IUS SOLI: lezioni di civiltà – da parte di chi?

Natasha Daneu

Rammento ciò che sull’argomento ebbe a dire il compianto Sartori, che quanto a scienza e coscienza politica superava di gran lunga il livello dell’odierna casta politica italiana.

Nel 2013 sul Corriere scriveva che la sinistra, «avendo perso la sua ideologia, ha sposato la causa (ritenuta illuminata e progressista) delle porte aperte a tutti, anche le porte dei Paesi sovrappopolati e afflitti, per di più, da una altissima disoccupazione giovanile». All’allora ministra Kyenge spiegava che l’Italia non era un paese meticcio e le rimproverava la convinzione di dare «per scontato che i ragazzini africani e arabi nati in Italia sono eo ipso cittadini integrati.» Indicava esempi di paesi dove «indù e musulmani non si sono mai integrati». Alla trasmissione La Zanzara chiosava: «Lo jus soli è un’idea demente, sarebbe l’ultimo colpo per consentire l’accesso a tutti, migranti e clandestini».

Aggiungo che tanto la ex ministra Kyenge (indicata nell’elenco dei membri europarlamentari affidabili della OSI del famigerato speculatore Soros, affiancato dalla nostra Bonino), quanto gli odierni immigrati, arrivano da «stati invertebrati, ectoplasmatici, fondati sulla spartizione del sovrappiù economico, prodotto per via delle rendite naturali, da parte di clan, di famiglie allargate», stati i cui regimi militari repressivi costituiscono la spina dorsale, – tanto per ricordare un concetto espresso dal prof. Sapelli, altro rinomato esperto di politica economica internazionale.

Il prof. Sapelli già nel 2011 spiegava come «per coloro che sono contrari a ogni ipotesi di convivenza multiculturale distinta di più appartenenze nazionali sotto il tetto di uno stesso Stato, la sola cittadinanza attiva e operante permessa è quella che si costituisce aderendo all’ethos dello Stato di accoglienza. Ma aderire all’ethos nazionale dello Stato in cui l’immigrato s’insedia è possibile solo con un radicamento occupazionale e con un’integrazione culturale attivamente ricercata. Già oggi non siamo di fronte né all’una né all’altra. Immaginiamoci, quindi, cosa potrà succedere in futuro con altre ondate immigratorie.»

Sempre il prof. Sapelli ha commentato a luglio di ques’anno le dichiarazioni di Boeri dell’INPS a proposito degli immigrati: «Queste persone aiutano il sistema previdenziale soltanto se inserite all’interno di un regime contrattuale che prevede il pagamento regolare dei contributi pensionistici. Tutto il contrario di ciò che avviene oggi dove aumentano i posti di lavoro solo dopo i 50/55 anni e dove i giovani non entrano nel mercato del lavoro se non in condizioni di precariato. Quella di Boeri è una dichiarazione senza senso scientifico.» Ed a proposito delle ondate immigratorie ha scritto: «L’arrivo di questa immigrazione in blocco è un evidente tentativo di destabilizzazione deciso da potenze che vogliono destabilizzare l’Unione Europea».

Gran difensore dello Jus soli appare Emanuele Fiano, responsabile nazionale del PD, ovvero segretario nazionale della Sinistra per Israele (il cui presidente è Furio Colombo) fondata nel 2005 «per una lettura corretta ed equilibrata della vicenda mediorientale e a salvaguardia dei diritti di Israele.» Gradirei tanto che il  sionista socialista del Hashomer Hatzair ci spiegasse perchè  mai allo stato di Israele sia concesso il diritto di erigere muri a difesa da tale immigrazione, mentre agli stati europei no? – Una civiltà dei furbi e dei fessi?

Natasha Daneu

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Saverio Gpallav

    questi non si danno per vinti. è l’unica legge che vogliono con protervia approvare prima delle elezioni quando la loro maggioranza adulterata evaporerà. con la loro disgustosa propaganda vogliono accreditare l’idea che lo ius soli sia un diritto umano ovvio e indiscutibile. basta utilizzare i motori di ricerca per vedere il coro di unanimismo totalitario che compare. sono arrivati a contrabbandare gli immigrati per ‘italiani senza cittadinanza’ quando l’art. 51 della costituzione evidentemente definisce tali ‘gli italiani non appartenenti alla repubblica ‘ cioè i discendenti dei nostri emigranti o degli italiani che restarono nei territori annessi a potenze straniere. La maggioranza degli italiani rigetta lo ius soli ma è ostaggio di una minoranza prepotente e totalitaria

Lascia un commento