Per Trump, avvisi di assassinio (il Sistema non sa come fermarlo).

Il giornalista di grido del New York Times, Ross Douthat, ha fatto un tweet: “Buone notizie gente, ho risolto come finire la campagna di Trump”, e postato un video di Dead Zone, un film dell’83 che narra di un sensitivo che, stretta la mano a un losco candidato presidenziale (nel film è Martin Sheen), “sente” che da presidente quello scatenerà la guerra atomica; e dunque attenta alla sua vita; lo manca, ma il candidato quando ode il colpo di fucile si fa scudo di un bambino, rivelando al mondo la sua bassezza morale; non sarà residente, il pianeta è salvo”.

 

Il tweet con l'idea su come fermare Trump
Il tweet con l’idea su come fermare Trump

Poi questo Douthat ha ritirato il tweet, ma nella repubblica dove l’enorme potere del presidente è temperato dai ricorrente assassinio, la minaccia reale. L’Establishment e i suoi giornalisti di servizio sono letteralmente pazzi di paura e di rabbia per i successi dell’incontrollabile milionario che non hanno scelto loro e che la gente applaude in funzione anti-sistema.

“Capi del Partito Repubblicano, dovete fare qualunque cosa per fermare Trump!”, invoca il Washington Post. “Trump è il mostro di Frankenstein dei repubblicani, adesso è abbastanza forte da distruggere il partito”, tuona Robert Kagan, il che è interessante se si ricorda che Kagan è Jewish Lobby, il marito di Victoria Nuland, membro del Council on Foreign Relations, neocon di prima grandezza, co-fondatore del Project for a New American Century, il pensatoio che ha preoconizzato e consigliato tutte le guerre americane degli ultimi 15 anni: cosa teme Kagan? Che Trump non sia un repubblicano alla Bush jr., che smetta di fare le guerre – pur essendo “di destra”.
E che dire dei “Liberal”, dei – diciamo – progressisti? Anche la presidente del Comitato Nazionale Democratico (in pratica è la segretaria del partito democratico nella fase elettorale), Debbie Wasserman Schultz, appena Trump ha trionfato in Nevada, è sbottata: “Il partito repubblicano, dopo anni di lisciate di pelo ai suoi estremisti, è intrappolato da quel che ha creato: un campo di candidati con concezioni completamente lontane dal mainstream e dalle aspirazioni del popolo americano”. Il che è quasi comico, visto che il miliardario è invece popolarissimo, e miserevolmente “lontani dalle aspirazioni degli elettori” appaiono i candidati scelti dalla macchina del partito, creature sintetiche e finte che si vedono false da un miglio di distanza, sbiadite nel confronto col pantagruelico, esorbitante, oltraggioso – ma sanguigno e veritiero – Donald.

Interessante che la Wasserman Schultz adotti lo stesso concetto di Kagan: “Repubblicani, avete creato un mostro, ora cosa facciamo?” Istruttivo per molti versi: primo perché anche la signora è, come Kagan, Jewish. Poi, perché essendo la stratega elettorale del partito democratico, non dovrebbe essere affar suo di preoccuparsi delle primarie repubblicane e del candidato che ne viene scelto. Anzi, se Trump è così poco “mainstream”, tanto “estremista”, e così “senza contatto col popolo americano” (out of touch with the American People) dovrebbe fregarsi le mani: vuol dire che favorirebbe l’andata alla Casa Bianca della candidata democratica, Hillary Clinton. Perché, secondo la dogmatica elettorale, i voti si conquistano al centro, e i candidati per vincere devono convincere la palude centrale dei cittadini “moderati” e conformisti. Invece, stavolta, più Trump esce dalle righe, più le spara grosse, e più piace e conquista. E la capintesta democratica si stringe ai capintesta dei repubblicani condividendo il loro lutto e la loro angoscia, ed esibendo così più platealmente che mai la verità più nota e taciuta: che i due partiti sono uno solo.

“Tu sei d’ispirazione per noi tutti”, ha detto a Trump qualche giorno fa Pat Robertson: un appoggio potentissimo, Pat Robertson essendo stato un pastore battista, telepredicatore di successo, padeone di tv e media  evangeliche, che ha fatto milioni con trasmissioni televisive dove “afferma i valori del conservatorismo cristiano”.

Fondatore della Christian Coalition , l’organizzazione politico-religiosa che del fondamentalismo neo-evangelico e carismatico, ferocemente filo-sionista per ragioni apocalittiche (il ritorno degli ebrei in Israele accelererà la venuta del Messia) Pat Robertson può far convergere una quindicina di milioni di elettori verso il nome a cui dà l’endorsement: ed ha scelto Trump.

