IL PHARMA-DOLLAR (e noi cani di Pavlov)

Dopo il  petrodollar,  the pharma-dollar.

ANDREA CECCHI

Ricapitoliamo:

La progressione di eventi che ha portato il mondo globalizzato ad accettare all’unisono il congelamento dell’economia è frutto di un tentativo concertato di provare a disinnescare la naturale conseguenza di un sistema monetario imperfetto, in quanto basato sul debito; un sistema che segue la progressione esponenziale e che col tempo diviene insostenibile.

Il mondo economico si fonda sul commercio tra nazioni. C’è un vecchio modo di dire che così recita: -“se non si muovono le merci, si muoveranno i carri armati”! Questo per sottolineare l’importanza  assolutamente vitale dei commerci per il pacifico funzionamento del mondo intero.

La quasi totalità dell’ammontare complessivo dei commerci globali è espressa in una valuta denominata USD, ovvero il dollaro americano.

Il dollaro americano è monopolio esclusivo di un’unica entità privata: la Federal Reserve.

Vista l’importanza che i commerci  rappresentano per ogni nazione e preso atto che essi sono espressi proprio in dollari americani non è azzardato affermare che la Federal Reserve è la più potente istituzione al mondo in quanto monopolista della creazione di dollari “ad libitum”

Ed è stato proprio ad libitum che la Federal Reserve ha  stampato, approfittando del suo vantaggio per inondare il mondo di dollari che dal 1971 non hanno più nessun vincolo aureo.

La Federal Reserve è un’istituzione commerciale che produce e smercia dollari ed ha un costante bisogno di un mercato che desideri questo prodotto. Come tutte le grandi aziende, per vendere al meglio il suo prodotto, la Federal Rererve si affida al marketing. I canali più efficaci per raggiungere il vasto pubblico sono i media ufficiali, che creano la realtà a cui il pubblico si adegua.

Quindi, come si fa per creare una sempre maggiore necessità di un prodotto che produco in maniera illimitata, senza il rischio che il pubblico cerchi un’alternativa o che smetta di desiderarne?

Partendo da qui, si capisce come i fenomeni assurdi osservati recentemente siano tutti riconducibili alla necessità che ha la Federal Reserve di mantenere ben salda la sua posizione estremamente privilegiata di controllare l’unità monetaria con cui sono espressi i commerci globali, e soprattutto il commercio del petrolio, indispensabile per la sopravvivenza dell’umanità intera nell’attuale paradigma.

È qui importante ricordare brevemente il funzionamento del sistema petrodollaro:

Tutti noi abbiamo sentito questa parola, ma forse è arrivato il momento di approfondire un po’ il suo significato, in quanto è proprio nel meccanismo di funzionamento che lega il dollaro con il petrolio che si giocherà il futuro dell’economia planetaria.

Come abbiamo visto, l’export principale degli Stati Uniti è il dollaro. Questa unità monetaria viene emessa in modo sfrenato e senza sottostante. Ma il resto del mondo ne ha bisogno in quanto è l’unica valuta con la quale si può commerciare.

Se la Russia vuole comprare qualcosa dalla Cina e viceversa, prima i due partner commerciali devono convertire le proprie valute in dollari Usa. (Anche se le cose stanno cambiando).

Adesso anche l’Euro consente certi commerci, ma resta l’obbligo di pagare in dollari le transazioni relative al petrolio. Tutti i paesi del mondo hanno bisogno di energia e, nonostante tutto il clamore che si fa relativamente alle rinnovabili, la principale fonte di energia resta comunque e sempre quella fossile ricavata dal petrolio.

Senza petrolio, la vita umana, come la conosciamo adesso, non sarebbe possibile.

Stiamo parlando di  quasi 8 miliardi di persone che riescono a sfamarsi grazie all’agricoltura industriale praticata con largo consumo di idrocarburi utilizzati sia come combustibili per i macchinari che come fertilizzanti, pesticidi, ecc.

Qualsiasi paese del mondo, per poter comprare petrolio, deve prima comprare dollari americani.

Questi sono gli accordi stabiliti con l’OPEC e questo è il passaggio obbligato che tiene insieme tutto il sistema. Vediamo come funziona il meccanismo di pagamento:

Il greggio, una volta estratto,  viene collocato sul mercato ad un prezzo espresso in dollari per barile. Il mercato è estremamente cartellizzato, dove agiscono in condizioni di partner oligopolisti le maggiori e più note compagnie petrolifere. Uno dei nomi più influenti è sicuramente la Standard Oil-Exxon Mobile della famiglia Rockefeller. La stessa famiglia controlla anche le maggiori banche americane che sono le maggiori azioniste della Federal Reserve, anch’essa un cartello!

Il petrolio venduto attraverso le compagnie petrolifere viene pagato con il deposito di dollari sui conti correnti accesi presso le banche che appartengono allo stesso “entourage”.

