Bergoglio elogia Napolitano e Bonino? Esegue il programma

Molti amici mi sollecitano a dire qualcosa sull’elogio che “El Papa” ha voluto elevare ai due; elogio pubblico, aperto e provocatorio. Lo faccio controvoglia. A parte il senso di offesa come credente, per l’uso e l’abuso che Bergoglio fa del cattolicesimo cui appartengo, non mi stupisco. Conferma che Bregoglio sta attuando un programma scritto da lungo tempo. Su Napolitano, è apparentemente l’omaggio ad un “fratello”. “Quando ha accettato per la seconda volta, a quell’età, e sebbene per un periodo limitato, di assumersi un incarico di quel peso, l’ho chiamato e gli ho detto che era un gesto di eroicità patriottica”. Ora, è chiaro che Napolitano è il regista del colpo di Stato, decretato dai luoghi illuminatissimi di Bruxelles e Washington, che doveva rovesciare l’ultimo politico eletto (ancorché indegno, Berlusconi) e sostituirlo con servi e maggiordomi del Sistema. Giorgio Napolitano è stato l’unico dirigente del Pci che aveva – negli anni in cui il Pci era stalinista – il visto permanente per gli Stati Uniti: gli alleati si fidavano evidentemente di lui, nonostante etichetta rossa. Rossa,poi, per modo di dire: Napolitano era membro nel Pci della corrente detta Migliorista, di cui era guru il suo maestro Giorgio Amendola – le cui posizioni in politica ed economia erano vicinissime al liberalismo, rafforzato da “antifascismo” e radicalismo laicista, molto poco operaio-proletario.

Kissinger_napolitano
con Kissinger, in confidenza

Un miscuglio che aveva poco a che fare col Partito Comunista di allora. Come mai il Partito alzò Amendola e Napolitano, due radical-liberali gran borghesi, alle massime cariche interne e parlamentari?
Per saperlo, bisognerebbe spiegare perché – l’ha raccontato lo stesso Giorgio Napolitano – “Togliatti, sbarcato a Napoli al ritorno dall’Unione Sovietica, il 27 marzo 1944, si precipitò a trovare” Curzio Malaparte, il celebre scrittore, nella sua lussuosa villa di Capri”. Per i compagni ingenui (profani) Malaparte era un “fascista”, che faceva la ruota nel bel mondo romano del regime, amico di Galeazzo Ciano (grazie al quale aveva potuto costruire la sua villa milionaria a Capri in una zona vietata); Gramsci lo detestò e lo considerò un cinico vanesio. In realtà, Malaparte, che si chiamava Kurt Suckert era sì un cinico vanesio, ma dal 1924 iniziato alla Gran Loggia d’Italia ; e poche settimane dopo fu fatto passare “per le colonne” della Loggia Nazionale, “direttamente all’obbedienza del gran maestro (l’ebreo) Raoul Palermi”: una gemella della P2 dunque, un livello più profondo di clandestinità. Il Suckert continuò a godersi le rosee stagioni del potere romano, fra ricchi e potenti, ebbe un amorazzo anche con Virginia Agnelli vedova di Edoardo della famiglia automobilistica; ma fu tanto accorto (o ben istruito) da prepararsi i galloni nel nuovo regime “democratico”: dopo l’otto settembre si arruolò “nell’Esercito Cobelligerante Italiano del Regno d’Italia e collaborò con gli Alleati nel Counter Intelligence Corps nella lotta contro i nazisti e i fascisti della RSI,” (così Wikipedia).
Era questo l’uomo che Togliatti ritenne necessario “precipitarsi a trovare”, prima ancora di prendere davvero le redini del partito, appena tornato da Mosca; e non a Roma ma a Capri, dove villeggiava lo scrittore, insomma bussando alla sua porta. Perché? Si vede che ne aveva bisogno. Bisogno di garanti internazionali di un certo tipo. Il capo del Pci si fece accompagnare all’incontro “ da due dirigenti del pci napoletano, Eugenio Reale, futuro ambasciatore a Varsavia, e Velio Spano, che fu il primo direttore de ‘‘l’Unità”, ricorda Napolitano. E c’era anche lui, Giorgio Napolitano, perché anche lui villeggiava (pardon, “ero sfollato”) a Capri. Una riunione di vertice, sui destini d’Italia e dello stesso Pci, probabilmente la particolare “via italiana al comunismo” si cominciò a delineare là. Il giovine Napolitano vide in Malaparte, quel giorno, “un comunista quasi dichiarato”. Impareggiabile quel “quasi”. Il “quasi” Malapartesi degnò di scrivere sull’Unità, con pseudonimo. Era il periodo in cui l’Unità stava per avere come direttore quell’ufficiale americano che, arrivato in Italia sui carri armati stellati, fu messo dal suo ufficio (lo Psychological Warfare Branch ) a dare o negare i permessi ai nuovi giornali che in quei giorni dopo la “Liberazione” nascevano come funghi: erano liberi, ma dovevano chiedere permesso a quel tipo che credevano si chiamasse “capitano Smith”, e che – col permesso – assegnava anche la carta per la stampa, che era razionata. Nel 1947, i giornalisti furono stupefatti nel ritrovare “il capitano Smith” diventato – per volontà di Togliatti – direttore de L’Unità, dopo essere stato fondatore dell’Ansa (la libera agenzia della democrazia degli americani) con il suo vero nome – se poi è quello vero: Renato Mieli, ebreo nato ad Alessandria d’Egitto. Papà di quel Paolo Mieli che è stato necessario mettere a dirigere il Corriere della Sera in anni molto recenti.

