L’ARMATA ROSSA USAVA LA SVASTICA….

Mai sentito che nell’ “ARMATA ROSSA” di Trotskij (Lev Davidovic Bronstein) prima della falce e martello usassero la swastika?
Pare svastica-rossasiano simboli, noti nell’indo-arianesimo, che all’epoca
venivano veicolati dalla giudeo-massoneria, in comune coi
nazional-socialisti della Thule-Gesellschaft,

svastica-thule

 

 

 

che stipendiava Vladimir
Ilic Ulianiov Blank, detto Lenin, dal fiume Lena, a Zurigo e Capri, con tutti gli altri, al 99,99% suprematisti ebrei talmudici fanatici,
con in odio furioso il cristianesimo, che li arginava, e i cristiani,
che infatti immediatamente inizieranno a sterminare senza scrupoli,
distruggendone i luoghi.
È stato distrutto e saccheggiato il 35% del patrimonio artistico
nazionale.
I proventi sono andati nelle tasche degli interessati, con pretesti e
scuse umanitarie.

svastica-comunista
Religiose e religiosi cristiani torturati e massacrati si calcolano
finora in 564.000, la gente semplice è rimasta anonima, ma
Solgenitsin calcola attorno ai 40 milioni le vittime del Gulag, dei
quali molti per il solo non aver rinnegato la loro fede cristiana,
dunque “martiri” formali, che verranno elevati agli onori degli
altari, a centinaia di migliaia, per decenni, se non verranno altre
stragi a impedirlo.

armata-rossa
È reputata la più grande, feroce, lunga e sistematica persecuzione
della storia del cristianesimo.
C’è tutta la documentazione che Lenin Blank a Zurigo frequentasse la
loggia giudeo-massonica regolarmente, praticandone i riti, tutti su
base talmudico-kabbalistika, e ne ricevesse un mensile.
Al momento giusto poi i prussiani l’hanno spedito in segreto, in
vagone piombato, sotto protezione diplomatica, con ingenti capitali a
disposizione, in Russia, sotto la direzione di Parvus, ovviamente
sempre della setta talmudica.
Lo fecero per favorire un golpe che firmasse l’armistizio e sgravasse
il fronte orientale, dove la Prussia perdeva.
Ormai si sa tutto, è tutto studiato, documentato e pubblicato, pur
tra violentissimi tentativi di censura, il mito dell’ “ottobre” è
caduto, svuotato, smascherato nel suo orrore.
Operai e contadini, ferventi cristiani, riempiranno i gulag, che
inizieranno subito, dal 18, a lavorare a tutto gas.
Quelli di Kronstadt, che proveranno a opporsi con le armi, verranno
sterminati sistematicamente.
“Operai e contadini” fu solo un mito, non ce n’era uno nella
dirigenza, ferocemente piramidale, che contro di loro iniziò e
organizzò sempre piú capillarmente il “TERRORE ROSSO”.

 

terrore-rosso
Ci sono fior di foto, una qui allegata, e documenti sull’uso aperto di quell’espressione esplicita: KPACHNN TEPPOP, chiaro nelle foto, col
teschio su striscione rosso.

7 commenti


  1. Non pretendo di saperne in materia, ma credo di poter dire che Stalin, ambiguo e opportunista senza scrupoli, sostanzialmente continuo’ il lavoro di Lenin.Un po’ come in Ecuador nel secolo scorso gli assassini del massone Eloy Alfaro continuarono il lavoro di Eloy Alfaro tendente a distruggere quello del padre della patria Garcia Moreno,cattolico,amico personale di PioIX,martire con causa di beatificazione pendente , ucciso dalla massoneria peruviana(documentato) su incarico presunto di Bismark,o come Obama ha continuato quello di Bush anche nelle parti che forse Bush non prevedeva,ma Brzezinsky e i suoi sponsors si’,o come Prodi,Berlusconi,Monti e Renzi hanno continuato e stanno continuando quello di Ciampi e Andreatta. 😉


  2. Sapevo che la svastica fosse stata anche segno araldico della 45a Divisione di Fanteria dell’Esercito degli Stati Uniti.

    Cercando conferme ho trovato questa pagina di wikipedia che tratta proprio della diffusione di questo simbolo nel mondo occidentale durante la prima parte del XX secolo.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Western_use_of_the_swastika_in_the_early_20th_century

    Questa scheda mostrerebbe come esso fosse in realtà molto diffuso sino all’avvio della seconda uerra mondiale.

    Notate come l’Italia NON rientri nell’elenco dei paesi in cui il simbolo era diffuso.

    Notate anche come tutt’oggi in Russia si indichi il partito “nazional-socialista” tedesco (che della svastica fece il simbolo nazionale della germania) non con il suo proprio nome (“socialista”) ma con il termine storicamente scorretto e fuorviante di “fascista”.


  3. Se non ricordo male la svastica simboleggia il sole come simbolo di potenza perché è il sole che consente la vita e, se non ricordo male, è un simbolo utilizzato dalla massoneria.

    La massoneria ha un legame particolare con l’Egitto forse per il fatto che il faraone Akhenaton tentò di trasformare il politeismo egizio in monoteismo, in questo modo si è aperta la via non solo al monoteismo religioso ma anche al “monismo” quella formula politica che non consente il dualismo tra stato e Religione perché lo stato è l’ente supremo che deve quindi incarnare anche lo spirito religioso.
    Bisogna dire che nel corso del tempo sono stati in molti a credere che la Religione sia solo un intoppo da rimuovere sulla via delle “magnifiche sorti e progressive”.

Lascia un commento