Il meglio documentato miracolo eucaristico

E’, per quanto ne so, uno dei più recenti miracoli eucaristico: è avvenuto a ottobre del 2008 a Sokolka, Polonia, nella chiesa di Sant’Antonio da Padova. L’analisi medica ha appurato che l’Ostia consacrata è diventata un frammento di tessuto muscolare appartenente a un cuore umano vivente in grave stress e in punto di morte.

Qui sotto il resoconto dell’evento, dal sito in inglese http://www.visionsofjesuschrist.com/:

 Domenica mattina 12 ottobre 2008, p Filip Zdrodowski stava celebrando la Santa Messa nella suddetta chiesa. Mentre padre Jacek Ingielewicz lo stava assistendo nella distribuzione della Santa Comunione, una delle ostie è caduta per sbaglio sul gradino dell’altare. Una parrocchiana, inginocchiata lì vicino, se ne accorse e lo fece notare a p. Jacek che prontamente lo raccolse. Osservando che l’Ostia era sporca, la mise nel vasculum, una piccola ciotola d’acqua che si trovava accanto al tabernacolo (il vascolo è il catino in cui il sacerdote si lava le dita dopo aver distribuito la Santa Comunione).

Dopo la messa, suor Julia Dubowska, ha portato il vascolo in sacrestia, ne ha svuotato il contenuto in un altro recipiente e lo ha rinchiuso nella cassaforte. Solo lei e il parroco, mons. Stanisław Gniedziejko aveva la chiave della cassaforte. Vale la pena notare che suor Julia è membro della Congregazione delle Suore Serve di Gesù Eucaristia il cui carisma speciale è promuovere la venerazione di Gesù presente nel Santissimo Sacramento.

Non avendo mai affrontato una situazione del genere, suor Julia ha esaminato ogni giorno il vaso per vedere se l’Ostia consacrata si fosse sciolta. Normalmente essa si dissolve completamente nell’acqua dopo qualche giorno. Si aspettava che lo stesso accadesse in questo caso. Il 19 ottobre, verso le otto del mattino, aprendo la cassaforte della sacrestia, suor Julia ha riconosciuto odore di pane. Presumeva che l’Ostia si fosse completamente dissolta e che ora potesse svuotare il contenuto del vascolo nel sacrario, uno speciale scarico situato vicino all’altare.

Quando guardò l’Ostia nel vaso ammutolì dallo stupore. Al centro dell’Ostia bianca vide quello che sembrava un pezzo di carne viva insanguinata che misurava circa un centimetro per un centimetro e mezzo. Come le analisi di laboratorio avrebbero poi dimostrato, si trattava di un vero tessuto muscolare caratteristico di un cuore umano vivente nell’agonia della morte, come se fosse sul punto di un arresto cardiaco.

Vedendo la suora in piedi immobile così a lungo sull’Ostia trasformata, p. Filip Zdrodowski le ha chiesto qual era il problema. Suor Julia gli ha spiegato cosa aveva in mano . Posò il vaso sulla scrivania in modo che il Monsignore e gli altri sacerdoti presenti in sacrestia potessero vedere l’Ostia trasformata.

Mons. Stanisław Gniedziejko avrebbe in seguito ricordato il suo shock nel vedere la sostanza rosso sangue sull’Ostia bianca. L’acqua in cui era immersa è rimasta priva di sangue. Osservando più da vicino la sostanza insanguinata sull’Ostia, vide qualcosa che somigliava a un pezzo di carne: un frammento insanguinato di tessuto vivente.

Tutti sapevano che si trattava di un’Ostia consacrata in cui Cristo risorto era presente nella sua natura umana glorificata. Cominciarono a chiedersi se questa sostanza rossa sull’Ostia fosse il risultato di un processo naturale, o se non potesse essere un segno soprannaturale attraverso il quale Cristo desiderava far conoscere qualcosa di molto importante. Il Monsignore ha immediatamente messo in guardia i presenti dal banalizzare il misterioso fenomeno. Lo stesso giorno informò Sua Eccellenza l’Arcivescovo Edward Ozorowski dell’incidente. Poco dopo, l’arcivescovo ha fatto visita a Sokółka. Esaminando l’Ostia, diede ordine che fosse tenuto al sicuro e osservato attentamente.

