A CRETA PASSO’ UN UOMO – 6 MILIONI DI ANNI FA.

Un uomo ha lasciato  le sue impronte sulla sabbia di quello che forse era una spiaggia, forse il letto di un fiume asciutto, nella zona di Trachilos,  Creta Occidentale. Un uomo dai piedi nudi identici a quelli nostri. Solo che lui passò là 5,7 milioni di  orsono, quando secondo la paleontologia non dovevano esserci uomini, ma al massimo “ominidi”.  La famosa Lucy indicata come nostra antenata, è di un paio di milioni di anni più “giovane”  della persona (o persone) che passeggiarono a Trachilos,  e di cui presumiamo di cui presumiamo dovesse essere discendente. Lo Ardipitechu Ramidus, di 4,4 milioni di anni  fa, ha lasciato le sue impronte in Etiopia: ma sono le impronte di una scimmia, anche se lo si addita come “diretto antenato dell’uomo”.

Due orme dello stesso individuo mentre sostava.

Invece le orme del passeggiatore di Creta, lunghe  media 21 centimetri, sono inequivocabili:  sono l’impressione di due “bulbi” distinti tipicamente umani (uno è il calcagno, l’altro l’alluce, che lasciano tracce globulari);  l’alluce non è opponibile; le dita più piccole sono tutte parallele, e –   fato degno  di nota – non mostrano di aver avuto artigli.

Le foto qui permettono di confrontare l’impronta di orso (in alto) con quella di un  ominide non antropomorfo (in mezzo) e dell’uomo di Creta  (G) a fianco di un piede contemporaneo.

Sono convincenti per sé. La datazione è stata fissata anch’essa in modo certo,  grazie all’esame dei pollini fossili  imprigionati nello stesso strato di quella che fu un tempo sabbia o fango.

Questa scoperta non solo distrugge la teoria (dovremo dire la narrativa) della “nascita” dell’uomo dall’Africa, come evoluzione di scimmioidi che avrebbero adottato a poco a poco la posizione eretta, e “perciò” (sic) sviluppato un cervello di grandi dimensioni; suggerisce anche l’esistenza antichissima dell’uomo già “perfetto”, al di fuori della narrativa evoluzionista; quasi a conferma dell’antica idea che l’uomo sia in qualche modo il modello “archetipo”,  ideale platonico,   che le altre forme animali “imitano” in  modo sempre più imperfetto quanto più si allontanano dall’Asse di quella ideale forma. In questo senso si potrebbe dire  paradossalmente che è la scimmia a discendere dall’Uomo, come copia più approssimata.

L’impronta di Creta.

Non  stupisce apprendere al professor Per Ahlberg dell’Università di Uppsala, coautore della scoperta,  che “abbiamo faticato ad ottenere la pubblicazione  del  rinvenimento:  l’antichità  e la localizzazione  delle impronte le ha rese controverse”  agli altri studiosi  evoluzionisti.  Dovevano essere in Africa,  e dovevano essere più giovani dell’ominide etiopico. Altrimenti  disturbano  la  narrativa, come è già avvenuto per l’Homo Antecessor,  trovato alla Gran Dolina in Spagna, che non  è permesso datare per come è, 1,2 milioni di anni fa, perché la sua dentatura è quella di un contemporaneo.

(Qui l’articolo originale, anche per i dettagli tecnici sulla datazione:

http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S001678781730113X)

 

Tre orme ben coservate a Creta

 

Print Friendly, PDF & Email

118 commenti


    1. Anche Blondet crede alle favole evoluzioniste ….. Assurdo !
      Anche Blondet da per certo la favola parascientifica della datazione del carbonio 14 . Ammesso e non concesso che quelle fossero per certo orme umane, cosa tutta da dimostrare non con chiacchiere ma scientificamente. Il carbonio 14 non data proprio nulla !!!! Eminenti studiosi americani, hanno dimostrato platealmente , ma nessun vuol divulgare…., come quelle rocce che i paleontologi dichiaravano , senza la ben che minima prova , se non il carbonio 14 , che avessero milioni e milioni di anni , questi scienziati americani non illuministi hanno SCIENTIFICAMENTE dimostrato che sono iniziate a formare il secolo scorso con prove scerte !!!!!!!! Infatti dove non passava un fiume , per certo, un secolo fa non c-erano rocce , poi la da che e passato il fiiume /deviato dall umo / la velocita delle acque ha permesso in pochi anni la formazione di quelle rocce che loro datavano a milioni di anni fa . Stessa discorso bisogna fare per l uomo !!!!! Le prime forme di comunicazione e di scrittura risultano essere di 2500 anni fa . Al massimo arriviamo al 3000 a. C. non di più , come vengono questi a raccontarci , compreso Blondet che sono vissuti uomini milioni di anni fa ? Basta a essere turlupinati dagli evoluzionisti , aprite gli occhi e cercate di capire più la Bibbia !!!!!! Ne va di mezzo la vostra fede !


      1. Sono d’accordo secondo la Bibbia l’uomo sarebbe stato creato oltre 6000 anni fa.Le chiacchiere stanno a zero,i fatti ormai li conosciamo bene,viviamo su una sfera sospesa nel vuoto e tutti quelli che vi camminano sopra sono morti viventi,zombie.Ma c’è un però,questa condizione pessimistica figlia della superbia può comunque essere ribaltata,semplicemente ammettendo quantomeno l’esistenza di un essere con un’intelligenza superiore in grado di dare una spiegazione al mistero infinito che circonda questa palla azzurra.L’ottimismo di fondo che abbiamo ci viene proprio da questa consapevolezza inconscia definita fede,la nostra logica infatti,pur ricordandoci che abbiamo capacità cognitive nei confronti dell’Universo paragonabili a quelle di una zanzara rispetto alla Terra,non ammette che tutto possa essersi generato dal nulla e ci segnala dunque che,pur se non nelle nostre corde,esiste sicuramente una soluzione dell’arcano.Il peccato originale non sarebbe altro che la ribellione che i primi zombielle prima di noi armarono per divenire indipendenti dal loro Creatore,ma lo vediamo tutti i giorni di quali nefandezze poi sono stati e sono capaci,lasciati liberi di scegliere.Per questo sarebbero stati condannati alla vita terrena in un recinto ben definito ( soltanto la Terra è stata loro sottomessa aldifuori dell’atmosfera galleggiano quando si vestono da astronauti ) dove rendersi conto,indipendenti da chi li ha creati,perchè ciò non è possibile nonostante siano stati messi a conoscenza dei precetti che glielo permetterebbero che naturalmente interpretano a loro uso e consumo.Ecco quindi che per gli zombie vivere nel giusto potrebbe non essere vano,la morte infatti,probabilmente,potrebbe rivelarsi non la fine ma bensì l’inizio di una vita dove ci saranno cose mai viste e mai udite secondo quanto riporta il Vangelo sulla cui essenza sovrumana personalmenteb non ho motivo di dubitare.