Renato MIeli, "capitano Smith"
Renato Mieli, ex “capitano Smith”

Papà Renato restò a dirigere L’Unità per nove anni: dovete essere un duro sacrificio impostogli dai superiori, e perché appena ne uscì (prendendo come occasione la rivolta ungherese) nel 1956,aderì pubblicamente al liberismo di Hayek e Von Mises e pubblicò articoli fortemente anti-comunisti sul Giornale di Montanelli, suo amico. Come sappiamo, invece, Giorgio Napolitano, con stupore di chi lo conosceva come un comunista liberale, molto poco rosso, non uscì dal Partito dopo la rivolta ungherese: rimase. Per lui i compiti di controllo del Pci non erano ancora finiti.
Compiti che ha sempre svolto fedele alla consegna internazionale, quando c’è stato bisogno di lui: dal “divorzio fra Bankitalia e Tesoro”, alle privatizzazioni-svendite dell’IRI, all’inserimento del’Italia nella Europa burocratica e poi globalizzata; ha coperto il fratello Giuliano David Amato nella sua spoliazione dei conti correnti; ha sorvegliato e difeso discretamente tutte le “riforme” volute dal capitale mondiale e tendenti al governo unico mondiale massonico, sorvegliando che il partito detto ‘comunista’ non scartasse in qualche forma di “populismo”(che il Grande Architetto non voglia!). Fino al golpe che ha buttato giù Berlusconi (ma credo che il sistema temesse il suo ministro delle Finanze, Tremonti)

Napolitano e, dietro, Giorgia Amendola
Napolitano e, dietro, Giorgia Amendola

Che il due volte (“eroico”) presidente Napolitano sia massone, non c’è prova (ovviamente). Massone fu sicuramente suo padre, avvocato e maggiorente Giovanni Napolitano (1883-1955). “Fu iniziato massone nella loggia “Giovanni Bovio” di Napoli il 20 giugno 1911, all’obbedienza del Grande Oriente d’Italia (matricola 36.019)”, come a testimoniato Aldo A. Mola, storico ufficiale della Massoneria, che ha potuto consultare gli appositi archivi della Vedova.
Come il padre, anzi come il padre e il nonno dell’altra figura in cui Napoletano s’identifica, il suo fratello maggiore ideologico e suo amico, capo dei miglioristi, con cui ha condiviso 60 anni nel partito, da Togliatti a Berlinguer ad Occhetto. Giorgio Amendola.
Ho ricordato che Napolitano nel ’56 non se ne uscì dal Partito. Vi rimase con Giorgio Amendola, figlio e nipote di massoni famosi. Il padre, Giovanni Amendola, era figlio di Pietro Amendola (garibaldino) ed Adelaide Aglietta (mazziniana), ava della omonima esponente del Partito Radicale pannelliano. Il lato interessante per capire l’uscita papale è che papà Giovanni, sviluppò il lato “gnostico”, magico, spiritista, del radicalismo massonico: “Il direttore del quotidiano radicale La Capitale, Edoardo Arbib (1840-1906, garibaldino, senatore, israelita e massone), vecchio commilitone e amico del padre iniziò Giovanni Amendola alla Società Teosofica, fondata nel 1875 da Helena Petrovna Blavatsky (che fu a Mentana con Garibaldi). La Società Tosofica era frequentata da ricche signore della nobiltà ebraico-piemontese: fra cui la Baronessa Emmelina Sonnino De Renzis, sorella di Sidney Sonnino”: che sarà capo del governo di eccezione in un momento storico in cui la funzione democratica doveva venire meno per forza: la Grande Guerra. Sonnino, padre ebreo e madre britannica, era l’uomo giusto per essere nominato ministro degli Esteri nel 1914, a che l’Italia non deviasse dall’alleanza; lo rimase fino al 1919.

