SI’, IL TERREMOTO è PUNIZIONE DIVINA.

Ora possiamo dirlo, finalmente. Abbiamo il permesso.   Fino ad ieri, chiunque avesse osato pronunciare una simile idea, sarebbe stato linciato dai media, dai vescovi e cardinali, da “Francesco”;  questa ipotesi, che dietro un terremoto o altra sciagura collettiva, potesse esserci un significato, un messaggio di Dio per certi nostri comportamenti  collettivi, era confinato nel regno delle superstizioni più oscurantiste e ignoranti; era qualcosa, semplicemente, che l’uomo moderno, e il cristiano illuminato (dal Concilio) non può nemmeno permettersi di pensare.

 

Adesso si può. Dobbiamo ringraziare l’alta personalità che ha, diciamo così, sdoganato lo spinoso  nesso di causa e d’effetto, togliendolo dalla discarica delle superstizioni di cui vergognarsi per elevarlo alla luce del politicamente corretto: il signor Ayub  Kara.

Costui è l’esimio vice-ministro israeliano per la Cooperazione Regionale.  Incidentalmente è un druso, e ovviamente un fiero collaborazionista.  Come forse saprete (o forse no), egli, in visita in Italia, ha voluto comunicare alle agenzie quanto segue:”Sono sicuro che il terremoto è avvenuto a causa del   voto italiano all’UNESCO”.

Era ora che qualcuno lo dicesse: il 18 ottobre, l’Unesco ha adottato ufficialmente una risoluzione su Gerusalemme est voluta dai Paesi arabi a protezione del patrimonio culturale palestinese, in cui i luoghi santi della Città Vecchia sono indicati solo con il nome arabo, cosa che ha indignato gli israeliani. In 26 si sono astenuti, fra cui  l’Italia compresa. Astensione, si badi, non già voto a favore della posizione palestinese; ma tanto basta per scatenare la vendetta cosmico-geologica di  YHVH. Subito Matteo Renzi e Gentiloni si sono scusati, “alla prossima occasione cambieremo atteggiamento”, s’è profuso il nostro ministro: niente, è arrivata la seconda scossa. Giù le chiese di Norcia e crepate tutte le strade del centro Italia.

Nessun giornale, nessuna tv, nessuna autorità civile e religiosa hanno osato subissare il giudeo  di accuse di superstizioso oscurantismo. Anzi, il viceministro Kara ha ricevuto il consenso della massima autorità religiosa  in carica. Forse non ve l’hanno  chiarito, ma Kara  era in visita a El Papa quando ha diffuso questa sua certezza  intima che noi subiamo i terremoti perché non votiamo come ordina Ysrael; e il bello è che “Francesco “ gli ha dato ragione.  Ha infatti detto chiaro a Kara El Papa: “Dio ha promesso la terra alla gente di Israele”. Lui lo sa di sicuro,  perchè Dio non è cattolico.  E  dopo aver ringraziato Kara “dei suoi sforzi a favore della Chiesa e dei cristiani d’Israele”  (sforzi di cui saremmo lieti di sapere qualcosa), il  Bergoglio gli ha detto che, lui, “disapprova fortemente” la risoluzione UNESCO. Anzi, Kara è andato più in là nella sua narrativa: “mentre  ascoltava el discurso de El Papa,  ha sentito che El Pontefice stava inviano un messaggio diretto all’UNESCO”.  Insomma, secondo lui, “Francesco”  ha sgridato l’UNESCO che provoca la sismica  vendetta divina con le sue pronunce anti-sioniste.  Sicuramente El Papa non ha sgridato l’ebreo (e quando mai?) ritenendo balzano il suo collegamento: dunque l’idea ha adesso piena cittadinanza.

http://www.shalomjerusalen.com/2016/10/el-papa-francisco-dios-prometio-la.html?m=1

Dio ci manda i terremoti senza fine perché qualcosa  non va, collettivamente, in Italia. Cito l’amico Massimo Viglione, che è di quelle parti: “La Basilica di San Benedetto a Norcia è distrutta. A Norcia è nato il patrono d’Europa, e Norcia è il simbolo della civiltà cristiana medievale, della rinascita dalle ceneri della caduta dell’Impero Romano. Oggi Norcia è in cenere.   Solo io vi vedo un tragico simbolismo?