      2. Sono d’accordo secondo la Bibbia l’uomo sarebbe stato creato oltre 6000 anni fa.Le chiacchiere stanno a zero,i fatti ormai li conosciamo bene,viviamo su una sfera sospesa nel vuoto e tutti quelli che vi camminano sopra sono morti viventi,zombie.Ma c’è un però,questa condizione pessimistica figlia della superbia può comunque essere ribaltata,semplicemente ammettendo quantomeno l’esistenza di un essere con un’intelligenza superiore in grado di dare una spiegazione al mistero infinito che circonda questa palla azzurra.L’ottimismo di fondo che abbiamo ci viene proprio da questa consapevolezza inconscia definita fede,la nostra logica infatti,pur ricordandoci che abbiamo capacità cognitive nei confronti dell’Universo paragonabili a quelle di una zanzara rispetto alla Terra,non ammette che tutto possa essersi generato dal nulla e ci segnala dunque che,pur se non nelle nostre
        corde,esiste sicuramente una soluzione dell’arcano.Il peccato originale non sarebbe altro che la ribellione che i primi zombielle prima di noi armarono per divenire indipendenti dal loro Creatore,ma lo vediamo tutti i giorni di quali nefandezze poi sono stati e sono capaci,lasciati liberi di scegliere.Per questo sarebbero stati condannati alla vita terrena in un recinto ben definito ( soltanto la Terra è stata loro sottomessa aldifuori dell’atmosfera galleggiano quando si vestono da astronauti ) dove rendersi conto,indipendenti da chi li ha creati,perchè ciò non è possibile nonostante siano stati messi a conoscenza dei precetti che glielo permetterebbero che naturalmente interpretano a loro uso e consumo.Ecco quindi che per gli zombie vivere nel giusto potrebbe non essere vano,la morte infatti,probabilmente,potrebbe rivelarsi non la fine ma bensì l’inizio di una vita dove ci saranno cose mai viste e mai udite secondo quanto riporta il Vangelo sulla cui essenza sovrumana personalmenteb non ho motivo di dubitare.

      3. Luigi Ranalli

        Carlo Eugenio, basterebbe leggere l’articolo fino in fondo e non solo fino alla parola “polline” per capire che questa scoperta dà un’ulteriore mazzata alla bufala darwinista.
        Ad ogni modo sappia che Blondet ha scritto un ottimo saggio antievoluzionista dal titolo “La Disfatta Darwinista – Uccellosauro ed Altri Animali” in cui spiega le ragioni degli scienziati creazionisti, la teoria sempre più affermata dell’ “intelligent design” e le tante contraddizioni ed errori degli evoluzionisti di ieri e di oggi.
        Poi secondo me la sua critica sull’esame al carbonio dei pollini è fondata e merita attenzione. Ma un conto è chiedere chiarimenti e spiegazioni su questo punto, un altro è sparare accuse di darwinismo a destra e a manca regalandoci peraltro un pippone chilometrico.


    2. La perfezione non esiste. Da ateo la visione è semplice. Una volta assimilato il concetto spazio temporale dell’infinito senza influenze religiose risulta facile credere al possibilismo anche senza credere necessariamente a dio o alle rappresentazioni umane dello stesso.

      1. Luigi Ranalli

        Grazie di cuore. Adesso che ci ha rivelato queste profonde verità laiche di cui è portatore possiamo dare finalmente un senso alle nostre vite.


        1. È così indispensabile che le nostre vite abbiano un senso? Si può vivere condividere e fare del bene anche senza pretendere di esserne ricompensati in un aldilà. Aldilà di che? Visione atea non laica. C’è differenza. Fa così ribrezzo sapere che c’è chi a dio non crede ed è comunque sereno e tollerante? Tollerante nei confronti di chi vorrebbe che credesse anche lui, “l’ateo”.

          1. Luigi Ranalli

            Nessun ribrezzo da parte mia, ma finchè qualcuno non riuscirà a confutare le 5 vie di San Tommaso e la dimostrazione ontologica di Dio di Sant’Anselmo non accetterò lezioncine di ateismo o laicismo da nessuno.
            Se fossimo su facebook qualsiasi frase in libertà avrebbe la stessa dignità (ovvero zero), ma in quest’ambito credo che il valore di un’esternazione si giudichi sulla base delle argomentazioni portate.


          2. Nessuna lecionzina a nessuno. Segnalo solo un punto di vista il mio. L’unica considerazione critica che mi sento di fare del pensiero del sig. Luigi Ranalli è che lo stesso contiene la stessa intransigenza e lo stesso fondamentalismo che c’è nel pensiero dei sostenitori dell’evoluzionismo. Allontanandosi dallo stesso consiglio del Vangelo sedondo Matteo “Non gudicate affinchè non siate giudicati” !

          3. Luigi Ranalli

            Mi spiace, ma glielo devo dire perchè è tipico degli atei fare pure la lezioncina di catechismo ai cattolici citando il Vangelo a sproposito. La sua citazione di Matteo 7:1-5 raccomanda in realtà di non ergersi a giudice dei peccatori perchè tutti noi lo siamo, non certo l’astenersi da qualunque tipo di giudizio e dal non avere certezze nella vita.
            Questo che lei propone non è Vangelo, ma Pensiero Debole: tutte le idee si equivalgono ed hanno pari dignità, perchè tanto nessuna di loro ha reale valore.
            Secondo me invece un’idea va giudicata, a seconda che sia vera o falsa. Se questo è fondamentalismo secondo lei pazienza, ma se scrive che la perfezione non esista, la vita non abbia senso e che per un ateo è facile capirlo e ci possiamo arrivare noi tutti, se permette controbatto e, forte delle dimostrazioni dell’esistenza di Dio da parte di grandi filosofi della Chiesa come San Tommaso D’Aquino e Sant’Anselmo, le chiedo di confutarle.
            Se lei ci riesce, io poi le do ragione.

          4. FakeNewsDebunker

            E’ chiaro che chi cita ancora le 5 supposte prove dell’esistenza di Dio di Tommaso D’Aquino non ha mai letto quello che ha pensato Kant 500 anni dopo.


          5. Sono un contadino non un filosofo. E quasi non so nemmeno cosa significhi confutare dei dogmi. Sul vero e il falso ti riporto quanto il padre di un mio conoscente libico, rimasto ferito a un piede all’età di 8 anni da una bomba di mortaio con delle scritte arabe sparate da cristiani. Di ció che senti non credere nulla e di ciò che vedi credi la metà. E io così faccio. Senza confutare né San Tommaso ne Sant’Agostino. Nemmeno Kant.

          6. Luigi Ranalli

            FakeNewsDebunker, se le 5 vie sono supposizioni per lei, le confuti razionalmente. Finora nessuno c’è riuscito, quindi buona fortuna.
            Kant, Cartesio che lo precedette e tutti i successori relegano la conoscenza della realtà alla mera esperienza e razinalità dell’individuo al punto di farne colui che la realtà la determina.
            Il pensiero autenticamente scientifico di cui Galileo era figlio invece metteva la realtà davanti all’individuo: la razionalità era strumento per conoscerla, non la fonte di essa.

          7. Luigi Ranalli

            Giovanni Camarrone, non le chiedo di confutare dogmi, ma dimostrazioni razionali. Anche i contadini posseggono la ragione a meno che non vogliano negarla.
            Il libico in questione non mi sembra un esempio adeguato di maestro di vita, ma questo rimane un mio personalissimo parere. Scusi se gli preferisco Sant’Agostino


          8. Ognuno ricava utilità da ciò è da chi più ne identifica il pensiero. Solo alcune precisazioni poi a nanna a far riposare il corpo. Vangelo la citazione di matteo e Luca riguarda il giudicare non il peccare. Viene usato anche il termine “ipocriti”. La riflessione a cui intendevo arrivasse è quella di “capire” le ragioni di chi vede le cose diversamente da sè ed evitare di arrogarsi il diritto di giudicare che gli altri abbiano torto

          9. Luigi Ranalli

            Lei adesso mi cita un passo differente dei Vangeli. Cristo dà degli ipocriti ai farisei in quanto la loro supposta fede si riduce ad atti formali esteriori senza essere autentica. Nulla a che vedere col discorso che vuole portare avanti. Anzi un bell’esempio di un giudizio schietto e motivato se vuole. Buona notte comunque e senza rancore.


