IL CORONAVIRUS CONDIVIDE IL SITO CON CUI SI AGGRAPPA ALLE CELLULE UMANE CON HIV E EBOLA

Scienziati cinesi hanno riferito che il coronavirus che devasta le popolazioni di tutto il mondo è molto  più facile ad attaccarsi alle cellule umane che  il suo cugino stretto Sars –   poiché contiene geni inattesi che lo collegano all’HIV e all’Ebola.

La  ricerca proviene dall’Università di Nankai nella città cinese settentrionale di Tianjin. Pubblicato il 14 febbraio, è già diventato uno dei documenti più visti sulla piattaforma.

È ormai noto che 2019-nCoV condivide oltre l’80% del suo DNA con il virus Sars, che causò l’epidemia 2002/3 nel sud-est asiatico;  è  il suo parente genetico più vicino. Sars ha invaso il corpo umano legandosi a una proteina del recettore, chiamata ACE2, sulle membrane delle cellule. Ma alla fine questa è stata la  fine di quel virus: l’ACE2 è raro nelle cellule di persone sane, e ciò ha limitato in modo significativo la diffusione di Sars, provocando il suo esaurimento entro il 2004. Alla fine, solo circa 8000 persone in tutto il mondo sono state infettate, il covid-19  ha già infettato oltre 80.000 persone.

A differenza di Sars,  il nuovo Coronavirus ha una sezione di geni assenti dal genoma di Sars. Somigliano ai geni trovati nell’HIV e nell’Ebola. Questi geni possono codificare per un diverso percorso mirando alla furina proteica sulle cellule umane, che è come l’attacco dell’HIV e dell’Ebola. Se funziona come fanno gli altri virus, questa mutazione potrebbe renderla fino a 1.000 volte migliore nel legarsi alle cellule umane rispetto a Sars.

[….]

Il suggerimento che il coronavirus possa presentare alcune somiglianze con l’HIV ha suscitato polemiche. All’inizio di questo mese, un pre-stampa  di carta è stato pubblicato il bioRxiv dal titolo, “misteriosa somiglianza di inserti unici al 2019-nCoV picco monoclonale di HIV-1 gp120 e Gag” , ha suggerito che alcuni geni di HIV sarebbero “saltati  dentro” il 2019-nCoV , rendendolo più contagioso e quindi pericoloso. Il documento è stato presto criticato violentemente  e  gli autori hanno riconosciuto che non avrebbe superato la revisione tra pari in quella versione. Dopotutto, questo è il punto della revisione tra pari: sfidare, chiarire e  scoprire le falle  nella ricerca prima della pubblicazione ufficiale.

Nel caso dell’ultima ricerca, il team dietro di esso lo ha pubblicato come prestampa su Chinaxiv.org, una versione cinese di bioRxiv utilizzata dall’Accademia cinese delle scienze. In quanto tale, non è sottoposto a revisione paritaria e i risultati devono essere considerati provvisori fino a quando non appare la versione finale del documento.

Detto questo, non è l’unica ricerca che ha trovato il sito di scissione simile alla furina presente nell’HIV e nell’Ebola, ma che è assente da altri coronavirus –  un’altra pre-stampa su chinaxiv.org e uno  studio francese pubblicato nel peer-reviewed la rivista Antiviral Research è giunta alla stessa conclusione. Esistono farmaci che prendono di mira l’enzima furina – farmaci precedentemente usati nei trattamenti per l’HIV. Resta da vedere se potrebbero essere cooptati per covid-19, o se questo è in realtà un percorso ragionevole verso un trattamento.

RNA del COVID-19:   I VIRUS NON SI COMBINANO MAI TRA LORO :  LO FA “L’UOMO chinaxiv.org/abs/202002.000

Print Friendly, PDF & Email