Bagnai denuncia e spiega il tradimento di Gualtieri

resoconto stenografico

Questo è il massimo che l’opposizione può fare. Chi si lamenta che l’opposizione “non fa niente”, non tiene conto del regime che hanno instaurato. Intetvista al filosofo politico Sheldon Wolin:

La chiamano democrazia. E’ totalitarismo invertito

di Chris Hedge

Sheldon Wolin, il nostro più importante teorico politico contemporaneo, è morto il 21 ottobre all’età di 93 anni. Nei suoi libri ” Democracy Incorporated : Managed Democracy and the Spectre of Inverted Totalitarianism” e ” Politics and Vision “, una massiccia indagine sul pensiero politico occidentale che il suo ex studente Cornel West definisce “magistrale”, Wolin mette a nudo le realtà della nostra democrazia in bancarotta, e l’ascesa di una nuova e terrificante configurazione del potere delle corporations che egli chiama “totalitarismo invertito”.

Wendy Brown , professore di scienze politiche all’Università di Berkeley e un altro ex studente di Wolin, mi disse : “Wolin ha sviluppato un’analisi distintiva – anche distintamente americana – del presente politico e delle possibilità democratiche radicali. Era particolarmente presciente nel teorizzare il pesante quello che oggi chiamiamo neoliberismo e nel rivelare le nuove fusioni di potere economico e politico che ha avvelenato la democrazia alla radice. ”

Wolin durante la sua borsa di studio ha tracciato la devoluzione della democrazia americana e nel suo ultimo libro, “Democracy Incorporated”, espone in dettaglio la nostra peculiare forma di totalitarismo corporativo. “Non si può indicare in USA nessuna istituzione che possa essere detta davverd democratica”, scrive in quel libro: “di certo non le elezioni, altamente “gestite” e riempite di denaro, né il Congresso infestato da lobby, né la presidenza imperiale, né il sistema giudiziario pregiudizalmente di classe, né, soprattutto, i media “.

(Ricorda qualcosa?, MB)

Il totalitarismo invertito è diverso dalle forme classiche di totalitarismo. Non si esprime in un demagogo o leader carismatico ma nell’anonimato senza volto dello stato delle corporation, che si autodefinisce neoliberismo globale. Il nostro totalitarismo invertito presta fedeltà esteriore alla facciata della politica elettorale, della Costituzione, delle libertà civili, della libertà di stampa, dell’indipendenza della magistratura, dell’iconografia, delle tradizioni e del linguaggio del patriottismo americano, ma ha efficacemente sequestrato tutti i meccanismi del potere di rendere impotente il cittadino.

” A differenza dei nazisti, che hanno reso la vita insicura per i ricchi e privilegiati ma hanno fornito programmi sociali per la classe lavoratrice e i poveri, il totalitarismo invertito sfrutta i poveri, riducendo o indebolendo i programmi sanitari e i servizi sociali, regolando l’educazione di massa per creare una forza lavoro insicura minacciata dal importazione di lavoratori a basso salario ”, scrive Wolin.

“L’occupazione in un’economia ad alta tecnologia, volatile e globalizzata è normalmente precaria come durante una depressione. Il risultato è che la cittadinanza, o ciò che ne rimane, viene praticata in un continuo stato di preoccupazione. Hobbes aveva ragione: quando i cittadini sono insicuri e allo stesso tempo spinti da aspirazioni competitive, aspirano alla stabilità politica piuttosto che all’impegno civico, alla protezione piuttosto che al coinvolgimento politico ”.

Totalitarismo invertito, mi ha deto Wolin ha detto quando ci siamo incontrati nella sua casa di Salem, in Oregon, nel 2014 , “proiettata potere verso l’alto” costantemente, togliendolo a chi sta in basso . È “l’antitesi del potere costituzionale”. È progettato per creare instabilità per mantenere una cittadinanza in costante precarietà, senza basi, e passiva.

Scrive: “Ridimensionamento delel aziende (downsizing), loro riorganizzazione, scoppio di bolle, sindacati aboliti, competenze che diventano rapidamente superate e trasferimento di posti di lavoro all’estero creano non solo paura ma un’economia di paura, un sistema di controllo il cui potere si nutre di incertezza, ma che, secondo i suoi analisti è eminentemente razionale. ”

Il totalitarismo invertito “perpetua sempre il gioco politico”, ha detto Wolin quando abbiamo parlato, “ma una politicismo che non è politica”. Le infinite ed enormemente dispendiose tornate elettorali, ha affermato, sono un esempio di “politics” senza politica.

“Invece di partecipare al potere”, scrive, “il cittadino virtuale è invitato ad avere” opinioni “: risposte misurabili a domande pre-fissate per suscitarle”.

Le campagne politiche raramente discutono di questioni sostanziali. Si concentrano su personalità politiche fabbricate, retorica vuota, pubbliche relazioni sofisticate, pubblicità elegante, propaganda e l’uso costante di focus group e sondaggi di opinione per riportare agli elettori ciò che vogliono sentire. Il denaro ha effettivamente sostituito il voto.

Tutti gli attuali candidati presidenziali – incluso Bernie Sanders – comprendono, per usare le parole di Wolin, che “il tema dell’impero è un tabù nei dibattiti elettorali”. Il cittadino è irrilevante. Non è altro che uno spettatore, ha potuto votare e poi ha dimenticato una volta terminato il carnevale delle elezioni e le corporazioni e i loro lobbisti tornano agli affari del potere.

“Lo scopo principale delle elezioni è quello di selezionare legislatori flessibili che i lobbisti possano plasmare; un tale sistema merita di essere chiamato” governo clientelare “”, scrive Wolin. “È, allo stesso tempo, un potente fattore che contribuisce alla depoliticizzazione della cittadinanza, nonché un sistema di antidemocrazia”.