          10. Ognuno ricava utilità da ciò è da chi più ne identifica il pensiero. Solo alcune precisazioni poi a nanna a far riposare il corpo. Vangelo la citazione di matteo e Luca riguarda il giudicare non il peccare. Viene usato anche il termine “ipocriti”. La riflessione a cui intendevo arrivasse è quella di “capire” le ragioni di chi vede le cose diversamente da sè ed evitare di arrogarsi il diritto di giudicare che gli altri abbiano torto o ragione. Per me le premesse di Tommaso alle affermazioni non sono dimostrAte e quindi le affermazioni conclusive viziate e pertanto non vere. Per questo le chiamo dogmi diversamente da lei. A cui si può credere ma anche no. Rimane, di fondo, un costante atteggiamento di volere, a tutti i costi, classificare il vero dal falso “misurandoli” (luca e matteo) con il metro della propria conoscenza e del proprio credo o fede come la preferisce chiamare. Io evito di farlo, mi lascio contaminare, leggo, rifletto, ascolto, imparo, seguo consigli intelligenti e mai maestri in quanto modelli da imitare. Il libanese serviva per contestualizzare l’apparenza. Una bomba con scritte arabe lanciata da cristiani (ma poteva anche essere il contrario che non cambia nulla) e capire quanto spesso il vero è mistificato dal falso e viceversa.

          11. Luigi Ranalli

            No, lei sta dando interpretazioni fantasiose e falsate di passi che molto chiari ed espliciti, inequivocabili. Si ricordi che il Cristianesimo non è la religione del dubbio e del relativismo, quello semmai è il bergoglismo attuale. Il parlare del cristiano deve essere “sì, sì, no, no” come disse Gesù, non il compromesso a tutti i costi ed il soggettivismo.
            Ho avuto la pazienza di seguirla fin qui nonostante l’ora ed il fatto che lei non conosca i Vangeli, sia ateo e venga qui ad “insegnare” ai cattolici non solo l’ateismo ma persino il Cristianesimo.
            E’ paradossale e divertente, ma il gioco è durato anche troppo. Pertanto buona notte e passo e chiudo. Se vuole continuare a tutti i costi si produca pure in un monologo.


          12. Buon giorno. I passi del Vangelo da me citati sono corretti e riguardano Matteo 7:1-5 come ha detto lei nel suo primo passaggio. Il termine ipocrita viene usato al punto 5. Quindi quando si permette di correggere lo faccia con la stessa esattezza con cui ritiene che si debba interpretare San Tommaso e non citando a vanvera la narrazione di gesù ai farisei Matteo 23: 23-29 che nemmeno lontanamente ho voluto sfiorare. Le mie non erano interpretazioni del vangelo bensì considerazioni sul suo atteggiamento che, capisco infastidiscano o forse peggio offendono, ma il mio contributo era quello di mostrarle la facciata presuntuosa (che presume di essere indiscutibiemente dalla parte della ragione) con cui espone il suo pensiero che si dimostra per l’appunto integralista. Il suo “venga qui ad insegnare ai cattolici” denota anche una delimitazione territoriale in cui solo i credenti, a suo modo di pensare, hanno diritto di transitare e di converso i non credenti se ne vadano o se ne stiano zitti. Forse non è proprio il il modo migliore di veicolare il messaggio di cristo che pur contiene (lo dico da ateo) importanti principi condivisibili. Buona giornata ora sono io che chiude baracca perchè, in ogni caso, meglio produrre qualche sostentamento alimentare che continuare a filosofare sulle vie della certezza dell’esistenza di dio.

          13. Luigi Ranalli

            Ecco, bravo, vada a raccogliere le bietole, attività utilissima, sono il primo a dirlo, e che senz’altro le più consona del filosofeggiare del senso della vita e storpiare il Vangelo a suo uso e consumo.


    1. No. L’impronta può essere stata lasciata solo al momento della deposizione del sedimento (quand’era soffice e che contiene anche i pollini che sono stati datati), la litificazione è ovviamenete successiva e ha “congelato l’impronta.


    1. Io sono convinto sinceramente ancora che la terra sia al centro dell universo , perche qui e venuto Cristo, lorsignori ancora non sono in grado di dimostrare , anzi di smentire con prove certe dove sia il centro dell universo e perché la terra non e il centro.
      Si, lo so , non e vero che la terra non sta al centro, ma ci vogliono prove scientifiche non teorie pseudoscientifiche e filosofiche .Quindi la terra e davvero al centro di tutto il cosmo divino .


    2. La curvatura NON la vuole vedere solo l’ignorante, perchè basta leggere un libro per la patente nautica o di navigazione d’altura, nei quali si trovano formule e metodi per il calcolo delle distanze di oggetti (navi e fari) distanti sulla superficie terrestre ampiamente usati da secoli direi e mai smentiti e basati sulla curvatura.

      L’ignorante non sa che già gli egizi 3000 anni fa erano in grado di calcolare il diametro terrestre con gli obelischi.


      1. La curvatura la “vedo” leggendo un libro!
        Io pensavo di vederla da un aereo, da una montagna, da un video o una fotografia….

        Potevi anche riferirti ai Photoshop della Nasa


        1. e ti pareva, ci mancava il terrapiattsmo, un’idea talmente idiota che sono arrivato alla conclusione che i terrapiattisti non esistono, o sono troll o sono bot.


          1. Lasciamo pure perdere la terra piatta, il problema è che non esiste nessuna prova scientifica (di fotografie non parliamone nemmeno) che la terra sia sferica! Si informi.

          2. Giulio

            @Giovanni Draghino: mi sono informato. Per poter credere alla teoria della terra piatta bisogna sforzarsi, nel modo più assoluto, di ignorare le più elementari nozioni di geometria.


          3. Ripeto, mi dica dove e cosa ha letto nel dettaglio e vedrà che lo demoliamo, ma non con teorie, con l’osservazione del reale! Che tali teorie contraddice.


        2. Se la terra fosse piatta, allora la mappa del mondo potrebbe essere disegnata su un foglio.
          Questo è impossibile se si vogliono rispettare le distanze fra le città e i continenti.
          Per dire un caso eclatante. Auckland e Santiago distano 10 ore e mezza di aereo (9700 km), Londra e Singapore distano 12 ore di aereo (10900 km). Eppure sulla mappa azimutale dei terrapiattisti (tipo quella dell’ONU) la distanza Auckland-Santiago è il doppio della distanza Londra-Singapore.
          Per non parlare di prove altrettanto banali, tipo che in Australia la Luna si vede al contrario che da noi, e il firmamento è totalmente diverso.
          Se uno crede veramente che la terra è piatta (saranno diciamo una dozzina di persone in tutto mondo) dovrebbe porsi seriamente il problema di girare coll’accompagnatore, altrimenti rischia che lo fermino per strada il gatto e la volpe e lo convincano che è possibile moltiplicare gli zecchini sotterrando i suoi capitali nel campo dei miracoli.
          I terrapiattisti non esistono, i finti terrapiattisti circolano sul web solo per screditare le “teorie del complotto”. Il 9/11 il mondo è cambiato, e chi chiede risposte sugli avvenimenti di quel giorno viene purtroppo screditato.