Il partito repubblicano dovrebbe essere lieto, e invece è in lutto. Il punto è che il programma politico per il candidato non lo stila il candidato, bensì la macchina di partito. Nel caso, il compito spetta a Paul D. Ryan, il presidente della Convenzione Nazionale Repubblican (il segretario, l’analogo della signora Wasserman Schultz per i democratici), sentiti ovviamente tutti gli interessi forti che fanno riferimento all’area “conservatrice”. Ma ahimé, Donald Trump non ha chiesto a Ryan di scrivergli il programma, e sta per vincere la nomination repubblicana. “Il grosso problema è che Trump non è un repubblicano”, ha ammesso il senatore di lunga data Lindsey Graham.

Ryan è per il mercato globale, esemplifica il New York Times, e invece Trump no. Ryan è per tagli alla previdenza sociale, Trump no. Donald vuole espellere milioni di clandestini, Ryan e i repubblicani vedono negli immigrati latinos dei forti sostenitori del loro conservatorismo. Ryan e il partito sono per l’autarchia energetica e, dunque per il shale oil e il fracking; Trump ha risposto che l’Irak, “che noi colonizziamo”, è pieno di petrolio, lo si può comprare lì. I repubblicani odiano Putin, Trump simpatizza. Soprattutto e più grave, laddove il partito repubblicano è in modo totale e incondizionati “a fianco di Israele”, Trup ha dichiarato che si porrebbe “come neutrale” nel conflitto israelo-palestinese.

Che altro? Murdoch, Soros e simili sono per Hillary Clinton, e detestano Donald; Trump ha vociferato “è da folli discutere dei diritti dei transessuali mentre si rischia la guerra atomica”. Ha persino recitato una poesia-apologo, che narra di una fanciulla “idiota” che si scalda in seno “un malvagio sepente”, facendo capire che la ragGreat-Seal-Reverseazza idiota è la Merkel e il serpente è Erdogan.

“Avete creato il mostro, come lo fermiamo?”, ha domandato la Wasserman Schultz. I repubblicani ci provano: Mitt Romney ha fatto capire che stanno spulciando le dichiarazioni fiscali del miliardario, e che dentro “c’è una bomba”: forse lo fermeranno come fermarono Al Capone. O forse come hanno fermato John Kennedy, come lascia intendere il tweet del giornalista del New York Times? Un altro, Chris Cillizza del Washington Post: “Deve accadere qualcosa di catastrofico per bloccare la nomination di Trump”. Una frase che somiglia a quella che del documento “Rebuilding the American Defense”, dove i neocon raccomandarono, nel 2000, al presidente prossimo venturo (sarebbe stato Bush jr.) un riarmo colossale e lo scatenamento delle guerre e destabilizzazioni mondiali. Per convincere l’opinione pubbblica, dissero, “ci vorrebbe un evento catastrofico e catalizzatore, come una nuova Pearl Harbor”. Come sappiamo, di lì a poco l’attentato di Bin Laden alle Torri diede il pretesto per la guerra globale al terrorismo, che dura tutt’oggi.

Ora, un suo assistente ha rivelato che Donald Trump in tutti gli incontri pubblici indossa un giubbotto anti-proiettile, perché ha ricevuto e riceve centinaia di minacce di morte; minacce che si sono impennate quando ha dichiarato che lui presidente, chiuderebbe le frontiere ai musulmani. Il giubbotto può bastare per parare, forse, i proiettili del consueto assassino solitario. Ma se è “una catastrofe”, non basterà. E le catastrofi, in Usa, possono essere provocate a comando.

Le 13 aquile morte

greatseal

Nella scorsa domenica , in Maryland, sono state tovate 13 aquile calve – morte misteriosamente. L’aquila calva è l’animale nazionale degli Usa, appare nel Gran Sigillo; sparare a un’aquila calva comporta, per legge federale, una multa di 100 mila dollari.

Chi è attento a cogliere i “segni”, ha messo in relazione la morte delle 13 aquile con la morte del giudice della Corte Suprema Antonin Scalia. Cattolico, conservatore, onestissimo, custode tutto d’un pezzo della Costituzione, il giudice è comparso il 13 febbraio.

Ma il numero 13 appare in numerosissimi contesti, altamente simbolici, del potere americano: 13 sono le strisce della bandiera, 13 le colonie fondatrici originarie (fra cui il Maryland, dove sono state trovate morte le aquile). Sono 13 i gradini della piramide tronca del Sigillo, che appare sul dollaro. 13 lettere del motto “E Pluribus Unum”, e 13 della scritta “Annuit Coeptis”; 13 le frecce che l’aquila nel sigillo tiene con gli artigli; 13 le stelle sopra l’aquila.