Eva Kuhn, teosofa
Eva Kuhn, teosofa

“Dio e popolo”, come Mazzini

Giovanni Amendola, il papà, trovò nella società teosofica l’occultista e maga, nonché vegetariana, Eva Kuhn (Cohen): e la sposò nel 1906. Con rito valdese. L’esoterista e teosofo massone Amendola (papà), il cui figlio sarà poi la guida e il maestro di Napolitano, guardava infatti con interesse al protestantesimo. E quindi, al modernismo: in cui vedeva “la democrazia religiosa (…). La formula riassuntiva, Dio e popolo (di Mazzini) contiene in sostanza la dottrina cattolica del modernismo”(1)
“Dio e popolo”: è il nucleo della fanta-teologia di Bergoglio. Che lui ha espresso, in modo più o meno esplicito, pressappoco in questi termini, un giorno che si arrabbiò per i preti che danno la Comunione in bocca anziché in mano: “Non si può, per onorare il Corpo Reale di Cristo, offendere il Corpo Sociale di Cristo”. Il “popolo” è il vero e superiore “corpo di Cristo”. E non i cattolici, ma l’intera umanità, che è in marcia verso il “Punto Omega” evolutivo, dove l’uomo si scoprirà divino in sé, e le religioni unite nell’auto-adorazione. E’ in questa visione che si spiega la detestazione di Bergoglio per la Chiesa e i cattolici: bisogna de-sacramentalizzarli, togliere la loro specificità sacrale, perché confluiscano nel protestantesimo che è la “democrazia religiosa” di Amendola il teosofo. I sacramenti, sono una superstizione del passato, da sostituire con la “misericordia” universale e indistinta: siete già tutti salvi, siete il corpo sociale di Cristo. Si inginocchia davanti ai detenuti, gli lava i piedi: la mistica del peccatore che non ha bisogno di redenzione né di pentimento. Nasconde il crocifisso e pettorale quando va’ in Sinagoga, o in qualche loggia luterana. Detesta i cattolici. E’ tutto così chiaro: sta eseguendo a puntino il programma.

Croce seminascosta
Croce seminascosta

Che sia personalmente massone non so. Basta che sia modernista. Pare più un prodotto dell’ideologia, che un consapevole fautore: per esempio ha falle di conoscenza della dottrina cattolica, quasi ridicole. Forse è teleguidato, il che è peggio, in un certo senso.
Che cosa volete che commenti: aspettiamoci ogni abuso e violenza. Si dice che voglia fare di Enzo Bianchi un cardinale. Come credente, sono ovviamente offeso e insultato dagli abusi che fa’ della fede che è anche mia; ma è dal Concilio che siamo abituati ai gerarchi che abusano della dottrina e della fede, distruggendo la Chiesa sacramentale. Questi eccessi ridicoli, da parodia, dovrebbero rallegrarci, in fondo: il tempo della fine di tutto ciò si avvicina. Il Sistema accelera la sua presa, aumenta la sua brutalità, non si nasconde più sotto melliflue forme,perché “sa di avere poco tempo”

Il vero commento lo posto e incollo: sono

Le profezie della Beata Anna Caterina Emmerich

“Vidi ancora una volta che la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla setta segreta, mentre le bufere la stavano danneggiando. Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. Vidi di nuovo la Beata Vergine ascendere sulla Chiesa e stendere il suo manto su di essa. Vidi un Papa che era mite e al tempo stesso molto fermo… Vidi un grande rinnovamento e la Chiesa che si librava in alto nel cielo”.
“Vidi che molti pastori si erano fatti coinvolgere in idee che erano pericolose per la Chiesa. Stavano costruendo una Chiesa grande, strana, e stravagante. Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti ed avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione. Così doveva essere la nuova Chiesa… Ma Dio aveva altri progetti”. (22 aprile 1823)

“Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola… Non c’erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c’era niente che venisse dall’alto… C’erano solo divisioni e caos..”. (12 settembre 1820)
“Ho visto di nuovo la strana grande chiesa che veniva costruita là [a Roma]. Non c’era niente di santo in essa. Ho visto questo proprio come ho visto un movimento guidato da ecclesiastici a cui contribuivano angeli, santi ed altri cristiani. Ma là [nella strana chiesa] tutto il lavoro veniva fatto meccanicamente. Tutto veniva fatto secondo la ragione umana… Ho visto ogni genere di persone, cose, dottrine ed opinioni.
C’era qualcosa di orgoglioso, presuntuoso e violento in tutto ciò, ed essi sembravano avere molto successo. Io non vedevo un solo angelo o un santo che aiutasse nel lavoro. Ma sullo sfondo, in lontananza, vidi la sede di un popolo crudele armato di lance, e vidi una figura che rideva, che disse: “Costruitela pure quanto più solida potete; tanto noi la butteremo a terra””. (12 settembre 1820)
“Ebbi una visione del santo Imperatore Enrico. Lo vidi di notte, da solo, in ginocchio ai piedi dell’altare principale in una grande e bellissima chiesa… e vidi la Beata Vergine venire giù da sola. Ella stese sull’altare un panno rosso coperto con lino bianco, vi pose un libro intarsiato con pietre preziose e accese le candele e la lampada perpetua…
Allora venne il Salvatore in persona vestito con l’abito sacerdotale…
La Messa era breve. Il Vangelo di San Giovanni non veniva letto alla fine [è la ‘nuova’ Messa che vede la Emmerich: prima del Concilio, alla fine, veniva letto il proemio del Vangelo di Giovanni: In principio era il Verbo. Ndr.]. Quando la Messa fu terminata, Maria si diresse verso Enrico e stese la sua mano destra verso di lui dicendo che questo era in riconoscimento della sua purezza. Allora lo esortò a non avere esitazioni. Dopo di ciò vidi un angelo, esso toccò il tendine della sua anca, come Giacobbe. Enrico provava grande dolore, e dal quel giorno camminò zoppicando… ” (12 luglio 1820)
“Vedo altri martiri, non ora ma in futuro… Vidi le sette segrete minare spietatamente la grande Chiesa. Vicino ad esse vidi una bestia orribile che saliva dal mare… In tutto il mondo le persone buone e devote, e specialmente il clero, erano vessate, oppresse e messe in prigione. Ebbi la sensazione che sarebbero diventate martiri un giorno.
“Vidi anche il rapporto tra i due papi… Vidi quanto sarebbero state nefaste le conseguenze di questa falsa chiesa. L’ho veduta aumentare di dimensioni; eretici di ogni tipo venivano nella città [di Roma]. Il clero locale diventava tiepido, e vidi una grande oscurità… Allora la visione sembrò estendersi da ogni parte. Intere comunità cattoliche erano oppresse, assediate, confinate e private della loro libertà. Vidi molte chiese che venivano chiuse, dappertutto grandi sofferenze, guerre e spargimento di sangue. Una plebaglia selvaggia e ignorante si dava ad azioni violente. Ma tutto ciò non durò a lungo”. (13 maggio 1820)
Quando la Chiesa per la maggior parte era stata distrutta e quando solo i santuari e gli altari erano ancora in piedi, vidi entrare nella Chiesa i devastatori con la Bestia. Là essi incontrarono una donna di nobile contegno che sembrava portare nel suo grembo un bambino, perché camminava lentamente. A questa vista i nemici erano terrorizzati e la Bestia non riusciva a fare neanche un altro passo in avanti.