          1. GianlucaC82

            Sono assolutamente d’accordo. E’ troppo grossolano per essere qualcosa di spontaneo… Secondo me sono i servizi segreti che escogitano sté cose, per rendere alla pari le cospirazioni evidenti con i deliri.
            Ulteriore prova della sfericità della terra:
            se la terra fosse piatta non sarebbe possibile l’orbita di corpi intorno ad essa, quindi non sarebbe possibile l’esistenza del sistema gps, e luna e i satelliti sarebbero già caduti sopra di noi da tempo. Per i corpi in orbita la risultante della forza di gravità e quella centrifuga è zero. Se ci fosse solo la gravità, o se il corpo avesse velocità tangenziale nulla allora la risultante sarebbe necessariamente diversa da zero e quindi i corpi accelererebbero verso la terra come di consueto. Ma senza studiare fisica in seconda elementare questa cosa non è comprensibile

      2. Luigi Ranalli

        Carlo Botti, lei ha ragione ovviamente. Che la Terra fosse sferica si è sempre saputo. Chi poi crede alla favoletta illuminista che vuole i medievali convinti di una Terra piatta, si rilegga la Divina Commedia di Dante, ottima dimostrazione che anche nell”oscuro” Medioevo si sapeva benissimo che fosse tonda.


        1. Tanto è vero che con tutti questi satelliti e la stazione orbitante non esiste UNA SOLA immagine della terra vista dallo spazio (che non sia chiaramente un artefatto e questo è facilmente dimostrabile). E’ evidente che ripetete cose sentite dire o studiate a scuola, ma non vi siete mai interessati agli argomenti che mettono in dubbio la sfericità della terra.

          1. Luigi Ranalli

            Sig. Draghino, per quanto mi riguarda la Terra potrebbe essere anche a cubo o a forma di cavalluccio marino. Ma per smontare l’assioma scientifico che i pianeti, Terra compresa, siano corpi sferici non basta un’opinione: ci vuole una dimostrazione scientifica che tenga. Se la scienza trasforma le sue scoperte in dogmi degrada in scientismo, ma se accoglie ogni parere non corroborato da oggettive dimostrazioni verificabili e ripetibili diventa favoletta.


          2. Ma, almeno, i suoi occhi hanno mai osservato un’eclisse parziale di luna? O anche i suoi sensi devono essere sottoposti al vaglio di qualche “‘ipse dixit”?

          3. Luigi Ranalli

            Martini Ermanno, le rispondo qui perchè non mi compare il tasto sotto il suo intervento: guardi, se lei vuole convincermi che la terra sia piatta non ha che da portarmene la prova. ed intendo prova “scientifica”. Il pianeta è stato già ampiamente circumnavigato riuscendo a tornare al punto di partenza ed io mi chiedo perchè perdo tempo a discutere con lei di simili cose. Pertanto attendo la prova scientifica verificabile e ripetibile prima di abbandonare questa mia “dogmatica” credenza che la Terra sia sferica.


          4. Scommetto non so cosa che se Blondet (non succederà per carità) dovesse interessarsi alla forma della terra e dell’universo e ne scrivesse un articolo critico dei suoi che mettono in dubbio il paradigma che ci è stato sempre insegnato, tutti i suoi lettori qui così sicuri di sè, farebbero retromarcia! Dal che se ne deduce che Blondet è comunque un grande, ma i lettori aspettano sempre il là da il direttore d’orchestra per suonare la giusta canzone! che pena.

          5. Luigi Ranalli

            Sig. Draghino, io sarei stato disposto a fare retromarcia anche con lei se mi avesse fornito uno straccio di evidenza scientifica che le ho chiesto e che lei non è in grado di darmi perchè di fatto non c’è.
            In mancanza di argomenti può scommettere o insinuare quel che preferisce, non mi offendo mica, ma tenga presente che i tipici lettori di Blondet sono assai dotati di spirito critico e tutt’altro che superficiali, a dispetto della sua illazione, altrimenti non sarebbero certo qui.
            Ecco, io mi fermo qui con la conversazione anche perchè evito come la peste le biglinate, grillinate e scemenze varie di cui la rete e piena e ci ho speso già troppo tempo.


          6. Questa dimostrazione di fede nella terra piatta è quasi commuovente oggigiorno…comunque non si contano le classi di scuola che montando un telefonino su un pallone metereologico sono riuscite a fotografare la curvatura della terra…fanno parte anche quei poveri scolari delle cospirazioni della Nasa? I loro telefonini vengono intercettati e le foto modificate mentre scendono?
            Immagino che gli USA, praticamente l’unico paese al mondo dove si insegna il creazionismo a scuola come scienza, sia il suo paese ideale…se non fosse per quella malvagia Nasa che crea tutte quelle false foto…

          7. Luigi Ranalli

            Sig. Noferi, non ha capito che io sostengo che la Terra sia TONDA…se però lei crede nel dogma mai dimostrato scientificamente dell’evoluzionismo, le consiglio di studiarsi “La Disfatta Evoluzionista” di Maurizio Blondet che mette a confronto le posizioni di scienziati creazionisti ed evoluzionisti di ieri e di oggi, sempre che le lacrime della sua commozione non le impediscano di leggere.

  1. Massimo

    Chi è stato incantato, magari solo per un attimo, dalla vera Realtà della natura, dalla sua Divina Perfezione, dalle sue infinite forme e sostanze, può fare a meno delle pillole di quark, (padre&figlio), del carbonio 14, dei piedini delle scimmiette trovate sulle sabbie e delle teorie evolutive (…la linfa del vitello d’oro…) che hanno riempito il mondo di mondezza… E’ una narrativa di inganni e gratta, gratta, ci ritrovi l’ennesima diabolica cabaletta dei “padroni del discorso”, per “dis-creare” una nuova specie e nascondere l’unica Verità: che senza Cristo, saremo noi a lasciare agli archeologi del futuro le tracce di una scimmia…(il ditino opponente, lo stiamo già perdendo con il telefonino…)

    1. Luigi Ranalli

      Sig. Castagnola, Biglino non è certo un rincoglionito, lo sono i suoi adepti e sostenitori. Lui è un furbacchione anzi che è riuscito a fare soldi con delle cialtronaggini ed assolvendo anche alla sua funzione di agente disinformatore. Buon per lui e magari farà carriera in massoneria – si vociferava fosse un misero 3° grado…

  2. Sonja

    Per quel che ricordo, da alcuni documentari visti, Darwin non era molto convinto o comunque era ancora lì a sviluppare la sua teoria.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Charles_Darwin
    Fu costretto a pubblicare il manoscritto ‘L’origine delle specie (1859)’ come poi si legge in mezzo al link, di cui sopra, in quanto altri la stavano sviluppando.
    Poi successe come oggi ‘il tutto diventò virale’, con pressioni di amici, editori e saltimbanchi.
    Lui divenne una Celebrità e a quel tempo come fai a tirarti indietro

  3. Sonja

    Una teoria che mi ha sempre affascinato, sul famoso ‘Missing link’ il pezzo che manca tra gli scimpanzee e gli umani, e quella di Terence McKenna
    https://en.wikiquote.org/wiki/Terence_McKenna
    La faccio breve.
    Lui era un botanico che sperimentò tutte le droghe naturali (piante, fiori etc etc).
    In un documentario degli anni ’90 usò una frase ?noi siamo quello che mangiamo’.
    In sintesi, a causa di un cambiamento climatico (o simili) i gorilla o gli scimpanzee trovarono i funghi (non i porcini) e si alimentarano, con questi che avevano caratteristiche allucinoggine, il loro cervello frullo e (sempre per farla breve) si creò la coscenza e poi si evolsero in esseri umani
    Va beh…. lo fatta molto sintetica perdonatemi.

    1. Luigi Ranalli

      Sonja, sarà una teoria interessante ma quale base scientifica ha? Le consiglio di leggere l’ottimo libro “La Disfatta Darwinista – Uccellosauro ed Altri Animali” di Blondet, edito da Effedieffe.

