Due o tre cose da sapere su Vincent Bolloré

Berlusconi ha pagato 13  olgettine fino a pochi mesi fa’, dicono  i giornali.  La magistratura riapre il fascicolo. Benchè senza  alcuna simpatia per questo imbecille, non posso far a meno di notare la coincidenza   di questa scoperta degli inquirenti milanesi con la scalata di Bolloré a Mediaset.  Nei momenti cruciali  per  il saccheggiatore globale, si può sempre far conto sulla magistratura  nostrana.

Qualche curiosità  su Vincent Bolloré, questo capitano d’industria che si è fatto le ossa nella Compagnie financière Edmond de Rothschild,  ed oggi è  maggiore azionista di Havas, sesto gruppo mondiale di telecomunicazioni, primo azionista di Vivendi,  secondo azionista di Mediobanca,  padrone di fatto di Telecom Italia, ora  scalatore delle  residuali ricchezze del Berlusconi.

Una puntuta biografia di Le Point, risalente al 2003,  lo dice “capace del peggio e del meglio” e “fervente cattolico”  perché, dice lui, “amo questa religione perché ci si può  far perdonare” .

Cattolico certo. Ma con una nonna materna di nome Nicole Goldschmidt:  donna di gran carattere “che ha contato molto per lui,  fino a farlo dubitare della sua propria identità” (sic). Sposata all’industriale cartario Henry Follot, nonna Goldschmidt (1899- 1993)  si  mise immediatamente dalla parte di De  Gaulle; lo seguì nel “governo”  in esilio a Londra, entrò nella resistenza e divenne una colonna dei servizi di spionaggio del Generale. Dopo la guerra, sotto  la copertura di dama della Croce Rossa, ha continuato “una lunga carriera di agente segreto in  seno ai servizi operativi dello Sdece, specialmente assicurando i collegamenti del servizio con i suoi  omologhi israeliani”.

Un collegamento  molto efficiente. Secondo il sito Panamza, nonna Goldschmidt  era anche assistente di Henry Fille-Lambie, il direttore del  “service-action” (assassinii di stato) collaterale al controspionaggio. E  con questo sinistro  personaggio ha partecipato alla formazione del gruppo clandestino “Battaglione 55” dell’Haganah, illustratosi in massacri-attentato contro i britannici nel 1947.

Forse è il papà

Nonna Nicole era, ovviamente amica di Edmund De Rotschild (il  ramo francese della dinastia) e anche di Anthoine Bernheim:  personaggio ragguardevole anche questo. Noto in Italia  a  malapena come padrone di fatto delle Generali di Trieste (fondata da Morpurgo)  attraverso un pacchetto di controllo sottratto a tutti gli sguardi (la finanziaria Euralux di Lussemburgo),  Bernheim è stato uno dei pilastri della banca d’affari Lazard francese – in cui entrò su raccomandazione di André Meyer, il padrone della Lazard americana, amico di Enrico Cuccia.

Un uomo durissimo,  depositario dei segreti dei banchieri “faiseurs de rois” un banchiere spietato, Bernheim, scomparso nel 2012. Con una sola debolezza: per Vincent Bolloré. “Che  ragazzo meraviglioso”,   disse quando già stava  male, sciogliendosi in lacrime: “Sono triste se penso che morirò prima di vederlo compiere la  sua avventura industriale”.  Da questo indizio,  le malelingue  sostengono che Vincent sia figlio naturale di Bernheim.  Fatto sta che con questo  tipo di affetti familiari, non è stato difficile a Bolloré trovare i capitali per la sua avventura.

Edmond De Rotschild,  nipote di uno storico finanziatore del sionismo,  membro del direttorio  del Bilderberg, era  l’azionista principale della cartiera di famiglia Bolloré, e datore di lavoro del giovin signore  nella banca d’affari Edmund De Rotschild C.ie dal 1976  all’81. Lì  divenne direttore aggiunto; lavorava a fianco di Roger Cukierman,  altro  gran banchiere, oggi presidente del CRIF (Conseil Représentatif des  Institutions Juives de France),  l’ente che sorveglia e punisce ogni  minimo sospetto  di “antisemitismo” nel goym d’Oltralpe.  Del resto anche il defunto Antoine Bernheim ha avuto per padre Léonce Bernheim “militante sionista vicino a Chaim Weizmann, fondatore e primo presidente di Israele”.

Serge Dassault, ex Bloch

Compagno di  giochi infantili di Vincente  – abitavano tutti nel lussuoso 16ème –  è  Olivier Dassault;  oggi deputato, uno dei rampolli della famiglia di fabbricanti d’armi, la Dassault, fra cui il caccia Mirage.   Non è un bel nome per una famiglia  del sistema militare-industriale?   “Dassault”, d’assalto…Lo pensò anche il capostipite, Serge Dassault, che prima si chiamava Bloch:  nome giudaico non particolarmente marziale, che Serge Bloch   (sua madre era un’ebrea lituana)  cambiò  nell’impetuoso  Dassault nel 1946.  Non   bastò: divenne cattolico, con tutta la  famiglia, nel 1950.