E mai erano state trovate morte d’un colpo 13 aquile calve. Per di più, vicino alla cittadina di nome Federalsburg. Impossibile non ricordare che gli àuguri traevano segni sul destino di Roma dal volo degli uccelli, aquile o corvi. Questo può essere un malaugurio per la Federazione?

Come a parte: L’Italia s’è confermata ancora una volta il laboratorio politico creativo che la storia gli riconosce; ha generato il nuovo tipo di capo populista, miliardario e mediatico, che il popolo ha votato in funzione anti-Establishment. Con Berlusconi, dieci anni prima di Trump. Mussolini anticipò Hitler e i fascismi europei di quegli anni furono imitatori di quello italiano. Come sappiamo, la storia si è ripetuta in forma di farsa. Il laboratorio politico può essere ancora creativo e anticipatore, ma Berlusconi non ha capito quello che la storia voleva da lui. L’effetto è che sembra lui un imitatore comico di Trump, non Trump di Berlusconi.

 

https://www.washingtonpost.com/politics/can-donald-trump-be-stopped/2016/02/24/4b02feb8-db24-11e5-925f-1d10062cc82d_story.html?hpid=hp_rhp-top-table-main_republicans-745pm%3Ahomepage%2Fstory

 

 

 

10 commenti


  1. Penso che sia un semplice sentimento di invidea nei confronti dei russi che hanno un Putin,anche gli americani vorrebbero un loro presidente, che sia finita l’epoca dei poteri nascosti? Satana si auto distrugge con i classici sentimenti negativi compresa l’invidea, con Trump si autodistruggeranno credendo nella salvezza, è in arrivo il conto da pagare?


  2. “Fondatore della Christian Coalition , l’organizzazione politico-religiosa che del fondamentalismo neo-evangelico e carismatico, ferocemente filo-sionista per ragioni apocalittiche (il ritorno degli ebrei in Israele accelererà la venuta del Messia) Pat Robertson può far convergere una quindicina di milioni di elettori verso il nome a cui dà l’endorsement: ed ha scelto Trump.”
    Qui, non riesco a capire


  3. Chiedo venia direttore, articolo interessantissimo ma non mi è chiaro il riferimento alle aquile morte (segno apocalittico? minaccia velata a Trump? rito satanico propiziatorio?)…
    Potrebbe dare una delucidazione?
    Grazie

  4. Asterix

    Vi sono profezie che dicono che Obana sia l’ultimo presidente degli USA. Potrebbe anche darsi.
    Certo che per eliminare Trump, il tempo sta scadendo: cosa accadrebbe a livello sociale se fosse assassinato quando ha già la nomination in tasca? L’dentikit del possibile mandante nell’era di internet è già noto ora: tutti coloro che attaccati al sistema e benché in grande minoranza, desiderano che non venga eletto per procrastinare il loro potere e dominio.
    Non so se la gente rimarrebbe semplicemente ammutolita come ai tempi dei Kennedy.


  5. Dunque il miliardario Trump, amico dei miliardari e dei Clinton, salvatore dei popoli antisistema e magari antisemita? Credibile?
    Gioco delle parti. Il solito.
    Donald Drumpf:
    “The only [candidate] that’s going to give real support to Israel is me,” said Donald Drumpf. “The rest of them are all talk, no action. They’re politicians.
    I’ve been loyal to Israel from the day I was born. My father, Fred Trump, was loyal to Israel before me.”


    1. Cioè? Trump sarebbe l’uomo del pentagono? Tutto è possibile e probabile, ma al momento Donald è una scheggia impazzita che nessuno nei piani alti vorrebbe presidente. Perchè? perchè nessuno sa quello che ha in testa, quindi potenzialmente incontrollabile e pochissimo malleabile, sia nel bene che nel male, beninteso


  6. Anch’io come altri commentatori penso che Trump non sia così solo come sembri. Penso altresì che una parte delle forze armate, stanche dalle guerre, siano con lui e un attentato alla sua persona questa volta potrebbe essere deleterio per il sistema che, una rivolta popolare, anche tremenda, potrebbe rovesciare. Non è come prima, adesso la gente sa, e non accorgersi che sa a tal punto da votarlo così in massa, vuol dire non capire il presente. Io penso che negli USA sia arrivato il momento della resa dei conti verso i banchieri, veri responsabili della crisi che l’attanaglia, e se la Chiesa sta arrivando al capolinea, altrettanto vale per quei criminali che ora si dovranno cancellare dalla faccia della terra, con tutti i loro disastri…Adesso o mai più.

Lascia un commento