Il risultato, scrive, è che al pubblico viene “negato l’uso della potenza dello Stato”. Wolin deplora la banalizzazione del discorso politico, una tattica usata per lasciare il pubblico frammentato, antagonista ed emotivamente carico, lasciando incontrastato il potere corporativo e l’impero lobbystico.

“I conflitti “culturali” (femminismo, lgbt, gender, immigrati, multiculturalismo, razza, eccetera) potrebbero sembrare un segno di forti coinvolgimenti politici”, scrive. “In realtà ne sono un sostituto. La notorietà che ricevono dai media e dai politici desiderosi di prendere “ferma posizione” su questioni non sostanziali serve a distrarre l’attenzione e contribuire a una politica irrilevante di insignificante. ”

“I gruppi al potere possono ora operare partendo dal presupposto che non hanno bisogno del popolo, la cittadinanza, nel senso ampio di un insieme civico coerente. Ora hanno gli strumenti per affrontare le stesse disparità e differenze che hanno contribuito a creare. È un gioco in cui riesci a minare la coesione che il popolo richiede, per essere politicamente efficace. E allo stesso tempo, crei questi gruppi diversi e distinti che inevitabilmente si trovano in tensione o in contrasto o in competizione con altri gruppi, in modo che diventi più un corpo a corpo che un modo per modellare le maggioranze. ”

Nei regimi totalitari classici, come quelli del fascismo nazista o del comunismo sovietico, l’economia era subordinata alla politica. Ma “sotto il totalitarismo invertito è il contrario“, scrive Wolin. “L’economia domina la politica – e da quel dominio derivano diverse forme di spietatezza”. Continua: “Gli Stati Uniti sono diventati la vetrina di come la democrazia può essere gestita senza sembrare repressa”.

Lo stato delle corporations, aggiunge Wolin, è “legittimato dalle elezioni – che controlla“. Per estinguere la democrazia, riscrive e distorce le leggi e il diritto che un tempo proteggevano la democrazia. I diritti fondamentali sono, in sostanza, revocati dall’arbiotrio giudiziario e parlamentare. I tribunali e gli organi legislativi, al servizio del potere dei “mercati” e delle imprese globali, , reinterpretano le leggi per privarne il significato originale al fine di rafforzare il controllo aziendale e abolire il controllo sulle imprese.

Scrive: “Non c’è bisogno di calpestare una costituzione, come hanno fatto i nazisti, se è possibile sfruttare contemporaneamente la porosità e il potere legittimo mediante interpretazioni giudiziarie che – per esempio – dichiarano gli enormi contributi della campagna dei miliardari e delle multinazionali come “libertà di opinione” protetta sensi del Primo Emendamento; o che trattano attività di lobbying pesantemente finanziate ed organizzate da grandi società come una semplice applicazione del diritto del popolo a presentare una petizione al proprio governo? ”

Il nostro sistema di totalitarismo invertito eviterà misure di controllo aspre e violente “fintanto che … il dissenso rimarrà inefficace”, mi ha detto. “Il governo non ha bisogno di sradicare il dissenso. L’uniformità dell’opinione pubblica imposta attraverso i loro media fa un lavoro molto efficace. ”

Le élites, in particolare la classe intellettuale, sono state comprate: “Attraverso una combinazione di contratti governativi, fondi privati e di fondazioni culturali, progetti congiunti che coinvolgono ricercatori universitari e interessi delle aziende e ricchi donatori individuali, università (in particolare le cosiddette università di ricerca), intellettuali, studiosi e ricercatori sono stati perfettamente integrati nel sistema, ”Scrive Wolin. “Nessun libro viene bruciato, non ci sono più Einstein profughi.”

Ma, avverte, se la popolazione – costantemente spogliata dei suoi diritti più elementari, incluso il diritto alla privacy, e sempre più impoverita e priva di speranza – diventasse irrequieta, il totalitarismo invertito diventerebbe brutale e violento come gli stati totalitari del passato. “La guerra al terrorismo, con la sua enfasi di accompagnamento sulla” sicurezza della patria “, presume che il potere statale, ora gonfiato dalle dottrine della guerra preventiva e liberato dagli obblighi dei trattati e dai potenziali vincoli degli organi giudiziari internazionali, possa girare verso l’interno”, scrive, “Fiducioso che nella sua ricerca interna dei terroristi i poteri che rivendicava, come i poteri proiettati all’estero, sarebbero stati misurati, non secondo gli standard costituzionali ordinari, ma dal carattere oscuro e onnipresente del terrorismo come ufficialmente definito.”

[…]

“Il significato della popolazione carceraria afroamericana è politico”, scrive. “Ciò che è degno di nota della popolazione afro-americana è che è di gran lunga l’unico gruppo che nel corso del ventesimo secolo ha mantenuto vivo uno spirito di resistenza e ribellione. In quel contesto, la giustizia penale è tanto una strategia di neutralizzazione politica quanto un canale di razzismo istintivo “.

Nei suoi scritti, Wolin esprime costernazione per una popolazione recisa dalla stampa e dal variegato mondo delle idee. Vede il cinema, come la televisione, come “tirannico” a causa della sua capacità di “bloccare, eliminare qualunque cosa possa introdurre qualificazione, ambiguità o dialogo”. Denuncia quel che definisce “media monocromatico” con esperti approvati dalle imprese quotate usati per delimitare “il problema e i suoi parametri. Il critico che insiste nel cambiare il contesto viene respinto come irrilevante, estremista, “complottista”, o ignorato del tutto “.

(L’intervista integrale qui:

https://www.truthdig.com/articles/sheldon-wolin-and-inverted-totalitarianism/

Print Friendly, PDF & Email