Il tampone “abitato” (una invenzione della John Hopkins)

Naturalmente io non ci credo. E invito i lettori a non credere: è una fake news. Frutto di quel complottismo che è una malattia mentale, che richiede il TSO .

Purtroppo, a dare credito a questa enorme bufala sono i ricercatori della John Hopkins University: l’hanno fabbricata loro, nel senso letterale: hanno fabbricato la macchinetta grande meno di un granello di polvere che, quando fate il tampone nasale per il Covid, vi può venir inserita nelle vicinanze del cervello. Oh, s’intende, per il vostro bene: la macchinetta è un dispensatore ideale di medicinali e di vaccini – a vostra insaputa.

Ricordiamo che la John Hopkins, precisamente il Johns Hopkins Center for Health Security, è quello che il 18ottobre 2019 in collaborazione con il World Economic Forum e la Bill and Melinda Gates Foundation, ha ospitato l’Event 201, un’esercitazione pandemica di alto livello a New York-

Ecco come la raccontano loro, gli inventori della bufala, i ricercatori della John Hopkins School of Medicine

“Ispirati da un verme parassita che scava i suoi denti affilati nell’intestino del suo ospite, i ricercatori della Johns Hopkins hanno progettato minuscoli microdispositivi a forma di stella che possono attaccarsi alla mucosa intestinale e rilasciare farmaci nel corpo”.

Ecco i nomi degli inventori:

“David Gracias, Ph.D., professore presso la Johns Hopkins University Whiting School of Engineering, e il gastroenterologo della Johns Hopkins Florin M. Selaru, MD, direttore del Johns Hopkins Inflammatory Bowel Disease Center, hanno guidato un team di ricercatori e ingegneri biomedici che microdispositivi che cambiano forma progettati e testati che imitano il modo in cui l’anchilostoma parassita si attacca all’intestino di un organismo.

Un theragripper ha le dimensioni di un granello di polvere. Questo tampone contiene dozzine di piccoli dispositivi. Credito: Johns Hopkins University.

Realizzati in metallo e in una pellicola sottile che cambia forma e rivestiti in una paraffina termosensibile, i “theragrippers”, ciascuno delle dimensioni approssimative di un granello di polvere, possono potenzialmente trasportare qualsiasi farmaco e rilasciarlo gradualmente nel corpo.

Il team ha pubblicato i risultati di uno studio sugli animali questa settimana come articolo di copertina sulla rivista Science Advances .

Theragripper aperto, sinistra: quando è esposto alla temperatura interna del corpo, si chiude sulla parete interna. Al centro della pinza c’è uno spazio per una piccola dose di un farmaco. Credito: Johns Hopkins University

Il rilascio graduale o prolungato di un farmaco è un obiettivo a lungo ricercato in medicina. Selaru spiega che un problema con i farmaci a rilascio prolungato è che spesso si fanno strada interamente attraverso il tratto gastrointestinale prima di aver finito di dispensare i farmaci.

“La normale costrizione e il rilassamento dei muscoli del tratto gastrointestinale rendono impossibile che i farmaci a rilascio prolungato rimangano nell’intestino abbastanza a lungo da consentire al paziente di ricevere la dose completa”, afferma Selaru, che ha collaborato con Gracias per più di 10 anni. “Abbiamo lavorato per risolvere questo problema progettando questi piccoli trasportatori di farmaci che possono attaccarsi autonomamente alla mucosa intestinale e mantenere il carico di farmaco all’interno del tratto gastrointestinale per la durata desiderata”.

Migliaia di theragripper possono essere impiegati nel tratto gastrointestinale. Quando il rivestimento di paraffina sulle pinze raggiunge la temperatura all’interno del corpo, i dispositivi si chiudono autonomamente e si agganciano alla parete del colon. L’azione di chiusura fa sì che i minuscoli dispositivi a sei punte penetrino nella mucosa e rimangano attaccati al colon, dove vengono trattenuti e rilasciano gradualmente i carichi utili del medicinale nel corpo. Alla fine, i theragripper perdono la presa sul tessuto e vengono espulsi dall’intestino tramite la normale funzione muscolare gastrointestinale.

Tratto dagli allegati di ricerca originali

Gracias rileva i progressi nel campo dell’ingegneria biomedica negli ultimi anni.

“Abbiamo assistito all’introduzione di dispositivi intelligenti dinamici microfabbricati che possono essere controllati da segnali elettrici o chimici”, afferma. “Ma queste pinze sono così piccole che batterie, antenne e altri componenti non si adattano a loro”.

I Theragrippers, dice Gracias, non fanno  affidamento su elettricità, segnali wireless o controlli esterni. “Invece, funzionano come piccole molle compresse con un rivestimento attivato dalla temperatura sui dispositivi che rilascia l’energia immagazzinata in modo autonomo a  temperatura corporea “.

