GENERALI FRANCESI. COSA PENSANO DEL PENTAGONO E DELLE SUE IMPRESE.

Il generale Dominique Delawarde, francese,  è stato capo della Guerra Elettronica e Informazione allo Stato Maggiore Interarmi di pianificazione operativa.  Sulle ultime imprese del Pentagono, e specie sul  lancio della MOAB,  descritta dai media occidentalisti come  la tremenda “madre di tutte le bombe”, la “bomba non atomica più potente  in mano ai militari Usa”,  ha scritto un rapporto, come dire?, alquanto beffardo. Che dice qualcosa sulla considerazione in cui gli alti gradi militari  di  Francia tengono la qualità militare della Unica Superpotenza Rimasta.

Vale la  pena di tradurre:

“Una settimana dopo il suo attacco spettacolare ed illegale in Siria, Trump continua la sua dimostrazione di forza in Afghanistan utilizzando per la prima volta la bomba ‘non-nucleare’ più potente del suo  arsenale,   soprannominata MOAB (Mother of all Bombs).  Con questa nuova iniziativa, offre a ciascuno l’opportunità di porsi delle domande sugli attacchi Usa in generale, e questo in particolare.

1 – Quadro  generale.

In  base alle fonti ufficiali Usa  facilmente consultabili  (

http://blogs.cfr.org/zenko/2017/01/05/bombs-dropped-in-2016/

http://www.afcent.af.mil/Portals/82/December%20Airpower%20Summary.pdf?ver=2017-01-04-094321-250)

appare che, in rigorosa applicazione del diritto del più forte, senza accordo dell’Onu  e in genere senza l’accordo dello Stato interessato,  le forze  aeree Usa  hanno nel 2016  bombardato 7 paesi e lanciato un totale di 26.172 bombe,  al minimo.

 

 

 

 

 

 

 

Un totale impressionante che è in aumento: di 3 mila bombe (+12%)  rispetto al 2015. Da notare: la US  Air Force ha effettuato il 67% dei bombardamenti della coalizione occidentale in Irak, con il consenso del governo, e il 96% dei bombardamenti della coalizione in Siria  senza  consenso del governo legale. Questo scarto percentuale sembra mostrare una reticenza della maggioranza dei paesi della coalizione ad intervenire in Siria  senza mandato Onu e senza il permesso del governo legale.

II – Il bombardamento in Afghanistan

Giovedì 13 aprile alle  ore  19.32 locali, l’US Air Force ha lanciato da  un C130 il  primo  esemplare, dei 15-20 esemplari in servizio, della sua “Mega bomba a spostamento d’aria” (GBU-43/B Massive Ordnance Air Blast Bomb: MOAB) su una rete di tunnel fortificati che  sarebbero serviti di base a Daesh.  Il  lancio è stato fatto col consenso del presidente afghano Ashraf Ghani.

(Effetti del MOAB, prima e dopo)

 

 

 

Testata prima della messa in servizio nel 2003, questa bomba,   la più potente  non-nucleare dell’arsenale Usa, pesa 10,3 tonnellate, sviluppa  una potenza esplosiva equivalente a 11 tonnellate di tritolo e costa  16 milioni di dollari ad unità,  ossia il prezzo di 16  o  25  missili Tomahawk, secondo i modelli di quest’ultimi.  Il suo raggio di efficacia totale  di soli 150  metri.

Particolare aneddotico, secondo il New York Times,  la rete di tunnel presi di mira sarebbe stata finanziata con varie decine di milioni di dollari, negli anni ’80 dalla Cia,  per  sostenere i mujaheddin nella loro lotta contro l’URSS  (il contribuente americano paga la costruzione, e poi la distruzione…).

“E i russi ce l’hanno più grossa…”

“Altro dettaglio aneddotico:  la famosa MOAB è largamente superata in potenza ed efficacia dalla «Aviation Thermobaric Bomb of Increased Power».  Questa bomba non nucleare russa, testata prima della sua messa in servizio nel 2007,  è stata, per derisione del MOAB, FOAB (Father of  all  Bombs). Essa è del 30% più   leggera della MOAB (7,1  tonnellate) ma sviluppa una potenza esplosiva equivalente  a 44  tonnellate di TNT (4 volte superiore a quella del MOAB Usa).  Il suo raggio di efficacia è di 300 metri, il doppio di quella americana.