Il viceministro Kara
Il viceministro Kara

Sì, adesso è possibile, almeno esprimere qualche dubbio: forse i terremoti non accadono in questi giorni, e in questi luoghi,  per  caso. El Papa sta per andare in Svezia a fondere la Chiesa cattolica romana e sacramentale con la setta luterana; ha di fatto santificato Lutero.  E’ un evento epocale, dopo il quale – com’ebbe a rallegrarsi il gran maestro Raffi del Grande Oriente – “nulla sarà più come prima nella Chiesa”.

Forse alla massima parte dei nostri contemporanei, italiani e no, sembra cosa di poco peso che la Chiesa sacramentale, quella che ha al suo centro Gesù eucaristico, realmente presente nella Messa  e nel tabernacolo, venga dal successore di Pietro  forzata ad abbandonare la sua tradizione per andare  a dissolversi e confondersi con la “tradizione” del lurco tedesco che  asseverò, giudicando Cristo da ciò che faceva lui:  “Cristo ha commesso adulterio una prima volta con la donna della fontana di cui ci parla Giovanni. Non si mormorava intorno a lui: Che ha fatto dunque con essa? Poi ha avuto rapporti sessuali con Maria Maddalena, quindi con la donna adultera. Così Cristo, tanto pio, ha dovuto anche lui fornicare prima di morire”  Forse non vi sembrerà grave che ci si chieda di abbracciare i seguaci del Lutero, che così – lui stesso – definiva:  “Sono sette volte peggiori di una volta. Dopo la predicazione della nostra dottrina, gli uomini si sono dati al furto, alla menzogna, all’impostura, alla crapula, all’ubriachezza e a ogni genere di vizi. Abbiamo espulso il demonio — il papato — e ne sono venuti sette  peggiori”.  Vi sembrerà lieve la volontaria “comunione” dell’alta gerarchia clericale con colui che diceva di sé: “Sono un uomo esposto e coinvolto nella vita di società, nella crapula, nelle passioni carnali, nella negligenza ed in altre molestie”

Ma forse lassù c’è Chi vede tutto questo come un sacrilegio immondo, uno sputo sulla faccia dei santi e delle pure vergini di decine di generazioni fedeli, un intollerabile insulto ed offesa al volto  del Salvatore bestemmiato; al volto del Figlio e del solo nostro Intercessore.   So che già perseguitate, nascostamente, alcuni preti fedeli, mani consacrate che abbandonate alla fame.  A voi non importa di offendere i credenti, avete sostituito il popolo con l’otto per mille; ma dovreste sapere quello che vi attende. Vi è stato profetizzato, più volte, e ancora nel 1975:   “Non facio altro che sognare il Papa che fugge: non Paolo VI, ma un altro. Lo aiuto e il mondo salta in aria; sangue, molto sangue, che sembra melma e molti restano presi come se fosse pece, restano attaccati. Molti sacerdoti e suore in piazza San Pietro squartati”.

Chi era Lutero

(Le citazioni di Lutero qui sopra sono tratte da un articolo che le ha tratte direttamente dalle opere del Riformatore.

Lutero si fece monaco per fuggire all’arresto, avendo ucciso in  duello   tale Hyeronimus Busch. “Io sono stato un monaco che voleva essere sinceramente pio. Al contrario, però, sono sprofondato ancor di più nel vizio. Sono stato un grande furfante ed un omicida” (4).

Nel 1516, Lutero scrisse: “Raramente ho il tempo di pregare il Breviario e di celebrare la Messa. Sono troppo sollecitato dalle tentazioni della carne, del mondo e del diavolo” (5).

