IL GRAN RABBINO IMPONE IL TEST DEL DNA PER PROVARE LA JUDENTUM

FONTE: Ynet Net
Nuove prove dimostrano che il rabbino capo aschenazita chiede che i cittadini dell’ex Unione Sovietica provino la loro ebraicità prima che possano sposarsi; in alcuni casi anche i parenti stretti  sonoassoggettati al  test genetico.
Il rabbinato di Israele ha eseguito test genetici su israeliani dall’ex Unione Sovietica, per verificare se sono “geneticamente ebrei” come condizione per la registrazione del matrimonio, un’indagine di Ynet ha rivelato.
Almeno 20 coppie si sono fatte avanti dopo essere state invitate a sottoporsi alla procedura l’anno scorso, secondo un rapporto pubblicato due settimane fa dall’istituto ITIM, che aiuta coloro che hanno difficoltà con la “burocrazia delle autorità religiose in Israele”.

Sebbene l’esistenza di tali test sia stata inizialmente negata dal ministro dell’Interno Aryeh Deri, il rabbino capo ashkenazita David Lau ha ammesso di aver chiesto che alcune coppie dimostrassero il loro status ebraico. Lau sosteneva che si trattava di episodi isolati e non c’era alcuna coercizione.

Le testimonianze delle coppie ottenute da Ynet, tuttavia, rivelano che la complicata procedura è stata intrapresa non solo dalle coppie stesse, ma anche dai loro parenti.

 

In un caso, una giovane donna che è andata dal rabbinato prima del suo matrimonio è stata invitata a condurre un test del DNA insieme a sua madre e sua zia, al fine di eliminare la possibilità che sua madre fosse adottata.

Il rabbinato apparentemente ha insistito su test genetici in parte perché c’era un ritardo significativo nell’emissione di un certificato di nascita per la madre della donna. Alla giovane donna è stato detto che se avesse rifiutato la richiesta, la sua richiesta di matrimonio sarebbe stata respinta. Il rabbinato ha il controllo sui riti religiosi ebraici in Israele.

 

Un altro incidente ha visto un uomo essere inserito in una lista di “matrimonio ritardato” dopo aver ritirato il suo consenso a condurre un test del DNA, che il rabbinato aveva richiesto a causa di ciò che diceva essere inesattezze nei documenti che dimostrano l’ebraicità di sua nonna.

In un caso simile, una giovane donna a cui era stato chiesto di dimostrare il suo status di ebreo, fu chiesta dal tribunale rabbinico di sottoporre sia lei che sua madre a sottoporsi a un test del DNA che includesse “il test del genoma mitocondriale”, al fine di ” assicurarsi che il richiedente sia effettivamente la progenie biologica di sua madre. “Furono istruiti a eseguire il test presso il Sheba Medical Center di Tel Hashomer, e qualsiasi tentativo di trovare un luogo alternativo per condurre il test, a causa dell’incapacità della madre malata di arrivare all’ospedale – era stato confutato.

 

Secondo le prove accumulate da Ynet, queste istanze sono esempi di quello che sembra essere un fenomeno in crescita in cui coloro che chiedono di registrarsi per il matrimonio, sono stati invitati a sottoporsi a test genetici se vogliono ricevere le loro richieste.

 

Il presidente di Yisrael Beiteinu Avigdor Lieberman, che in diverse occasioni ha accusato l’istituzione ultra-ortodossa di discriminare gli immigrati dell’FSU, ha definito i test “un palese razzismo e discriminazione” e ha esortato Lau a “dimettersi immediatamente”.

“Sfortunatamente, ci sono immigrati che, nonostante la loro eleggibilità ai sensi della Legge del Ritorno, non sono definiti come ebrei secondo Halacha”, ha detto Lau in risposta, riferendosi alla legge israeliana che consentiva a chiunque avesse un nonno ebreo di vivere in Israele “. In alcuni casi, ci sono quelli che affermano di essere ebrei, ma non possiedono i documenti necessari per confermarlo … o troviamo contraddizioni tra le loro affermazioni e ciò che vorremmo scoprire su di loro. ”

 

“In questi casi suggeriamo di sottoporsi a test del DNA che rafforzerebbero le loro affermazioni”, ha affermato. “Non è mai forzato su nessuno e viene utilizzato solo per assistere i candidati nel processo di ricerca”.

Interessanti le risposte e i comment  dei lettori: quasi tutti danno ragione al rabbino.  Ne pubblico una:

Israele  si suppone   sia patria per i discendenti di Abramo attraverso
 la stirpe di Isacco, indipendentemente dalle loro credenze !. 
Almeno questo è ciò che era la Promessa ad Abrahamo, vero? 
Può essere che il Rabbino abbia ragione, l'alleanza non copre tutti 
i convertiti all'ebraismo, copre solo il "seme" di Abramo,
 attraverso Isacco e Giacobbe (probabilmente con i loro coniugi), 
potrebbe essere il tempo per tutti gli israeliani di farsi il test del DNA
 e prova la tua connessione ancestrale con i patriarchi"
https://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-5476939,00.html
Print Friendly, PDF & Email