Allora vidi la Bestia che fuggiva di nuovo verso il mare, e i nemici stavano scappando nella più grande confusione… Poi vidi, in grande lontananza, grandiose legioni che si avvicinavano. Davanti a tutti vidi un uomo su un cavallo bianco. I prigionieri venivano liberati e si univano a loro. Tutti i nemici venivano inseguiti. Allora, vidi che la Chiesa veniva prontamente ricostruita, ed era magnifica più di prima”. (Agosto-ottobre 1820)
“Vedo il Santo Padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Temo che il Santo Padre soffrirà molte altre prove prima di morire. Vedo che la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e vedo la tremenda influenza che essa ha sulla gente. Il Santo Padre e la Chiesa sono veramente in una così grande afflizione che bisognerebbe implorare Dio giorno e notte”. (10 agosto 1820)
“La scorsa notte sono stata condotta a Roma dove il Santo Padre, immerso nel suo dolore, è ancora nascosto per evitare le incombenze pericolose. Egli è molto debole ed esausto per i dolori, le preoccupazioni e le preghiere. Ora può fidarsi solo di poche persone; è principalmente per questa ragione che deve nascondersi. Ma ha ancora con sé un anziano sacerdote di grande semplicità e devozione. Egli è suo amico, e per la sua semplicità non pensavano valesse la pena toglierlo di mezzo.
Ma quest’uomo riceve molte grazie da Dio. Vede e si rende conto di molte cose che riferisce fedelmente al Santo Padre. Mi veniva chiesto di informarlo, mentre stava pregando, sui traditori e gli operatori di iniquità che facevano parte delle alte gerarchie dei servi che vivevano accanto a lui, così che egli potesse avvedersene”.
“Non so in che modo la scorsa notte sono stata portata a Roma, ma mi sono trovata vicino alla chiesa di Santa Maria Maggiore, e ho visto tanta povera gente che era molto afflitta e preoccupata perché il Papa non si vedeva da nessuna parte, e anche per via dell’inquietudine e delle voci allarmanti in città.
La gente sembrava non aspettarsi che le porte della chiesa si aprissero; essi volevano solo pregare fuori. Una spinta interiore li aveva condotti là. Ma io mi trovavo nella chiesa e aprii le porte. Essi entrarono, sorpresi e spaventati perché le porte si erano aperte. Mi sembrò che fossi dietro la porta e che loro non potessero vedermi. Non c’era alcun ufficio aperto nella chiesa, ma le lampade del Santuario erano accese. La gente pregava tranquillamente.
Poi vidi un’apparizione della Madre di Dio, che disse che la tribolazione sarebbe stata molto grande. Aggiunse che queste persone devono pregare ferventemente… Devono pregare soprattutto perché la chiesa delle tenebre abbandoni Roma”. (25 agosto 1820)
“Vidi la Chiesa di San Pietro: era stata distrutta ad eccezione del Santuario e dell’Altare principale. San Michele venne giù nella chiesa, vestito della sua armatura, e fece una pausa, minacciando con la spada un certo numero di indegni pastori che volevano entrare. Quella parte della Chiesa che era stata distrutta venne prontamente recintata… così che l’ufficio divino potesse essere celebrato come si deve. Allora, da ogni parte del mondo vennero sacerdoti e laici che ricostruirono i muri di pietra, poiché i distruttori non erano stati capaci di spostare le pesanti pietre di fondazione”. (10 settembre 1820)
“Vidi cose deplorevoli: stavano giocando d’azzardo, bevendo e parlando in chiesa; stavano anche corteggiando le donne. Ogni sorta di abomini venivano perpetrati là. I sacerdoti permettevano tutto e dicevano la Messa con molta irriverenza. Vidi che pochi di loro erano ancora pii, e solo pochi avevano una sana visione delle cose. Vidi anche degli ebrei che si trovavano sotto il portico della chiesa. Tutte queste cose mi diedero tanta tristezza”. (27 settembre 1820)