Quando penso al mio destino dimentico la carità verso Cristo. Per me, Dio non è che uno scellerato. L’idea della predestinazione cancella in me il Laudate, è un blasfemate che mi viene allo spirito” (9).

l 13 giugno 1521, scrisse a Melantone: “Io mi trovo qui insensato e indurito, sprofondato nell’ozio, pregando poco e senza più gemere per la Chiesa di Dio, perché nelle mie carni indomite ardo di grandi fiamme. Insomma, io che dovrei avere il fervore dello spirito, ho il fervore della carne, della libidine, della pigrizia, dell’ozio e della sonnolenza” (23). In un altro scritto, Lutero è altrettanto chiaro: “Sono un uomo esposto e coinvolto nella vita di società, nella crapula, nelle passioni carnali, nella negligenza ed in altre molestie” (24). Di lui scriveva il suo seguace Melantone: “Lutero è un uomo estremamente perverso. Le suore che egli ha tirato fuori dal convento lo hanno sedotto con grande astuzia ed hanno finito col prenderlo. Egli ha con loro frequenti rapporti carnali” (26).

Verso la fine della vita, l’ubriachezza lo dominava totalmente: “Spendo le mie giornate nell’ozio e nell’ubriachezza” (29).

(Per le note, si consulti l’originale di Julio Loredo:

http://www.atfp.it/component/acymailing/listid-1/mailid-178-newsletter-ottobre-2016-2?Itemid=183
© Associazione Tradizione Famiglia Proprietà, Viale Liegi 44, 00198 Roma. Direttore responsabile: Julio Loredo.

 

23 commenti


  1. Gentile direttore,
    Questo terremoto corre lungo una dorsale che unisce l’Est con l’Ovest: due categorie, due simboli in cui l’Est rappresenta la tradizione, la fonte di irraggiamento dello Spirito, l’Ovest rappresenta il desiderio di conquista. Quelli che erano i punti di saldatura tra questi mondi (Norcia, Cascia, Cassino, Bobbio, Nonantola, Assisi, San Gallo) si stanno dissaldando. Dio più che punire l’Uomo, lascia che paghi le conseguenze delle sue azioni che hanno pesanti ricadute nel mondo dell’Aldilà. Vorrei far notare come prima faglia che si è aperta, visibile ad occhio nudo sul Monte Vettore è quella della cima del Redentore, come a voler significare che è tempo di dividere “il grano dal loglio”. Anche il terremoto dell’Aquila ebbe un simbolo in tal senso: la Chiesa di Sant’Apollonia, restaurata e fatta nuova da Padre Andrea D’Ascanio e dai volontari dell’Armata Bianca (da lui fondata), fu alienata a loro da un atto incomprensibile (senza gli occhi dello Spirito) dei vertici della Chiesa locale. Ebbene il sisma Aquilano si è mosso esattamente attraverso di essa (sotto via XX Settembre) a una manciata di metri dalla casa dello studente. Il terremoto restituì all’oblio della memoria quel luogo tanto centrale quanto intimo dentro una città in tutt’altre cose affaccendata. Si, Dio lascia dei segni per chi vuole coglierli, ma tutto questo Kara non lo sa! Dio ci benedica e abbia pietà di noi.
    Un caro saluto, Andrea.

  2. rino

    Il tragico simbolismo della distruzione dell’europa a partire dal crollo delle sue originarie sedi monastiche fu notato sin dal terremoto di Amatrice anche su questo sito:
    http://antimassoneria.altervista.org/geoingegneria-avanzata-grado-provocare-terremoti-leggenda-tragica-realta/
    Che sia un messaggio – magari più terreno – di fine di una civiltà e inizio di un dominio inviato a chi deve capire (..e infatti pare che abbia capito: magistrale l’accostamento tra il Papa e Lutero)?