Il 29 ottobre il vaso contenente l’Ostia è stato trasferito nel tabernacolo della Cappella della Divina Misericordia nel presbiterio parrocchiale. Il giorno seguente l’Arcivescovo fece togliere dall’acqua l’Ostia, adagiarla su un corporale bianco, racchiusa in una pisside, e depositarla nel tabernacolo. In breve, l’Ostia si seccò. La sostanza sanguinolenta bruno-rossastra si è incrostata sul corpo, e così rimane fino ad oggi. Per tre anni l’Ostia è stata custodita nella cappella del presbiterio. Solo anni dopo, il 2 ottobre 2011 è stata solennemente riportato in chiesa ed esposto per l’adorazione quotidiana nella cappella della Madonna del Rosario.

L’esperienza di due scienziati eccezionali

Il 5 agosto 2009, su indicazione dell’Arcivescovo, la Curia Metropolitana di Białystok ha inviato una lettera ai Proff. Maria Sobaniec-Łotowska e Stanisław Sulkowski dell’Università di Medicina di Białystok chiedendo la loro competenza scientifica sul “materiale aderente all’Ostia come conservato nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonio da Padova a Sokółka”. La lettera sottolineava la necessità di trattare la questione “con la dovuta serietà, urgenza e con la massima riservatezza”.

Maria Elżbieta Sobaniec-Łotowska

Proff. Maria Sobaniec-Łotowska e Stanisław Sulkowski sono entrambi scienziati eccezionali, molto rispettati in Polonia e all’estero. Da trent’anni si sono specializzati nel campo della diagnostica istopatologica e hanno al loro attivo molti risultati accademici. Lavorano in due rami separati dell’Università di medicina di Białystok:

Il 7 agosto 2009, la Prof. Maria Sobaniec-Łotowska si è recata a Sokółka dove, in presenza di una commissione speciale, ha prelevato un campione della misteriosa sostanza sull’Ostia. “Quando ho prelevato il campione”, afferma, “non avevo idea di cosa fosse questa sostanza. Ne ho ottenuta una piccola quantità. Era di colore marrone e aderiva strettamente al frammento conservato dell’Ostia Benedetta.”

I due professori ha condotto analisi separate, rigorosamente scientifiche, del campione dell’Ospite. Utilizzando microscopi ottici ed elettronici all’avanguardia, hanno fotografato e fatto descrizioni dettagliate delle immagini morfologiche.

Stanisław Sulkowski

I risultati delle analisi separate e indipendenti erano in completo accordo tra loro, sorprendendo notevolmente i due scienziati. Si è scoperto che la misteriosa sostanza in cui si era trasformato il frammento dell’Ostia era il tessuto muscolare di un cuore umano che stava vivendo l’agonia della morte, come se fosse sul punto di un arresto cardiaco.

La professoressa Maria Sobaniec-Łotowska spiega: “Nel minuscolo frammento di materiale, che abbiamo esaminato, abbiamo riscontrato la presenza di diversi marker morfologicamente distintivi che indicano il tessuto miocardico. Uno di questi marker è il fenomeno della segmentazione, cioè il danno alle fibre del muscolo zona di inserzione e il fenomeno della frammentazione. Queste lesioni si presentano come piccole crepe multiple, come se fossero tagliate con un coltello. Tali cambiamenti si verificano solo nelle fibre necrotiche e riflettono le rapide contrazioni del muscolo cardiaco nelle fasi finali della morte.