Quanto all’efficacia dell’attacco in Afghanistan, abbiamo due versioni di cui nessuna può esser considerata più valida dell’altra. Il comunicato “Us government – Afghan” rende conto di 96  combattenti di DAESH uccisi. Il comunicato di DAESH  sostiene che questo    attacco non ha fatto alcuna vittima.  Siamo qui nella guerra dell’informazione e dei comunicati.

III – Conclusioni.

Braccato  quotidianamente dai media e dai neocon da quando è entrato in funzione, Trump sembra lanciarsi in una retotica  bellicista per tre ragioni:

  • Disarmare i neocon e dare qualcos’altro da raccontare ai media perché lo lascino un po’ in pace. Questa tecnica è stata utilizzata con successo da Bill Clinton il 16  dicembre 1998,  alla vigilia dell’esame per la sua destituzione (impeachment) da  parte della  camera dei rappresentanti per le sue menzogne nell’affare Lewinsky: allora ordinò degli attacchi aerei sull’Irak (Operazione Desert Fox).  Furono lanciati 415 missili Tomahawks facendo da 600 a 2 mila uccisi  in  3 giorni.  L’attenzione dei media fu distolta dallo scandalo Lewinsky.  Beninteso, gli iracheni ne hanno  pagato  il prezzo.
  • Dare agli americani “lambda” l’immagine di un comandante in capo solido, determinato, che non arretra, e tentare di ricostruire un minimo di coesione e di unità nella popolazione USA :  non c’è niente come una buona guerra per unificare un paese [effettivamente la popolarità di Donald è salita  al 50%  dopo il lancio dei Tomahawks.  ]
  • Inviare un messaggio subliminale agli  avversari (Siria, Iran, Corea del Nord, Russia, Cina..): “Gli Usa sono forti, fortissimi. Possono agire in modo unilaterale, brutale e imprevedibile, senza il permesso dell’ONU.  Il loro comandante in capo non esiterà..”.

Dunque questi bombardamenti hanno  meno a che fare con la ricerca de una efficacia militare, che con “cinema e comunicazione”.  La semplice aritmetica mostra che le 26.172 bombe lanciate dagli Us Air Force nel 2016 rappresentano, senza fare altrettanto rumore, l’equivalente di 3 MOAB al giorno”.

 “I militari  USa hanno  ancora i mezzi per le loro ambizioni?”

 Ora,  per i lettori dei nostri blog alternativi quelle qui date dal generale non sono novità sensazionali. Ma  il punto è che   vengono da un esperto militare, uno specialista in valutazioni strategiche e  operative:  che non nasconde il suo disprezzo per la puerilità, incompetenza e nullità tattica e  strategica delle scelte militari della supposta superpotenza. Lo spreco di risorse costosissime per “il cinema”   suscita nel generale Delawarde i  sarcasmi  che abbiamo letto.

Una tale valutazione delle sceneggiate aggressive americane è, vedo, largamente condivisa negli ambienti francesi della Difesa.

Il sito Dedefensa, spesso da noi citato, interpreta la furia bellicista di Trump e dei generali che gli hanno messo attorno (McMaster come  capo del consiglio di sicurezza nazionale, Mattis al Pentagono)  quasi come un rabbioso attacco di panico di fronte alla scoperta che le forze armate russe sono state ricostituite, snelle ed efficaci, mentre negli ultimi vent’anni “la situazione generale  delle forze Usa s’è naturalmente degradata, come è naturale per un bilancio militare che arriva penosamente [sic: sarcasmo] a 700 miliardi di dollari l’anno [la spesa della difesa russa è inferiore di 10 volte, ndr.] –   Il Pentagono è da molto tempo  ormai in una crisi costante di gestione,  ossia nell’incapacità di realizzare un lavoro normale di produzione, manutenzione e modernizzazione delle forze armate  esistenti, e non si parla del loro rafforzamento.  La situazione di queste forze armate che sono all’opera un po’ dappertutto [700 basi all’estero!, ndr.] è dunque estremamente indebolita,  costantemente  in durata, con la tendenza normale all’indebolimento a causa dell’invecchiamento e dell’usura dei materiali”.

