Aiuteranno la Polonia a spogliarsi della sua proprietà

La Polonia è sotto attacco. Quasi tutti i cento senatori degli Stati Uniti hanno firmato una lettera al Segretario di Stato Michael Pompeo in cui lo sollecitano a indurre il governo degli Stati Uniti a ” aiutare la Polonia a risolvere il problema il più rapidamente possibile.” Qual’è il problema? In che modo gli Stati Uniti vogliono aiutare la Polonia? I senatori vogliono attuare un tardivo Marshall, i cui benefici sono stati raccolti dall’Europa occidentale all’indomani della seconda guerra mondiale, hanno in programma di rilanciare l’economia polacca come una sorta di compensazione per gli accordi di Yalta del 1945 nel quadro del quale ha venduto la Polonia a la sfera di interessi sovietica? O forse i senatori vogliono prestare assistenza militare contro la Russia iniettando il bilancio polacco con le finanze che le consentono di acquistare attrezzature aggiornate e quindi migliorare il suo esercito? O forse esortano il Segretario di Stato a revocare ai cittadini polacchi – rappresentanti di una nazione alleata – l’obbligo di richiedere un visto se vogliono recarsi negli Stati Uniti?

Nessuno di questi. La lettera indirizzata a Michael Pompeo è stata scritta per ” incoraggiarlo a perseguire audaci iniziative” per … spogliare la Polonia di un’enorme quantità di proprietà e trasferirla agli ebrei – avete indovinato bene: sopravvissuti all’olocausto – e organizzazioni ebraiche . Quale proprietà? Qualsiasi cosa posseduta dagli ebrei prima del 1945, e anche in seguito, dagli ebrei che erano a quel tempo cittadini polacchi . Qualunque cosa indipendentemente dal fatto che ci siano eredi della proprietà o meno. I tribunali polacchi onorano le rivendicazioni documentate presentate da legittimi eredi, ma questo non è ciò che si intende per S.447 – Justice for Uncompensated Survivors Today (JUST) Act del 2017, in cui leggiamo che “nel caso di proprietà senza peli, la fornitura di proprietà o indennizzo “dovrebbe tuttavia essere richiesta” per aiutare i sopravvissuti all’Olocausto bisognosi, l’educazione all’Olocausto e per altri scopi “. Il documento stabilisce inoltre che anche le proprietà “sequestrate o trasferite in modo errato” devono essere restituite a singoli ebrei o organizzazioni ebraiche , dove il termine “sequestrato o trasferito in modo errato include confische, espropri, nazionalizzazioni, vendite o trasferimenti forzati e vendite o trasferimenti in corso di coercizione durante Era dell’Olocausto o periodo del dominio comunista “.

Ci sono due cose che colpiscono dritto negli occhi. Innanzitutto, l’ approccio tribale o razziale al problema. Sono gli ebrei come una tribù che devono essere compensati. Non importa se una proprietà ha o meno un erede documentato, né importa che al momento in cui gli ebrei erano proprietari erano tutti cittadini polacchi per l’uomo, il che in qualsiasi sistema di legge significa che la proprietà senza peli è rilevata dal stato. In secondo luogo, la proprietà “sequestrata o trasferita indebitamente” durante il “periodo del dominio comunista” si riferisce agli anni successivi alla seconda guerra mondiale, un tempo in cui la Polonia era governata da un partito comunista che effettuava “confische, espropri, nazionalizzazioni, vendite forzate trasferimenti “di tutti i tipi di mezzi di produzione e altri beni equesti atti sono stati attuati per la maggior parte da ebrei polacchi che hanno assunto, a volte, la maggioranza o quasi la maggioranza dei livelli decisionali di governo, partito comunista e forze dell’ordine. Che faccia tosta!