      1. Luigi Ranalli

        Mi correggo…”La Disfatta EVOLUZIONISTA” – sbaglio sempre quando cito i titoli a memoria…

  4. FakeNewsDebunker

    Da correggere nell’articolo: le impronte non sono di un ‘uomo’ ma di un ‘ominide’.

      1. Luigi Ranalli

        FakeNewsDebunker, di scimpanzè o altre scimmie antopomorfe non poteva trattarsi, dato che la morfologia del piede è umana (human-like, come dice anche il suo link). Quindi, indipendentemente che sia un sapiens o un cromagnon o altro, tra gli Hominini possibili rimane solo la tipologia umana.

        1. Luigi Ranalli

          …ma d’altronde i debunker di regime non sono nè Homo Sapiens nè della famiglia degli Hominini.

        2. FakeNewsDebunker

          Gentile Luigi,
          il fatto che le impronte lasciati siano simili (ma non propriamente le stesse) di quelle lasciate da un umano sta ad indicare che l’essere che le ha lasciate era o un progenitore dell’attuale specie umana oppure una di una specie estinta.
          Nella ricerca pubblicata è indcato che le impronte non corrispondono a quelle di un umano moderno (4.1 comparative analysis – “compared to a modern human sole print it is proportionately shorter, with a narrow tapering heel, and lacks a permanent arch.”)

          1. Luigi Ranalli

            Ma infatti ho precisato questo punto già nel commento sotto a Luca Nardi: l’unica debole obiezione è che siano relativamente più piccole di quelle di un uomo moderno.
            Debole perchè anche oggi un watusso ed un pigmeo hanno piedi proporzionalmente diversi. L’impronta è “human-like”, se ne deduce che nella famiglia Hominini possiamo prendere in considerazione solo la razza umana.


  5. Sia il titolo che l’abstract parlano di hominin footprints, e hominin, che non è human, da una banale wikipedia: “Gli Hominini (Gray, 1825) sono una tribù di ominidi a cui appartengono l’uomo, lo scimpanzé, il bonobo e numerosi generi estinti, considerabili come i nostri antenati.” Ossia homo fa parte degli hominini, ma non necessariamente un hominine è un homo.

    E la conclusione, sempre fermandosi all’abstract, è:
    “The interpretation of these footprints is potentially controversial. The print morphology suggests that the trackmaker was a basal member of the clade Hominini, but as Crete is some distance outside the known geographical range of pre-Pleistocene hominins we must also entertain the possibility that they represent a hitherto unknown late Miocene primate that convergently evolved human-like foot anatomy.”

    Ossia da un lecito dubbio scientifico, il signor Blondet tira fuori una conclusione tutta sua: “Darwin addio”. Una conclusione netta e decisa a cui non è arrivato l’articolo da cui l’ha tratta (anzi, Darwin non lo nomina affatto), e a cui non arriverebbe mai alcuno studio, perché le conclusioni nette non fanno parte del metodo scientifico.

    Provate a leggere l’articolo originale.

    1. Luigi Ranalli

      Sig. Nardi, l’articolo originario l’ho letto ed ammette che le impronte sono “human-like” e che la morfologia sia quella del piede umano con l’unica debole obiezione che siano relativamente più piccole di quelle di un uomo moderno. Gli Hominini in questione non possono essere scimmie, come lo stesso studio dimostra, e quindi logicamente non possono che essere umani. Gli studiosi dell’articolo non si sbilanciano ovviamente, sa che polverone tra gli scientisti evoluzionisti?
      Se volevano stare ancora più tranquilli potevano limitarsi a dire solo che le impronte sono di esseri vertebrati…

    2. Backward

      “L’evoluzione è un’evidenza”

      Haha, un astrofisico ancorato alla scienza di prima liceo. L’unica evidenza, caro Nardi, è che l’umanità non conosce affatto né quando né come si sia originata la vita, ma, come sottolineava Rino, pur di non ammettere la sua ignoranza difende con piglio autoritario e paroloni colti favole assurde e piene di contraddizioni: creazione da una parte ed evoluzione dall’altra. L’unica evidenza è la presunzione umana.

  6. rino

    Tutte le macroteorie o ricostruzioni così distanti nel tempo non possono che poggiare su basi fragili. Sia quelle dell’uomo nato perfetto che quelle dell’uomo evoluto dalla scimmia. Idem per quanto riguarda la teoria del big bang. Ma come si fa ad essere così certi su queste cose? Mi meraviglio..
    E qui veniamo al dunque: perché dovremmo credere all’una piuttosto che all’altra? Perché da qualche decennio ci propinano il big bang e l’evoluzionismo come realtà di fatto? Non fanno altro che limitare la fantasia su questioni in cui essa è molto vitale anche per la ricerca scientifica.
    Comunque di parere simile a Blondet sullo stesso argomento si è espresso Adinolfi su “il primato nazionale”:
    http://www.ilprimatonazionale.it/approfondimenti/creta-scoperta-impronta-umana-di-57-milioni-di-anni-fa-in-crisi-la-teoria-dellout-of-africa-72217/


    1. 1) L’uomo non è evoluto dalla scimmia, ma avevano un antenato comune, il che è ben diverso.
      2) Nessuno scienziato propone alcunché come verità assoluta. Se lo fa, non ha capito come funziona il metodo scientifico.
      3) L’evoluzione è un’evidenza, non è un modello scientifico, esattamente come l’esistenza della luce o delle nubi. Il darwinismo è un modello di come l’evoluzione sia avvenuta, e su quello ci sono tutti i dubbi necessari nel caso, ci sono modelli evolutivi differenti, alcune criticità, etc. Solo che per ora si è dimostrato comunque il più resistente all’introduzione di nuovi osservabili.
      4) Da astrofisico, ti dico che il modello del Big Bang non è sicuramente l’unico modello cosmologico esistente. Sebbene anche qui, sia quello più probabile.
      5) Prendi Adinolfi come autorità scientifica? Lo stesso che faceva polemica su Kung Fu Panda 3 senza neanche averne capita la trama?

      1. Luigi Ranalli

        Sig. Nardi, da astrofisico cosa pensa del fatto che una teoria non corroborata da prove scientifiche sia divenuta dogma negli ultimi 160 anni ? Perché il darwinismo non è altro che questo.
        L’evidenza che lei dice di riscontrare nell’evoluzionismo è negata dal calcolo delle probabilità, non ha riscontri coerenti nella realtà e soprattutto manca di uno straccio di prova: ogni “anello mancante” rinvenuto fino ad ora si è rivelato essere una bufala o una patacca.

      2. FakeNewsDebunker

        Sig. Luca,
        lasci perdere.
        E’ palese che chi corrobora questi articoli è intellettualmente fermo a 800 anni fa.
        Ignorano la rivoluzione scentifica di Galileo, Keplero e Newton.
        Quanto a dire che l’evoluzione non è scientificamente provata: è ovvio che coloro non sanno di cosa stanno parlando e non hanno mai osservato con i loro propri occhi come i cambiamenti genetici operano nella selezione naturale su organismi campione tipo i batteri.
        Non vale la pena di perder troppo tempo con i quattro gatti che leggono questo blog, anzi, più si gonfia la polemica più questi detrattori si sentono soddisfatti.

