Maurizio Blondet

Bravo Renzi, per una volta (pensate Bersani al suo posto)

La notizia è questa; ma la devo riprendere da Reuters, perché “i grandi media italiani”  l’hanno bucata, come si dice in gergo.

 

Renzi a Weidmann: si preoccupi dei derivati delle banche tedesche

(Reuters) – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, da New York, ha replicato alle critiche espresse dal presidente Bundesbank Jens Weidmann.  

“Parla molto delle sofferenze delle banche italiane ma lui (Weidmann) ha il problema di centinaia e centinaia di miliardi di derivati, che è un problema che

Leggi tutto

Riconoscere negli Usa l'Anticiviltà

La superpotenza, i suoi complici, e i suoi (e nostri) media hanno toccato un nuovo livello di bassezza   con il bombardamento delle truppe siriane a Der Ezzor. Anche l’Australia, e persino la Danimarca con due caccia,  piccolo maramaldo,  hanno partecipato al proditorio attacco – con bombe al fosforo  –   alle posizioni siriane, proprio mentre esse erano assediate da Daesh.  Come risultato, l’area (l’altura di Jabal Tharda, che guarda sull’aeroporto di Der Ezzor) è oggi  sotto il controllo pieno dello Stato

Leggi tutto

A tappe forzate verso la Riforma delle Pensioni.  Definitiva.  Per eutanasia.

Vedete quanta fretta hanno.   Appena chiusa con successo la finestra di  Overton  sui “diritti” degli invertiti  –  legalizzata cioè  un’aberrazione  che  pochi anni fa sarebbe stata impensabile, il “diritto” di cui ha goduto il noto Pugliese  dall’orecchino di perla – ecco che subito, senza por tempo in mezzo, aprono l’altra, l’estrema. L’avete già letto: “Primo caso di eutanasia su un minore in Belgio, e quindi nel mondo perché il Paese è l’unico al mondo ad aver approvato nel 2014 una

Leggi tutto

Fallito attentato di Parigi: il testimone chiave  contraddice la versione ufficiale dei fatti.

INFO PANAMZA. La testimonianza del cameriere che ha visto il conducente dell’auto sulla quale erano state piazzate le bombole di gas non parla di nessuna presenza di donne al suo fianco.

09/09/2016 ore 17,44

Giovedì sera, Bernard Cazeneuve, Ministro dell’Interno francese, sempre particolarmente zelante nei confronti del CRIF (Conseil Représentatif des Institutions Juives de France) ha manifestato la sua soddisfazione per l’arresto di tre donne

Leggi tutto

Trotsky sapeva già tutto sull’Europa

 

Era il luglio 1924. Era stato lanciato il Piano Dawes,  la geniale costruzione con cui la finanza americana  consentì alla Germania di tornare a pagare le riparazioni della Grande Guerra   facendole  un prestito obbligazionario di 200 milioni di dollari (800 di marchi) collocati a Wall Street, e alle industrie Usa di esportare in Europa la sovrapproduzione,  e inoltre  di legare l’economia tedesca, e in subordine l’europea,  a Washington.  Leone Trotsky (Lev Davidovic Bronstejn)   che era ancora  Commissario del Popolo

Leggi tutto

Europei, ecco come vi siete ridotti

 

 

“L’individualismo come fenomeno di massa non è un fatto psicologico congiunturale,  che renderebbe i nostri contemporanei eccezionalmente egoisti o portati a ripiegarsi in sé stessi.  E’ un fatto di struttura  che mette l’attore individuale,  coi suoi diritti ma anche i suoi interessi, in primo piano, con l’esclusione  del resto – il politico specialmente, che non ha più altro ruolo se non al servizio dei diritti e degli interessi individuali.  Ne risulta un programma che si può riassumere così: 

Leggi tutto

Il dramma del terremoto. Di luciano garofoli

E finalmente anche lo spirito più profondo della laicità si è fatto sentire ed ha manifestato tutta la sua carica di nihilismo, tutto il suo mefitico alito di morte e di luciferina violenza.

Le vignette di Chalie Hebdo sui terremotati ci potevano essere anche risparmiate: nooo! Assolutamente, la “satira” deve essere libera, non altrettanto la giusta reazione di chi si sente offeso o che invoca tutti quei diritti che la “Persona Umana” figlia

Leggi tutto

E' TORNATO AL ZAWAHIRI - IN KATZ

 

Le Tv hanno ripreso l’ultimo messaggio di Al Zawahiri – :  a celebrazione dell’annivErsario 11 Settembre,    le consuete incitazioni a fantomatiche cellule dormienti: “Colpite Usa e alleati”, eccetera. Tutto sotto il logo di IntelCenter, una centrale  statunitense  ben nota.  Poiche ci si stanca a ripetere sempre le stesse cose, riporto parte di un articolo del validissimo Comedonchisciotte:
“…
In una nostra precedente inchiesta, abbiamo evidenziato come l’INTELCENTER, il tramite tra “ramo informativo di Al Qaeda” e la stampa,

Leggi tutto