“La Chiesa si trova in grande pericolo. Dobbiamo pregare affinché il Papa non lasci Roma; ne risulterebbero innumerevoli mali se lo facesse. Ora stanno pretendendo qualcosa da lui. La dottrina protestante e quella dei greci scismatici devono diffondersi dappertutto. Ora vedo che in questo luogo la Chiesa viene minata in maniera così astuta che rimangono a mala pena un centinaio di sacerdoti che non siano stati ingannati. Tutti loro lavorano alla distruzione, persino il clero. Si avvicina una grande devastazione”. (1 ottobre 1820)
“Quando vidi la Chiesa di San Pietro in rovina, e il modo in cui tanti membri del clero erano essi stessi impegnati in quest’opera di distruzione – nessuno di loro desiderava farlo apertamente davanti agli altri -, ero talmente dispiaciuta che chiamai Gesù con tutta la mia forza, implorando la Sua misericordia. Allora vidi davanti a me lo Sposo Celeste ed Egli mi parlò per lungo tempo…
Egli disse, fra le altre cose, che questo trasferimento della Chiesa da un luogo ad un altro significava che essa sarebbe sembrata in completo declino. Ma sarebbe risorta. Anche se rimanesse un solo cattolico, la Chiesa vincerebbe di nuovo perché non si fonda sui consigli e sull’intelligenza umani. Mi fece anche vedere che non era rimasto quasi nessun cristiano, nell’antico significato della parola”. (4 ottobre 1820)
“Mentre attraversavo Roma con San Francesco e altri santi, vedemmo un grande palazzo avvolto dalle fiamme, da cima a fondo. Avevo tanta paura che gli occupanti potessero morire bruciati perché nessuno si faceva avanti per spegnere il fuoco. Tuttavia, mentre ci avvicinavamo il fuoco diminuì e noi vedemmo un edificio annerito. Attraversammo un gran numero di magnifiche stanze, e finalmente raggiungemmo il Papa. Era seduto al buio e addormentato su una grande poltrona. Era molto ammalato e debole; non riusciva più a camminare.
Gli ecclesiastici nella cerchia interna sembravano insinceri e privi di zelo; non mi piacevano. Parlai al Papa dei vescovi che presto dovevano essere nominati. Gli dissi anche che non doveva lasciare Roma. Se l’avesse fatto sarebbe stato il caos. Egli pensava che il male fosse inevitabile e che doveva partire per salvare molte cose… Era molto propenso a lasciare Roma, e veniva esortato insistentemente a farlo…
La Chiesa è completamente isolata ed è come se fosse completamente deserta. Sembra che tutti stiano scappando. Dappertutto vedo grande miseria, odio, tradimento, rancore, confusione e una totale cecità. O città! O città! Cosa ti minaccia? La tempesta sta arrivando; sii vigile!”. (7 ottobre 1820)
“Ho anche visto le varie regioni della terra. La mia Guida [Gesù] nominò l’Europa e, indicando una regione piccola e sabbiosa, espresse queste sorprendenti parole: “Ecco la Prussia, il nemico”. Poi mi mostrò un altro luogo, a nord, e disse: “questa è Moskva, la terra di Mosca, che porta molti mali”. (1820-1821)
“Fra le cose più strane che vidi, vi erano delle lunghe processioni di vescovi. Mi vennero fatti conoscere i loro pensieri e le loro parole attraverso immagini che uscivano dalle loro bocche. Le loro colpe verso la religione venivano mostrate attraverso delle deformità esterne. Alcuni avevano solo un corpo, con una nube scura al posto della testa. Altri avevano solo una testa, i loro corpi e i cuori erano come densi vapori. Alcuni erano zoppi; altri erano paralitici; altri ancora dormivano oppure barcollavano”. (1 giugno 1820)
“Quelli che vidi credo che fossero quasi tutti i vescovi del mondo, ma solo un piccolo numero era perfettamente retto. Vidi anche il Santo Padre – assorto nella preghiera e timoroso di Dio. Non c’era niente che lasciasse a desiderare nella sua apparenza, ma era indebolito dall’età avanzata e da molte sofferenze. La testa pendeva da una parte all’altra, e cadeva sul petto come se si stesse addormentando. Egli aveva spesso svenimenti e sembrava che stesse morendo. Ma quando pregava era spesso confortato da apparizioni dal Cielo. In quel momento la sua testa era dritta, ma non appena la faceva cadere sul petto vedevo un certo numero di persone che guardavano rapidamente a destra e a sinistra, cioè in direzione del mondo.