I ricercatori della Johns Hopkins hanno fabbricato i dispositivi con circa 6.000 Theragripper per wafer di silicio da 3 pollici. Nei loro esperimenti sugli animali, hanno caricato un farmaco antidolorifico sulle pinze. Gli studi dei ricercatori hanno scoperto che gli animali in cui sono stati somministrati i theragripper avevano concentrazioni più elevate di analgesico nel flusso sanguigno rispetto al gruppo di controllo. Il farmaco è rimasto nei sistemi dei soggetti del test per quasi 12 ore contro due ore nel gruppo di controllo.

Vedete – faranno notare gli smascheratori di bufale  – che l’articolo parla di impianti per il tratto intestinale, mica di inserire questi micro-cose nel cervello, come hanno detto i complottisti. No no, qui la fonte è una pubblicazione scientifica:

“Sciami di robot microscopici che possono essere iniettati”

PubMed, 2015 giugno 9 .:

APPROCCIO NANONEUROTERAPEUTICO DESTINATO ALLA CONSEGNA DIRETTA DAL NASO AL CERVELLO

Affiliazioni Shadab Md  1  , Gulam Mustafa  2  3  , Sanjula Baboota  3  , Javed Ali  3 Espandi

ABSTRACT

Contesto: i disturbi cerebrali rimangono la principale causa di disabilità al mondo e rappresentano più ricoveri e cure prolungate rispetto a quasi tutte le altre malattie messe insieme. La maggior parte dei farmaci, delle proteine ​​e dei peptidi non penetra facilmente nel cervello a causa della presenza della barriera emato-encefalica (BBB), impedendo così il trattamento di queste condizioni.

Obiettivo: l’attenzione si è concentrata sullo sviluppo di sistemi di rilascio nuovi ed efficaci per fornire una buona biodisponibilità nel cervello.

Metodi: la somministrazione intranasale è un metodo non invasivo di somministrazione del farmaco che può bypassare il BBB, consentendo alle sostanze terapeutiche l’accesso diretto al cervello. Tuttavia, la somministrazione intranasale produce concentrazioni di farmaco piuttosto basse nel cervello a causa della limitata permeabilità della mucosa nasale e dell’ambiente aspro della cavità nasale. Gli studi pre-clinici che utilizzano l’incapsulamento di farmaci in sistemi nanoparticellari hanno migliorato il targeting naso-cervello e la biodisponibilità nel cervello. Tuttavia, gli effetti tossici delle nanoparticelle sulla funzione cerebrale sono sconosciuti.

Risultato e conclusione: questa recensione evidenzia la comprensione di diverse malattie del cervello e gli importanti meccanismi fisiopatologici coinvolti. La revisione discute il ruolo della nanoterapia nel trattamento dei disturbi cerebrali attraverso il parto dal naso al cervello, i meccanismi di assorbimento del farmaco attraverso la mucosa nasale al cervello, le strategie per superare la barriera ematoencefalica, le strategie di nanoformulazione per un migliore targeting cerebrale attraverso la via nasale e problemi di neurotossicità di nanoparticelle.

Epub 2013 16 ottobre.

SISTEMA DI EROGAZIONE INTRANASALE DI FARMACO BASATO SU NANOEMULSIONE DI MESILATO DI SAQUINAVIR PER MIRARE IL CERVELLO

Affiliazioni Hitendra S Mahajan  1  , Milind S Mahajan , Pankaj P Nerkar , Anshuman Agrawal Espandi

ABSTRACT

Il sistema nervoso centrale (SNC) è una riserva immunologica privilegiata che fornisce un sito di santuario per il virus HIV-1. Gli attuali farmaci anti-HIV, sebbene efficaci nel ridurre i livelli virali plasmatici, non sono in grado di sradicare completamente il virus dall’organismo. La bassa permeabilità dei farmaci anti-HIV attraverso la barriera ematoencefalica (BBB) ​​porta a un rilascio insufficiente. Pertanto, per il trattamento del neuro-AIDS è necessario sviluppare nuovi approcci che migliorino la somministrazione al SNC di farmaci anti-HIV. Lo scopo di questo studio era quello di sviluppare nanoemulsione intranasale (NE) per una maggiore biodisponibilità e il targeting del sistema nervoso centrale del saquinavir mesilato (SQVM). SQVM è un inibitore della proteasi che è un farmaco scarsamente solubile ampiamente utilizzato come farmaco antiretrovirale, con biodisponibilità orale di circa il 4%. Il metodo di emulsificazione spontanea è stato utilizzato per preparare nanoemulsione o / w caricata con farmaci, che era caratterizzato dalla dimensione delle goccioline, potenziale zeta, pH, contenuto di farmaco. Inoltre, studi di permeazione ex vivo sono stati eseguiti utilizzando mucosa nasale di pecora. La NE ottimizzata ha mostrato un aumento significativo del tasso di permeazione del farmaco rispetto alla normale sospensione del farmaco (PDS). Uno studio di tossicità sulle ciglia sulla mucosa nasale di pecora non ha mostrato alcun effetto avverso significativo della NE caricata con SQVM. I risultati degli studi di biodistribuzione in vivo mostrano una maggiore concentrazione di farmaco nel cervello dopo somministrazione intranasale di NE rispetto alla PDS somministrata per via endovenosa. La percentuale più alta di efficienza di targeting del farmaco (% DTE) e percentuale di trasporto diretto del farmaco naso-cervello (% DTP) per NE ottimizzato indicava un efficace targeting del SNC di SQVM attraverso la via intranasale.