        1. FakeNewsDebunker

          Le dirò di più.
          Faccio fatica a credere che molti dei commentatori pro-creazionismo siano in realtà di questa dottrina.
          Credo invece che siano persone di buon senso che si divertono a trollare facendo finta di essere dei fondamentalisti religiosi. 😉

        2. Luigi Ranalli

          FakeNewsDebunker, lei dice di usare gli occhi ma la scienza usa gli occhi per formulare ipotesi e non è dalla mera osservazione che nascono le teorie scientifiche. Se parla di Galileo, almeno si studi i passaggi del suo metodo sperimentale che sono il fondamento della Scienza.
          La ringrazio di aver perso tempo per dare a noi detrattori della fuffa evoluzionista motivo di soddisfazione: personalmente mi ha fatto molto divertire.

          1. FakeNewsDebunker

            Gentile sig. Luigi.
            quando dice che non è dalla mera osservazione che nascono le ipotesi scentifiche ha perfettamente ragione.
            Le ipotesi scentifiche nascono da un’intuizione mentale e poi vengono verificate e corroborare o confutate con osservazioni oggettive. In merito legga pure cosa hanno scritto Popper e Kuhn.
            Questo a differenza dei dogmi religioni che non sono mai in discussione ma devono esere presi per pura fede.
            Dopotutto Tommaso d’Aquino vuole provare l’esistenza di un Dio, ma non riesce nemmeno a provare l’esistenza di QUALE Dio tra le migliaia di dei inventati dalle popolazioni umane susseguite nella storia del mondo.

          2. Luigi Ranalli

            FakeNewsDebunker, la filosofia patristica non si pone il compito di dimostrare i dogmi di fede, ma di indagare sulla religione e su Dio anche dal punto di vista razionale e filosofico.
            Le dimostrazioni offerte da questi filosofi sono razionalmente inconfutabili e per quanto riguarda la dimostrazione che Dio è cattolico la rimando all’intera opera dei padri della Chiesa, perchè la patristica nasce proprio per confutare l’errore degli eretici.

        3. rino

          @ FakeNewsDebunker: Che c’entrano i filosofi/scienziati da Lei citati con le teorie evoluzioniste di Darwin?
          Mi spiega il legame, di grazia? Perché stimo tantissimo Galilei, Newton e soprattutto Kepler, ma non mi risulta si siano mai espressi circa l’evoluzionismo o qualcosa di simile.

          1. FakeNewsDebunker

            Si informi sul metodo scientifico (fondato da Galilei) e su come opera per avvalorare le teorie scientifiche (sviluppate dai sucessivi filosofi).


      3. L’evoluzione è una evidenza????
        Dunque gli uccellini. i passerottini sono nipotini di quei bestioni tanto decantati da Angela & e son ( peraltro mai esistiti perchè i ritrovamenti di fossili di dinosauri sono tutti farlocchi. La stampa tridimensionale fa miracoli oltre a spaccciare ossa di elefante o altri animali notissimi per ……sauri preistorici). Dire che manca l’anello di congiunzione è così banale che nessuno osa più farrlo.
        Egr scienziato ufficiale sa qual’è il nocciolo della questione ? Provo ad enunciarlo da umile artigiano ma con trascorsi illusrti in materie scientifiche da giovincello:
        Il Creazionismo , alla luce( meglio sarebbe buio pesto) del darwinismo è la teoria più logica, e sottolineo logica,,che spiega l’esistenza dell’UOMO intelligente e dotato di sentimenti e ,mi consenta, di ANIMA.
        In ritardo leggo l’articolo ma noto che c’è qualche figlio del “caso”. Tranquilli siete in buona compagnia. Non tutti possono ammetterre i limiti dell’uomo , l’esisenza dell’umiltà. Einstein ( l’ebreo anti-sionista lo ha ammesso )
        Dio è l’Essere supremo! Come osi tu uomo suo figlio fagocitarne l’esistenza?
        Eppoi nel pluri citato libro di Blondet “La disfatta dell’evoluzionismo( testo straordinario) viene chiarito che tra arrampicate sugli specchi funamboliche)viene introdotta la teoria dell'”Intelligent Design” in merito alla Creazione.
        So tosti eh^? Questi superiori boriosi scienziati (o presunti tali)non si vogliono piegare all’idea dell’esistenza di Dio e si inventano locuzioni e teorie ipnotiche degne di Mandrake. Quello dei fumetti , quelo che ha ispiarato la mandrakata del noto di film Febbre da cavallo


        1. Chiedo scusa per gli errori . Da grande (d’età) mi comprero’ gli occhiali, Certo basterebbe rileggere cio che si è scritto ma l’enfasi ,a volte, gioca brutti scherzi

        2. FakeNewsDebunker

          Vedo che lei ha le idee chiare.
          Allora mi dica, quali prove oggettive mi puo portare a riscontro di quale, tra tutte le migliaia di divinità create dalla mente umana nel corso della storia, sia quella effettivamente esistente?


    2. Comprendo la polemica sul neodarwinismo (che non è l’unica teoria dell’evoluzione possibile) ma non capisco perché il big bang dovrebbe essere incompatibile con le verità di fede cristiane.
      Il big bang è, molto semplicemente, un atto della creazione.

      1. FakeNewsDebunker

        Se mi può dare delle prove oggettive che il Big Bang è stato un atto divino le sarei molto grato.
        Io sono rimasto indietro a quello che dice la Bibbia che Dio creò la Terra in una settimana.


        1. Caro nome complicato inglese(ognuno ha le sue fobie). la Vita e le Opere di Gesù Cristo sono quanto di meglio , di logico, di materiale di spirituale possano dimostrare l’esistenza di Dio Vero da Dio Vero.
          Ma com’è giustamente è stato scritto non c’è sordo più sordo di chi non vuole sentire e Dio acceca chi vuole perdere. Spero ,da cristiano cattolico, non sia il suo caso

          1. FakeNewsDebunker

            Ho letto la vita e le opere di Gesù Cristo.
            Nessuna menzione a riguardo dell’origine dell’universo o all’origine delle specie.


  7. L’articolo scientifico parla effettivamente di un “ominine” che sarebbe la sottofamiglia degli “ominidi” più vicina all’uomo.
    Però non è ben definito in cosa consista questa maggiore vicinanza all’uomo.
    In ogni caso unire uomini e gorilla in una stessa classe quale quella degli ominidi mi pare una bella fantasia!

    La straordinarietà della scoperta sta proprio in questo: la mappa degli ominidi a 6 milioni di anni fa individua solo “pitechi”, cioè scimmie, le quali non hanno proprio nessuna quel tipo di piede.

    chi vuol intendere, intenda….

  8. Nico-

    la teoria dell’evoluzione e dell’out of africa serve principalmente per farci digerire tutta questa immigrazione dal terzo mondo.
    La storia dell’africano subsahariano e dell’ominide/scimmia che si trasforma lentamente in un uomo europeo è assolutamente ridicola.
    Molto più probabile che siano loro a derivare da noi.

  9. Connectionrefused

    Beh, non capisco come potrebbe confutare questo ritrovamento la teoria evoluzionistica: si tratterebbe di ridatare o ricollocare un po’ qualche evento, tutto qui. La teoria evoluzionistica non abbisogna dei fossili per essere plausibile: la similitudine anatomica e biologica tra esseri viventi ne è già di per se un’attendibile testimone. Se Dio li avesse creati “di punto in bianco” avrebbe potuto benissimo crearli diversissimi invece di riproporre innumerevoli versioni della medesima struttura. Comunque dico ai fanatici della teoria creazionista che la teoria evoluzionista è perfettamente compatibile con l’esistenza di un Dio creatore. C’è sempre bisogno di un principio e quel principio è Dio.

    1. Luigi Ranalli

      Legga il libro “La Disfatta Evoluzionista – Uccellosauro ed altri Animali” di Blondet oppure qualche saggio di Enzo Pennetta e scoprirà perchè l’evoluzionismo è una bufala antiscientifica.