[…] “Questi militari si trovano più o meno a dover frenare insieme  i loro ardori e la  belva che hanno scatenato in Trump, nella misura in cui si accorgono, presto, che non hanno  i mezzi per le loro ambizioni”.

Giorni fa  si è attribuito al generale McMaster  il progetto di  mandare 50 mila uomini che avrebbe voluto mandare in Siria, a combattere Assad (e i russi, gli iraniani, Hezbollah..) ma poi, è caduto il silenzio.   Il clamore è stato puntato sulle portaerei  mandate  a minacciare la Corea del Nord – cosa che Emmanuel Todd ha chiamato operazione di “militarismo teatrale”  – e i media volonterosi hanno restituito agli Usa la corona di gendarme del mondo, e a Trump quella del solito grande presidente americano di guerra.  Per Philippe Gasset  di Dedefensa,  “diventa un Trump che  ogni volta conduce  la macchina dell’americanismo all’orlo dell’abisso di decisioni sempre più difficili da prendere”.

 

Come abbiamo detto  (grazie amico Nicolas Bonnal che l’ha segnalato), Emmanuel Todd parla di “militarismo teatrale” : attenzione:   ne parlava già 15 anni fa nel suo saggio Aprés l’Empire  (2001), dove profetizzava il declino della superpotenza.

“Assistiamo a un militarismo teatrale che comprende tre elementi essenziali:

  • Mai risolvere un problema, onde giustificare  l’azione militare indefinita dell’unica superpotenza su scala planetaria.
  • Prendersela con micro-potenze  – Irak, Iran, Corea del Nord, Cuba eccetera. Il solo modo di restare politicamente al centro del mondo è di “affrontare” degli attori minori, valorizzanti per la potenza americana, onde impedire, o almeno ritardare la presa di coscienza delle potenze maggiori chiamate a condividere con gli Stati Uniti il controllo del pianeta: l’Europa, il Giappone e  la Russia a medio termine, la Cina a più lungo termine.
  • Sviluppare armi nuove, che si suppone mettano gli Stati Uniti “più avanti” nella corsa agli armamenti, che non deve mai cessare.

Questa strategia  – concludeva Emmanuel Todd nel 2001 –  fa dell’America un ostacolo nuovo e inatteso alla pace nel mondo”.

Chiunque vede, spero, la pericolosità  di questa psiche collettiva: la Superpotenza  dubita di poter vincere una guerra contro una  vera forza armata moderna, e perciò non solo provoca  sovversioni e destabilizzazioni, ma è tentata di rincarare la posta per poter  ricorrere all’unico apparato militare in cui ha, o crede, di “essere ancora più avanti”: l’arma atomica.

Rammodernare e sofisticare armamento nucleare con “nuove armi avanzate”  era l’ossessione del precedente ministro della Difesa americano, Ashton Carter, colto da rabbia e panico alla scoperta che la Russia   era intervenuta  in Siria, spostando i suoi caccia e bombardieri senza che la  costosissima intelligence Usa (17  enti) se ne accorgesse.

Di fatto,   come ha rivelato Manlio Dinucci del Manifesto,  Washington ha messo a punto la nuova bomba atomica B61-12 che potrà essere adesso prodotta in serie,  e che gli Usa daranno da lanciare anche “all’aviazione italiana, in violazione dei trattati di non-proliferazione e della  Costituzione italiana” (la più bella del mondo).

“La B61-12 non è una semplice versione ammodernata della precedente, ma una nuova arma: ha una testata nucleare a quattro opzioni di potenza selezionabili a seconda dell’obiettivo da colpire;  un sistema di guida che permette di sganciarla non in verticale, ma a distanza dall’obiettivo; la capacità  di penetrare nel terreno per distruggere i bunker dei centri di comando in un first strike nucleare”.

Leggete il resto qui:

http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=127673

 

 

Due parole sul generale Delawarde e i  suoi sarcasmi. Il fatto che li abbia resi pubblici è una rottura della norma, da parte di un ufficiale dell’intelligence. Essa riflette il nervosismo, anzi l’insofferenza degli alti gradi francesi, al comando della sola forza armata in Europa di alta qualità e di specifica cultura (giacobino-napoleonica, e patriottico-gaullista,  comunque sia  non-atlantista), di  essere stati assoggettati dai politici borghesi (Sarkozy e Hollande) alla NATO, e al comando di una simile forza idiota e pericolosa.