Poi vidi che tutto ciò che riguardava il Protestantesimo stava prendendo gradualmente il sopravvento e la religione cattolica stava precipitando in una completa decadenza. La maggior parte dei sacerdoti erano attratti dalle dottrine seducenti ma false di giovani insegnanti, e tutti loro contribuivano all’opera di distruzione.
In quei giorni, la Fede cadrà molto in basso, e sarà preservata solo in alcuni posti, in poche case e in poche famiglie che Dio ha protetto dai disastri e dalle guerre”. (1820)
“Vedo molti ecclesiastici che sono stati scomunicati e che non sembrano curarsene, e tantomeno sembrano averne coscienza. Eppure, essi vengono scomunicati quando cooperano (sic) con imprese, entrano in associazioni e abbracciano opinioni su cui è stato lanciato un anatema. Si può vedere come Dio ratifichi i decreti, gli ordini e le interdizioni emanate dal Capo della Chiesa e li mantenga in vigore anche se gli uomini non mostrano interesse per essi, li rifiutano o se ne burlano”. (1820-1821)
“Vidi molto chiaramente gli errori, le aberrazioni e gli innumerevoli peccati degli uomini. Vidi la follia e la malvagità delle loro azioni, contro ogni verità e ogni ragione. Fra questi c’erano dei sacerdoti e io con piacere sopportavo le mie sofferenze affinché essi potessero ritornare ad un animo migliore”. (22 marzo 1820)
“Ho avuto un’altra visione della grande tribolazione. Mi sembrava che si pretendesse dal clero una concessione che non poteva essere accordata. Vidi molti sacerdoti anziani, specialmente uno, che piangevano amaramente. Anche alcuni più giovani stavano piangendo. Ma altri, e i tiepidi erano fra questi, facevano senza alcuna obiezione ciò che gli veniva chiesto. Era come se la gente si stesse dividendo in due fazioni”. (12 aprile 1820)
“Vidi un nuovo Papa che sarà molto rigoroso. Egli si alienerà i vescovi freddi e tiepidi. Non è un romano, ma è italiano. Proviene da un luogo che non è lontano da Roma, e credo che venga da una famiglia devota e di sangue reale. Ma per qualche tempo dovranno esserci ancora molte lotte e agitazioni”. (27 gennaio 1822)
“Verranno tempi molto cattivi, nei quali i non cattolici svieranno molte persone. Ne risulterà una grande confusione. Vidi anche la battaglia. I nemici erano molto più numerosi, ma il piccolo esercito di fedeli ne abbatté file intere [di soldati nemici]. Durante la battaglia, la Madonna si trovava in piedi su una collina, e indossava un’armatura. Era una guerra terribile. Alla fine, solo pochi combattenti per la giusta causa erano sopravvissuti, ma la vittoria era la loro”. (22 ottobre 1822)
“Vorrei che fosse qui il tempo in cui regnerà il Papa vestito di rosso. Vedo gli apostoli, non quelli del passato ma gli apostoli degli ultimi tempi e mi sembra che il Papa sia fra loro.”
“Nel centro dell’inferno ho visto un abisso buio e dall’aspetto orribile e dentro di esso era stato gettato Lucifero, dopo essere stato assicurato saldamente a delle catene…Dio stesso aveva decretato questo; e mi è stato anche detto, se ricordo bene, che egli verrà liberato per un certo periodo cinquanta o sessanta anni prima dell’anno di Cristo 2000. Mi vennero indicate le date di molti altri eventi che non riesco a ricordare; ma un certo numero di demoni dovranno essere liberati molto prima di Lucifero, in modo che tentino gli uomini e servano come strumenti della vendetta divina.”
“Un uomo dal viso pallido fluttuava lentamente al di sopra della terra e, sciogliendo i drappi che avvolgevano la sua spada, li gettò sulle città addormentate, che vennero legate da questi. Questa figura gettò la pestilenza sulla Russia, l’Italia e la Spagna. Attorno a Berlino vi era un fiocco rosso e da lì venne in Westfalia. Ora la spada dell’uomo era sguainata, strisce rosse come il sangue pendevano dall’impugnatura e il sangue che grondava da questa cadeva sulla Westfalia “.
“Gli ebrei ritorneranno in Palestina e diverranno cristiani verso la fine del mondo.”

