Moses”, il quale  secondo le scarne informazioni  sta attualmente in Canada.   Ma  là a Batticaloa ha operato guarigioni e miracoli invocando lo spirito . Fra cui un  miracolo  merita speciale menzione:  ha reso tutti i suoi fedeli ed adepti locali, fanatici sostenitori dello Stato di Israele.  Ne ha fatto dei veri neocon, come il “cristiani rinati” Usa.  Al  punto   da organizzare sfilate come quella  del video, avvenuta   nel 2015, con gran sventolio di bandiere israeliane  –  commovente solidarietà  anche se alquanto incongurua in questa spiaggia tropicale sull’oceano Indiano.

 

Strano no?  Il kamikaze islamico voleva proprio colpire la chiesa cattolica anche lì. Ed ha finito per devastare la parrocchia più pro-israeliana dell’isola.

https://www.facebook.com/zionfm.lk/posts/revimpam-moses-wrotelest-we-forgetthis-is-a-place-where-then-lord-sent-us-to-pio/984540321642663/

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email