Da tempo i generali francesi danno segni di volontà di critica radicale al potere civile e alle sue politiche.  Il generale Tauzin ha tentato di presentarsi alle elezioni presidenziali, deriso dai media. Un generale Picquemal ha partecipato a  manifestazioni contro “l’accoglienza” dei “migranti”, ed è stato per questo sottoposto a sanzioni disciplinari . Un generale Soubelet  ha appoggiato il candidato MAcron per qualche settimana, per poi allontanarsene quando ha visto che dietro a Macron c’era Hollande…Adesso il  presidente degli ufficiali della riserva, generale Anoine Martinez, ha scritto un libro  “Quand la Grande Muette prendra la parole” –   (la Grande Muta è, per tradizione, l’Armée Francaise,  per dire che obbedisce tacendo – anche se freme) dove dice: basta con questo dovere di tacere; abbiamo il dovere di parlare. E giù critiche alla politica  di immigrazione, “importiamo una religione che vuole la nostra morte” – e racconta di episodi di ammutinamento di soldati “francesi” islamici  in zone d’operazione in paesi musulmani –   giù allarmi sulla “unità della Nazione” in pericolo,  giù  critiche alla riduzione di  personale:

“Le forze armate sono state tagliate di 54 mila uomini fra il 2008 e il 2015. L’attuale presidente [Hollande] prevede di ridurle di altri 34 mila uomini, insomma circa 90 mila uomini in   meno. Ciò pone enormi problemi di avvicendamenti, anche perché non sono mai state tanto impegnate all’estero come adesso”.

E ricorda che quando ebbero l’ordine di mandare altri uomini per la “Operazione Serval in Mali” (una guerra di tuareg contro il governo di Bamako, presto metamorfosata in Al Qaeda nel Maghreb Islamico, 2012-2015), “il capo di stato maggiore generale e i capi di SM delle tre armi si sono detti pronti a dare le dimissioni al ministro della difesa. La gente non lo sa, ma venti generali erano pronti a seguire i loro capi.  Bisogna rompere il silenzio per consentire una presa di coscienza. La politica esita troppo: se non è messa davanti  a situazioni drammatiche, non si prendono decisioni”.

 


Il web marketing etico

Libri e DVD sul marketing Italo Cillo è prematuramente scomparso il 25 marzo 2016, ma ha lasciato tantissimo materiale su come poter modellare sulle proprie passioni un'attività online. Finalmente questo materiale è da oggi disponibile in un unico cofanetto.

Scopri di più


16 commenti

  1. rino

    Sì ma la Francia è ancora una nazione indipendente o i neo giacobini sotto il grembiule l’hanno già svenduta da un pezzo agli anglosionisti? Forse è troppo tardi per il corpo armato evitare la deriva, a meno di essere consapevoli di scatenare una guerra civile con la Le Pen alla testa.

  2. Diego Grandi

    Si preparino i generali francesi a prendere il potere manu militari quando avranno Parigi in fiamme per le rivolte interne e la 2ª Divisione motorizzata della Guardia “Tamanskaja” alle porte.

  3. Eponime

    Scenate, semplici scenate anche quelle dei generali francesi (per quanto genuine possano essere).
    I politici sapranno gestire anche queste proteste con il solito atteggiamento da muro di gomma che li contraddistingue e i poteri forti che li tutelano smorzeranno ulteriormente gli effetti.

    La tempesta ci travolgerà senza che nessuno in occidente possa fare alcunchè.
    E purtroppo ci troveremo dalla parte sbagliata.