Oppure finiscono nelle riserve valutarie delle banche centrali dei vari paesi. In ogni caso, quasi sempre, con quei dollari si comprano buoni del tesoro americani, contribuendo così a mantenere bassi i tassi di interesse sul debito pubblico americano.

Il paese esportatore di greggio si accontenta di percepire la cedola che il Tesoro statunitense paga sul suo debito rappresentato dai Treasury Bonds.

L’America produce miliardi di bit elettronici denominati in dollari senza nessun sottostante (se non la supremazia militare), e la altre nazioni li accettano perché sanno che potranno scambiarli con altri beni o servizi in tutto il mondo o spenderli negli stessi Stati Uniti.

In questo modo il debito pubblico aumenta, ma i tassi rimangono bassi garantendo un risparmio sugli interessi da corrispondere.

Molte persone non se ne rendono conto, ma gli USA hanno uno sbilancio commerciale di circa 620miliardi di dollari. Oltre mezzo trilione di dollari è uscito dagli Usa rispetto a quanto è entrato.

Gli Usa fabbricano dollari e gli esportano in cambio di prodotti di cui la nazione necessita.

La dinastia Saud dell’Arabia Saudita è uno dei maggiori esportatori di petrolio al mondo.

In questi ultimi mesi abbiamo notato un certo nervosismo da parte dei Sauditi nel mantenere in essere questo meccanismo.

Se  i Sauditi o altri paesi esportatori di petrolio decidessero di cambiare le regole del mercato dei petrodollari  gli effetti sarebbero catastrofici per l’economia americana.

Ma ci sono ulteriori elementi di tensione che vanno ad aggiungersi a quelli relativi all’Arabia Saudita e in questo caso abbiamo a che fare con le uniche altre due super potenze planetarie: Cina e Russia.

  • Oggi la Russia è il maggior esportatore di petrolio del mondo.
  • Oggi la Cina è il maggior importatore di petrolio al mondo.

Per quale motivo la Cina e la Russia dovrebbero continuare a commerciare tra di loro attraverso il dollaro USA?

La Cina lo ha fatto sapere in modo inequivocabile rilasciando la seguente pubblica dichiarazione attraverso la sua principale agenzia di stampa: ” i giorni preoccupanti in cui i destini delle genti sono nelle mani di una nazione ipocrita devono finire“.

La Cina siede su di una montagna di dollari derivanti dal suo surplus commerciale.

Gli Usa diluiscono il valore di quei dollari mensilmente creando centinaia dimiliardi di nuovi dollari al giorno attraverso il programma denominato Quantative Easing, quindi, le sue preoccupazioni sono ben più che legittime.

Per adesso il monopolio dei petrodollari tiene insieme questo sistema di pagamenti e di economie internazionali in un equilibrio molto precario.

Come in un colabrodo da dove escono problemi da tutti i buchi, oltre alle dinamiche relative commerci, si sono aggiunte anche gli enormi buchi del mondo finanziarizzato degli scambi tra banche. In questo caso non si tratta di un commercio di beni reali, ma del commercio della galassia di spazzatura finanziaria del mondo dei derivati, anch’essa tutta collegata al sistema reciproco delle banche, con la Federal Reserve in prima fila.

PER TENERE IN PIEDI TUTTO QUESTO OCCORRE MANTENERE COSTANTE LA DOMANDA GLOBALE DI DOLLARI AMERICANI, A QUALUNQUE COSTO.

Se la domanda di trilioni rallenta o se accenna a calare, bisogna agire con tempismo creando artificialmente qualche artifizio per ripristinare il flusso dei dollari dalla Federal Reserve, che, per poter creare dollari, deve necessariamente indebitare qualcuno, aumentando così il suo potere.

Il miglior cliente di una banca è uno Stato.

Il miglior motivo che ha uno stato per indebitarsi è quello di dover affrontare un’emergenza.

Se l’emergenza non si manifesta spontaneamente, è quindi opportuno crearla sinteticamente.

Come per miracolo, ecco il terribile virus! Ma guarda un po’ che fortuna!

Si aggiunge quindi un nuovo tassello a quello precedentemente analizzato nella newsletter IL VIRUS GIUSTO AL MOMENTO GIUSTO – https://andreacecchi.substack.com/p/il-virus-giusto-al-momento-giusto

Tutti i paesi del mondo si trovano dunque, tutti insieme a dover affrontare un’emergenza per la quale occorrono centinaia di miliardi di dollari, non solo per tamponare le partite finanziarie, ma…e qui arriva il bello: per comprare farmaci, tamponi, reagenti, macchinari e apparati medicali e infine,  vaccini, tanti vaccini, tutta roba prodotta e commercializzata in dollari americani.

Per questa deduzione, traggo spunto dall’ottima segnalazione di T.P. Wilkinson su questo articolo:

https://www.globalresearch.ca/inferno-and-the-fourth-circle-the-american-empire-and-the-2020-pandemic/5724833

L’articolo ricostruisce abilmente la filiera di controllo dell’industria farmaceutica e si scopre che anche essa è direttamente controllata dalle stesse dinastie di petrolio e banche.  

