ARRESTATO JEFFREY EPSTEIN il miliardario pedofilo che scarrozzava Bill Clinton

Jeffrey Epstein è stato arrestato per l’accusa di traffico sessuale di minori per decine di casi avvenuti tral il 2002 ed il 2005 sia a New York sia in Florida. Questo fatto sarebbe un normale fatto di cronaca che vede coinvolto un presunto porco, se non fosse che Jeffrey Epstein è un miliairdario amico di molte star, fra cui Kevin Spacey e Bill Clinton, su cui torneremo dopo.

Epstein, un matematico, diventa super ricco con la finanza che ha trasferito la propria attività nelle Isole Vergini americane nel 1982 per motivi fiscali. La sua carriera nel Jet Set, con contatti e collaborazioni con Vip, ha avuto però un primo stop nel 2008, quando, a fronte di diverse testimonianze, ebbe una prima lievissima condanna per abusi sessuali e fu classificato come un “Sexual offender”. Ora si parla di dozzine di nuovi casi avvenuti fra il 2002 ed il 2005, sia a New York sia in Florida. Le accuse parlano di decine ragazze minori, anche di 14 anni, contattate, anche dall’estero, trasportate sul suo 727 privato ed abusate, anche nella sua isola privata. Il suo jet era poi impegnato a trasportare diversi VIP e dai registri di volo risulta che anche Bill Clinton lo abbia usato oltre una ventina di volte:

 

Potete leggere tutto il registro di volo, e vedere quali VIP trasportava a questo link. Vedrete indicazioni incomplete, sigle, “1 femmina”, “Jennifer” etc. Articoli riportano poi della presenza di Bill Clinton sulla “Orgy Island” di Epstein. Anche il principe Andrew, fratello di Carlo, pare sia stato ospite di Epstein che è stato poi invitato anche alle nozze di Chelsea Clinton. Un ex agente dei servizi segreti, Dan Bongino, in passato minacciò di dire quello che accadeva sul Jet di Epstein, soprannominato dai media “Lolita Express”, che voci affermano avesse letti a bordo dove si abusavano le minori.

Dato il rischio di una condanna pesantissima, oltre 45 anni, non è detto che il miliardario non si decida a confessare ora cosa accadeva sull’aereo e nella sua isola.

 

 

Print Friendly, PDF & Email