Il  che non impedisce a figli e nipoti  di andare a cena con Netanyahu e finanziare l’estrema destra israeliana. Del resto,   i 192 Mirages regalati da Dassault  sono quelli  che hanno dato  la vittoria di Israele e nella Guerra dei Sei Giorni  nel 1967:  con l’attacco preventivo,  a guerra non ancora dichiarata,  distruggendo al suolo 286 dei 340 caccia dell’aviazione egiziana,  e gli 88 di Siria e  Giordania.

Laurent Dassault (Bloch) a fianco di Bibi

Possessori di media

Come dimenticare che Serge Bloch in arte Dassault  è    anche un ricco magnate dei media? Nel 2004 diventa presidente di SOCPresse, che   controlla – guarda  caso – il Figaro, il maggior giornale parigino, il settimanale  L’Express  ed un’altra dozzina di  periodici, una squadra di calcio..

Giornalisti  del Figaro hanno rivelato come l’editore faccia brutali pressioni sulla redazione  esercitando una vera  e propria censura. Per esempio nel 2004 impedì ai giornalisti di  pubblicare  un’intervista cruciale   sul cosiddetto “affare delle fregate di Taiwan”, sei fregate della  fabbrica francese Thomson-CSF  per la marina  di  Taiwan, per cui  furono pagate “commissioni” da mezzo miliardo di dollari, parte delle quali tornate in Francia come “retrocommissioni” :  qualcosa   che noi chiamiamo “mazzette e   tangenti”, e per cui i  nostri validi magistrati non mancano mai di incarcerare i  vertici di ditte come l’Agusta, Finmeccanica, Eni.  In Francia invece – nonostante la vicenda delle tangenti avesse provocato strane morti di personaggi al corrente dei fatti – la magistratura, aperto il fascicolo, l’ha subito richiuso: “secret défense”.

La differenza fra una nazione e una espressione geografica  comandata da cosche  prone agli interessi stranieri. Verità per Regeni!

Scusate, mi riprendo subito…

Ciò  può  spiegare  perché anche Bolloré sia a capo dell’impero di media Vivendi.   Ed anche perché voglia  controllare  Mediaset: dopotutto, è uno dei pochi gruppi semi-indipendenti rimasti, ed è   opportuno  e  forse persino   urgente,  essendo il Cav  amico di Putin. “secondo me”, mi dice l’amico americano, “è il gruppo Rotschild che non vuole permettere al gruppo Berlusconi, l’unico politicamente quasi indipendente in Italia –   di rialzarsi, perché vicino a Putin e Trump lo può considerare amico”.

Vedete che la magistratura serve, in Italia: riapre il fascicolo sulle escort.  Che idiota, il Silvio.

“Ma no, cosa vai a pensare”,  rispondo al mio amico  (fra me penso: che coglione,  definitivo, questo Berlusconi:  ancora   non ha imparato che ti  prendono sempre sul tuo punto debole). Nota  piuttosto come sia cattolico non solo Bolloré, non solo la famiglia Dassault, ma tutti gli attori della vicenda  portano nomi di santo: Nicole, Antoine, Serge, Vincent. Cattolici ma strettamente endogamici.  Persino negli  adulteri.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

9 commenti

  1. Diego Grandi

    Questi Khazari “francesi” sono alla stregua dei Dunmeh “turchi” o dei Frankisti “polacchi”…


  2. Scusi direttore ma se non c’erano le olgettine, il Berlusca di qualcos’altro doveva “perire”. Il rullo compressore di questi potentati è inesorabile. Inducono persino infarti cardiaci a chi non va loro a genio.
    Il problema ,in Italia, è la mancanza di un supporto qualitativo al berlusca ooppure a quel che rappresenta: l’unica forza(debolezza) di opposizione alla conquista dell’Italia intera da parte dei sudddetti potenti.
    A posteriori Craxi sì è dimostrato essere un grande patriota ma qui ci si trova a celebrare ancora un Di Pietro,il suo aguzzino manuale, e relegare alla “dannatio memoriae” il grande statista che oso’ dichiarare che non avrebbe mai accettato il trattato di Maastricht.
    Mi chiedo e domando? Chi abbiamo al suo posto qualora il tizio scappasse in Russia o dipartisse ad onta della sua età e dei suoi problemi cardiaci?
    Diversi quaquaraqua; Salvini(sionista), Meloni e….”pura velleità” Grillo. Questi la magistratura non la contestano, anzi…


  3. Grazie Direttore, cercherei invano queste informazioni su Bolloré nei giornaloni mainstream. In pratica un altro dunmeh, allegria.

    L’assalto all’impero del Berlusca è iniziato col suo divorzio, reso possibile dal suo comportamento idiota, che ha offerto un asso nella manica al nemico; Da lì inizia il declino economico del personaggio, che non ha più i soldi per ricomprarsi le sue azioni e deve accettare il nuovo padrone che ha scalato la sua azienda.


    1. rapporti di forza della finanza giudaica. Che prevale sempre. Ma la colpa VERA non è della finanza giudaica, ma dei Gentili, imbecilli e traditori della Crux (anche se si dice che anche Berlusconi sia di ascendenza ebraica: Bar-luz-cohen)

Lascia un commento