      1. Connectionrefused

        Io non lo so come si fa nel 2017 a credere ancora alle favolette creazioniste. Del resto la favoletta di Adamo ed Eva, non priva di qualche spunto filosofico interessante appartiene al vecchio testamento, testo ormai riconosciuto inattendibile in quanto rimaneggiato nei secoli. La vera pietra miliare del cattolicesimo è i Vangelo, che non mi pare si esprima in argomento. Si può essere cattolici ed evoluzionisti, non trovo incompatibilità. Blondet è troppo in gamba per cadere nella trappola, credo che il suo libro sia più una trovata commerciale per gonzi che altro.

        1. Luigi Ranalli

          Connectionrefused, non mi interessa che l’evoluzionismo non cozzi coi Vangeli e poi sarebbe intellettualmente disonesto accettare o rifiutare una realtà scientifica provata a seconda che sia in accordo o meno con la fede.
          Ma l’evoluzionismo si è imposto solo come teoria dogmatica senza portare prove a suo sostegno: il famoso “anello mancante” è tuttora in attesa di essere scoperto ed il darwinismo è in aperto contrasto con la probabilità statistica e la biologia, come innumerevoli scienziati hanno rilevato. Darò credito all’evoluzionismo quando avrà uno straccio di prova scientifica a suo sostegno – al momento è un dogma scientista.
          Si legga “La Disfatta Evoluzionista” di Blondet o gli scritti di Enzo Pennetta e poi ne riparliamo.

          1. rino

            Grazie per il suo intervento: ha risposto anche per me 😉

          2. FakeNewsDebunker

            Io sono ancora in attesa di ricevere una prova divina dell’esistenza di un essere soprannaturale.
            Se può aiutarmi ad assistere personalmente ad un evento di dimostrazione di natura divina sarei molto interessato.

          3. Luigi Ranalli

            Da ateo si contenti delle prove RAZIONALI dell’esistenza di Dio che ho già citato, le troverà in ogni manuale di Filosofia.
            Quelle divine, che pur ci sono, sono generalmente riservate ai fedeli ma anche a qualche ateo che ne riceva la grazia.
            Dubito che lassù siano previsti trattamenti di favore per i troll debunker.

          4. FakeNewsDebunker

            La prego, non ne posso più delle spiegazioni RAZIONALI.
            Per cortesia mi citi alcune delle sue spiegazioni irrazionali.

          5. Luigi Ranalli

            L’irrazionalità la lascio a lei, vedo che è il suo forte. Adesso mi scusi, ma può continuare la discussione in forma di monologo trolleggiante perchè le ho risposto a tutto ed avrei di meglio da fare.
            Comunque grazie ancora per il divertimento.

  10. Alessandro2

    Un duplice commento a chi sostiene con certezze incrollabili la teoria “out of Africa” e l’evoluzionismo darwiniano:

    1) La teoria dell’origine Africana di Homo è datata. Studi recenti la smentiscono. Si veda il seguente ottimo articolo divulgativo dell’insospettabile Telegraph: http://tinyurl.com/kkzkrtp ..nel quale emerge che la vera origine è da ricercarsi proprio in Europa! Altri studi, meno robusti, ipotizzano che un gruppo di Sapiens si sia portato in Africa, incrociandosi con ominidi meno evoluti (Erectus), e dando così origine alla razza nera equatoriale. La quale sarebbe perciò biologicamente meno evoluta di quella bianca. Inutile dire che queste teorie non hanno trovato alcuna accoglienza in ambito scientifico ufficiale, soprattutto perché politicamente inaccettabili.

    2) La spiegazione darwiniana o neo-darwiniana dell’evoluzione è tutt’altro che certa. Oggi viene dibattuta in più punti. Per non dilungarmi, vi invito a googlare qualcosa in merito: scoprirete un mondo dove, similmente ad esempio alle questioni climatiche, seri scienziati vanno controcorrente e mettono in dubbio alcuni fondamenti della teoria. Come è giusto che si faccia quando parliamo di scienza, quella vera.

    Infine, la similitudine tra i viventi: paradossalmente, anche un Dio totalmente creazionista, all’americana per intenderci, avrebbe potuto usare le stesse basi biologico-molecolari, molto efficaci ed eleganti, per creare tutta la varietà del vivente ex nihilo in sei giorni. Sarebbe solo un’ulteriore prova non già dell’origine comune filologica, ma dell’origine comune ontologica :).

    1. FakeNewsDebunker

      Non c’è nessuna prova a supporto che le teorie della chimica o della fisica siano vere.
      Invece c’è un’infinità di prove oggettive sull’esistenza e sulla grandezza di Allah.
      Basta leggere il Corano ed avere fede incondizionata.
      Secondo le sacre scritture coraniche Allah è il più potente degli dei.

      1. Luigi Ranalli

        FakeNewsDebunker, grazie per queste perle comiche. E’ l’unico che riesca a risollevarmi dalla depressione per un’Italia invasa da clandestini africani, governata da un’oligarchia di servi pure beoti e distrutta economicamente dal leviatano europeo.
        Una bella risata ci vuole e me ne sta regalando molte. Grazie e peccato che ora debba occuparmi di cose più serie…


  11. Oltre ai darwinisti però ora chi glielo spiega agli amici ortodossi che credono che la terra abbia 7500 anni perché un sacco di padri della Chiesa la pensavano così?
    Pensa, qualcuno in Grecia ha calcolato pure il giorno della creazione: un lunedì di ottobre, pare.

  12. Massimo

    Altissimo, onnipotente bon Signore,
    Tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.
    Ad Te solo, Altissimo, se konfano,
    et nullo homo è digno te mentovare.

    Laudato sie, mi’ Signore cum tucte le Tue creature,
    spetialmente messor lo frate Sole,
    lo quale è iorno, et allumena noi per lui.
    Et ello è bello e radiante cum grande splendore:
    de Te, Altissimo, porta significatione.

    Laudato si’, mi Signore, per sora Luna e le stelle:
    in cielo l’ài formate clarite et pretiose et belle.
    Laudato si’, mi’ Signore, per frate Vento
    et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,
    per lo quale, a le Tue creature dài sustentamento.

    Laudato si’, mi’ Signore, per sor Aqua,
    la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
    Laudato si’, mi Signore, per frate Focu,
    per lo quale ennallumini la nocte:
    ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte.

    Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra,
    la quale ne sustenta et governa,
    et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.

    Laudato si’, mi Signore, per quelli che perdonano per lo Tuo amore
    et sostengono infirmitate et tribulatione.
    Beati quelli ke ‘l sosterranno in pace,
    ka da Te, Altissimo, sirano incoronati.

    Laudato si’ mi Signore, per sora nostra Morte corporale,
    da la quale nullu homo vivente po’ skappare:
    guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;
    beati quelli ke trovarà ne le Tue sanctissime voluntati,
    ka la morte secunda no ‘l farrà male.

    Laudate et benedicete mi Signore et ringratiate
    e servite cum grande humilitate


    1. Il Cantico delle Creature di San Francesco d’Assisi. Meraaviglioso nella sua semplicità. Bravo Massimo. Questo scritto ha un valore incommensurabile rispetto a tanti commenti idioti che tocca sorbirsi per bonomìa , per evangelizzare anche i più restìii…

  13. FakeNewsDebunker

    Caro Blondet, la sua deriva scientifica che corrobora il fatto che la terra abbia sia più antica di 10’000 anni è totalmente in contrasto con la verità cristiana. Secondo la Bibbia la Terra non ha più di 10’000 anni.
    Non è che sta piano piano adottando uno scetticismo razionale?
    Se fosse coerente con i il suo credo dovrebbe rigettare senza condizioni la datazione di questo studio.