    1. Il primo forte terremoto in Italia si è verificato in Val di Noto, Sicilia orientale (11 gennaio 1693), 7,41 Magnitudo, 60.000 morti;
      La nascita della Massoneria è del 1717, prima gran loggia d’Inghilterra.
      Eviterei il complottismo compulsivo!! 🙂

      1. rino

        Non ho detto che sia stato un terremoto provocato ad arte. C’è qualcuno che lo sostiene sulla base di indizi di cui non mi sembra assurdo tener presenti e ascoltare visto ciò di cui il potere è in grado di fare. Ricordo ai lettori di Blondet che se preferiamo nutrirci alla sua fonte anziché sul Tg1 è perché qualcosa ci puzza di marcio: un evento catalizzatore al proposito è stato sicuramente l’11 settembre che a quanto sostiene il nostro direttore con indizi vari sarebbe un auto-attentato ai danni della propria popolazione per ottenere certi scopi. Se l’hanno fatto allora perché non potrebbero farlo ora e in futuro con una tecnologia più sofisticata e meno palese??
        Molti si meravigliano se al 2016 si muoia ancora di cause naturali e non si faccia il dovuto per estirpare queste possibilità. Io mi meraviglio, invece, di come si possa morire di cause umane intendendo per queste la cattiveria, l’avidità, le menzogne l’esclusivismo razzista di certe culture etc.. Perché queste sono cose per cui vale la pena lottare: ne va della nostra società, del nostro modo di intendere lo stare insieme. E credo che queste questioni irrisolte al 2016 siano ben più gravi che le malattie o le catastrofi naturali. Sapere che un caro parente è morto di tubercolosi o perché la casa gli è crollata addosso è una cosa: saperlo morto perché qualcuno ha lucrato sulla sua vita è un’altra..
        Una cosa è certa: se il potere ha la tecnologia per causare terremoti non aspetta che qualcun’altro se ne appropri ma la userà il prima possibile per mostrare i suoi muscoli agli avversari, reali o ipotetici che siano.


  3. da wikipedia risulta che la trasformazione delle prime associazioni inglesi in vere e proprie logge massoniche, anche se non ben definite, risale al 1686, ossia sette anni prima del terremoto di noto.


  4. “—-Il vescovo di roma I miei cardinaIi sono venuti a prenderlo alla fine del mondo—.
    Le prime parole di Bergoglio eletto dopo l’Habemun Papam.

    Lui s’è” sbaliato” preposizione essendo arghentino. Intendeva :
    “Per la fine del mondo”


  5. Un articolo coraggioso.
    Soprattutto confrontato a quanto stanno scrivendo certi vaticanisti embedded. Aberrante. Bisogna reagire! Ce ne verrà chiesto conto altrimenti…
    Ero a Rimini sabato, che Dio ce la conservi Direttore!

  6. Vagale

    Gentile direttore,
    solo una piccola precisazione, per non dare adito a critiche da parte di qualcuno:
    la persona uccisa in duello da Lutero si chiamava Hieronimus Buntz.
    Un cordiale saluto.

  7. Carlo

    Che un povero invasato da bar evochi la mano di Dio per quanto è accaduto in centro Italia non c’è nulla di dire se non che i nostri media avrebbero fatto bene a tacciarlo per quel che vale, un grasso esempio di gretta imbecillità infarcita di vetero talmudismo senza nessuna connessione con la vita terrena, in sostanza da ricoverare alla neuro. Ma quali media avrebbero l’ardire di scrivere cose del genere per un figlio illegittimo del popolo eletto?
    Il terremoto accaduto più che segno di Dio è segno di chi ha il ditino in certe attività. Si legge da più parti che si sta compiendo un grosso alineamento celeste tra sole, giove, luna e terra. Tutti sanno, spero, che la luna con la sua piccola massa riesce a creare le maeree. Ora mettiamo la massa dei due super giganti celesti a noi vicini (sole e giove) e cerchiamo di vedere cosa potrebbe accadere sopratutto in quelle zone dove le faglie sono instabili e particolarmente fragili. Se poi a queste vi si aggiunge la mano dell’uomo…il risultato è raggiunto. Non a caso in quella zona d’Italia c’è la pià alta concentrazione di chiese e di luoghi di culto cristiani….e pensare che sia un piccolo avvertimento a chi ha orecchie per intendere non ci vuole molto. Ahhh! Molti diranno: stai vaneggiando, ma l’età, ormai canuta, e l’esperienza di come vanno le cose della vita non possono non farmi pensare che non tutto è casuale.
    Benvenuti nel mondo!