L’autore ci spiega che in questo caso, l’OPEC del cartello farmaceutico si chiama W.H.O. l’Organizzazione Mondiale della Sanità.  Essi usano l’eufemismo della salute pubblica per proporre la vendita di prodotti di loro oligopolistica manifattura. È innegabile che i fondamenti più genuini della salute pubblica derivino da sani stili di vita e di lavoro, da l’aria pura, dalla qualità del cibo e dall’acqua. Invece vengono imposti protocolli globali in cui la salute è ottenibile solo attraverso l’acquisto di immense quantità di medicinali. La parola inglese per dire farmaco è “drug”, ed è solo la legalità del autore del commercio che differenzia lo spacciatore o il narco-trafficante dal management dell’industria farmaceutica. Tutti i farmaci sono di derivazione oppiacea o petrolchimica e sono parte integrante della triade che guida il moderno capitalismo: farmaci, petrolio e armi. L’industria petrolifera è in mano a due gruppi dinastici così come l’industria farmaceutica che è la diretta conseguenza della guerra dell’oppio dell’impero Anglo-Americano dove commercio e stupefacenti hanno bisogno della forza persuasiva delle armi.

Ecco quindi che lo starnuto sentito in tutto il mondo viene in soccorso del dollaro riunendo sotto un’unica cupola di controllo, ovvero il monopolio monetario della Federal Reserve, gli scambi espressi dalle tre principali industrie: armamenti, petrolio e farmaci.

Da un grande debito si esce solo in  3 modi:

  1. RIPAGANDOLO ATTRAVERSO LA CRESCITA ECONOMICA (mmmm…???)
  2. CON UNA GRANDE INFLAZIONE CHE LO CANCELLA ( metodo storicamente più frequente)
  3. CON UNA GRANDE GUERRA (che in genere si accompagna alla grande inflazione).

Allora, chiediamoci: è già iniziata la III guerra mondiale? Una guerra mondiale contro un virus che si può sconfiggere soltanto con l’acquisto di vaccini e farmaci ottenibili dietro l’esborso di dollari?

Alla luce di tutto questo, In breve:

Il v!rus è una operazione globale concertata dalle banche insieme ai maggiori centri di potere per ottenere determinati risultati economici e di controllo utili all’implementazione di nuovi sistemi monetari e per gestire il disastro finanziario che non sarebbe disinnescabile senza i lockdown, nonché creare un’artificiale domanda di dollari americani sostenendone valore e credibilità in un momento di espansione monetaria senza precedenti.

La presente situazione andrà avanti a fasi alterne per ancora diversi anni e fino a che sarà possibile farla durare, tipo nel film “Operazione Sottoveste”. dove si manda avanti il sottomarino fuso usando un reggiseno.

Non finirà finché non avranno sistemato il controbilanciamento della bolla galattica di Repo e derivati e ci vorrà del tempo, perché se scoppia è peggio.

Tutto questo insieme all’agenda “green’ che ci abituerà ad essere felici di avere meno, di consumare meno e di morire prima.

Mentre la bolla si sgonfia, avrà luogo il progressivo impoverimento delle classi del ceto medio del mondo sviluppato  attraverso l’inflazione, specialmente del prezzo dei beni di prima necessità dei quali verrà creata anche scarsità.

La mancanza o scarsità di beni di consumo sarà facilmente attribuita al Covid che ha interroto la filiera produttiva e ai fenomeni climatici dovuti all’inquinamento e alla sovrappopolazione e sarà quindi facile imporre qualsiasi misura alla gente che ha ormai accettato di essere infetta e colpevole e che si è abituata a subire passivamente, come un cagnolino addomesticato.

L’animale, dopo le prime percosse, capisce e si ricorda subito dove andare a cuccia, dove fare i bisogni e dov’è la ciotola col pastone. Così sarà l’uomo del domani: a cuccia confinato, mascherato, vaccinato, multato, tassato, impaurito, impoverito e spaventato. Utile solo quando se ne sta buono in un angolo e porge lieto il collo alla gargotta.

Primo esempio della  riduzione dei lavoratori  a cani di Pavlov:

A conferma dell’articolo di Andrea Cecchi, i sindacati hano approvato il metodo che  addestra i lavoratori  come bestiame per il loro  bene:

Gruppo Reale: accordo sui dispositivi per il distanziamento fisico


DISPOSITIVI PER IL DISTANZIAMENTO PERSONALE:
ACCORDO RAGGIUNTO

Nella giornata odierna abbiamo siglato l’accordo (in allegato) sui dispositivi per il distanziamento fisico da indossare, all’interno dei locali delle 4 Sedi principali di Torino, Milano ed Udine, in questa fase sperimentale.

Print Friendly, PDF & Email