  4. Corre voce che in Italia quasi tutti i vertici militari che contano abbiano in dotazione,oltre alla divisa, un grembiulino nero.
    In Francia è diversa la situazione? In che misura?
    Certo in caso di disordini ingestibili i vertici militari potrebbero più facilmente convertirsi al “populismo” ossia agli interessi della nazione piuttosto che a quello degli incappucciati.
    In ogni caso se i generali francesi dovessero litigare con la Nato noi italiani patrioti siamo pronti ad arruolarci nella Legione Straniera.
    Ossimoro apparente


  5. In Francia, pullulano le profezie riguardo al Grande Monarca. Ve ne sono a bizzeffe di veggenti che hanno predetto la terza guerra mondiale e la successiva ascesa del Grande Monarca, ultimo discendente di re Luigi IX Il Santo.
    Vi segnalo questa profezia:
    https://www.touteslespropheties.net/abbe-souffrant/
    L’abbé Souffrant, piccolo prete della campagna bretone, che fu perseguitato nella Francia post-rivoluzionaria morendo martirizzato, ebbe il carisma della profezia.
    Le sue profezie – è proprio il caso di dirlo – capitano a fagiolo per completare questo articolo.
    Egli profetizzò lo scoppio di una grande guerra, rivolte civili che porteranno alla distruzione di Parigi, similmente ad Alois Irlmaier, e l’invasione delle Francia da parte delle truppe di un imperatore russo, al seguito del quale si sarebbe poi manifestato il Grande Monarca. Ebbene, secondo queste profezie, i militari francesi, una volta appurata la vera identità del Grande Monarca, si sarebbero rifiutati di sparare un solo colpo, deponendo le armi.
    Tra l’altro, nel periodo turbolento precedente la restaurazione da parte del Grande Monarca, la Francia sarebbe stata guidata da un generale bretone. I LePen sono bretoni, di origine.

    1. Diego Grandi

      Volesse Iddio!


      1. In effetti, ci metterei la firma.
        In ogni caso, anche agendo razionalmente, si ha proprio l’impressione che si vada a parare lì.
        Conosco assai bene la Francia, potrei anche andarci nei prossimi giorni, proprio nel bel mezzo delle elezioni presidenziali, e so bene quanto da loro la situazione sia molto, ma molto tesa.
        Però mi sento di dire una cosa: quando vado in Francia, e mi reco a messa, ecco, noto sì che le chiese sono piuttosto vuote, ma la gente mi dà l’impressione di pregare con un fervore maggiore rispetto a quello manifestato dai fedeli in Italia. Non è un caso che, come evidenziato dallo stesso direttore in un suo articolo di qualche tempo fa, le parrocchie dove ancora celebra messa con il vetus ordo siano assai numerose in Francia, e non così in Italia.
        Mi auguro di poter interpretare tutto ciò come un risveglio del sentimento religioso, ma pure del sentimento di identità nazionale, a capo del quale non può che esserci l’armée.

  6. lady Dodi

    Questo interessantissimo articolo ha ribaltato certe mie convinzioni. Che l’esercito americano sia solo “cinematografico” è cosa nota da sempre ma, pensavo che fra armamenti e mercenari magari fossero in grado di sconfiggere l’Esercito di Montecarlo. E invece…… Quindi LORO vogliono usare l’atomica!?

  7. Larry06

    … e quello americano sarebbe l’esercito più potente del mondo?
    Leggete l’ultima notizia da comiche!
    http://www.lastampa.it/2017/04/19/esteri/la-portaerei-di-trump-contro-la-corea-del-nord-ha-navigato-per-sette-giorni-in-direzione-opposta-XnQov46HkaAJQwscoCcPgM/pagina.html
    Mi sa che Trump e la catena di comando del Pentagono hanno le idee un po’ confuse!
    E’ così che vorrebbero muovere guerra a Russia, Cina e Iran?
    Credo proprio che bisognerà avvisare tutti gli yankee che la loro potenza è invincibile solo nei film di Hollywood!

  8. lady Dodi

    Sai Larry forse temevano di incontrare davvero Kim il Coreano. Che nel frattempo riceveva il nostro Razzi.