    1. COMPLOTTISTA!!!! E’ un insulto sprezzante, probabilmente il peggiore di questi tempi.E’ quello che ci tocca.

      In passato ho cercato di informarmi sulla natura di questi terremoti , dallo tsumami indonesiano ad oggi. Tra le informazioni acquisite sono rimasto sconvolto da una intervista di Benjamin Fulford ad un ministro giapponese delle finanze e da vari interventi del generale Mini(capo della missione militare in Serbia, mica un furiere qualsiasi) anche sui Rai-tribù. Queste erudizioni in materia dovrebbero bastare per un dibattito pubblico su cose di tale gravità.
      Ma , come più volte constatato, l’inflazione delle notizie , ed il ferreo comntrollo sui mainstream, non permettono un dibattito pubblico e dunque una denuncia globale di queste assurde armi da fine del mondo.
      Mi sembra di aver capito che quelli che muovono il ditino si comportano come i maestri di una volta con la bacchetta verso gli scolari. Ad ogni comportamento non conforme ai loro desiderata erogano il terremoto,lo tsumani o la bomba d’acqua di prammatica.. La giusta mercede. Sicchè si puo’ notare una relazione tra azione e punizione che eelenco:
      In Indonesia qualcuno ha condannato a morte nientedimeno che Soros il grande filantropo? Tiè proviamo lo tsunami.
      I giapponesi hanno formato un movimento che vuol invitare gli americani a sloggiare dato che la guerra è finita come sappiamo da una settantina di anni?
      ET voila uno tsunamino per Fukushima, un colpetto da maestro.
      A L ‘Aquila, (MI pare che sia la proiezione minore di Gerusalemme) lo strano terremoto accaduto ha consentito che diventasse platea suggestiva per un G8 spostato dalla Maddalena, ricco di significati imperiali di chi muove il ditino
      L’ultimo in Italia che ha fatto vibrare seriamente ROMA a più riprese una punizione divina come poc’anzi acclalato da Bergoglio pur’anco.
      FOLLIA PURA E SENZA METODO.
      Oltre tutto il Nuovo Ordine Mondiale, tra agricoltura OGM , radiazioni nucleari e umani più simili a zombi non è che sia gran cosa esteticamente.
      Dostoevskij, uno dei miei preferiti, ha scritto che la bellezza, il culto dell’arte salverà il mondo. Speriamo che abbia ragione oltre ogni ragionevole dubbio


  8. Che i terremoti siano una punizione divina è testimoniato nella sacra scrittura. Quanto meno il terremoto è stato permesso da DIO dato che nulla sfugge al suo controllo. Poi chiaramente come sempre accade le disgrazie colpiscono sia i giusti che i malvagi. Cmq sebbene anche io abbia nutrito astio verso l’attuale pontefice , ho dovuto ravvedermi un attimo in quanto sebbene talvolta certe sue uscite mi abbiano lasciato quantomeno perplesso , quando Francesco I ha parlato ex cattedra è sempre stato impeccabile. lo Spirito Santo garantisce , state sereni ed evitiamo di creare divisioni laddove ce ne sono già fin troppe..


  9. Siamo ancora alle guerre di religione?Spero che qualche buon seguace di cristo possa aver intuito che Gesu’ non è una religione e nemmeno una dottrina da imparare a memoria e seguire insieme a chi la insegna,es. Lutero. Gesu’ è rivelazione personale della Sua Parola e Lutero l’ebbe tale rivelazione (Vedi romani capitolo 3,23-24) insegnando la salvezza per Grazia,ma che poi la sua vita sia stata tutt’altra cosa è un giudizio che solo Dio dara’ di lui.Quindi non disegniamo i luterani come gli sconsacrati perche’ comunque tale fu anche Gesu’ dai farisei(giovanni 12,42-43),ma piuttosto guardiamo quanto di buono ha portato alla fede in Gesu’ ,liberandola dai lacci della simonia.Grazie per l’ascolto.