Note
1) Ringrazio la rivista Sodalitium per queste documentazioni.

10 commenti


  1. Io sono una persona semplice e mi tengo lontano dalle disquisizioni teologiche. Però non voglio tacere il senso di profondo sconforto e disorientamento che mi hanno provocato le opinoni sulla signora Emma Bonino che la stampa attribuisce al Pontefice (scusate, faccio fatica a credere che le abbia veramente espresse). Ella ha sempre sostenuto e continua a sostenere la legittimità dell’omicidio pre-natale dei bambini. A questo riguardo ho solo il seguente riferimento: “Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare. Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che avvengano scandali, ma guai all’uomo per colpa del quale avviene lo scandalo!
    Se la tua mano o il tuo piede ti è occasione di scandalo, taglialo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita monco o zoppo, che avere due mani o due piedi ed essere gettato nel fuoco eterno. E se il tuo occhio ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita con un occhio solo, che avere due occhi ed essere gettato nella Geenna del fuoco.
    Guardatevi dal disprezzare uno solo di questi piccoli, perché vi dico che i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli”. (Matteo XVIII, VI-X).
    Guardate, io non so che cosa ci sia dietro a tutto questo, ma avverto una grave sensazione di pericolo.

  2. Apollineo

    * Credete voi nello “spirito del Concilio Vaticano II”? Credo!
    Credete voi, pecore, in un’unica terra, Gaia, il pianeta che vive? Credo! Bee…beee…
    Credete che tutte le religioni siano uguali? Credo! Bee—beee— beeee
    Credete voi che la vecchia Chiesa, la Chiesa del Concilio di Trento, della Santa Messa, del tomismo, delle Università, di Lepanto e dell’11 settembre 1683 (Vienna), dei geni e dei Santi……credete che sia ora di farle il funerale, essendo stata la più grande sciagura dell’umanità? Si, Credo! (Applausi!!)…
    Credete voi, pecore, alle versioni di Repubblica, l’Espresso, il Corriere? Credo…bee…beee..
    Rinunciate voi a farvi domande fastidiose, sui grandi fatti storici? Rinunciate a indagare sull’11 settembre, sulle cause della prima guerra mondiale (contro l’Impero Asburgico), sul “risorgimento” italiano (=la distruzione del sud), sulla rivoluzione francese (=il genocidio dei vandeani ecc.), sulla massonica rivoluzione messicana e su tanti altri avvenimenti di cui quasi mai si sente parlare nelle scuole e nelle università?
    Rinuncio! Che noia la storia! Che brutto studiare! Bee beee..beee..
    Rinunciate a solenni sciocchezze come la sovranità monetaria, l’identità nazionale, la logica aristotelica, il buon senso, la bellezza dell’antica liturgia? Rinuncio! Bee….bee….beee.-e-e-
    “Questa è la nostra nuova fede, per la quale il mondo ci dà un’ effimera gloria; e noi ci gloriamo di non disturbare i (falsi) sapienti e i potenti di questo mondo;
    “Andate nelle periferie esistenziali e dialogate con tutti, con Pannella, con i militanti lgbt, con i musulmani, con i valdesi,..ma… l’importante, cari cattolici, è dimenticare le vostre 3 radici: Gerusalemme ( il Golgota), Atene (con l’Aerepago) e Roma (Seneca, Cicerone, i giuristi che hanno fornito il linguaggio del diritto canonico);
    Cancellate il logos, dimenticate che Cristo è Ragione entrata nel mondo, sostituite alla Ragione la te-ne-reeee-zza, fate del Cristo-Logos il portafortuna nel portafoglio delle signorine;
    poi cancellate il “Nomos”, la razionalità del diritto romano; non c’è più chiesa Romana, ma un’agenzia di servizi sociali; niente virilità romana, siate invece effeminati, indecisi, senza memoria storica: così vi vogliono i padroni del mondo: non beati, ma beoti;
    cancellate la credibilità storica dei fatti avvenuti tra il 27 e il 30 d.C.: fate dei Vangeli, con tutto quel parlare di satana e di legioni di diavoli, con quei miracoli e quelle centinai di Giudei testimoni oculari, pronti a testimoniare il FATTO della Resurrezione, fatene un mito, un sogno da interpretare con la falsa scienza di Freud, con cervellotiche “ermeneutiche” alla Rahner, alla Drewermann, alla Hans Kung*
    ecco, mi pare, credo che questo sia un po’ il disegno dell’infame setta, del nemico, dei servi di satana: la frammassoneria;

  3. Bruno

    E’ già da qualche tempo che molto del mio tempo lo sto dedicando alla preghiera. in questa Quaresima aumenterà , perchè sono convinto che nei momenti bui della storia ( ci siamo dentro) non rimane che affidarsi al nostro Creatore e Redentore. Sono felice di dedicare il maggior tempo possibile, perchè capisco che non sia facile per tutti. Io ho tempo, essendo in pensione e lo faccio volentieri. Oggi ascoltando alcuni commenti sul d.d.l. Cirinnà l’intervento di Gasparri mi è sembrato buono perchè diceva una grande verità ; viene proposta una legge per l’adozione dei bambini (legge in discussione ) quando qualcuno all’estero ha già usufruito dell’utero in affitto. Esempio : Papà posso comprarmi una macchina? Quando la ho già comprata ed è nel garage . Grande imbroglio oltre che grande disastro spirituale personale di chi ha esercitato questa cosa. Povere anime, preghiamo per loro. Mi è piaciuto quando apollineo ha tirato fuori 11 settembre 1683. Ecco spero che venga fuori un’altro Padre Marco d’Aviano un altro Jan Sobieski un altro Leopoldo d’Asburgo , un altro Principe Eugen von Savoia (l’ho scritto in tedesco perchè so che era molto amato a Vienna. Abbiamo proprio bisogno di altre persone così , determinate per difendere la nostra cara Europa. Il problema ora è doppio , perchè il nemico lo abbiamo in casa ed è dei nostri. Abbiamo allevato le serpi in seno. Quanto a Papa Francesco invoco lo Spirito Santo ogni giorno su di Lui. (Vediamo chi vince). Riguardo ad altri personaggi nominati (Napolitano Ammendola Malaparte), alcuni sono morti, altri ….. che camminano , non entrano nel mio interesse.


  4. La questione di fondo è la seguente. E’ cosa nota, lo ricordava far gli altri Il Gran Maestro emerito Di Bernardo parlandone a F.Pinotti (“Poteri forti” libro di pochi anni fa) che da molto tempo i vertici della Societas Jesu e alti gradi massonici lavorano di concerto. La differenza è che prima lo facevano in segreto, oggi lo fanno platealmente.
    Il senso dell'”elogio massonico” di Mr Bergoglio,gesuita prima che pontifex, è, allora palese. Quali però gli scopi finali?
    Certamente , pur essendo tutt’ altro che un cattolico tradizionalista , non li vedo ammantati di”rosa”.per noi, poveri umani “comuni”…

Lascia un commento