  9. Oriundo2006

    Sulla portaerei direi che si tratta di un caso analogo ai missili sparati e mai arrivati in Siria. E’ per contentare l’opinione pubblica guerrafondaia americana: è da tener presente ai ‘buonisti’ che gli americani sono portati tutti ad essere dei violenti, non avendo delle basi spirituali e mentali adeguati all’egemonia che pretendono, e dunque risolvono i problemi con la forza del resto erano pistoleri e rimangono tali, orgogliosamente tali c’è da dire… Oggi non possono più, almeno sinora , godere di un appoggio totale dell’opinione pubblica, ed anche loro non vogliono spingersi sino ad un olocausto globale. Esitano, tentano di dar prove muscolari ma tutti capiscono che è un gioco mediatico, per prima cosa, ma… a giocare coi fiammiferi prima o poi ci si scotta.
    Sui francesi, ho sentito testè alla TV che la Francia sarebbe pronta a dare prove certe dell’ordine di Assad di buttare bombe chimiche sul suo popolo. Lo può davvero ? In tal caso sembrerebbe che: primo le prove esistono, secondo gli USA non si espongono in via primaria a diffonderle, terzo, l’acutizzarsi del problema-Siria può portare direttamente ed immediatamente ad un confronto globale ma senza l’utilizzo di tutti gli armamenti disponibili, riservandosi in ultima istanza gli USA ( o chi per essi … ) una via diplomatica di uscita preventiva. come dire: vi avevamo detto che Assad è un criminale, lo dicono anche i francesi, adesso ci dovete credere tutti e dunque non vi potete opporre alla solita ricetta bomb, bomb, bomb…Che dire ? Noi possediamo informazioni talmente ridotte che per seguire per li rami il ragionamento di questi insani siamo costretti a fare parecchio uso del calcolo delle probabilità per colpire il bersaglio, ovvero prevedere cosa succederà: ma l’incertezza è troppo grande per formulare previsioni e non predizioni. Infine ritengo che la Russia sbagli a non diffondere le prove che sicuramente ha sull’aereo malese, su quello precipitato in Ucraina ecc. ecc., e su tutte le provocazioni che ha subito ( senza pensare alle Torri Gemelle ): dire la verità, mettere in guardia è necessario quando si vede che l’irrazionale ( non il sovrarazionale, cosa ben diversa ) ha preso il sopravvento: il male si nutre della menzogna. Demistificarlo significa depotenziarlo e dunque realmente rendere l’unico servizio utile all’umanità, almeno finchè c’è ancora. Dopo sarebbe inutile.


    1. Daccordissimo sul fatto che Putin dovrebbe divulgare tre o quattro verità strategiche , a partire dagli attentati alle torri gemelle, prima che l’accadimento passi nella storia e ne sbiadisca la “freschezza”.
      L’ho scritto spesso nei miei modesti commenti non per farmi un vanto ma perchè penso che la guerra all’umanità fatta soprattutto di menzogna vada conbattuta con la verità., per evitare l’apocalisse nucleare. Pero’ c’è anche il rischio che i bugiardoni lo scatenino il botto nucleare, sconvolti da cotanto coraggio. Un bel guazzabuglio.
      Putin non divulga nonostante l’omicidio del fondatore di Russia Today a New Yoerk .
      Eppure i tempi mi sembrano più che maturi

      1. rino

        Il vostro ragionamento non fa una grinza. Ma se Putin non ha ancora spifferato al mondo le bugie degli USA è perché 1) probabilmente non ha prove concrete per accusarli, 2) perché quand’anche le avesse è improbabile riuscire a ottenere i risultati sperati. Vi ricordate delle foto mostrate al mondo del contrabbando di petrolio siriano da parte dell’isis in direzione Turchia? In quel caso non era il pesce grosso (gli USA) ma un suo alleato nella destabilizzazione di un paese sovrano (Siria), e ciononostante i risultati mediatici non furono quelli sperati. Infatti i TG (quelli nostrani, ma dubito che la BBC o la CNN si siano comportati diversamente..) aprivano i relativi servizi sempre aggiungendo “secondo i militari russi..” etc…
        O segui la massa o ti fai due domande e cerchi la verità. Ma se intendi conquistare la massa con la verità, la vedo dura…
        Essa vuole essere plagiata, desidera vivere nel mondo delle fiabe perché è il posto dove stanno tutti, nel bene (l’impero del bene durante la guerra fredda) e nel male (la guerra al terrorismo, la limitazione delle libertà, lo spionaggio diffuso e acclarato).
        Il problema è antico almeno quanto gli albori della filosofia quando i primi pensatori si scagliavano contro il mondo del mito e a favore dello sviluppo delle capacità critiche. Dopo 2500 anni stiamo ancora allo stesso punto: la massa si lascia incantare dagli aedi e stigmatizza chi prova a farli ragionare.