  10. Per quello che vale direttore sono d’accordo con Alessandro Desposito e Angelo Nas.
    Più che una mano divina io ci vedo una mano umana.
    I giornali liberi parlano di movimenti delle faglie. Ma l’epicentro è a pochi chilometri in superficie. Ricordiamoci che uno di questi terremoti è accaduto alla stessa identica ora di quello dell’Aquila.
    Non posso parlare di Lutero, però perlomeno non era un ipocrita, i religiosi di oggi fanno ben di peggio, ma non lo dicono. Lui era umano e non voleva ingannare gli altri. Lutero riferito a certe persone, le stesse che oggi invocano la punizione divina, diceva:
    “Bisogna proibire loro l’usura, confiscare tutto ciò che possiedono in contante e in gioielli d’argento e d’oro, e tenerlo da parte in custodia. E il motivo è questo: tutto quello che hanno (come sopra si è detto), lo hanno rubato e rapinato a noi attraverso l’usura, perchè, diversamente, non hanno altri mezzi di sostentamento”.


  11. Forse non tutti sanno che la comunità benedettina di Norcia è una comunità di ispirazione prettamente tradizionalista. Tutte le liturgie, tanto quelle delle ore quanto quella eucaristica, vi vengono celebrate rigorosamente in latino secondo le norme canoniche vigenti e il Messale del 1962. Ho tra le mani una monografia di Chesterton su San Francesco d’Assisi acquistata l’estate scorsa nella libreria adiacente il monastero.
    Niente, ma proprio niente dell’estetica e dell’etica di quella comunità rimanda all’ideologia del conciliarismo e del progressismo.
    C’è chi asserisce che Dio abbia deliberatamente provocato la distruzione di quella basilica (bella quant’altre mai, va detto) per sfogare il suo sdegno perché un Papa è andato a celebrare la figura di Martin Lutero… un Papa che, a quanto ne so, non ha punto simpatia per i tradizionalisti, al punto che non è da escludere neppure che in cuor suo abbia gioito per la distruzione di quella basilica (a cuor leggero, oltretutto, dal momento che non vi sono stati né morti né feriti). E questo, Dio non lo sa? Oppure, sapendolo, avrebbe ugualmente preso in ostaggio i suoi figli più devoti… Umano… troppo umano…

  12. luca

    Si chiama PAMIR il sistema russo che può scatenare i terremoti. Quello americano invece si chiama HAARP. Mi è sconosciuto il nome di quello in mano cinese. Ogni tanto li usano ma ai più sfugge il nesso tra certi avvenimenti. Anni fa gli americani incendiarono migliaia di ettari intorno a Mosca e i russi risposero appccando il fuoco alla California. Gli americani fecero saltare in aria la città cinese di Tianjin. I cinesi risposero facendo saltare in aria parte della base Usa di Okinawa. Si tratta di trasmettere a distanza e senza fili l’energia, sotto diverse forme. Per chi volesse saperne di puù consiglio studi a livello universitario di un certo Nicholas Tesla.
    Buona serata

  13. rino

    Polemica tra Vaticano e radio Maria. Padre Giovanni Cavalcoli ha detto che il terremoto è un castigo divino sopraggiunto a causa delle unioni civili.
    Il Vaticano definisce le summenzionate parole (riporto dal televideo RAI) come “offensive per i credenti e scandalose per chi non crede”, “da periodo precristiano e non rispondono alla teologia della Chiesa perché contrarie alla visione di Dio offertaci dalla Chiesa” che “ci ha rivelato il vero volto di Dio amore, non di Dio capriccioso e vendicativo”..
    Integerrimo Padre Cavalcoli così risponde alle accuse del Vaticano: “sono dottore in teologia da 30 anni, ho lavorato in Vaticano con San Giovanni Paolo I e ribadisco che peccati come l’omosessualità meritano il castigo divino”. “Confermo tutto: i terremoti sono provocati dai peccati dell’uomo come le unioni civili”. “il Vaticano? Si ripassino il catechismo”.

    Il Vaticano sempre più isolato nella sua torre d’avorio??

Lascia un commento