Il valore stimato che la Polonia dovrebbe arrendersi è di due o tre miliardi di dollari inimmaginabili. Cosa succederà se il Paese rifiuta di conformarsi? Se la Polonia non paga attraverso il naso, sarà “ attaccata pubblicamente e umiliata nel forum internazionale“, Ha affermato già nel 2008 Israel Singer, segretario generale del World Jewish Congress. Tutti i paesi hanno dovuto cedere alle richieste ebraiche. La Polonia è la prossima nella lista dei successi. Il suo governo obbedirà così tanto che sta implorando gli Stati Uniti di stabilire nel suo territorio truppe americane e si è reso dipendente dall’Occidente. Naturalmente, tale importo di rimborso non verrà pagato entro pochi giorni. Molto probabilmente, proprietà come foreste statali e quote in grandi imprese statali saranno offerte, parzialmente o totalmente, a ebrei ed organizzazioni ebraiche. Dotati di una tale quantità di ricchezza, gli ebrei sarebbero diventati la classe dirigente indiscutibile, con i polacchi nativi come cittadini di seconda categoria nel loro paese. Una Palestina nell’Europa dell’Est in via di realizzazione .

Considera per un momento che le pretese tribali ebraiche di perdere la proprietà sono legittime. Se è così, logicamente – a meno che gli ebrei non godano di uno status eccezionale di una nazione prescelta, che va contro qualsiasi valore professato dall’Occidente – le richieste di chiunque e le rivendicazioni di qualsiasi tribù sulla perdita di proprietà dovrebbero essere soddisfatte: quelle dei polacchi che sono stati costretti a partire oggi Ucraina occidentale e Bielorussia occidentale; quelli tedeschi che furono costretti a lasciare parti della Polonia e della Repubblica Ceca. Inoltre, perché limitare l’applicazione di tali affermazioni solo alla seconda guerra mondiale e pochi anni dopo? Tutte le nazioni in Europa, anzi, in tutto il mondo dovrebbero iniziare a chiedere un risarcimento per le proprietà perdute senza peli, individualmente e collettivamente. I palestinesi non sono stati sistematicamente cacciati dalle loro terre e diseredati dalle loro proprietà? Possiamo immaginarci quali conflitti, antagonismi el’odio susciterebbe tali affermazioni ?

Si afferma – e gli ebrei sono tra i più ardenti sostenitori di questa idea – che non sono le nazioni che sono importanti ma entità politiche come gli stati e che chiunque può diventare un cittadino tedesco, francese, britannico o italiano anche se la sua razza, credo, lingua, etnia sono completamente diversi da quelli della nazione ospitante. Oggi si afferma – e gli ebrei sono di nuovo campioni di questa affermazione – che gli alieni provenienti da ogni angolo del mondo possano, dovrebbero e sicuramente si assimileranno e si integreranno nelle società ospitanti e rinunceranno alla loro lealtà verso il paese o la nazione di origine. Come mai allora coloro che diffondono tali idee dimostrano all’improvviso alcuni degli istinti più tribali? Non è questa la prova sufficiente che ciò che stanno cercando di far credere agli altri non è affatto ciò in cui credono? Se algerino, marocchino, turco, giamaicano,La proprietà senza peli per legge appartiene allo stato, altrimenti finiamo in un mondo lacerato da infiniti conflitti nazionali, etnici, religiosi e razziali . O dobbiamo credere che questo atteggiamento razziale sia riservato solo a coloro che una volta hanno spogliato l’antico Egitto e consacrato questa despolazione come qualcosa di ammirevole nei loro Libri Sacri?

Fonti:
– Risarcimento dei danni subiti sotto occupazioni naziste e sovietiche, pogonowski.com .
– S.447 – Justice for Uncompensated Survivors Today (JUST) Act del 2017, Congress.gov .

Lettura consigliata:
– Lettera al Segretario Pompeo Polonia Restituzione firmata, pdf .
– Considerazioni politiche su HR 1226 e S. 447 rispetto alla Polonia presentate dal collegio elettorale americano polacco, Polonia – Attualità .

Audio suggerito:
– Stop Act S. 447, Facebook o YouTube .

Print Friendly, PDF & Email