        1. Non ha le prove per accusarli?
          Sulle torri gemelle basta uno schiocco di dita per far aprire gli occhi ai ciechi.
          Il mio mantra “i tempi sono maturi” trova giustificazione nella massiccia diffusione di internet, dell’ informazione giusta e contestualmente ad una sensibile perdita di credibilità dei mainstream ufficiali.
          Poi ,parliamoci chiaro: la gente ignorante, caprona ,ottusa, comincia a percepire che gli americani non fanno altro che bombardare il mondo per esportare democrazia. Insomma il “sentiment” di massa è favorevole all’assunto in oggetto di dibattito.
          Per non parlare poi dell’allunaggio, delle missioni Apollo da propalare ai “pollastri umani”.- Ha toccato !- Stagno Tito dixit.
          E ora di sapere chi e che cosa ha toccato.
          Se ci facciamo cogliere dal fatalismo, dal concetto che la menzogna, oltre che ineluttabile, è invincibile non ci resta che contribuire alla realizzazione in toto del mondo orwelliano di 1984.
          Dante per bocca di Ulisse ci ha ben detto il motvo per cui fummo fatti.
          E’ pure vero che Gesù ha detto :- Il mio Regno non è di questo mondo- e per questo ha subito il Massimo Sacrificio per salvare l’umanità.Forse la mia teologia è un po’azzardata ma penso che il Sacrificio di Nostro Signore ci debba indurre a combattere con costanza e vemenza la menzogna affinchè non sia vana la Passione subita.

          1. rino

            Lei Nicola ha perfettamente ragione. Anch’io ho pensato la stessa cosa sul dire la verità.
            Ma l’uomo, e soprattutto l’uomo occidentale, è sufficientemente indipendente e autonomo per sopportare la verità o ha preferito crescere fisicamente ma rimanere di fatto un bambino?
            Putin sa che se dice la verità lo fa per certe persone che hanno GIÀ intuito come stanno le cose. Non credo si illuda di convertire gente che guarda film americani dalla mattina alla sera. Quello non è il suo target. Ma quante ce ne sono qui in occidente? Un paio di anni fa fui ricovero in seguito ad un incidente e rimasi in ospedale per una settimana. A fianco a me dormiva un senegalese musulmano accudito da un amico. Mio zio venne a trovarmi proprio mentre costui stava pregando. La prima frase che mi disse fu, tra il serio e il faceto: “attento che non sia mai mettano una bomba”!
            È vero che l’impero comincia a scricchiolare se si interrompe o si disturba la “musica” che suona l’orchestra, ma pretendere di affrontarla a viso aperto significa gettare alle ortiche il minuzioso e imprescindibile lavoro che solamente alla lunga può portare benefici.
            Io credo che se l’occidente cesserà di ascoltare le fandonie degli USA è perché ha accettato di seguire le fandonie (=la musica) suonate da qualcun’altro. Non perché sia sufficientemente maturo per aprire gli occhi.
            D’altronde è già stato detto saggiamente: se si smette di credere in Dio si finisce per credere in qualsiasi cosa..
            Non è una verità che può far aprire gli occhi, ma l’educazione, la morale, la spiritualità che sono state ahinoi completamente distrutte in occidente. Di fatto siamo tornati indietro, almeno ai tempi dell’uomo delle caverne!


  10. Sono un po’ annoiato da questi generali francesi che ogni tanto fanno qualche marginale gesto di stizza, ma poi restano allineati dietro alla politica come tutti gli altri pecoroni in carriera (e in Loggia). Se la fronda fosse seria e grande, non servirebbe nemmeno il colpo di stato, ne basterebbe solo la minaccia, ma evidentemente siamo di fronte a dei casi isolati. Come tutti noi, anche loro ne hanno abbastanza della Nazione Indispensabile, del triste Bullo Planetario e del suo diritto del più forte, ma che sbaglia pure a spedire la portaerei. Ne hanno abbastanza pure della Francia sottomessa alla Nato e diluita nella dittatura UE. E quindi? Qualche idea? Un sostegno a Marine, magari? Nulla di tutto questo. Peccato, perché la Francia è il solo paese europeo che potrebbe aiutarci a spezzare le catene.

Comments are closed.