ARTICOLI SIMILI

PubMed Epub, 28 giugno 2016 :

NANOPARTICELLE E NANOCOMPOSITI DI IDROGEL PER LA CONSEGNA DI FARMACI NASALI / VACCINI

Sara Salatin  1  2  , Jaleh Barar  1  3  , Mohammad Barzegar-Jalali  3  , Khosro Adibkia  3  4  , Mitra Alami Milani  2  4  , Mitra Jelvehgari  5  6 Affiliazioni Espandi

Affiliazioni

  • 1Centro di ricerca per la nanotecnologia farmaceutica, Tabriz University of Medical Science, Tabriz, Iran.
  • 2Student Research Committee, Tabriz University of Medical Science, Tabriz, Iran.
  • 3Dipartimento di Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università di Scienze Mediche Tabriz, Mailbox 51664, Tabriz, Iran.
  • 4Centro di ricerca applicata sui farmaci e Facoltà di Farmacia, Università di Scienze Mediche Tabriz, Tabriz, Iran.
  • 5Dipartimento di Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università di Scienze Mediche Tabriz, Mailbox 51664, Tabriz, Iran. mitra_jelvehgari@yahoo.com.
  • 6Drug Applied Research Center e Facoltà di Farmacia, Tabriz University of Medical Sciences, Tabriz, Iran. mitra_jelvehgari@yahoo.com.
  • PMID: 27352214
  • DOI: 1007 / s12272-016-0782-0

ABSTRACT

Negli ultimi anni, la somministrazione di farmaci per via nasale ha attirato sempre più attenzioni ed è stata riconosciuta come la via alternativa più promettente per la terapia sistemica dei farmaci limitata alla somministrazione endovenosa. Molti esperimenti in modelli animali hanno dimostrato che i trasportatori su scala nanometrica hanno la capacità di migliorare la somministrazione nasale di farmaci e vaccini peptidici / proteici rispetto alle formulazioni di soluzioni farmacologiche convenzionali. Tuttavia, la rapida clearance mucociliare delle nanoparticelle caricate con farmaco può causare una riduzione della percentuale di biodisponibilità dopo somministrazione intranasale. Pertanto, gli sforzi di ricerca sono stati notevolmente diretti verso lo sviluppo di nanosistemi di idrogel che hanno proprietà mucoadesive al fine di massimizzare il tempo di residenza, e quindi aumentare il periodo di contatto con la mucosa nasale e migliorare l’assorbimento del farmaco. È certo che l’elevata viscosità dei nanosistemi a base di idrogel può offrire efficacemente questa proprietà mucoadesiva. Questa revisione di aggiornamento discute i possibili vantaggi dell’utilizzo di nanoparticelle a base di polimero idrogel e nanocompositi di idrogel per la somministrazione di farmaci / vaccini attraverso la somministrazione intranasale.

Parole chiave: cervello; Idrogel; Nanoparticelle; Parto nasale; Vaccino.

ARTICOLI SIMILI

Sì, POSSONO vaccinarci attraverso tamponi nasali E colpire il cervello

PubMed, 2015 giugno 9 .:

APPROCCIO NANONEUROTERAPEUTICO DESTINATO ALLA CONSEGNA DIRETTA DAL NASO AL CERVELLO

Tecnezio?

tecnezio

Mi hanno girato questo tweet di un tecnico che dice: “Sono andato a fare un test covid e mi sono portato via il tampone. L’ho esaminato ed ho trovato questo chip ottico olografico alla sua estreità.

Ho eseguito uno SCAN PIXEL e sono abbastanza sicuro di aver rilevato tc”.

TC è il tecnezio, metallo radioattivo di transizione (dal decadimento dell’Uranio), peso atomico 43, usato effettivamente come radiofarmaco rilevatore. Siccome è raro e (immagino) costoso, ho qualche dubbio che venga inserito di routine in milioni di tamponi.

Print Friendly, PDF & Email