Un’altra prova importante che il materiale di prova proviene dal muscolo di un cuore umano è la configurazione principalmente centralizzata dei nuclei nelle fibre osservate, che è caratteristica di quel muscolo. Lungo la lunghezza di alcune fibre abbiamo anche trovato schemi coerenti con le contrazioni dei nodi. L’esame microscopico elettronico più attento ha rivelato i contorni dei punti di inserzione e delle delicate reti microfibrillari. Riassumendo i nostri risultati nella relazione alla Curia arcidiocesana, affermiamo d: ‘Il materiale (…) indica il tessuto miocardico; almeno, di tutti i tessuti di un corpo vivente, gli somiglia di più. “E ciò che è importante, a nostro avviso, è il fatto che il materiale che abbiamo analizzato è costituito interamente da questo tessuto. ”

Il professor Stanisław Sulkowski sottolinea: “La materia che comprende l’Ostia si dissolve rapidamente quando viene immersa nell’acqua. Ma l’ostia benedetta di Sokółka non si è scomposta – per ragioni che rimangono sconcertanti per la scienza. Ciò che è ancora più notevole è il fatto che la parte centrale si è trasformato in tessuto muscolare cardiaco, formando una struttura inseparabile con il resto dell’ostia bianca “.

Le microfotografie sono una prova empirica e scientifica che nessuno avrebbe potuto unire le due strutture: il tessuto muscolare cardiaco e il pane. Anche scienziati dotati delle più moderne apparecchiature non potrebbero produrre nulla di simile, tanto è stretta la materia dell’Ostia unita e compenetrata con le fibre del muscolo cardiaco. Ciò esclude qualsiasi possibilità di interferenza umana.

La professoressa Maria Sobaniec-Łotowska sottolinea: “Questa straordinaria e misteriosa compenetrazione del materiale bianco dei fantasmi con le fibre del muscolo cardiaco umano è stata osservata, esaminata e fotografata utilizzando sia la microscopia ottica che quella elettronica. L’indicazione è che non poteva esserci stato alcun intervento umano. Un altro fatto straordinario merita di essere menzionato. L’Ostia rimase immersa nell’acqua per un periodo di tempo considerevole. Eppure i nostri studi non hanno indicato nessuno dei cambiamenti che ci si aspetterebbe dall’immersione in acqua delle fibre muscolari cardiache per un periodo così lungo. Dal punto di vista della ricerca empirica, non siamo in grado di spiegare questo fatto. Questi sono senza dubbio gli studi più importanti che ho condotto nella mia vita. I risultati sono stati scioccanti per me. Indicano un fenomeno straordinario, che da un punto di vista scientifico è semplicemente inspiegabile.

La trasformazione dell’Ostia consacrata nel muscolo di un cuore umano nella sua agonia mortale è un segno che ci chiama tutti al pentimento. È un promemoria per tutti noi che ogni Santa Messa è una ri-presentazione (rendere presente) della passione, morte e risurrezione di Cristo e che Cristo è veramente presente nell’Ostia consacrata nella Sua umanità glorificata e risorta, affinché Può offrirsi a noi come nostro “antidoto alla morte”. Ulteriori informazioni su questi eventi qui ] , qui ] , (polacco) qui ] .

Mi correggo: un miracolo eucaristico ancora più recente è avvenuto, sempre in Polonia, nella chiesa di St. Jacek, nella Diocesi di Legnica, il 25 dicembre (Natale!) del 2013. Identiche le circostanze e identici i risultati dell’esame istopatologico.

“Nella relazione del Dipartimento di Medicina Legale si legge quanto segue: Nell’immagine istopatologica sono stati trovati i frammenti di tessuto contenenti le parti frammentate del muscolo striato trasversale. (…) Il tutto (…) è molto simile al muscolo cardiaco con alterazioni che spesso compaiono durante l’agonia. Le ricerche genetiche indicano l’origine umana del tessuto.

Certo non è senza ragione provvidenziale questo moltiplicarsi prove in cui Gesù mostra la sua presenza reale, carne sangue e agonia, lasciandosi esaminare scientificamente, nel nostro tempo di incredulità cementificata, e sull’orlo di questa impostura globale e anti-umana, regno integrale della Menzogna.

Gesù vieni presto! Ad adiuvandum nos festina!

https://www.michaeljournal.org/articles/roman-catholic-church/item/another-eucharistic-miracle-in-poland

Print Friendly, PDF & Email