  14. marco

    Condivido,divide et impera,ci sono troppi seminatori di zizzania in questi commenti. Blondet ha semplicemente riportato un fatto attraverso la visione della “scienza” di regime. Cosa andate a sindacare sul pelo nel pagliaio(su cose da nulla). Mettendo pensieri in bocca al direttore che non ha mai espresso. Penso che il direttore conosca benissimo le teorie e le prove di molti scienziati antievoluzionisti, avendo fatto anche un libro in merito, andate a fare commenti idioti su facebook.

    1. FakeNewsDebunker

      Caro Marco,
      quando uno scrive che “A CRETA PASSO’ UN UOMO – 6 MILIONI DI ANNI FA” vuol dire che non ha capito una emerica cippa di quello che c’è scritto nello studio riferito.

  15. Rudi

    Al proposito, A.Zichichi ha scritto:

    “Una teoria con anelli mancanti, sviluppi miracolosi, inspiegabili estinzioni, improvvise scomparse non è Scienza galileiana. Essa può, al massimo, essere un tentativo interessante per stabilire una correlazione temporale diretta tra osservazioni di fatti ovviamente non riproducibili, obiettivamente frammentari e necessariamente bisognosi di ulteriori repliche.”

    Mi pare una delle osservazioni più ragionevoli. Qui non si tratta di Scienza ma di Ideologia.

  16. Luca G

    Quanta acredine in certi commenti! Intanto Blondet ha indicato le fonti che cita, in modo tale che si possano verificare. A differenza di tanti “autorevoli” giornali, i cui articoli vanno presi per oro colato!
    Un primo commento: anche qualora si trattasse di un ominide e non di un uomo, stiamo parlando di un essere appartenete alla famiglia umana. Lucy è di 3,2 milioni di anni fa’. Quest’ominide di 6 e sembra assomigliare più a noi rispetto alla prima. Quindi?
    Secondo commento: scientificità dell’evoluzionismo. Karl Popper: una teoria è scientifica in quanto falsificabile. L’evoluzionismo lo è? Non mi pare. Detto questo, scientifico significa ripetibile ed anche traducibile in formule matematiche.
    Dov’è l’equazione dell’evoluzione?
    Il principio di conservazione dell’energia, per esempio, è scientifico. La meccanica classica, la termodinamica, l’elettromagnetismo sono scientifici e su di essi si basano le auto che guidiamo, per esempio. L’evoluzione no.
    Da non confondersi con la selezione, naturale o fatta dall’uomo.

    1. FakeNewsDebunker

      “Quest’ominide di 6 e sembra assomigliare più a noi rispetto alla prima. Quindi?”
      Quindi questo ominide è un esemplare la cui transizione ha poi portato all’uomo moderno avvalorando la teoria evoluzionistica?

      “una teoria è scientifica in quanto falsificabile. L’evoluzionismo lo è? Non mi pare.”
      Le pare male.
      Non confonda ‘infalsificabile’ con ‘non ancora falsificata’.

      La teoria dell’evoluzione (per completezza: evoluzione tramite selezione naturale) si basa su tre principi cardine:

      – mutazioni genetiche;
      – ereditarietà dei caratteri genetici;
      – selezione naturale.

      Se lei mi porta prove oggettive che falsificano uno dei tre principi scritti allora sarebbe in grado di falsificare la teoria evoluzionista.
      Rimango in attesa…


      1. Ribadisco quanto scritto poco sopra.
        Per chi crede che i merli o i gabbiani siano nipotini dei dinosauri ,brontosauri, decerebrosauri gli va riconosciuto l’attestato di “religioso darwiniano” di cui la Premiata ditta Angela e son rappresenta il massimo apostolato in Italia


          1. Excuse me sir , but i don’t speak english so well
            Un paio di cosucce le vorrei aggiungere:
            A tratti riesce anche ad essere simpatico con la sua canagliesca dialettica.
            Sappia che i primi ritrovamenti di ossa di …..sauri sono stati effettuati in maniera misteriosa in una tenuta americana in un luogo dove il proprietario di nulla si è mai accorto. I ricercatori, ad onta dell’importanza hanno avuto protezione militare: no fly zone ecc. lamericani so’ forti co ste cose.
            Altri ritrovamenti hanno subito lo stesso modus operandi. Per una strana combinazione i reperti vengono rinvenuti in …. comitiva, in fosse comuni ante-litteram oserei dire. La scoperta (una coincidenza, si badi bene) è stata fatta nel mentre Darwin dettava il suo verbo.
            Un’altra osservazione: in milioni di anni mandrie di bisonti nell’ordine che si puo’ valutare in termini di milardi di unità hanno scorazzato per le praterie “dellamerica”(mi piglio licenze poetiche o prosaiche a seconda dei casi) e a quanto pare le ossa di questi simpatici bovidi non hanno mai fossilizzato , sono come evaporate. Non dico da qualche milioncino di anni ma da qualche migliaio. I pellerossa se avessero reprito qualche osso di ….sauro ne avrebbero fatto subito dei totem per i posteri.
            Dunque manco un osso di bufalo di qualche decina di migliaia di anni ma , et voilà, ossa a gogo di ….sauri di cinquanta ,che dico,100, anzi 2oo milioni di anni fa.
            Mancano all’appello le ossa di sbronzosauri , ma si sa l’alcool evapora.
            P.s Mi piacerebbe avere un parere del direttore o di qualche colllega postatore (moltissimi di ecccellenza in questo blog) su quello che ritengo la grande invenzione bufala della storia prima dello sbarco sulla luna

        1. marco

          Sono dell’idea di non rispondere più a fakenewsdebunker, perché o ci fa, o c’è idiota, o peggio ancora è pagato da qualcuno per mettere zizzania,intasando per giunta la sezione commenti con chi in vano cerca di ragionarci.

      2. Luca G

        Egregio Sig. FakeNewsDebunker, visto che ha considerato il mio intervento, cerco di risponderle…
        Il mio “quindi” era ironico, in quanto:
        a) i primi ominidi (australopitechi) sono apparsi circa 4 milioni di anni fa….
        b) il genere homo risale a circa 2 milioni di anni fa
        c) il fatto è che le impronte scoperte sembrano appartenere più al genere homo che non al primo e sono di 6 milioni di anni fa: come me lo giustifica?
        Ne parla anche Repubblica:http://www.repubblica.it/scienze/2017/09/03/news/orme_umane_su_creta_5_7_milioni_di_anni_fa-174544294/
        Evoluzione come conseguenza di mutazioni genetiche: bel problema! In genere, le mutazioni genetiche sono nocive e non portano miglioramenti. E poi…graduali o improvvise? Se fossero state graduali avremmo dovuto trovare una miriade di scheletri attestanti la continuità delle mutazioni stesse. Che non ci sono (I famosi anelli mancanti). Oppure lei è della teoria di Gould e degli equilibri punteggiati? Attribuendo, di fatto, così, più miracoli alla natura rispetto a quelli che i cattolici attribuiscono a Dio.
        L’esempio delle falene? Bene…ma a me interessa il salto di specie! E’ un biologo? Il giorno in cui entrerò in un laboratorio e vedrò un batterio diventare un… (lombrico?, gatto?, veda lei..) con mutazioni genetiche pur imposte da lei (non abbiamo milioni di anni di tempo per fare agire il “caso”), mi convincerò della teoria dell’evoluzione.
        Cordialità.

Lascia un commento