24 commenti

  1. gjovi

    Articolo che fotografa ad altissima risoluzione la squallida realtà che abbiamo sotto gli occhi. Dovrebbero leggerlo gli interessati per rendersi conto di quanto schifo fanno.

    1. Giulio

      Visto come se la passavano gli studenti del “programma”, era stato ribattezzato “orgasmus” ancora ai mie tempi, e parliamo dell’inizio anni ’90.

  2. jafar

    per di più gli appartenenti a questa “categoria social-generazionale” hanno un profondo disprezzo del popolo a cui appartengono-incapace di elevarsi alle loro sublimi vette pseudoculturali(il cosmopolitismo nichilista che vede per razzista ogni minimo accenno a una propria identità nazionale o culturale)-o verso quei popoli a cui loro vogliono portare la civiltà,la democrazia,il laicismo ecc. è uno degli aspetti più inquietanti del nichilismo contemporaneo…pseudo o controvalori elevati a principi universali,stili di vita che fino a prima del ’68 sarebbero stati giudicati adatti a pesone di malcostume (discoteca,feste ,alcool,concubinaggio,libertà sessuale ecc.)elevati invece al “nostro stile di vita”…povera Europa!!!piu vado avanti e più giudico positivamente i fascismi europei!

  3. Piero61

    @jafar: piu vado avanti e più giudico positivamente i fascismi europei!…
    concordo e, meno male, lo stanno capendo anche i miei figli !
    saluti
    Piero e famiglia

  4. Massimo

    La diagnosi sopra esposta, “ad altissima risoluzione”, come ha commentato bene Gjovi, è (…quasi…) il culmine dell’agenda di quei maghi neri, di quei sommi sacerdoti dell’Anticristo, abili nel dare in pasto ai “gentili”, prima le pietre del materialismo comunista, che nutre oggi ectoplasmi umani vuoti di ogni vera conoscenza, (quelli che vediamo tutti i giorni, capaci di gestire il potere in style “famigghia”, a servitù trans-atlantica, momentaneamente con accento toscano…), poi i riti pagani, con i quali questi “gentilissimi” ormai, celebrano la decomposizione finale e quella dei figli con i matrimoni gay, l’erasmus e i messaggini da 150 caratteri di analfabetismo… Tra cabalisti e maghi neri col grembiulino, questi operatori di iniquità hanno suscitato un male, che la miseria spirituale, culturale e morale di un’occidente in caduta libera, non è più in grado di riconoscere. Un castigo necessario. Passerà. Il resto…spazzato via.


  5. Peccato che io non riesca ad inserire nel commento una foto eloquente, presa dalla rete, tagliata in 3 parti. Nella prima parte in alto appaiono i soliti tre amiconi (ovviamente non presenti nella lista Forbes) con tre corrispondenti attivita’: Oil, Rockefeller – Diamonds, Oppenheimer – Gold, Rothschild e con la dicitura LORO SONO L’1%.
    Nella seconda parte della foto appare una foto ripresa dall’alto di una miriade di persone a caso, con la dicitura NOI SIAMO IL 99%.
    E nella terza parte della foto appaiono 3 beoti in posizione selfie con la dicitura MA IL 98% DI NOI E’ COSI’.
    Buon Lunedi di Pasqua!


  6. Complimenti Blondet per l’articolo del 28 marzo sulla generazione Erasmus, su Regeni, Greta e Vanessa, ecc.
    Pur provenendo probabilmente da un tipo di cultura diverso (apprezzo Marx e Lenin), sottoscriverei ogni parola del Suo articolo, così come di altri articoli che avevo letto in precedenza.
    Probabilmente, quando si usa il cervello ed il buon senso, e si fanno analisi lucide, la differenze ideologiche non contano, Vincenzo

    1. Piero61

      salve
      esatto signor Brandi, aggiungo oltre al cervello, anche il cuore; a seconda degli interlocutori che mi trovo di fronte vengo via via definito: fascista, nazista, omofobo, complottista, populista, comunista, ecc; a ennesima conferma che, se pensi con la tua testa e segui il tuo cuore, gli altri, gli omologati, devono etichettarti con qualcosa di standard che gli viene imposto dai media, perchè non sanno come replicare e dialogare.
      Vanno avanti a acquagymn, aperipizza e tg3…
      saluti
      Piero e famiglia

  7. Pierpaolo

    Ma quello di socializzare le perdite – fare intervenire lo Stato a proprio favore quando qualcosa va male – e di privatizzare i profitti non è mia un’invenzione delle famiglie del Regeni o della Greta o della Vanessa.
    È il “survival kit” di generazioni di Agnelli.

    1. Piero61

      …esatto; e queste orgasmus sono le figlie predilette dei signori di Villar Perosa.
      Ricordo ancora quando morì il “divin massone” Gianni, le paginate intere che “Repubblica” dedicò in piena e totale genuflessione a lui e alla sua famiglia.
      saluti
      Piero e famiglia


  8. Ho fortissimi dubbi sulla morte di Valeria Solesin. Però per capirne i motivi bisognerebbe ricostruire tutta la storia della sua presunta morte, inclusi i funerali, dove abbiamo scoperto che era impossibile farla vedere scoperta perché , guarda tu, si scopre di colpo essere orrendamente sfigurata al viso….


  9. Il dott. Maurizio Blondet ha fotografato esattamente la situazione politica del contesto attuale europeo e mediorientale, dove il terrorismo e i sevizi segreti creano false flag . Notiamo anche come certa gioventù consapevole dei loro atti di spionaggio come Giulio Regeni ed altri inconsapevoli come Valeria Solesin diventino strumento per quella politica Globalizzante che fa martiri inconsapevoli, che poi il sistema esalta. Ricordiamoci anche dello studente Francesco Lorusso – fatti di Bologna del 77 – vittima innocente degli scontri di piazza di quell’anno , quando iniziò la strategia della tensione. La storia sembra non insegnare più alla gente che è diventata ignava, grazie a quella Tv, al servizio del potere transnazionale, che mantiene il popolo imbecille. Ma non è ancora detto che l’abbiano vinta, ora c’è la Russia di Putin, internet , dove volendo si sanno molte cose. Dico sempre ai miei amici, fate almeno una fotocopia di ciò che sapete e che altri non sanno, volendo inviando anche una mail. .


  10. Mettere insieme una ragazza morta in un attentato con due ragazze incoscienti partite per il medio Oriente e mischiare il tutto con l’erasmus e con parole molto colte come “intruppare”.. A me sembra un articolo di chi quei giovani che partono,vedono il mondo,si confrontano con gli altri e stanno mesi fuori casa,un po’li invidia e basta.

    1. Piero61

      …invidia di cosa ? della loro enorme ignoranza ? ma li ha mai sentiti parlare quando tornano dall’aver “visto” il mondo ? parlano solo di bevute, locali e, chiedo scusa, di scopate; alla domanda, avete visitato questo museo ? hai visti questo monumento ? quella piazza ? quel castello ? ti guardano con una espressione da bombolo o alvaro vitali che riassume questa frase: ma checccazzostaiadddì ?
      Se non tutti, un buon 95%…
      Non sanno neanche se Siena sia in Toscana o in Umbria…
      saluti
      Piero e famiglia


  11. Io un pensiero lo avrei, non è molto esaltante, ma è la cruda realtà.
    Perchè non chiamarli UTILI IDIOTI?
    Del resto, chi distrugge il ramo su cui è seduto, con il cappio al collo, non mi sembra molto intelligente no?
    Il fatto è che a molti manca la visione generale, o meglio vengono non solo rimbecilliti alla grande… sfido chiunque, guardando la maggioranza dei giovani, “non tutti ma una grandissima parte” non osservare che di logica nelle cose che fanno ce ne è pochissima.
    O si sono bravissimi su molte cose, ma non sulle cose fondamentali… per questo andranno a sbattere in modo disastroso.


  12. Non capisco perchè la fotografia della ministra Beatrice Lorenzin venga inserita tra quelle degli altri ministri appartenenti alla cosiddetta “generazione Erasmus”.
    Ella non ha frequentato l’università ma il solo liceo scientifico, conseguendone il relativo Diploma di Maturità.
    Infatti solo recentemente – ed in data successiva al completamento degli studi da parte della suddetta Ministra – il programma Erasmus è stato reso accessibile anche a studenti delle scuole medie secondarie.

    P.S. Avete notato la mia impeccabile forma “politically correct”?


  13. Reg-ENI
    Appena 48 ore da questo articolo aureo e illuminante e il fuoco di fila contro gli interessi italiani in Egitto si intensifica. La famiglia Regeni portata in processione come le madonne pellegrine dalla confraternita liberal, libertaria alla Manconi “suggerisce” nientepopodimenoché la rescissione dei contratti con l’Eni, il ministro degli esteri con il cognome che fa rima con massoni, minaccia ritorsioni diplomatiche…tutti sotto la dettatura dello Spirito santo di Washington e Londra 😉


      1. Il cartello diceva: ” vogliamo chiarezza sul caso Giulio Regeni ” lo hanno paragonato ad un lavoratore all’estero, peccato che non sappiano che lavorava per i servizi Britannici sotto copertura. ENI_ Reggeni e gli affari per l’ENI in Egitto vanno così interrotti.


  14. Ma in realtà il marxismo ha vinto; altro che finito nel dimenticatoio! Ha vinto su tutti i fronti, non nelle sue prospettive economiche, ma nella sua accezione filosofica. Il comunismo c’è già: per i ‘ricchi’, cioè la casta alto borghese internazionale. Per la gente comune, l’onesta piccola borghesia e la classe lavoratrice, il liberismo darwinista più spietato. Con il sottoproletariato allogeno promosso a sbirraglia terroristica del regime, in interfaccia con la teppaglia anarco-comunista.


  15. Che bello, condivido tutto, Io l’Orgasmus scusate volevo dire L’Erasmus l ho fatto per un anno intero dal 1999 al 2000 ed e’ stato l’anno piu bello della mia vita. Tutte le sere si usciva per una festa come minimo, ricordo i fiumi di alcool lo sballo delle canne l’euforia il non pensare al nulla se non al divertimento. Peccato per voi che non potete nemmeno immaginare cosa vuol dire fare questa vita di sballo per un anno intero in compagnia di amici.

Lascia un commento